Skip to main content

Full text of "Trattato della pittura"

See other formats


w 



l£S 






jafc~> 










i> »> > > 






























■-St»>'^:"*> 






























3?a.,:i:àhk 



> ^^TS^-^ 



^^:2> 



^:»*;2s^:^: 



'-S> ^IXS >'-^ ,__■: 

..,. -•■•■.iCsaB?' 












5S4 ?r- 












ì?^^ ';^^?^ .-.^^^ 



.."SO -'^ 















5t> 1S^^ Z 



-s«v»\ > .5>. 











^ 






^fei>. 






^*^^si 


^J 









i, 



t- 



2' ?> . 






> ■ -^ 







) :■ ■) i> -> t> 






v>» 









*7^ 







r.-t*52S»3> 















-:Ì2'-5' -^y^^^~^ 












:,» ^-*=^ 






53- _';:jes>'- 



■£» >>2 



OP>2 















^.^ >J. 











'v^^'^É>> 






,-> * 






-Jft» 

















ijtf ■> Sì ■il 









|) 



V ■,•>» ; 



.5* 



gr -, , : >»,;«5^ 












^:«>:>^- 



i^ ^ 



^ ^-'.^^^^ 


»■'-' ì^ 


_:yr' "S^f:» 


-■j >n 


ji>y^i>:r~»i , 


'"»""fc\'^ 






L^.--^' 



.X»»"^ 



:^?j*:i>:^i 



THE ELMER BELT LIBRARY OF VINCIANA 




A gift to the Library of the University of California, 
Los Angeles, from Elmer Beh, M.D., 1961 



1786 



li3iìa::y ■ ? 
vikciaiì\ 



TBaXTAXO / JXLU FITTOHA / DI / LLOVASUì £a VIBOI / 
■oummmU dato in luoe / ooa la Vita d«II'l0t««ao 
autore / aorltta / da Bmtmtllm ]>tt Fraaa». / SI sono 
aMluati 1 tm libri dalla pittura, ad il Trattato / 
della Statua di UOK WmatA ALBERTI / eoa la TlU 
dei BMdeaiao / la Bolo#ia / lell* Inatltuto delle 
8«l«asa. 1786. Con approvaci one. 

37ai.jpp.xxiii-202; ili. Yer«a #11 

Lieb #7 

apoo that of Parla 16^1. 



Tma edltlon la 

The flgurea an» dlffenently groupedt 

ricnraa aa oaa piate. 

Thla 00 MT ooataioa 19 platea. 



8 



TRATTATO 

DELLA PITTURA 

D I 

LIONARDO DA VINCI 

Nuovamente dato in luce 

CON LA VITA DELL' ISTESSO AUTORE 

SCRITTA 

DA RAFAELLE DU ERESNE. 

Si fono aggiunti i tre Libri della Pittura, ed il Trattato 

delia Statua di Leon Battista Alberti 

con la Vita del medefinK)* 




r.. 1-a.flf ■piAU-".- 



ÌN BOLOGNA 



Neir Inftituto delle Scienze. )( 178^. )( ^^^ a^^ro^aMone > 



v^ 



Ili 



r EDITORE 

A' CORTESI LEGGITORI 



I, 



.L Trattato della Pittura dell' infigne Lionardo da Vinci fatto 
imprimere in Parigi l'anno 1651. da Rafaello Trichet du Freg- 
ne con le Figure dilegnate dalle mani valenti di Pouflln , e d' £r- 
rard , non oitante k molte edizioni dopo quella fatte , e le tra- 
duzioni pur anche ih varie lingue , eilèndo diventato rariillmo , 
e da molti perciò richiedo , mi fono determinato di riprodurlo ^ 
e nella ileilà torma della Architettura, Pittura, e Statua di 
Leon Battifta Alberti , pochi anni (bno , da me rimandata alla 
luce , prolèguendo così la incominciata riftampa de' Libri più 
rari, e più vantaggìoii che trattano delle tre nobiliflime Arti 
Architettura , Pittura , e Scultura . Della utilità di queft' Ope- 
ra non occorre far qui parola , efiendo conofciuta abbaftanza . 
Che che ne dica il Boflè nel fuo Trattato di Profpettiva , il 
Libro e tutto Iparfb di moniti , e d' infegnamenti non pur 
giovevoli , ma necelTarj agli Studiofi dell' Arte della Pittura , 
e del Dilegno . Si conofce , è vero , il dotto Autore non aver- 
lo in tutto perfezionato, eflèndovi alcune cofè ripetute, ed 
altre non dichiarate abbaftanza , come ne avverte anche il 
du Frefne medefimo nella fua Lettera al Bourdelot Medico 
della Regina Criftina di Svezia , alla quale dedicò il Libro , 
che qui vedrete ftampata ; ma non pertanto anche tal quale 
è il Libro utili (lìmo , e degno parto di sì grande Maeltro . 
In quefta riftampa ho (eguita in tutto la mentovata edizion di 
Parigi del kSj i. come la più perfetta, e più accreditata, e 
fpero non abbia a riufcir meno accetta della fuddetta di Leon 
Battifta Alberti . Gradite il buon animo che ho di giovarvi , 
ed afpettatevi pure appreflb di veder profeguita la cominciata 
mia imprefa , poiché altr' Opera ho pronta di grave Autore , 
che non vi farà meno cara di quefte che ho già fatte pub- 
bliche . 



a % ALLA 



V 

ALLA SERENISSIMA E POTENTISSIMA 

FRINCIFESSA CRISTINA 

TER GRATIA DI DIO 
REGINA DE' SVEDESI, GOTI, E VANDALI 

Gran Duchejpi di Finlandia , Duchejfa d"* Eflonia, e Care Ha ^ 

Signora d"* Ingria éìc. 



SERENISSIMA REGINA. 



FEdeft 



Edejl per lunga memoria delle più chiare hiflorie ejfere Jlata 
fempre tenuta in pregio V arte della pittura , t't ognun sa cH' A' 
kjfandro , che per grandeT^ d' anitno e di fotti fu il Gujìavo 
del foo Jecolo y hebbe in honore il grande Ape Ile , Nulla dirò di 
Fabio , eh"* in quella città dove i Re Ji tennero honorati del titolo 
di cittadino, per >' ejercitio di si nobile arte fo chiamato il Pit- 
tore , e ne lafVtò il nome alla Jua Famiglia . Ne per indurre la 
Maejìà Vqjìra a foar Jìima di quejìa virtù credo che Jta necejfario 
di foirla ricordare cK Antonino Imperatore con quelle fnani che da- 
vano le leggi al mondo , con quelle ijlejfè Jt dilettava di maneg- 
giare alle volte i pennelli, A tutti è noto P amore e h"* ella porta 
alle Lettere , ed a tutte le belle Arti, e P ammira il mondo come 
protettrice e pojpditrice ancora delle più recondite Jcienz^ , e Jlu- 
pifce vedendo a tanti habiti virtuoji imito sì folicemente V Impe- 
rio . Sperando dunque che quejìa Opera , la quale da me vien con- 
Jecrata c^Juoi meriti, e porta in Jr onte V augujìo nome di V. M, 



VI 



flit per effere da lei gradita , ho Jupplicato il Signor Bourdelot , 
dclitie de* letterati della nojira natione , e che ha un particolar gu- 
Jfo delle cojl: d^lla Pittura , di volerla prejentare alla Aiaejìà Fo- 
Jlra , acciocché per la gentile:;;^ del donatore il dono acquìjìi più 
gratia apprejp) di lei , L* autore , che JcriJJe nel principio del J^e- 
colo patito , J'it favorito da Prencipi grandi , ft // Re Francefco 
primo , che cotrH ella Jli il Kume tutelare de"* Virtuojì , lo volje , 
benché carico d^ anni , havere nella Jua Corte ^ e Ji sa ch^ egli gli 
morì in braccio . Avventurofò Vecchio , ejpndo hoggidì Jìia fortu- 
na di rivivere nelle mani d* una Ti ama ^ che per /' imperio di tan- 
te fiere e bellico fé nationi fi può chiamar la più potente , come 
per quello della virtù la più compita e gloriqfa FrencipeJJa dell'* 
Univetfò , e che da quelli che parlano la lingua degli Dei Ji deve 
ad una voce chiamar Regina di Varnafo . Ma per non penetrare 
più oltre nelP ampio campo delle fue lodi y non ejfendo materia 
■proportionata alla tenuità del mio file , vengo a fipplicar humil" 
m.ente la Aia fa Vqjlra di gradire le mie fatiche , havendo pep 
la riputatione di Lionardo da Vinci ^ e per P utilità pubblica, re- 
fituito ur^ Opera molto importante ^ la quale accompagnata dal 
fio chiaro nome , vincendo le tenebre delP obblto , ha da pafarc 
fno alla più lontana poflerità , & io a refar felice , / ella f de- 
gna di riceverla con benigna fonte , f come io la dono e dedico 
con vivo affetto di cuore , efèndo non m^no . riverente delle fue 
grande:^ , che ammiratore delle fue glorie , 



DI VOSTRA MAESTÀ 



Humìlif/itfto e de<V9tifj[ìmo Ser'vttote 

Rafaelle Trichet du Fresne. 



' VII 

Al Molte Illujlye ed Eccellevt't^mo Signore 

IL SIGNOR PIETRO BOURDELOT, 

• Primo Medico della SerenifTima Regina di Svetia . 
Molto tlltijìre Ùf tccellenttjftmo Jtgnore ^ e padrone mio ojf."^. 

HO creduto che la nobiltà dell' arte della quale /ì /piegano i 
precetti in quefta opera , & il merito di Lionardo da Vinci , 
che n'è l'autore, come ancora la bellezza e curiòfìtà con la quale 
{ì è ftampato il libro, non fi potevano fregiare d'un nome più glo- 
riofo di quello della Tua gran Regina. Ho creduto ancora che fé 
V. S. ecc."" mi preftafTe in quefta occafione le mani, più gradita fa- 
rebbe la mia oblatione. E mi fono facilmente perfUafb che pregando- 
la, come io faccio, ella non mi negherebbe quefto ufficio, tanto per 
la lunga noftra amicitia , quanto per l'amore eh* ella porta alla pit- 
tura: il qual gufto nato in lei & in me in un medefìmo tempo, cioè 
quando andavamo con tanta accuratezza efaminando le bellezze dell* 
una e dell'altra Róma, crefcendo con la continua applicatione, è di- 
ventato, principalmente in lei, femprc più fino & efquifito. Mi fo- 
no valuto nel far flampar quefto trattato di vari) manofcritti . Più 
nobile per un buon numero di figure, che vi fono fchizzate dalla 
dotta mano del fignor Poufti'n, e ftato quello del figncr di Cian- 
telou, il quale i' hebbe dal virtuofìnimo cavaliere del Pozzo, 
nel tempo eh' egli andato in Italia alla conquifta delle be'lc cò- 
fe , fé per la gloria del regno non moriva il noftro gran Car- 
dinale, haverebbe portato Roma a Parigi. L'altro, eh' e alTai più 
corretto, mi è ftato communicato dalla cortefia del fignor Tevc- 
not, gentilhuomo d' ogni forte xli belle lettere e cognitioni adorno. 
Ma per 1' ignoranza o negligènza di ehi copia libri, o per qualfi- 
voglia altra occafionc , pochi fi fono trovati i capitoli , ne' quali 
non vi fia ftato qualche intoppo, e principalmente in quelli dove 
entrava un poco di geometria, che per 1' aiTurdità delle figure re- 
ftavano quafi intelligibili. Spero di harer reftituito il tutto alla fua 
prima purità. Vi rcftano però molte cofe che paiono defiderare la 
lima: vi fono molte repliche inutili, molti ragionamenti troncati, 
la dicitura è in più luoghi frcgolata, e benché vi fia qualche or- 
dine ne' capitoli , non è però tale quale (ì richiede in un' ope- 
ra perfetta : donde fi conchiude facilmente che Lionardo da Vin- 
ci non gli diede mai 1' ultima mano . Nientedimeno ella è confide- 
rabile, e di maravigliofa utilità, e vale fempre più, come sa V. S. 
ecc."" un abbozzo di Michelagnolo che quattro ftatue finite di qual- 
fivogha altro fcultorc mediocre. Havcndola dunque purgata quanto 

fi 



vili 



fi poteva, per maggiormente illuftrarla fi fono fatte intagliare le fi- 
gure con quella diligentia eh' ella vede . Il fignor Errard valentifTi- 
mo pittore, che per la profonda fcienza del difegno non fi può 
paragonare /è non con i più eccellenti huomini de gli ultimi fecoli, 
e del quale potrebbe dire qualche filofofo che per quel vero gufto 
eh' egli ha delle cofe antiche, fulTe pafTatà in lui 1' anima di qual- 
eh' uno di quei primi maeftri, è quello al quale fi devono il com- 
pimento e gli ornamenti dell' opera, havendovi aggiunto parecchi 
figure, e fra le altre quelle che. fi vedono verfo il fine del libro, 
dove fi ragiona del modo di panneggiare e di veftir le figure : nel 
refto fi è fervito di quelle idee e fchizzi del fignor PoufTin , che 
fi fono trovati nel manofcritto del fignor di Ciantelou. Tale è Y 
hiftoria di quefto trattato. Ho creduto che V. S. ecc."*' haverebbe a 
caro di efferne informata. Per la conformità^ della materia fi fono 
aggiunti i tre libri della pittura di Leon Battifta Alberti, & il 
trattato della* ftatua dell' iftelfo, il quale non fi trovava più, non 
clTendo mai flato ftampato fenon una volta fola. Il Vafari fcri(Te 
già le vite dell' uno e dell' altro autore , ma perche egli ha trala- 
fciato molte cofe degne di elTere oHervate, mi fono meflfo a farle 
di nuovo , aggiungendovi quello che la lettura de' libri , e qualche 
cognitione ch'io mi ^no *cqiiWlato delle cofe d'Italia m'hanno (ug- 
gerito. Ho fcritto in lingua Italiana, perche iapendonc quanto ba- 
Itava per edere intefo , mi pareva che cofi lo richiedeflfc l' accom- 
pagnamento dell'opera. Se un'altra volta haverò occafione di par- 
lar Latino o Francefe, forfè mi riufcirà meglio, e potrò più feli- 
cemente fpiegarc i mici concetti. Intanto fupplico V. S. ecc.*"* di 
volermi elTere protettore, e di porgere a miei firritti quell'aiuto che 
non potrebbono peraventura dall' autore loro fperare , manifcftando 
la fovrabondanza del fiio amore nella moltitudine de miei dififetti. 
E le bacio mille volte le mani. 



Vi V. S. eccellerit'ijjìma. 



Sewltou denjotij^mo e cordtalijjìmo 
Rafaellc Trichet du Frefne. 



)X 




VITA 

DI LIONARDO DA VINCI 

Ti E S C \ITT A 

DA RAFAELLE DU FRESNE- 



SE la nobiltà del fangue , eh' è una cofa immaginaria , fa una 
tal diitintione fra gli huomini, che gli uni innalza fopra gli 
altri, chi è colui che non ftimi che quella dell' animo, che 
confifte in virtù effettiva, e rifiede nella parte che tragge Tua origi- 
ne dal cielo , non fia per portar gli huomini dal più infimo {tato 
fin' a i confini della divinità. Di quefta vera e più rifplendente no- 
biltà ornato Lionardo da Vinci, potè in gloria & onori pareggiare 
i più grand' huomini del (no fecolo , & innalzandofi fopra la baf- 
fezza della fua nafcita , vivere , praticare , è morire con i re e 
prencipi grandi s e quel eh' a pochi è conceOTo , lafciar 1' immorta- 
lità al fuo nome. Nacque egli nel cartello di Vinci, porto nel Val 
d'Arno di fotto, non rroppo lontano da Fiorenza , e fu Tuo padre 
Piero da Vinci. Cortui accorgendofi del genio del figliuolo, che 
fra gli altri iuoi rtudii Tempre attendeva a difegnare, iì rifolfe di 
aiutar quella fua naturale inclinatione , e menatolo a Fiorenza deli- 
berò di porlo con Andrea Verrocchio pittore in quel tempo di 
qualche riputatione. Quello ammirando 1* ingegno del giovane, ne 
le' quel giuditio che poi il tempo dimortrò verilhmo , & accettato- 
lo per fuo difccpolo, tanto più promife a fer Piero di ammaertrarlo, 

|j quan- 



X VITA 

quanto che pafTava una eretta amicltia fra di loro , e che Lionar- 
do per le Tue belle maniere , e coftumi , gli parfe degno delle Tue 
cure. Egli nella fcuola d'Andrea, che non folo s'applicava alla 
pittura, ma ancora fu fcultore , architetto, intagliatore, &i orefice, 
imparò non folo 1' arte del dipingere , ma di più tutte quelle altre 
dove il difegno interveniva. E fu tale il progrefTo eh' egli vi fece , 
eh' in poco tempo fi lafciò addietro il proprio maellro . Del qua- 
le fi legge che dipingendo in una tavola, per i frati di Valumbro- 
{a. , che fono in S. Salvi fuor di Fiorenza , 1' hiftoria di S. Giovan- 
ni quando battezza Chrillo , volfe che Lionardo T aiutaffe, e gli 
diede a colorire un angelo, che nelle mani teneva alcune vefti. 
Efeguì egli con tanta maeftria quanto da Andrea gli fu commeflo, 
che di gran lunga trapafsò il reftantc dell'opera, e giudicò chiara- 
mente ogn' uno che le altre parti del quadro erano molto in bel- 
lezza all' angelo inferiori. Arrofsì il Verrocchio , e vedendofi fupe- 
rato da un giovanetto Tuo allievo, fdegnato contra i fuoi pennel- 
li , mai più volfe adoprar colori , e difle per femore addio alla 
pittura . 

Ufcito dalla fcuola Lionardo, & cOfendo già in età da poter 
governare fé fteffo, fece in Fiorenza quelle opere che dal Vafari 
vengono accennate , cioè per il rè di Portogallo il cartone di Ada- 
mo e d* Eva quando peccarono nel paradifo terreftre , nel quale , 
oltre le due figure , vi dipinfe di chiaro ofcuro con incredibile pa- 
tienza e diligenza gli alberi e le herbettc de* prati . Fece ancora ad 
iftanza di Piero fuo padre , per un fuo contadino da Vinci , fopra 
una rotella di fico, una tal c-mpofitionc di diverfi e ftrani anima- 
lucci, come ferpi , lacertole, ramarri, grilli e locufte , che di tut- 
ti infiepie fene formava uno, tartto fpaventevole & bombile, eh' a 
guiia, della tefta di Medufa rerideva immobile da flupore chiunque 
lo riguardava . Ma giudicando il padre che quefta non era opera 
da mettere in mani di villano , vendutala a certi mercadanti fu 
poi comprata per 300. ducati dal duca di Milano. Fece in un qua- 
dro una Madonna rarilTima, e fra le altre cofe vi contrafece una 
caraffa piena d' acqua con alcuni fiori dentro , fopra la quale con 
admirabile artificio haveva imitato la rugiada dell' acqua : il qua! 
quadro hebbe poi Papa Clemente fettimo. Fa ancora rnentione il 
Vafàri d' un difegno fatto fopra un foglio per Antonio Segni fuo a- 
miciffimo , nel quale con rara inventione, e con la fua ordinaria 
accuratezza figurò un Netunno in mezzo al mare turbato , col fuo 
carro tirato da eavalli marini , accompagnato di orche , tritoni , & 
altre cofe fantaftiche che gli parfero a propofito per un tal {oggetto. 

In quefto luogo offervaremo che benché il Vinci fapelle a tal 
fcgno in che cofa confiftelTe quella divina proportione eh* è madre 

della 



DI LIONARDO DA VINCI. xi 

della bellezza, che le Tue figure piene di gratie infpiravano amo- 
re a rifguardanti, pigliò nondimeno tanto gufto nel dipingere 
cofe bizzarre & alterate, che s'egli s* imbatteva in qualche villano 
che con vifo Itrano & alquanto fuor dell' ordinario dalTe un po- 
co nel ridicolo invaghito dalla bizzarìa dell' obbietto 1' haverebbe 
feguitato un giorno intiero, fin' a tanto eh' havendone una perfet- 
ta idea ritornato a cafa lo difegnava come fé lo avefle avuto pre- 
fentc. Et oflerva Paolo Lomazzo nel fefto della pittura cap. 32. 
che nel Tuo tempo Aurelio Lovino ne haveva cinquanta in un li- 
bro difegnati di fua mano. In qucfto genere è dipinto quel qua- 
dro che fi vede qui a Parigi fra molti altri che fi confervano in 
una ftanza del palazzo reale delle Tuelleric fotto la guardia del fi- 
gnorc le Maire pittore, come ogn' un sa, di non ordinario valore, 
nel quale fono dipinti due cavalieri in atto di togliere per forza a 
due altri una bandiera: il qual groppo faceva parte d* una opera 
maggiore, cioè del cartone ch'egli fece per la fiala del palazzo di 
Fiorenza , come di fiotto fi dirà , ma per la fiua bellezza fu da lui 
dipinto in picciolo volume con gufto & amore incredibile . Qui 
oltre la furia de cavalli, e la bizzarria de vcftimenti , fi vedono le 
tefte de combattenti grinzute , infocate & infuriate , con aria tan- 
to ftraordinaria e ftravagante, e per dir cofi caricata, e da mafica- 
rone, eh' in un medefimo tempy deftano e paura e rifio nell' ani- 
mo de' rifguardanti .. 

Tornando alle prime opere di Lionardo da Vinci, dice Gior- 
gio Vafari eh' egli cominciò in un quadro a oglio una tefta di 
Medufà di ftravagante inventione , la quale rimafe imperfetta. 
Diede ancora principio a una tavola dell' adoratione de' magi, 
nella quale erano alcune bellilTime tefte s ma non fò mai finita, 
come foleva per lo più intervenire a tutte le cofe fiue. Perche ha- 
vendo egli un* infinità di belle cognitioni, & efiendo di natura vi- 
vace , e di fertiliflimo ingegno , non fi tofto haveva cominciato u- 
na opera, che gli veniva in penfiero di metterne in efecutionc 
un' altra. Et oltre la profeflfione della pittura, che per quella tan- 
to diligente maniera da lui abbracciata, poteva occuparlo tutto, 
attendeva alla fcultura, e modellava divinamente bene. Era in- 
telligcntilTimo della geometria, e nella mecanica non cefiàva mai 
di penfare a nuovi ordegni , e fu inventore di diverfe machine . 
Era buoniifimo architetto, e fapeva al pari di nififun altro la fcien- 
za de' fpecchi , e la profpettiva . Studiò ancora le proprietà delle 
herbe , e penetrando con 1' ingegno, fino nel cielo s' applicò alli 
ftudij dell' aftronomia , e fece molte oflervazioni circa il moto 
delle ftellc. Nella mufica riufcì admirabile , e fiì tanto leggiadro 
nel cj^ntarc, e nel fonare, che fuperò tutti i mufici del Tuo tem- 

b 2 pò: 



Xll 



VITA 



pò: & acciocché non gli mancafte virtù alcuna, quell' iftefib furo- 
re infpiratogli da Apolline che lo fece pittore e mufìco , lo fe- 
ce ancora poeta. Ma eflendofì perfe tutte le Tue compofitioni , 
è folo pervenuto fin a noi quello Tonetto morale . 

Chi non può quel che 'vuoi , quel che può 'Doglia , 

Che quel che non fi può folle è colere. 

Adunque faggio è /' huomo da tenere. 

Che da quel che non può fuo <voler toglta» 
Terò eh' ogni diletto nofìro e doglia 

Sta in fi e no , faper 'voler potere , 

Adunque quel fol può che (O 7 do'vere 

Ne trae la ragion fuor di fua fogUa . 
Ne fempre è da 'voler quel che V huom puote , 

Speffo par dolce quel che torna amaro. 

T tanfi già quel eh' io 'volfi poi eh' id V hehhi . 
Adunque tu, lettor, di quefie note. 

Sa te 'vuoi effer buono , e agi altri caro , 

Voglt fempre poter quel che tu debbi . 

Era etiandio diftratto in più diletti, perche gli piacevano ol- 
tre modo i cavalli , e con dcftrczza gli maneggiava , & effendo 
non meno agile e robufto di membri , che di bella prefenza , 
& avvenente in ogni fua attione , fu fchermidore & armeggia- 
tore infìgne . Ma Ibpra tutto fi dilettava di converfarc fpeffo con 
gli amici, & era tanto manierofo nel trattare, e fpiegava i fuoi 
penfieri con tanta gratia & urbanità , che tirava a fé gli ani- 
mi di chiunque 1' afcoltava . 

Tante rare qualità, & un acquifto fi grande di fcienze, 
fparfero il nome di Lionardo per tutta V Italia, & induiTero 
Lodovico Sforza, detto il Moro, che favoriva i virtuofi , e fu 
quafi con tutti liberale, a chiamarlo a Milano, aifegnandogli o- 
gni anno cinquencento feudi di fiipendio . La prima cofa che fa- 
cefie quel prencipe fu di formare un' accademia per 1' architet- 
tura, nella quale egli introdufle Lionardo, il quale (cacciando le 
maniere Gotiche della prima fcuola , già labilità nell' illelTa cit- 
tà cento anni avanti fotto Michelino, aprì la via di ridurre quell' 
arte alla fua prima & antica purità . Fu poi impiegato dal me- 
defirao prencipe per condurre 1' acque dell' Adda fino a Milano, 
e formar quel canale navigabile, volgarmente detto il navilio di 
Mortefana , con 1' aggiunta di più di ducento miglia di fiume 
navigabile fin' alle valli di Chiavenna e Valtelina. JL' imprefa era 
diffìcile & importante, e degna del bell'ingegno di Lionardo 

per 



DI LIONARDO DA VINCI. xiii 

per la nobile concorrenza col navilio grande che ducento anni pri- 
ma fiì fatto ne' tempi della repuhlica Milanefe dall' altra parte del- 
la città , col quale fi derivano le acque del fiume Tefino per 
la navigatione e per 1' irrigatione della campagna fino a Mila- 
no. Ma iuperò egli tutte le difficoltà che s' incontrarono, e 
con moltiplicate cataratte , o vogliam dire folkgni, fece con mol- 
ta facilità e fìcurezza caminar le navi per monti e valli. 

Non contento il prencipe che Lionardo come architetto & 
ingegnerò illuifralTe il Tuo flato, volfe ancora eh' egli T ornarfe 
con qualche opera fcgnalata di pittura . Gli ordinò dunque che 
nel refettorio de' padri Dominicani di S. Maria delle gratie dipin- 
gere la Cena di Chrifto con gli Apoftoli: il che da Lionardo 
fu con tanta maeflria cfeguito, che quella opera fu poi da tutti 
Ifimata per il miracolo della pittura . E veramente vi furono 
con tanta pompa fpiegate tutte le finezze dell' arte, che tutti 
fcrivono, & è comune voce, che ne in difegno , ne in efpref- 
(ione, ne in diligenza, ne in colorito, fiì mai vifto cofa fupe- 
riore a quefla. Non fu ordinaria la gratia e la maeftà eh' egli 
diede alle tefte de gli apofloli, e fpecialmente a quelle de due 
Giacomi , fi che quando venne a finire quella di Chrifto , non 
potendo arrivare a un grado più eminente di bellezza, difperato 
la lafciò imperfetta ^ 

E perche nel lavorar il quadro pareva al priore del con- 
vento che troppo duraffe Y opera , Tpcffo con importunità Tene 
lamentò con Lionardo , anzi portò le fue querimonie lino alle 
orecchie del duca : il quale ragionandone una volta con Lionar- 
do , feppe da lui che non refkva altro da fare che le due 
tefte di Chrifto e di Giuda. E che non potendo immaginar Y in- 
finita bellezza del figliuolo di Dio, manco fapeva come la po- 
.tefTc efprimere con i pennelli . Ma che quanto alla bruttezza 
di Giuda figliuolo dell* inferno, che lo teneva in penflero, non 
gli mancherebbe il ceffo dell* ingrato frate, che con una into- 
lerabile &C infoiente feccaggine s' era refo oltre modo ad am- 
biduc importuno. 

Riufciglr a maraviglia , come fcrive il Vafari , di efprime- 
re quel foìpetto eh' era entrato ne gli apoftoli , di voler fapere 
chi tradiva il loro maeftro . E racconta il Lomazzo , (il quale 
per haverne fatto una copia grande in S. Barnaba di Milano , 
haveva quell'opera fortemente impreffa nell'animo) ch'in cial- 
cheduno fi vedeva 1' ammiratione , lo fpavento, la doglia, il fof- 
petto , 1' amore , e fimili pafTioni & affetti in che tutti all' bo- 
ra fi trovavano , e finalmente in Giuda il tradimento concetto 
acir animo , con un fembiante appunto limile ad un fcelerato ^. 

Si 



xiv VITA 

Si che ben dimoftrò Liònardo quanto perfettamente intendeffe i 
moti che 1' animo Tuoi cagionare ne corpi , eh' è la parte la più 
delicata, e per la fua difficoltà meno praticata dell'arte. Era 
una tal' opera degna dell' immortalità , ma effendo dipinta a 
oglio fopra un muro humido , è ftata dì poca durata , & hog- 
gidì è del tutto guafta . Volfe Francefco primo quando fu a Mi- 
lano che fi tentaffe ogni maniera per portarla in Francia, &C 
arrichirne il Tuo regno , ma eHendo dipinta fopra una parete 
grofia , alta e larga da trenta piedi , riufcì vano il penfiero . 
E' però verifimile eh' egli ne facelTe far qualche copie , e quel- 
la ne farà forfè una e' hoggi fi vede nella parrochia reale dì 
S. Germano, inchiodata al muro, a man manca quando fi en- 
tra in detta chiefa per la porta che rifguarda il mezzodì. Nel 
medefimo refettorio ove Liònardo dipinfe quel cenacolo , ritraf 
fé ancora di naturale il duca Lodovico , e la ducheffa Beatrice 
fua moglie , tutti due in ginocchioni , con ì figli avanti , & 
un Chrifto in croce dall' altra mano. Dipinfe ancora per il me- 
defimo duca in una tavola d' altare la natività di Chrifto, la 
quale fu mandata all' imperatore. 

Fra le altre occupationj di Liònardo, nel 'fuo foggiorno a 
Milano , fu importanti|Timo il fìudio eh' egli fece intorno all' a- 
natomia de gli liuomini , nel quale, efiendo aiutato da Marco 
Antonio della Torre, eh' in quel tempo leggeva e fcriveva di 
■quefta materia in Pavia, egli divenne perfettifTimo , e ne fece 
un libro difegnato di mattita roffa, e tratteggiato di penna, 
che poi rcfìò in mano "di Francefco Melzi fuo difcepolo. Dife- 
gnò ancora per Gentile Borri , che profetava 1' arte dell' armi , del- 
la quale egli fteflo fi dilettava molto, un libro intiero di huo- 
mini combattenti a piedi & ^ cavallo, nel quale fi vedevano 
efpreffe le regole di quella fcienza. E per la gloria & accre- 
fcimento dell'accademia fua Milanefe, e per 1' inftruttione de 
gli accademici , fcriffe molte cofe , e compofe più opere in di- 
verfe materie , che reftarono un gran tempo neglette , e quafi 
jncogrjite apprelTo de' Signori Melzi nella loro villa del Vavero, 
e poi fi funo diffipate e difperfe in qua 6c in là , com* è la 
foriuna ordinaria de' libri : Perche vi fu un tal Lelio Gavardi 
d' A fola prepoflo di S. Zeno di Pavia, ftretto Parente di Al- 
do Manucci, eh' effendo {tato macftro d' humanità de' Signori 
Melzi , & andando fpeffo in detta villa , ne cavò tredici volu- 
mi, e gli portò poi a Fiorenza, fperandone gran prezzo dal gran 
duca . Ma morì intanto quel principe , e venne il Gavardi a 
Piia , e trovandovi Gio. Ambrofio Mazzenta gentiluomo Milanefe 
eh' era in quel tempo allo fìudio, e gli fece fcrupolo del mal 

acqui- 



DI LIONARDO DA VINCI. xv 

acquiflato , fi compunfe, e pregollo che tornando a Milano refti- 
tuill'e i libri a' Signori Melzi . Il che egli fece: ma nel rendergli fi 
maravigliò il fìgnor Orario Melzi capo di quella famiglia della 
puntualità dell' uno e dell' altro , e fece dono di detti libri al fig. 
Gio: Ambrofìo , che poi recarono in cafa de Mazzenti . I quali fa- 
cendone troppo pompofa moftra, Pompeo Leoni, flatuaro del rè 
di Spagna, fece conofcere al Melzi di quanto prezzo follerò quei 
libri, e gli promife honori , & officii , fé ricuperandogli ftne face- 
va un prcfente al rè Filippo. Moffo da tal fperanza il Melzi vo'ò 
al S- Guido Mazzenta fratello di Gio: Ambrofìo Si. inginocchiato 
pregollo di ridonarli quelle opere del Vinci . Moffo dalle preghiere 
del collega, glie ne reftituì fette, e fei ne reflarono in cafa Maz- 
zenta, uno uè' quali fu donato al Cardinale Borromeo per la 
fua biblioteca Ambrofìana , OC un altro ad Ambrofìo Figgini , 
che morencìo lo lafciò al fuo erede Ercole Bianchi . Un terzo 
ne hebbe Carlo Emanuele duca di Savoia , e morendo il Signor 
Guido , i reftanti pervennero nelle mani del fopranominato Pom- 
peo Leoni , che gli lafciò a Cleodoro Calchi fuo erede , il quale 
gli vendette per 300. feudi al Signor Galeazzo Lonato . Soleva Lio- 
nardo quando voleva fìlofofare , & applicare con forte attentione 
allo Ifudio, rtirarfi in detta villa del Vavero , e fi sa ch'egli vi 
dimorò molti anni con Francefco Melzi fuo difcepolo. Di fotto fi 
metterà 1' indice de' fuoi ferirti. 

Dopo la caduta del Moro, che fu l'anno 1500. condotto 
prigione in Francia , e morì nella torre di Loces , per le guerre 
che fucccdettero, s'intepidì affai in Milano lo fludio delle belle 
arti , e fi diffipò poco a poco 1' accademia già cominciata , nella 
quale erano riufciti eccellenti nella pittura Frar-cefco Melzi , 
Cefare Sefto, Bernardo Lovino , Andrea Salaino, Marco Uggioni, 
Antonio Boltraffio, Paolo Lomazzo , & altri Milanefì, tutti imita- 
tori del Vinci, a tal fegno che fpc(To le opere loro vennero e ven- 
gono h ggidì credute, ftimate, e vendute per fattura di Lionardo, 
e principalmente quelle del Serto e del Lovino, che più fi acco- 
ftarono alla maniera del maeffro . Ma fopra tutti fi farebbe innal- 
zato il Lomazzo, fé non rimaneva privo de gli occhi ne* più verdi 
anni dell' età fua , come gli era flato predetto da Girolamo Car- 
dano: e non potendo con la mano, fi diede a trattar la pittura 
con r ingegno , e cieco ne compofe quei libri che da i più oc- 
chiuti fono ftimati eccellenti, ne' quali egli propone continuamente 
il Vinci per idea del vero e perfetto pittore. 

Nel tempo che Lodovico XII. rè di Francia venne a Milano, 
che fu un anno avanti la prefa del Moro, effendo pregato il Vinci 
da' principali della città d' inventare qualche machina capricciofa e 



ma- 



XVI 



VITA 



magnifica con la quale fi potefle regalare e dilettare quel gran 
prencipe , fece un lione di tale artificio , che dopo haver carni- 
nato buon pezzo in , una fala , fi fermò innanzi al rè , e poi 
aprendofi il petto, fu vifto efiere tutto pieno di gigli. Per er- 
ror di chi fcrilTe fotto Lomazzo lib. 2. cap. i. fi legge che tal 
cofa fiì fatta per Francefco I. il che non può ciTere vero, perche 
egli entrò l'anno 15 15. in Milano, nel qual tempo Lionardo 
era in Roma, come di fotto fi vedrà. 

Le torbolenze di Lombardia , e gV infortuni) de gli Sforzi , 
padroni di Lionardo , 1' obbligarono ad abbandonar Milano , e 
tornare a Fiorenza fua patria . La prima cofa eh' egli vi fece , 
fu quel famofo cartone della Vergine col Chrifto e fanta An- 
na , con S. Giovanni , e haveva a fervire per 1' aitar maggióre 
dell' Aonuntiata, il quale fu vifitato in frotta da tutto il popo- 
lo di Fiorenza. Quefto cartone fu poi da Lionardo iftelTo por- 
tato in Francia , dove il rè defiderava eh' egli lo colorifie . 

Fece poi per Francefco del Giocondo il ritratto tanto no- 
minato di Lifa fua moglie, volgarmente chiamato la Gioconda, 
il qual fi vede a Fontanableò in compagnia di molti altri qua- 
dri pretiofi del rè Chriftianiffimo , e fu già comprato per quattro 
milla feudi da Francefco l. Si dice eh' egli flette quattro anni a la- 
vorar quel ritratto, e che nondimeno lo lafciò imperfetto, ha- 
vendo il guflo tanto delicato, e 1' ingegno sì acuto e fottile, che 
per arrivar alla verità della natura, cercava Tempre eccellenza fopra 
eccellenza , e perfettione fopra perfettionc , e non appagandofi del 
fatto ben che bello , andava con anfietà dietro a quel più che 
fi poteva fare . Mentre egli dipinfe foleva havere attorno della 
fignora Lifa gente che cantaiTe, fonalTe e rideffe, per tenerla al- 
legra, èc non cafcar nell'ordinario inconveniente de' ritratti, che 
per lo più danno nel malinconico . E veramente in quefto fi 
vede un gigno tanto piacevole , che , come dice il Vafari , e co- 
fa più divina che humana a vedere . E ancora bello un altro 
ritratto del medefimo Lionardo eh' è a Fontanableò , e fi dice 
eifer d' una Marchefe di Mantova . BelliiTimo fu quello della Gi- 
nevra di Amerigo Benci , fanciulla di famofa bellezza in quei 
tempi. Ne fi deve tralafciar la Flora dipinta con mirabile va- 
ghezza, e con aria veramente divina: la quale fi conferva in 
l^angi, &: è in mano di perfona privata. 

Havendofi circa f anno 1503. a ornare nel palazzo di Fio- 
renza la fala del configìio, fu per decreto pubblico eletto Lio- 
nardo per dipingerla. Fece egli per tal effetto un cartone pien 
d' arte e di belle confiderationi , nel quale era efprelTa una hi- 
jftoria del Piccinino : e già n' haveva colorito la più gran parte 



a 



DI LIONARDO DA VINCI. xvii 

a ogilo, quando accortofì che per 1' imprimitura troppo groHa 
diftaccàvafi ogni cofa dal muro , & che le Tue fatiche erano va- 
ne, abbandonò l'opera. 

In quel tempo, che fu nel pontificato di Pio il terzo, 
non del fecondo , come fi legge nel Vafari , Rafaelle da Urbi- 
no, eh' era a pena giunto all' età di venti anni, e che di fref- 
co ufciva dalla fcuola di Pietro Perugino , defidcrofo di veder 
quel famofo cartone , & invaghito dalla fama di Lionardo da 
Vinci , il qual paflava il fc{Tantc{ìmo anno della fua età , ven- 
ne la prima volta a Fiorenza. Stupì alla vilìa delle fue opere, 
e non hebbe mai più potente stimolo che lo facclfe correre e 
con prellezza arrivare a quella alta perfettionc dell' arte, che da 
tutti lo fece riverire per dio della pittura, dipartendoli da quel 
tempo in poi dalla maniera fecca e dura del Perugino , per 
padare alle morbidezze e tenerezze del Vinci . Fu ancora fpcc- 
tatore il giovane Rafaelle, non fenza profitto, delle contefe che 
poi caufarono tanta inimicitia fra Lionardo e Michelagnolo Buo- 
naroti , che non pafìava 29. anni, e con' ordine pubblico haveva 
fatto per un' altra facciata dell* iliefTa fala del configlio quel tan- 
to nominato cartone della guerra di Pifa, ripieno di varii nu- 
di fatti in concorrenza co '1 Vinci. Sino all'anno 1513. Lio- 
nardo flette fempre a Fiorenza , e vi dipinfe molte cofe . Fran- 
cefco Bocchi nel libro da lui fcritto delle bellezze di Fio- 
renza fa mentione d* un quadretto che nel Tuo tempo fi vede- 
va in cafa di Matteo e Giovan Battifla Botti , nel quale era 
dipinta una madonna con fommo artificio e diligenza , co '1 Chri- 
fto bambino bello a maraviglia, che con gratia fingolare alzava 
la faccia . Dal Borghini per cola rara vicn mentovata una tefla 
di San Giovanni Battifta eh* era in mano di Camillo de gli 
Albizi . 

Ma edendo afTunto al pontificato Leone X. nel quale V a- 
mor della pittura e di tutte le belle arti fiì cofa ereditaria, 
corfe Lionardo a Roma per riverire quel prencipe e Mecenate 
de' virtuofi , il quale havendogli ordinata una tavola , racconta 
il Vafari che fubito cominciafle con apparato grande a flillare 
oglii , e preparar la vernice , e che Leone informato di ciò di* 
celTe, che non fi doveva fperar nulla da chi penfava al fine, 
innanzi di bavere esaminato il principio dell' opera. Narra an- 
cora certe altre cofctte indegne della grandezza del genio del 
Vinci , le quali fi debbono tenere per fofpette , effendo fcritte 
da perfona partialifTima di Michelagnolo, il quale, come dicem- 
mo, profeflava aperta inimicitia con Lionardo, & con finte e 
favolofe burle fi dilettava di fcemarne la riputatione. Quell' odio 

Q im- 



XVlll 



VITA 



implacabile difpiacquc fommamcnte a Lionardo, e vcdcndofi chia- 
mato dal rè Franccfco, che nel fuo foggiorno a Milano s era 
innamorato delle Tue opere, fi rifolfe, benché vecchio di più 
fettanta anni , d' abbracciare un partito così honorato e gloriofo , 
e di far il viaggio di Francia . 

Non Ri ordinario il gufto eh* ebbe il rè vedendoci pofTcflrore 
d' un virtuofo tanto da lui {limato e bramato. E benché per la 
Tua vecchiezza a pena potefTe più lavorare, fu nondimeno Tempre 
ben veduto & accarezzato dal rè . Ed ogn' un sa , eh' elTendo 
egli flato molti mefì ammalato in Fontanableò, il rè lo venne 
a vifitare , e che volcndofi egli per riverenza drizzare fu '1 let- 
to , e raccontare il fìio male , gli venne un' accidente : per la 
qual cofa il rè prefagli la tefta per aiutarlo , e foftenerlo , egli 
conofciuto il favore gli fpirò in braccio nell' età di fettantacin- 
que anni , affai più gloriofo di neffun' altro pittore , fc véro e 
eh' un bel morir tutta la vita honora. 

Fu belliffimo di corpo , come fi è detto di fopra . Paflà- 
ta la gioventù con una negligenza filofofica lafciò crefcere i ca- 
pelli e la barba , fi che pareva un Hermetc o un Druido an- 
tico. Non volfc mai pigliar moglie, o s" egli n ebbe alcuna, 
come diceva un altro pittore , non fu altra che 1' arte , & * 
fìgiivioli le opere fue. Ne fi deve credere che fi fieno accenna- 
te tutte, perche molte altre ne ha il gran Duca di Fiorenza, 
e mi ricordo di haverne vedute parecchie in Inghilterra . Neil' 
idea del tempio della pittura di Paolo Lomazzo cap. 33. fi fa 
mentione d' una coneettione della Vergine dipinta per la chiefà 
di S. Francefco di Milano . Nella libreria Ambrofiana dell' iftcf- 
fa città fi confervano molti difegni e pitture di quefto autore . 

Qui a Parigi nel Palazzo Cardinale fi vede una Madon- 
na di fua mano , la quale fiede in grembo a S. Anna , e tie- 
ne con le fue mani un Chrifto bambino che fcherza con una 
pecorella . Vi è un paefe bellilTimo : ma la tefta della vergine 
è rcftata imperfetta . Il Cardinale di Richelieu havcva una He- 
rodiade di efquifita bellezza. Il S. Giovanni nel deferto, figura 
intiera , eh' è a Fontanableò , & un altro quadro di una Ma- 
donna, col Chrifto , S. Giovanni & un angelo di mirabil bel- 
lezza, pofti in un paeie, fono cofe da eflTcre offervate. Nel ftu- 
dio del Signor Marchefe di Sourdis a Parigi vi è un' altra Ma- 
donna di riputationc . 

Il Signor di Ciarmois fcgretario del Marefcial di Schomberg, 
gentilhuomo di rare qualità , il quale accoppiando infieme la 
curiofita e 1' intelligenza fa una confiderabile raccolta di bei 
quadri, ne ha uno del Vinci, nel quale con due mezze figure 

fi 



DI LIONARDO DA VINCI. xix 

fi rapprcfenta il giovine e bel Giufeppc che fuggendo volta le 
fpalle alla bella ma dishonefta moglie dì Putifar . Il tutto è di- 
pinto con amore e diligenza grande : 1* efprefTione è mirabile , 
& il pudor dell' uno e la lafcivia dell' altra paiono ne' due vi- 
fi , più prefto cofe vere che finte. Appreffo il medefìmo fìgno- 
re una madonna con Tanta Anna , & un Chrifto bambino al 
quale fan Michele porge una bilancia, e fan Giovanni che fcher- 
za con una pecorella , è un quadro di eftrema bellezza . Ma 
troppo farebbe il voler regiftrare tutte le pitture del Vinci : re- 
fìa che dopo le opere del pennello, fi ragioni di quelle della 
penna . 

Soleva il Vinci fcriverc alla mancina, fecondo 1' ufo de gli 
Ebrei, nella qual maniera erano fcritti quei tredici volumi de* 
quali habbiamo già fatto mcntione , & eflendo il carattere buo- 
no , fi leggeva aflai facilmente mediante uno fpecchio grande . 
E' probabile eh* egli facefie quefto, accioche tutti non Icggefle- 
To cofi facilmente i fuoi fcritti . 

L* imprefa del navilio di Mortefana gli diede occafione di 
fcrivcre un libro della natura , pefo e moto delle acque , - pie- 
no di gran numero di diiegni di varie rote e machine per mo- 
lini, e regolar il corfo dell' acque, e levarle in alto. 

Scrifle dell' anatomia del corpo humano , come fi è già 
detto, la quale opera era ornata di varii difegni fatti con itu- 
dio e diligenza grande, e ne fa egli ftcflb mentione nel capi- 
tolo 22. di quefto trattato della pittura. 

Il libro dell' anatomia de' cavalli e mentovato dal Vafiiri, 
dal Borghini, e dal Lomazzo. Efl*endo flato egli eccellente nel 
plafticargli , e nel dipingergli , come ne fa fede il quadro de' 
quattro cavalieri combattenti fopra accennato , non vi e dubbio 
che r opera non fufle di ftraordinaria bellezza & utilità . 

Nel capitolo 8i. & ilo. di quefto trattato vien citato da 
lui una fua opera della profpettiva, divifa in più libri. Forfè 
che in quella era infegnato il modo di tirare le figure maggio- 
ri del naturale, lodato dal Lomazzo nell' idea, cap. 4- 

Nel capitolo 112. & 123. promette di fare un libro de* 
movimenti del corpo , e delle fuc parti : foggetto anatomico , e 
che non è mai ftato toccato da alcuno . 

Promette ancora nel capitolo 26%. un trattato della pon- 
deratione overo libratione del corpo . 

11 libro dell' ombre e de' lumi fi ritrova oggi nella libreria 
Ambrofiana di Milano, in folio, coperto di velluto rodo, 6c 
è quello che, come fi è detto di fopra, fu dato dal fignor 
Guido Mazzenta al Cardinale Borromeo . Tratta egli quella ma- 

e 2 ceria 



XX 



VITA DI LIONARDO DA VINCI. 



tcrla da filofofo , da matematico e da pittore , e ne fa men- 
tionc in quefto trattato cap. 278. Fiì miracolofo in quella par- 
te della pittura , imitando con tanta fagacità gli effetti che fa 
la luce col colore , che le Tue opere havevan più del natu- 
rale che del fìnto . 

Refta il trattato della pittura , che contiene varii precetti 
di quella arte, &C infìeme i modi del difegno e del colorire. 
Racconta il Vafari d' un certo pittore Milanefe paflTando a Fio- 
renza , gli fece vedere quella opera , e gli dille che quando 
faria arrivato a Roma fubito la farebbe ftampare: ma ciò non 
fu da colui efeguito , e quello eh' a Roma non fi è fatto , hora 
dopo un fecolo intiero fi mette in efccutionc a Parigi , dove 
col confronto di varij manofcritti , tutti corrotti e guaiti , fi è 
reltituita da • me un' opera che per V eccellenza de' precetti , e 
per il merito dell' autore è degna dell' immortalità. E per ren- 
derla ancora più familiare alla noftra natione, il fignor di Ciam- 
bre gentilhuomo intelligentiffimo di tutte le parti del difegno , 
e che ( come dicemmo del gran Leone X. ) per inftinto com- 
munJcato alla Tua famiglia fi diletta di ogni forte di virtù e di 
fludio , n' ha fatto una verfìone in lingua Francefc , che vale 
un ccmmcntario intiero , efTendovi con una efquifita e felice di- 
1 genza cfpreiTo il fenfo dell' autore* 




PER 



XXI 



PER NON LASCIAR QUESTE CARTE VOTE ED 

inutili , fi è fatto il fcguente indice de gli altri libri che trattano 
della pittura e del difegno , come ancora di quelli dove fono 
delcritte le vite de' pittori e le opere loro. 

T~ì / Alberto "Durerò pittore e geometra chtartjjìmo , della Jìmmetria de i 
-^^ corpi biwjani, Ithrt quattro^ )ìuo<vamente tradotti dalla Iwgua Latina 
nella Italiana da M. Gio. Taolo Gallucct Salodiano , \^ accrefcmti del quin- 
to libro , nel quale fi tratta con quat modi pojfano t pittori e Jcultort mo- 
jlrare la dfverjttk della natura de gli huomini e donne, e con quali le paf- 
Jìoni che fentono per It din)erji accidenti che li occorrono , bora di no<vo Jlani' 
piati. In Venetia 1 5$>4. fol. I quattro libri di Alberto Durerò fono ita- 
ti più volte flampati in lingua Latina, Tedefca , Francefe & Italiana. 

lufli Ammani Tigurini enchtndion artn ptngendt , jingendt , t^ fcul' 
pendi. Franco/urti 1578. 4. 

Trattato dell' arte della pittura di Già. Taolo Lomaz.x.o Mtlanefe pit- 
tore , dinjifo in fette libri , ne quali fi contiene tutta la theortca e la prat- 
fica di ejfa pittura . In Milano 1 5 8 4. 4. 

Idea del tempio della pittura di Gio. Taolo Lomaz.-z,o pittore, nella 
quale egli dtfcorre dell' origine e fondamento delle cofe contenute nel fuo 
trattato dell' arte della pittura. In Milano 1590. 4. 

Della forma delle Mufe cacata da gli antichi autori Greci e Latini, 
opera utiltffìma a pittori e fcultori , dt Gio. Taolo Loma'ZjZ.i Mtlanefe pit- 
tore . In Milano 1 5 9 i • 4- 

// ripofo dt Raffaello 'Borghini , in cui della pittura e della fcultura 
fi favella , de più illufìn pittori e fcultori , e delle più famofe opere loro 
fi fa mentione , e le cofe principali appartenenti a dette arti s mfegnano . 
In Ftorenz.a 1 584. 8. 

Difcorfo di Aleffandro Lamo intorno alla fcoltura e pittura do<ve ra- 
giona della <vita dt M. 'Bernardino Campo pittore Cremonefe. In Cremona 

i5«4- 4- . . 

De' njeri precetti della pittura di M. Gio. Battigia Armenim da Faen- 
za , libri tre , ne' quali fi dimofìrano i modi del difegnare , e del dipinge- 
re {S'è. In %a'venna 1587. 4. 

Due dialogi di M. Gio<vanni Andrea Gilio da Fabriano , nel primo 
de quali fi ragiona de le partt morali e ct^nli appartenenti a letterati cor- 
tigiani y e r utile che i prencipt canjano da letterati : nel fecondo fi ragio- 
na de gli errori de' pittori circa V htflorie , con molte annotationi fatte fo- 
pra il giuditio di Michelangelo , (^ altre figure , tanto della (vecchia quan- 
to della nonja capella , tS in che modo 'vogliono ejfer dipinte le facre tma- 
gtni . In Camerino I5<^4- 4- 

// Pigino, o'vero delfine della pittura, dialogo del rever. Tadre D' 

Gre- 



xxu 



Gregorio ConiMmHt cMHontco regolare Luteruyienfe y ove qu'tJì'tdiiAndnJt ^ s el Jì- 
ne della pittura Jia l ' utile , o<vero il diletto , Jt tratta dell * ufo di quella 
nel Chrijìianejìmo , e Jt mojlra qual jia imitator più perfetto , e che più 
diletti^ il pittore o<vero il poeta. In Mantorva 159^- 4* 

Trattato della nobiltà della pittura , compojìo ad uìjlantia della we- 
nerabil compagnia di S. Luca ^ e nohtV accademia delli pittori di ']\oma , 
da %omano Alberti della citta del "Borgo S. Sepolcro . In T^oma 1 5 8 5 . 4. 

L' idea de pittori , fcultori , tS" architetti , del canjalier Federico Zuc- 
caro , dfvifa in due libri. In Torino 1607. fol. 

Origine e progreffo dell ' academia del difegno , de' pittori , fcultori CJ' 
architettori di l^ma , donje fi contengono molti utiltj^mt difcorji e Jìlofojict 
raggtonnmenti appartenenti alle fuddette profefpont, ^ tn particolare ad 
alcune no've definitiom del difegno ^ della pittura , fcultura tS" architettura , 
(S' al modo d' incaminar i gionjaniy e perfettionar 1 prouetti , recitati fot- 
te il reggimento dell' eccellente Jtg. Ca^valiere Federigo Zuccari, e raccolti 
da 'Romano Alberti fecretario dell' academia. In Ta^via 160^. 4. 

"Due lei.ioni di M. "Benedetto Varchi , nella prima delle quali fi di- 
chiara un fonetto di M. Mtchelagnolo "Buonaroti ; nella feconda fi difputa 
quale Jia più nobile arte la fcultura la pittura , con una lettera d ' ejfo 
Mtchelagnolo , e più altri eccellentifs, fittori e fcultori , fopra la qutjlione 
fopr adetta. In Ftoren^ct 1549. 4. 

Tomponii Gnurtci NeapoUtani de fculptura liber. Ite»* Ludo<vici Ve- 
montiojli de ^veterum fculptura , colatura , gemmarum fculptura tS' pi&ura 
libri duo . Item Abrakami Gorlai Antuerpiani daHyliotheca . Amjlerodami 
160^. 4 

F ranci fci lunii F, F. de piSìura 'veterum libri tres , AmJleUdami 

1^37- 4- 

Antonii Toffe'vini Societatis lefu liber de poe/t tS' pi^ura, qui eji 
decimus feptimus bibliotheca felefì^. Venetiis 1603. f'^^- 

Trattati della pittura fondato nell ' autorità di molti eccellenti tn que- 
jia profefJìonCy fatto a comune beneficio de' mirtuofi da fra D. Francefc» 
%fagwo cavaliere di Malta. In Venetia 1(^42. 8: 

'Difegno del Doni partito in più ragionamenti , ne quali fi tratta del- 
la fc altura e pittura y de' colori ^ de' getti ^ de' modegli, con molte cofe ap- 
partenenti a quejì' arti, KS'c In Venetia 1549. 8. 

Della nobilìffma pittura , e della fua arte , del modo , e della dottri- 
na di confegutrla age<volmente e prejìo , opera di Michel Angelo Biondo , 
tfc. In Vwegia 1549. 8. 

Difcorfo intorno al difegno Hampato con lo inganno de gì occhi y pi'of- 
petti'va pratica di Tietro Accolti^ In Firenze \6iy fol. 

Scntimcns Tur la diftin<fl:ion des manieres de peinturc , defTcin 
& graveure , & des originaux & copies , par A. Bolle Graveur cn 
tailie douce. A Paris 16^^. 12. 

Le 



XXIU 



Le nj'ite de più eccellenti pittori , fcultori , ^ architetti di Giorgi» 
Vafart pittore ^3" architetto Aretino , con una tntroduttione nel principio al- 
le tre arti del di/egno , cioè architettura , pittura , e /coltura . In Ftorenz.a 
15<58. 4. 3. njol. ^ in "Bologna ló^"]. 4. 3. W. 

Le <vite de" pittori ^ architetti , dal pontijjcato di Gregorio XIII. 
del 1572. in^no attempi di papa Urbano ottano nel 1^4 2. fcrttte da 
Gio. 'taglione Romano. In %oma 16 ^2. 4. 

Le maraviglie deW arte ^ ouero le <vite de gV illujlri pittori Veneti y 
e dello flato , 00»^ fono raccolte le opere tnjtgni ,■ i cojiumt , Z5' t ritratti 
loro ^ con la narratione delle hijìorie ^ delle favole, e delle moralità da 
quelli dipinte^ defcritte dal cavalier Carlo l^dolf. In Venetia 1^48. par- 
te prima , parte feconda . 

Vita di Michelagnolo Buonarroti raccolta per Afcanio Condivi de la 
T^lpa Tranfone . In %oma I 5 5 3 • 4. 

"Breve compendio della vita del famofo Titiano Vecellio di Cadore ca^ 
fvalliere e pittore , ton V arbore della fua «vera confanguinità . In Venetia 
1622. 4. 

Il Junerale d' Agojìin Caraccio fatto in Bologna fua patria da gì In- 
caminatt accademici del difegno . In "Bologna itfoj. 4. 

Le bellei.'z.e di Fiorenoca , dove a pieno di pittura , di fcultura , dt 
facri tempii ^ di palaz,%i, i più aobili artifi'z^it e più prex,iofi fi contengono, 
fritte da M. Francefco Bocchi . In Fiorenz,a 1 5 9 1 . 8 . 

Eccellem,a della fiatua del fan Giorgio di "Donatello fcultore Fioren- 
tino^ pojìa atlla faccia di fuori d' Or fan Michele, fritta da M. Francef- 
co "Bocchi, dove fi tratta del e fiume , della vivacttk , e della hellez.%.a di 
detta fatua , In Fioreni^a 1584. 8. 

'Xagionament't del fig. Giorgio Vafari pittore ^ architetto Aretino fo- 
pra le tnventtont da lut dipinte tn Ftrent,e nel palax.ijo dt loro alte'Zj'z.e fe- 
reniffime , con lo illufìrijf tS^ eccellentijf. Jtgnor don Francefco Medici allo- 
ra prencipe di Firen'z.e, tnfieme con la inventione della pittura da lui co- 
minciata nella cupola . I4 Firenz.e 1588. 4. 

Libro della pittura, nel quale fi fpiegano i fondamenti e la pratica di 
quell ' arte , infeme €on le vite de pittori Italiani e Fiamenghi , fritto e Ram- 
pato in lingua Fiamenga da Carlo Vanmander pittore . In Amflerdam 1 6" 1 8 . 
Henrico Teacham nella fua opera fritta in lingua Inglefe, (^ intito- 
lata : Il perfetto gentilhuomo , impiega la metà del libro a ragionare della 
pittura . In Londra I (!^ 3 4. 4. 

La maniera di preparar ogni forte di colori , libro frìtto m lingua 
Todefca da Valentino Bolgen da 'Kufach . In Francofort 1)62. 8. 

Tietro Maria Canepario da Crema nel fuo libro Latino intitolato : 
"De atramentis , dichiara le maniere di far ogni forte di colori . In Venetia 
161^. 4. 



TRATTATO 

DELLA PITTURA 

V I 

LIONARDO DA VINCI. 

!^ello che de^e prima imparare il gionjaììe . C A P. I. 

IL giovane deve prima imparare profpettiva , per le mifurc d' o- 
gni cofa : poi di mano in mano imparare da buon maeftro , 
per aHuefarfì a buone membra: poi dal naturale, per confer- 
marfi la ragione delle cofe imparate : poi vedere un tempo 1' opere 
di mano di diverfi maeftri , per far habito di mettere in pratica , 
òi operare le cofe imparate . 

^ale Budio deue ejfere ne giovani . GAP. IL 

Lo ftudio de' giovani , li quali defìderano di far profìtto nelle 
fcienze imitatrici di tutte le figure dell' opere di natura , deve cfferc 
circa il difegno accompagnato dall' ombre e lumi convenienti al fino 
dove tali figure fono collocate . 

final regola fi deve dare a putti pittori. GAP. IIL 

Noi conofciamo chiaramente che la vifta è delle veloci opera- . 
tioni che fiano , & in un punto vede infinite forme i nientedimeno 
non comprende fé non una cofìi per volta. Poniamo caio: Tu let- 
tore guardi in occhiata tutta quelfa carta fcritta , fubito giudicherai 
quella efier piena di vane lettere : ma non conofcerai in quel tempo 
che lettere fiano , ne che vogliano dire : onde ti bifbgna fare à pa- 
rola à parola , verfo per verfo , à voler haver notitia d' effe lettere . 
Ancora fé vorrai montare all' altezza d' un edificio , converratti falirc 
a grado à grado, altrimenti fia impolìibile pervenire alla fiia altezza. 
E coli dico à te che la natura ti volge a quelt' arte . Se vuoi haver 
vera notitia delle forme delle cofe , comincierai dalle particole di 
quelle , e non andare alla feconda , fé prima non hai bene nella 
memoria , e nella pratica la prima . E fé farai altrimenti , getterai 
via il tempo , o veramente allungherai affai lo ffudio . E ti ricordo 
che impari prima la diligenza che la preflezza . 

A Nott- 



1 TRATTATO DELLA PITTUP.A 

Noti'z.ia del giocane difpo^o alla pittura , C A P. I V. 

Molti fono gli huomini eh' hanno defìderio &C amore al dife- 
gno , ma non difpofitione , e quello fia conofciuto ne' putti , li quali 
Tono fenza diligenza , ne mai finifcono con ombre le lor cofe = 

Trecetto al, pittore . C A P- V- 

Non è laudabile il pittore che non fa bene Te non una cola 
fola , come un' ignudo , tefta , panni , o animali , o paefì , o (ìmili 
particolari , imperoche non è fi grolTo ingegno , che voltatofi ad una 
cofa , e quella Tempre melTa in opera , non la faccia bene . 

I>t che modo denje il gioqja^e procedere nel fuo Jludto . GAP. V L 

La mente del pittore C\ deve del continuo trafmutarc in tanti 
difcorfi quante fono le figure de gì' obbietti notabili che dinanzi gì* 
apparifcono, & à quelle fermare il pafib, e notarle, e far fopra elTc 
regole , confiderando il luogo , le circollanze , i lumi <3>C ombre . 

J)el modo di Jìudiare , GAP. VIL 

Studia prima la fcienza , e poi feguita la pratica naca da cffa 
{cienza. Il pittore deve ftudiare con regola , e non lafciar cofa che 
non fi metta alla memoria , e vedere che differenza è fra le mem- 
bra de gì' animali , e le loro giunture . 

^'vnjertimento al pittore. GAP. VI IL 

Il pittore deve efTere univerfiile e fblitario , e confiderare ciò 
che elfo vede , e parlar con feco , eleggendo le parti più eccellenti 
delle fpecie di qualunque cofa che egli vede , facendo à fimilitudine 
dello fpecchio , il quale (\ trafmuta in tanti colori , quanti fon quelli 
delle cofe che fé gli pongono dinanzi , e facendo cofi lui , parrà 
^flere feconda natura, 

Trecetto del pittore uni^erfale . C A P. I X. 

Quello non fia univerfalé che non ama egualmente tutte \t 
cofe che fi contengono nella pittura : come fé ad uno piacciono li 
paefi , cffo ftima di effere di femplice inveftigazione , come diiTe il 
noftro Botticello , che tale ftudio era vano , perche col (blo gettare 
una fpunga piena di diverfi colori à un muro , elTa lafciava in detto 

muro 



DI LIONARDO DA VINCI. 5 

muro una macchia , dove fi vedeva un pacfc . Egli è ben vero che 
il vedono varie inventioni di ciò che 1' huomo vuol cercare in quel- 
la , cioè telle d' huomini , diverfi animali , battaglie , fcogli , mari , 
nuvoli, boichi, e fìmil colè, e tà come il fuono delle campane, il 
quale fi pub intendere che dica quello , che à te pare . Coli , anco- 
ra che elTe macchie ti diano inventionc , elTc non t' infegnano finir 
alcun particolare , e quefto tal pittore fece triftifiimi paefi . 

Come il pittore dc'v ejfere unì'verfale . C A P. X. 

Tu, pittore, il quale vuoi efTcre univerfalc , e piacere a divcrfi 
giudizi) , farai in un medefimo componimento che vi fiano cofe di 
grand' ofcurità , e di gran dolcezza d' ombre , facendo però note le 
caufc di tal ombre e dolcezza . 

Precetto al pittore. CAP. XL 

Quel pittore che non dubita , poco acquifia , quando l' opera 
fupcra il giuditio dell'operatore, cfio operante poco acquifta, e quan^ 
do il giuditio fiipera l'opera, c(Ta opera mai non finifcc di miglio- 
rare , fé r avaritia non l' impedifce . 

Trecettq com^ fopra . CAP. XII- 

Il pittore deve prima affuefar la mano col ritrar difegnl dì 
buoni maeftri , e fatta detta alTuefattione , col giuditio del fuo pre- 
cettore , deve poi alìuefarfi col ritrar cofè di rilievo buone , con 
quelle regole che del ritrar rihevo fi dirà . 

Precetto dello fcbii.'z.ar hifìorie e figure . CAP. XIII. 

L' abbozzar dell' hifloric fia pronto , & il membrificar non fia 
troppo finito . Sta con attentione folamente à fiti d' elfe membra , le 
quali poi a beli' agio , piacendoti , potrai finire . 

Del corregger gt errori, che tu fcuopri . CAP. XIV. 

Ricordo à te , pittore , che quando per tuo giuditio , o per al- 
trui avvifo , fcuopri alcun errore nell'opere tue, che tu le ricorreg- 
ga, accioche nel publicar tal' opere , tu non publichi inficmc con 
quelle la materia tua. Et non ti fcufare da te medefimo, perfua- 
dentoti di reftaurare la tua infamia nella fucccdente tua opera, per- 
che la pittura non muore mediante la fua cieatione;, come fa )a, 

A 2 Hiufi- 



4 TRATTATO DELLA PITTURA 

mufìca , ma lungo tempo dura , & il tempo darà tc(Hmonianza dell' 
ignoranza tua. E fé tu ti fcuferai d'havere a combattere con la ne- 
cefFità , e di non haver tempo a fìudiare , è farti vero pittore , non 
incolpare fé non te medefìmo , perche fblo lo fludio della virtù è 
pafto dell' anima e del corpo , Quanti fono li fìlofbfì che fono nati 
ricchi , e perche non l' impediflero le ricchezze , le hanno lafciate . 

Pel giudtùo. GAP. XV, 

Nìuna cofa è che più e' inganni eh il noftro giuditio in dar 
lentenza alle noftre operationi , e più ti varranno i biafìmi de' ni mi- 
ci , che de gì' amici le fentenze , perche gì' amici fono una medefl- 
ma cofa con teco , e coli ti polTono col tuo giuditio ingannare .. 

Modo dt dejìar Y uigegno a <varie ttì'ventwnt . GAP. XVL 

Non refterò di mettere in quefte precetti una nuova invcntionc 
«li fpeculatione , la quale , benché paia piccola , e quafì degna di rilb , 
nondimeno è di grand' utilità à deftar l' ingegno à varie inventioni , 
e quefto è : Se riguarderai in alcuni muri imbrattati , o pietre di va- 
rij mifchi , potrai qviivi vedere l' inventione e fìmilitudine di diverlì 
paefì , diverfe battaglie , atti pronti di figure , forane arie di volti , 
& habiti , e infinite altre cofe j perche nelle cofe confufe 1' ingegno 
iì defta a nuove inventioni . 

'Dello Jìndiare iy}Jìm quando tu ti dejì't , o prma che tu 
t addomi em'i allo fcuro . GAP. XVH. 

Ancora ho provato efTere di non poca utilità , quando ti trovi 
allo fcuro nel letto , andar con l' imaginativa ripetendo li lineamenti 
fuperfìciali delle forme per l' addietro Ifudiate , o altre cofe notabili 
di fottile fpeculatione : &c a queflo modo fi confermano le cofe 
comprefè nella m.emoria. 

Che Jt denje prima imparar la ddigeni^a che la prefìa pratica . 

GAP. XVIIL 

Quando vorrai far buono & utile ftudio , ufa nel tuo difegna- 
re di fare adagio , e giudicare infra i lumi , quali e quanti tengono 
il primo grado di chiarezza i e coli infra 1' ombre , quali fiano quel- 
le che fono più fcure che l' altre , & in che modo fi mefcolano in- 
* {ieme , e la qualità , e paragonare 1' una con 1' altra , &: i lineamenti 
a che parte s' indrizzano , e nelle linee quanta parte deve ef- 

fere 



DI LIONARDO DA VINCI. 5 

ibe per 1' uno e per 1' altro verfo , e dove o più o meno evi- 
dente , e cofi larga o iettile , Ck in ultimo , che le tue ombre e 
lumi lìano uniti fenza tratti o fegni , a ulb di fumo : e quando ba- 
rai fatto r ufo e la mano a quella diligenza , ti verrà fatta la pra- 
tica preilo , che tu non tea' avvederai . 

Come il pittore (ie^i/ ejjer <vngo d' udtr il giudttto d' og;i uno . 

GAP. XIX, 

Certamente non deve ricufare il pittore , mentre eh' ei difegna 
o dipinge , il giuditio di ciaituno , perche noi conofciamo che 
r huomo , benché non fìa pittore , haurà notitia delle forme dell' huo- 
r^9 ) 5.' egli e gobbo , Te ha gamba grolTa , o gran mano , s' egli è 
zoppo , o ha altri mancamenti . E le noi conofciamo gì' huomini po- 
ter giudicare 1' opere della natura , quanto maggiormente potranno 
giudicare i noflri errori . 

Che t huomo non Jt derue fida? tanto di fé , che non 'vegga dal 

naturale . GAP. XX. 

Quello che fi dà ad intendere di poter rifcrbare in fé tutti gì* 
effetti della natura, s'inganna, perche la memoria noftra non è di 
tanta capacità : però ogni cofa vedrai dal naturale . 

Velie 'varietà delle figure , CAP, XXI. 

Il pittore deve cercare d' effere univerfale , perche gli manca 
aflai dignità, fé fa una cofa bene, e l'altra male: come molti che 
Iblo fludiano nell' ignudo mifurato , e proportionato , e non ricerca- 
no la fua varietà , perche può elTere un huomo proportionato , Ck 
effer grolTo , e corto , e longo , e fottile , e mediocre , e chi di que- 
lla varietà non tien conto , fa fcmpre le flie figure in {lampa , il 
che merita gran riprenfione . 

DeUeJfere uninjerfale . CAP. XXIL 

Faci! coHi e all' huomo che sa , farfl univerfale , impe roche tut- 
ti gl'animali terreihi hanno fìmilitudine di membra, cioè mufcoli, 
Jiervi , & olTìi , e nulla fi variano , fé non m lunghezza , overo in 
groflczza , come farà dimoftrato nell' anatomia . De gli animali d' ac- 
qua , che fono di molta varietà , non perfuadcrò il pittore che vi 
faccia regola. 



6 TRATTATO DELLA PITTURA 

T)t Quelli che tifarlo la pratica fenica la diligen'z.a , onjero Jctenz.a . 

GAP. XXIIL 

Quelli che s innamorano della pratica fenza la diligenza , overo 
fcienza , per dir meglio , fono corne i nocchieri eh' entrano in mare 
fopra nave fenza timone o buffola , che mai non ha,nno certezza do- 
ve fi vadino . Sempre la pratica deve eflere edificata fopra la buona 
teorica , della quale la profpettiva è guida , e porta : e fenza quella 
niente fi fa bene , cofi di pittura , come in ogn altra profefTionc , 

7)el non imitare f un f altrQ pittore . C A P. XXIV, 

Un pittore non deve rnai imitare la maniera d' un altro , per- 
che farà detto nipote e non figlio della natura 5, perche eflendo le 
cofe naturali m tanto larga abbondanza , più torto fi deve ricorrere 
ad efla natura , che alh maeftri , che da quella hanno imparato . 

!Pel r tirar dal naturalt - GAP. XXV, 

Quando hai à ritrarre dal naturale , fìà lontano tre volte la 
grandezza della cofa che tu ritrai, e farai, che quando tu ritrai, o 
che tu muovi alcun principio di linea , che tu guardi per tutto il 
corpo che tu ritrai , qualunque co/a fi fcontra per la dnttura della 
principale linea , 

A'wert'tmento al pittore , GAP. XXVI. 

Nota bene nel tuo ritrarre , come infra 1' ombre fono ombre 
infenfibili d' ofcurità e di figura , e quefto i] prova per la terza , che 
dice , che le fuperfitie globulente fono di tante varie ofcurità e chia^ 
rezza , quante fono le varietà dell' ofcurità e chiarezze che gli ftannQ 
per obbietto . 

Cor/ie de^ce ejfere alto il lume da rttrar dal naturale . 

GAP. XXVII. 

Il lume da ritrarre di naturale vuol* enfere à tramontana , accio 
non faccia mutatione : e fé lo fai à mez,zo dì , tieni finellre impan- 
nate , accioche il fole illuminando tutto il giorno non faccia muta- 
tione . L' altezza del lume deve effere in modo fituato , che ogni 
corpo faccia tanto lunga f ombra, fua per terra , quanto è la fua 
altezza . 

$ua^ 



DI LIONARDO DA VINCI. 7 

Slualt lumi Jt denjono ele^^eve fer ritrar le figure de corpi , 

GAP. XXVIII. 

Le figure di qualunque corpo fi conftnngono à pigliar quel lu- 
me nel quale tu fingi eflere efie figure : cioè fé tu fingi tali figure 
in campagna , elle fon cinte di ^ran fbmmltà di lume , non vi eC- 
fendo il fole fcoperto > & Ce il fole vede dette figure, le fuc ombre 
fiiranno molto ofcure , rifpetto alle parti alluminate , e faranno ombre 
di termini efpediti , cofi le primitive , come le derivative , e tali 
ombre faranno poco compagne de' lumi , perche da tal Iato allumina 
r azzurro dell' aria , e tinge di fé quella parte eh' ella vede s e quefto 
affai fi manifefìa nelle cofe bianche: e quella parte eh' è alluminata 
dal fole , fi dimoflra partecipare del colore del fole , e quello ve- 
drai molto fpeditamente , quando il fole cala all' occidente , infra i 
roffori de' nuvoli , fi che efl^i nuvoli fi tingono del colore che allu- 
mina : il qual roffore de' nuvoli , infieme col roffore del fole , fa rof- 
feggìare ciò che piglia lume da loro : e la parte de' corpi , che non 
vede elfo roffore , refta del color dell* aria > e chi vede tai corpi , 
giudica che fieno di due colori : e da queflo tu non puoi fuggire , 
che moflrato la caufa di tali ombre e lumi, tu non le facci partici- 
panti delle predette caufe , fé non 1' operation tua è vana e falfa . 
E fé la tua figura è in cafa ofcura , e tu la vegga di fuora , quefì:a 
tal figura havrà 1' ombre sfumate , flando tu per la linea del lume , 
e quella tal figura havrà gratia , e farà honore al fuo imitatore , per 
efler lei di gran rilievo , e 1' ombre dolci e sfumofe , e maflTime in 
quella parte dove manco vedi f ofcurità deU' habitatione , imperoche 
quivi fono 1' ombre quafi infenfibili , e la cagione farà detta al fuo 
luogo . 

J)elle qualità del lume per ritrar rilienji naturali , finti . 

GAP. XXIX. 

Il lume tagliato dall' ombre con troppa evidenza è fbmmamen- 
te biafimato , onde per fuggir tale incoveniente , fé farai li corpi in 
campagna aperta , farai le figure non alluminate dal fole , ma fingi 
alcuna quantità di nebbia , o nuvoli tranfparenti , efiTere interpofiti 
infra 1' obbietto & il fole, onde non effendo la figura dal fole efpedita, 
non faranno efpediti i termini dell'ombre con quelle de lumi. 

Del ntrar gt ignudi . GAP. XXX. 

Quando ritrarrai gì' ignudi , fa che fempre li ritragghi interi , 
e poi finifci quel membro che ti par migliore , e quello con 1' altre 
membra metti in pratica, altrimenti fareftì ufo di appiccar mai bene 

le 



8 TRATATTO DELLA PITTURA 

le membra infieme : e non ufar mai far la tefta volta dove è il pet- 
to , ne il braccio andare come la gamba ; e fé la tefta lì volta alla 
fpalla deflra , fa le Tue parti più balte del lato fìniftro che dell' al- 
tro : & fé fai il petto infuori , fa che voltandofi la tefta fu '1 lato 
lìniftro , le parti del lato deftro fieno più alte che le finiftre . 

Del ritrarre di rilievo fìnto , o del naturale . GAP. X X X L 

Colui che ritrac di rilievo , fi deve acconciare in modo tale , 
che r occhio della figura ritratta fia al pari di colui che ritrae . 

Modo di ritrarre un /ito corretto. GAP. XXXIL 

Habbl un vetro grande come un mezzo foglio di carta reale , 
e quello ferma bene dinanzi à gì' occhi tuoi , cioè tra gV occhi e 
quella cola che tu vuoi ritrarre , e poi ti poni lontano con l' occhio 
al detto vetro due terzi di braccio , e ferma la tefta con un inftru- 
mento , in modo che non la polTi muovere punto . Di poi ferra e 
cuopriti un occhio, e col pennello, o con il lapis, fegna su'l vetro 
quello che di là appare, e poi lucida con la carta tal vetro, e fpol- 
verizzandola fopra una carta buona , dipingela , fé ti piace , ufando 
bene di poi la profpettiva aerea , 

Come Jt denjono ritrar li paejì. GAP. XXXIIL 

Li pacfi fi debbon ritrarre in modo che gì' alberi fiano mezzi 
alluminati , e mezzi ombrati : ma meglio è farli quando il fole è 
mezzo occupato da nuvoli , che all' hora gì' alberi s' alluminano dal 
lume univerfàle del cielo , e dall' ombra univerlàle della terra , e 
quefti fon tanto più ofcuri nelle lor parti , quanto elle parti fono 
più vicine alla terra. 

Del ritrarre al lume dt candela . GAP. XXXIV. 

A qucfto lume di notte fia interpofto il telaro , o carta lucida, 
o fenza lucidarla, ma folo un interfoglio di carta fottile cancellarefca , 
e vedrai le tue ombre non terminate . 

In che modo jt dehha ritrarr un 'volto , <• dargli gratta , 
ombra , e lumi . GAP. XXXV. 

GrandilTima gràtia d' ombre e di lumi s' ag^iugne alli vifi di 
quelli che feggono nella parte di quelle habitazioni che fono ofcure, 

che 



DI LIONARDO DA VINCI. ^ 

che gì* occhi del riguardante vedono la parte ombrofa di tal vifo cC- 
fere ofcurata dall' ombre della predetta habitatione , e vedono alla 
parte illuminata del medelìmo vifo aggiunto la chiarezza che vi dà 
lo fplendorc dell'aria: per la quale aumentatione d' ombre e di lu- 
mi il vifo ha gran rilievo , e nella parte alluminata 1' ombre quafi 
infenfibili; e di quefta rapprefentatione e aumentatione d' ombre e 
di lumi il vifo acquifta aliai di bellezza. 

J)d lume (ioi'f fi ritrae V mcarnaùone dell'i 'volù ^ e Ignudi. 

GAP. XXXVI. 

Qucfta habitationc vuol' efTerc fcopcrta all' aria , con le pareti 
di colore mcarnato , e li ritratti fi faccino di ftate , quando li nu- 
voli cuoprono il fole: o veramente farai le pareti meridionali tant* 
alte , che li raggi del fole non percuotine le pareti fettcntrionali , 
acciocché li fiioi raggi riflefTì non guaftino X ombre . 

Del rttrar figure per V hifiorle . GAP. XXXVI L 

Sempre il pittore deve confiderarc nella parete , la quale ha 
da hirtoriare , 1* altezza del fito dove vuole collocare le Tue figure , 
e ciò che lui ritrae di naturale a detto propofito , e flar tanto con 
r occhio più baffo che la cofa che egli ritrae , quanto detta cofa fia 
mciTa in opera più alta che l' occhio del riguardante , altnmentc 
r opera fiaa farà reprobabile . 

Ter rhrar un ignudo dal naturale , o altro . GAP. XXXVIII. 

Ufa di tenere in mano un filo con un piombo pendente, per 
vedere li fcontri delle cofe , 

Mtfiire e comparttmentt della fiatua . GAP. XXXIX. 

Dividi la tcfta in dodici gradi, e ciafcun grado dividi in I2. 
punti , e ciafcun punto in I2. minuti, ài. i minuti in minimi, òi 
1 minimi in femiminimi. 

Co»3e il pittore fi de<ve acconciar al lume col fiio riltenja . 

GAP. XL 

A. B. {Fig. I.) fia la fineftra , M. fia il punto del lume, dico 
che in qualunque parte il pittore fi flia, che egli ftarà bene, pur 
che r occhio Itia infra la parte ombrofii e la luminofa del corpq 

B che 



IP TRATTATO DELLA PITTURA 

che fi ritrac: il qual luogo troverai ponendoti intra il punto M. e 
la divisone che fa l'ombra dal lume fopra il corpo ritratto. 

T)ella qualità del lume. GAP. XLL 

Il lume grande e alto, e non troppo potente, farà quello che 
renderà le particole de' corpi molto grate . 

T>ell* inganno che fi rìcenje nel gtuditto delle memhrt^, 

GAP. XLIL 

Quel pittore che havrà goffe mani , le farà {ìmili nelle Tue opq- 
rc, e cofì gì' interverrà in qualunque membro, Te il lungo ftudio 
non glielo vieta . Però ogni pittore deve guardare quella parte che 
ha più brutta nella flia perfona , e a quella con ogni ftudio far buoq 
riparo , 

Che fi de<ve fi^per V intrinfeca forma dell' huomo. 
GAR XLIIL 

Quel pittore che havrà cognitione della natura de' nervi, muf- 
coli, e lacerti, faprà bene, nel muover un membro, quanti e quali 
nervi ne lìano cagione , e qual mufcolo fgonfìando è cagione di far 
fcortare elfo nervo , e quali corde convertite in fottililTime cartilagini 
ravolgono, e circondano detto mufcolo: e non farà come molti, che 
in diverfi atti Tempre fanno dimoftrare quelle medefìme cofe in brac-^ 
eia, fchiene, petti, & altri mufcoh . 

l)el difetto del pittore. GAP. XLIV, 

GrandifTimo dififetto è del pittore ritrarre overo replicare li me- 
defimi moti, e medefìme pieghe di panni in una medefìma hilì;oria, 
e far fomigliar tutte le teff e 1' una con 1' altra . 

'Precetto y perche il pittore non s inganni nelV elettione della figura 
in che fk hahito. GAP. XLV. 

Deve il pittore far la fua figura fopra la regola d' un corpo 
naturale , il quale comunemente fìa di proportione laudabile i oltre 
di queflo far miflu"are fé medefìmo & vedere in che parte la fua 
perfona varia affai , o poco , da quella antedetta laudabile : e fatta 
quella notitia deve riparare con tutto il fuo ftudio , di non incorre- 
re , ne medefìmi mancamenti nelle figure da lui operate , che nella 
perfona fua ritrova: e con queffo vitio ti bifogna fommamente pui 

gna. 



DI LIONARDO DA VINCI. n 

gnarc , conciofiach' egli è mancamento, eh' è nato infìeme col giu- 
ditio : perche 1' anima è maeftra del tuo corpo e quello del tuo pro- 
prio giuditio, e che volentieri ella fi diletta nell' opere fimili à quel- 
le , che elTa operò nel comporre il tuo corpo : e di qui nafce , che 
non è fi brutta figura di femmina, che non trovi qualche amante, fé 
già non fulTe monilruofà , e in tutto quello habbi avvertimento 
gran di (Timo. 

Dtjfetto de pittori che ritraggono una cofa di rilienjo in cafa a un lume , e 
poi la mettono in campagna a un altro lume. GAP. XLVI. 

Grand' errore è di quei pittori , li quali ritraggono una cofa di 
rilievo a un lume particolare nelle loro cafe , e poi mettono in o- 
pera tal ritratto à un lume univerfàle dell'aria in campagna, dove 
tal' aria abbraccia & allumina tutte le parti delle vedute a un me- 
defimo modoi e cofi coftui fa ombre ofcurc, dove non può eflere 
ombra i & fé pure ella vi è , è di tanta chiarezza , eh' ella è imper- 
cettibile: e eofi fanno li riflefli, dove è impoiTibilc quelli elTer veduti. 

Velia pittura^ e [uà di'vijìone. GAP. XLVII. 

Dividefi la pittura in due partì principali , delle quali la prima 
è figura , cioè la linea che diftinguc la figura de" corpi , e loro par- 
ticole i la feconda , è il colore contenuto da efli termini • 

Figura , e fua diijijlone . C AP, X LV III. 

La figura de* corpi fi divide in due altre parti , cioè proportio- 
nalità delle parti infra di loro , le quah fiano corrifpondenti al tutto , 
& il movimento appropriato all' accidente mentale della cofa viva che 
fi move. 

Trop9rttone di membra . GAP. X L I X. 

La proportione delle membra fi divide in due altre parti , cioè 
cqualità, e moto. Equalità s'intende, oltre alle mifiire corrifpondenti 
al tutto , che non mefcoli le membra de giovani con quelle de' vec- 
chi , ne quelle de' graffi con quelle de magri, ne le membra leggia- 
dre con le inette e pigre: & oltre di quefto che non facci alli maf- 
chi membra femminili in modo che 1' attitudini overo movimenti de' 
vecchi non fiano fatti con quella mcdcfima vivacità che quelli de' 
giovani, ne quelli d'una femmina come quelli d'un mafchio: facen- 
do che li movimenti , e membri d' un gagliardo fiano tali , che in 
effe membra dimoftrino effa valetudine. 

B 2 Vell't 



12 TRATTATO DELLA PITTURA 

T^elli monjimenù j e delle operaùom <varie . CAP. L. 

Le figure de gì* huomini habbino atto proprio alla loro opcra- 
tione in modo che vedendoli tu intenda quello che per loro fi pen- 
fa ò dice , li quali faran bene imparati da chi imiterà li moti de 
mutoli, li quali parlano con i movimenti delle mani, de gl'occhi, 
delle ciglia, e di tutta la perfona, nel volere efprimere il concetto 
dell' animo loro . Ne ti ridere di me , perche io ti ponga un pre- 
cettore lenza lingua , il quale ti habbia ad infe^nar quell' arte che 
coli non sa fare j perche meglio t' infegnerà con tatti , che tutti gì' 
altri con parole. Dunque tu, pittore, dell'una e dell'altra fetta, at- 
tendi, fecondo che accade, alla quahtà di quelh che parlano, & al- 
la natura della cofa che fi parla. 

Che fi de'von ftiggtre i term'wt fpeditl . CAP. L L 

Non fare li termuii delle tue figure d' altro colore che del pro- 
prio campo, con che effe figure terminano, cioè che non facci pro- 
fili ofcuri mfra il campo e la tua figura. 

Che nelle co fé psciole non fi <vedo» gV errori , come nelle grandi, 

CAP. LIL 

Nelle cofe di picciola forma non fi può comprendere la qualità 
del tuo errore come dalle grandi i e la ragione è , che fé quefta co- 
fa picciola fia fatta a fimilitudine d' un huomo , o d' altro animale , le 
fue parti per l' immenfa diminutione non ponno eflcr ricercate con 
quel debito fine del fì.io operatore che fi converrebbe : onde non ef- 
fendo finita, non puoi comprendere li fuoi errori. Riguarderai per 
cfempio da lontano un huomo per fpatio di 300. braccia, e con 
diligenza giudicherai fé quello è bello, o brutto, s' egli è monftruo- 
fo, o di commune qualità i Tedrai che con fommo tuo sforzo non 
ti potrai perfuadere a dar tal giuditio i e la ragione è , che per la 
fopra detta diflanza queft' huomo diminuifce tanto , che non fi può 
comprendere la qualità delle parti . E fé vuoi veder ben detta dimi- 
nutione dell' huomo fopra detto , ponti un dito preffo all' occhio un 
palmo, e tanto alza & abbafia detto dito, che la fua fiiperiore eftrc- 
mità termini fotto la figura che tu riguardi , e vedrai apparire un* 
incredibile diminutione : e per quelfo , fpelTe volte fi dubita la for- 
ma dell' amico da lontano . 



Cerche 



DI LIONARDO DA VINCI. 13 

Tercbe Li pittura }ìon può })jai parere fpicccita , come le cofe }iatnrali . 

GAP. LUI. 

Li pittori ipcfle volte cadono in difperatione del loro imitare il 
naturale, vedendo le lor pitture non liaver quel rilievo, e quella viva- 
cità, che hanno le cofe vedute nello fpecchio , (■^/frf.iif'»?. 3 si.) allegando lo- 
ro haver colon che di gran lunpa per chiarezza e per ofcuntà avanza^ 
no la qualità de' lumi &; ombre della cofa veduta nello fpecchio i accu- 
lando in quello cafo la loro ignoranza, e non la ragione, perche 
non la conoicono . Impoflibile è che la cofa dipinta appanlca di tal 
rilievo, che il adornigli alle cofe dello fpecchio, benché 1' una e Y 
altra iia in fua fuperHcie, (alvo fé fia veduta {blo con un occhio i e 
la ragione è queRa : I due occhi che vedono una cola, dopo l'altra, 
come A. B. {Fig. 2.) che vedono M N. la M. non può occupare in- 
teramente N. perche la bafe delle linee vifuali è sì larga , che vede 
il corpo fecondo dopo il primo. Ma fé chiudi un occhio, come S. il 
corpo F. occuperà R. perche la linea vifuale nafce da un fol punto, 
e fa bafe nel primo corpo, onde il fecondo di pari grandezza non 
fia mai veduto. 

Ter che t capitoli delle figure V una fapra V altra è cofa da fuggire. 

GAP. LIV. 

Qucfto univerfal' ufo il quale fi fa per li pittori nelle faccic del- 
le capelle , è molto da effere ragionevolmente biafimato , imperochc 
fanno lì un' iftoria in un piano col fuo paefe & cdiHtij , poi alzano 
un altro grado, e fanno un hiftoria , e variano il punto dal primo, 
e poi la terza & la quarta , in modo che una facciata fi vede fiuta 
con quattro punti , la quale è fomma ftoltitia di fimili maeftri . Noi 
(appiamo che il punto è porto all' occhio del riguardatore dell' hifto- 
ria : e fé tu volelTi dire : come ho da fare la vita d' un fanto com- 
partita in molte hil^orie in una medefima faccia.? A quefto ti rifpon- 
do, che tu debba porre il primo piano col punto all' altezza dell* 
occhio de' riguardanti d' effa hil^oria, e nel detto piano figura la pri- 
ma hiiloria grande , e poi di mano in mano diminuendo le figure 
e cafàmcnti in su diverfi colli e pianure , farai tutto il fornimento 
d' effa hiftoria . Il refto della faccia , nella fua altezza , farai alberi 
grandi a comparatione delle figure, o angeli, fé fullero a propofito 
dcir hifforia , ovcro uccelli, o nuvoli, o limili cofe: altrimenti non 
ten' impacciare , che ogni tua opera farà fiilfa. 



^aì 



14 TRATTATO DELLA PITTURA 

^lual pittura jt de^e libare in far parer le co fé più fpiccate . 

GAP. LV. 

Le figure alluminate dal lume particolare fono quelle che moftra- 
no più rilievo , che quelle che fono alluminate dal lume univerfale , 
perche il lume particolare, fa i lumi riflenfi, li quali fpiccano le fi- 
gure dalli loro campi , le quali rifleffioni nafcono dalli lumi di una 
figura che rifalta ncU' ombra di quella che gli ftà d' avanti , e l' allu- 
mina in parte. Ma la figura polìia dinanzi al lume particolare in 
luogo grande e ofcuro non riceve rifleffo, e di quefta non fi vede 
fé non la parte alluminata : e quefta è fblo da effere uHita nell' imi- 
tationi della notte , con picciol lume particolare . 

fimi ' è più di dtfcorfo C5* uttUtci , o il lume C5* ombre de corpi , 
« /; loro Uyieamenti . GAP. LV L 

Lì termini delli corpi (òno di maggior difcorfo & ingegno che 
r ombre & i lumi , per caufa che li lineamenti de i membri , che 
non fono piegabili , fono immutabili , e Tempre fono quei medcfimi , 
ma li fiti j qualità , e quantità dell' ombre fono infiniti . 

Memoria che Jt fa dalV autore. GAP. LVIL 

Deferivi quali fiano li mufcoli , e quali le corde , che median- 
te diverfi movimenti di ciafcun membro fi fcuoprono , o fi nafcon- 
dono , o non fanno ne l' uno ne \ altro : e ricordati che quefta tale 
attionc è importantiftima apprefto de' pittori e fcultori , che fanno pro- 
feifione de" mufcoli. Il fimile farai d'un fanciullo, dalla fua natività 
infino al tempo della fiia decrepità, per tutti li gradi dell' età fija, 
& in tutti defcriverai le mutationi delle membra e giunture , e quali 
ingraftano o dimagrano. 

Trecetti di pittura. GAP. LVIII. 

Sempre il pittore deve cercar la prontitudine ne gì' atti naturali 
fatti da gì' huomini all' improvifo , e nati da potente effe^tione de* 
loro affetti , e di quelli far brevi ricordi ne' fuoi libretti , e poi a 
fiioi propofiti adoperarli, col fare ftare un huomo in quel medefimo 
atto, per veder la qualità & afpetti delle membra che in tal atto 
fi adoprano. 



Come 



DI LIONARDO DA VINCI. ij 

Come la pittura de-je ejfer n)!jìa da una fola fiueflra . GAP. L I X. 

La pittura deve efler vifta da una (bla fineftra , come appare 
per cagione de' corpi coli fatti . E fé tu vuoi fare in un' altezza una 
palla rotonda, ti biiogna farla lunga à iìmilitudine d'un uovo, e ftar 
tanto in dietro eh' ella fcorciando apparifca tonda . 

Veir ombre. GAP. LX. 

L' ombre le quali tu difcerni con difìfìcultà , & i loro termini 
non puoi conofcere, anzi con confufb giuditio le pigli > e trasferirci 
nella tua opera, non le farai finite, o veramente terminate, fi che 
la tua opera fia d' ingegnofa rifblutionc , 

Coftje fi dehhono figurare i putti . GAP. L X I. 

Li putti piccioli {{ debhon figurare con atti pronti e ftorti 
quando feggono , e nello dar ritti , con atti timidi e paurofi . 

Come f dehhono fgurar i secchi , GAP. L X 1 1. 

Li vecchi devono elTer fatti con pigri e lenti movimenti, e le 
gambe piegate con le ginocchia, quando ftanno fermi, i piedi pari, 
e diftanti 1' un dall' altro , fiano declinati in baffo , la tefta inanzi 
chinata, e le braccia non troppo diftefe . 

Come fi dehhono fgurar le secchie . GAP. L X I II. 

Le vecchie fi devon figurar ardite , e pronte , con rabbiofi mo- 
vimenti, a guifa di furie infernali, & i movimenti devono parer più 
pronti nelle braccia e tefta , che nelle gambe . 

Come fi dehhono fgurar le donne . GAP. L X I V. 

Le donne fi devono figurar con atti vergognofi, le gambe in- 
fieme rifirette, le braccia raccolte infieme, tefte bafle , e piegate in 
traverfo . 

Come fi de've fgurar una notte . GAP. L X V, 

Quella cofa che è priva interamente di luce, e tutta tenebre: 
euendo la notte in fimile conditione , fé tu vi vogli figurar' un' hi- 
Iforia, farai, che effendovi un gran fuoco, quella cofa che è propin- 
qua a detto fuoco pili {] tinga nel filo colore, perche quella co(a 

che 



i(S TRATTATO DELLA PITTURA 

che è più vicina all'obbietto, più partecipa della Tua natura: e fa- 
cendo il fuoco pendere in color roifo , farai tutte le co(e illuminate 
da quello ancora rofìeggiare , e quelle che fon più lontane a 
detto fuoco , più fìano tinte del color nero della notte . Le figure 
che fon fatte innanzi al fuoco appanfcono fcure nella chiarezza d' ef^ 
fo fuoco, perche quella parte d' e(Ta co(a che vedi è tinta dall' ofcu-^ 
rità della notte , e non dalla chiarezza del fuoco : e quelle che i] 
trovano da i lati , fìano mezze ofcure , e mezze rofleggianti : e quelle 
che fi poiTono vedere dopo i termini della fiamma, faranno tutte 
allumate di roffeggiante lume in campo nero. In quanto agl'atti, 
farai quelli , che fono apprelTo , farfì feudo con le mani , e con i 
mantelli riparo dal foverchio calore, e voltati col vifo in contraria 
parte , mollando fuggire : quelli più lontani , farai ^ran parte di lo- 
ro farfi con le mani riparo a gì' occhi olTefi dal foverchio fplendorc i 

Come fi àeue figurar una fortuna . GAP. L X V I , 

. Se tu vuoi figurar bene una fortuna, confiderà e pondera be- 
ne i Tuoi effetti, quando il vento foffiando fopra la fiiperficie del 
mare, o della terra, rimove, e porta feco quelle cofe che non fo- 
no ferme con la mafia univerfàle . E per figurar quella fortuna , fa- 
rai prima le nuvole fpezzate e rotte, drizzate per lo corfo del ven- 
to , accompagnate dall' arenofe polveri , levate da i lidi marini : e 
rami e foghe , levate per la potenza del vento , fparfe per 1' aria in 
compagnia di molte altre cofe leggiere : pF alberi & herbe piegate a 
terra , quafi moftrar di voler feguir il corfo de' venti , con i rami 
fìorti fuor del naturale corfo , con le fcompigliate e rovefciatc fo- 
glie : e gì' huomini , che vi fi trovano , parte caduti e rivolti per li 
panni , e per la polvere quafi fiano fconofciuti , e quelli che reflano 
ritti, fieno dopo qualche albero abbracciati a quello, perche il ven^ 
to non li flrafcini : altri con le mani a gì' occhi per la polvere chi- 
nati a terra , & i panni & i capelli dritti al corfo del vento . Il 
mare turbato e tempeftofo fia pieno di ritrofa fpuma infra 1' elevate 
onde , & il vento faccia levare infra la combattuta aria della fpu- 
ma più fiottile, a guifa di fpefia & avviluppata nebbia. Li navilij 
che dentro vi fono alcuni fenc faccia con vela rotta , & i brani 
d' elTa ventilando fra 1' aria in compagnia d'alcuna corda rotta: al- 
cun con alberi rotti caduti col navilio attraverfato e rotto infra le 
tempeftofe onde , & huomini gridando abbracciare il rimanente del 
navilio . Farai le nuvole cacciate da impetuofi venti , battute nell' 
alte cime delle montagne , far a quelli avviluppati ritorti , a fimili- 
tudinc dell' onde percoffe nelli fc ogl i : l'aria fpaventofa per 1* ofcure 
tenebre, fatte dalla polvere ^ nebbia e nuvoli folti, 

Qoyne 



DI LIONARDO DA VINCI. 17 

Coìiie fi deue Jìgttrare ima hatt.^gUa . GAP. L X V 1 1. 

Farai prima il fumo dell'artiglieria mifchiato infra l'aria infie- 
yne con la polvere molla dal movimento de' cavalli de' combattitori , 
la qual miftione ufcrai co(ì . Là polvere , perche è cofa terreRre e 
ponderofa, e benché per la Tua fòttilità facilmente fi levi e mcfcoli 
infra l'aria, nientedimeno volentieri ritorna a baffo, & il Tuo fom- 
mo montare è fatto dalla parte più fottile . Adunque il meno fìa 
veduta , e parrà quali del color dell' aria . Il fumo che fi mifchia 
infra l'aria polveratn . quando poi s'alza a certa altezza, parerà of- 
cure nuvole , e vedranTi nella fommità più efpeditamente il fumo 
che la polvere , &: il fumo penderà in colore alquanto azzurro , e 
la polvere terrà il fuo colore . Dalla parte che viene il lume parrà 
qucfla miif ione d' aria , fumo e polvere molto più lucida che dalla 
oppolita parte . Li combattenti quanto più fiano infra detta turbo- 
lenza, tanto m^no (\ vederanno, e meno diiTerenza farà da i loro 
lumi alle loro ombre. Farai rofleggiarc i vifi, t le perfone , e l'a- 
ria, e gli archibugieri infieme con quelli che vi fono vicini. Et det- 
to roffore quanto più fi parte della Tua cagione, più fi perda, e le 
figure che fono infra te & il lume , effendo lontane , parranno ofcu- 
re in campo chiaro , e le lor gambe quanto più s' apprefferanno al- 
la terra , meno fiano vedute ■■, perche la polvere vi è più groOa e 
Ipeffa. E (è farai cavalli correnti fuori della turba, fa gli nuvolcttì 
di polvere diflanti 1' uno dall' altro , quanto può elTer 1' intervallo 
de' falti fatti dal cavallo , e quel nuvolo che è più lontano dal detto 
cavallo, meno {\ veda, anzi fia alto, fparfo, e raro, &: il più preffo fia 
il più evidente, e minore, e più denfo. L' aria fia piena di fàettu- 
me in diverfe ragioni : chi monti , chi fcenda , qual fia per linea 
piana : e le pallottole de gli fcoppetieri fiano accompagnate d' al- 
quanto fumo dietro di lor corfi , e le prime figure farai polverofc 
ne' capelli , e ciglia , e altri luoghi atti a foftener la polvere . Farai i 
vincitori correnti con i capelli e altre cofe leggiere fiDarfe al vento, 
con le ciglia bafTe, e caccino contrari) membri inanzi , cioè fé man- 
deranno manzi il pie deftro, che il bracchio ftanco ancor eOo ven- 
ga inanzi , e fé farai alcun caduto , farai il fegno fdrucciolare su per 
la polvere condotto in fanguinofo fango : & intorno alla mediocre li- 
quidezza della terra farai vedere {lampare le pedate de gf huomini 
e de' cavalli che fono paffati . Farai alcuni cavalli ftrafcinar morto 
il fuo fignore , e di dietro a quello lafcla per la polvere e fango il 
fegno dello ftraicinato corpo. Farai li vinti e battuti pallidi, con le 
ciglia alte, e la loro conjuntione, e carne che refla fopra di loro, 
fia abbondante di dolenti crefpe . Le fauci del nafo fiano con al- 
quante grinze partite in arco dalle narici, e terminate nel principio 

C dell' 



i8 TRATTATO DELLA PITTURA 

dell'occhio. Le narici aire, cagione di dette pieghe, e 1' arcate lab- 
bra fcuoprino i denti di fopra . 1 denti fpartiti in modo di gridare 
con lamento. Una delle mani faccia feudo alli paurofì occhi, vol- 
tando il di dentro verfo il nimico, 1' altra ftia a terra a follenere il 
ferito bufto . Altri farai gridanti con la bocca sbarrata , e fuggenti i 
farai molte forte d' armi infra i piedi de' combattitori , come feudi 
rotti , lance , fpade , & altre limili cofc . Farai huomini morti , al- 
cuni ricoperti mezzi dalla polvere , <;^ altri tutti . La polvere che lì 
mefcola con 1' ufcito {angue convertirli in rofìo fango , e vedere il 
fangue del fao colore correre con torto corlb dal corpo alla polve-^ 
re . Altri morendo llrignere i denti , travolgere gì' occhi , flrigner le 
pugna alla perfona , e le gambe ftorte. Potrebbelì vedere alcuno di- 
larmato & abbattuto dal nemico , volgerfì a détto nemico con mor- 
fì e graffi , e far crudele & afpra vendetta . Potrialì vedere alcun ca- 
vallo voto e leggiero correre con i crini fparfi al vento fra i nemi- 
ci , con i piedi far molto danno , e vederli alcuno ftroppiato cade- 
re in terra , e farli coperchio col fuo feudo , & il nemico piegato a 
balTo far forza di dargli morte . Potrebbonli vedere molt' huommi 
caduti in un gruppo fotto un cavallo morto. Vedranli alcuni vincito- 
ri lafciar il combattere , & ufcire dalla moltitudine , nettandoli con 
le mani gì' occhi , & le guancie coperte di fango , fatto dal lacri- 
mar de gì' occhi per caufa della polvere . Vedranli le fquadrc del 
foccorfo Bar piene di Iperanza e di fofpetto , con le ciglia aguzze, 
facendo a quelle ombra con le mani , e riguardare infra la folta & 
olcura caligine, e Ilare attente al commandamento del Capitano. Si 
può far ancora il capitano col baftone levato, corrente, & in ver- 
fo il fuo corlb moftrare a quelli la parte dov' è di loro bifogno . Et 
alcun fiume, dentrovi cavalli correnti, riempiendo la circolfante ac- 
qua di turbolenza d' onde, di Ipuma, e d' acqua confufa (aitante 
inverfo l'aria, e tra le gambe e corpi de' cavalli- E non far niffun 
luogo piano dove non liano le pedate ripiene di fangue . 

T>el modo di condurre vi pittura le cofe lontane . GAP. LXVIII. 

Chiaro li vede efTere un' aria grolla piiì che 1' altra , la quale 
confina con la terra piana, e quanto più li leva in alto, più è fot- 
tile e trasparente . Le cofe elevate e grandi , che fiano da te lonta- 
ne , la lor baffezza poco fia veduta , perche la vedi per una linea 
che paffa fra 1' aria più grofla continuata . La fommità di detta al- 
tezza li prova eflere veduta per una linea , la quale , benché dal 
canto dell' occhio tuo li cauli nell' aria groiTa, nondimeno termi- 
nando nella fomma altezza della cola viRa, viene a terminare in aria 
molto più fottile che non fa la fua baffezza ; per quella ragione quefta 

li- 



DI LIONARDO DA VINCI. i^ 

linea quanto pia s' allontana da te di punto in punto , lempre muta 
qualità di lottile in più ibttile aria. Adunque tu, pittore, quando 
fai le montagne, tà che di colle in colle Tempre T altezze lìeno 
pili chiare che le ballezze : e quanto le farai più lontane l' una 
dall'altra, fa le altezze più chiare, e quanto più iì leverà in alto, 
più moltrcrà la varietà della forma e colore, 

Cowf l'aria ^ denje fare più chiara (jitanto più la fai Jììitr bajja, 

GAP. LXIX. 

Perche queft' aria è grofTa prefTo alla terra, e quanto più fi le- 
va , più s' allbttiglia , quando il fole e per levante , riguarderai ver- 
fo ponente , partecipante di mezzodì e tramontana , e vedrai quel!' 
aria grolla ricevere più lume dal fole che la fottile , perche i raggi 
trovano più refìf-lcnza . E fé il cielo alla viila tua terminerà con la 
bafTa pianura, quella parte ultima del cielo fìa veduta per quell'aria 
più grolfa e più bianca , la quale corromperà la verità del colore 
che iì vedrà per Tuo mezzo , e parrà il cielo più bianco che fopra 
te , perche la linea vifualc pafTa per meno quantità d' aria corrotta 
da grofTì humori . Et fc riguarderai invcrfo levante , 1' aria ti parrà 
più ofcura, quanto più s' abballa, perche in dett' aria balta i raggi 
luminofì meno palTano . 

A far che le fgtire fpirchlìi» dal lor Campo . GAP. L X X. 

Le figure di qualunque corpo più parranno rilevar e fpiccare dalli 
loro campi, delle quali elTi campi fieno di color chiari olcuri, con 
più varietà che fìa polTibile nelli confini delle predette figure, come 
fia dimofkato al Tuo luogo, e che in detti colori fia offervato la di- 
minutione di chiarezza ne' bianchi, e di ofcurità nelli colori olguri . 

"Del figurar le gra>ìclez.-z,e delle cofe dipinte. GAP. LXXI, 

Nella figuratione delle grandezze che hanno naturalmente le co- 
fe antcpoffe all' occhio , fi dcbbcmo figurare tanto finite le prime fi- 
gure , eflendo picciole come 1' opere de* miniatori, come le grandi 
de' pittori : ma le picciole de' miniatori debbono, elfer vedute d' ap- 
prclTo e quelle del pittore da lontano h coli facendo elTe figure deb- 
bono , cornfpondcrc all'occhio con egual grolfqzzai e quello na- 
fce perche elle vengono con egual grandezza d' angolo , il che 
fi prova cofi : fia 1' obbietto B.C. { Fig. 3.) e l'occhio fia A. e 
D. E. fia una tavola di vetro per la quale penetrino le fpecie del 
B. G. Dico che ftando fermo 1' occhio A. la grandezza della pittura 

G 2 ^ tatta 



20 TRATTATO DELLA PITTURA 

fatta per l' imitatione di effo B. C. deve eflere di tanto minor figu- 
ra , quanto il vetro D, E. , farà più vicino all' occhio A. e deve ef- 
fere egualmente finita . E fé tu finirai efTa figura B. C. nel vetro 
D. E. la tua figura deve efìere meno finita che la figura B. C. e 
più finita che la figura M. N. fatta fu '1 vetro F, G. perche fc P. O. 
figura fulTe finita come la naturale B. C. la profpettiva d' effo O. P. 
farebbe falfa , perche quanto alla diminutione della figura effa dareb- 
be bene , effendo B. C. diminuito in P. O. ma il finito non li ac- 
corderebbe con la dif^anza , perche nel ricercare la perfetione del fi- 
nito del naturale B. C. allora B. C. parrebbe nella vicinità O. P. ma 
fé tu vorrai ricercare la diminutione del O. P. eflo O. P. par effe- 
re nella diftanza B. C, e nel diminuire del finito al vetro F. G. 

Velie cofe finite , e delle confufe . GAP. L X X I L 

Le cofe finite e fpedite fi debbono far d' appre(To , e le confu- 
fe, cioè di termini confuii, fi fingono in parti remote, 

"Delle figure che fon feparate , acc'ioche non paiano congiunte . 

GAP. LXXIIL 

Li colori di che tu vefti le figure fieno tali che diano gratia 
l'uno air altro: e, quando un colore fi fa campo dell'altro, fìa 
tale che non paiano congiunti &: appiccati infìeme , ancor che fuf- 
fero di medefima natura di colore , ma fieno varij di chiarezza ta- 
le, quale richiede 1' interpofitione della diftanza, e della groffezza 
dell' aria , che fra loro s' inframette , e con la medefima regola vadi 
la notitia de' loro termini, cioè più o meno efpediti o confuii, fe- 
condo che richiede la loro propinquità o remotione . 

Se il lume dei/ ejjer tolto tn faccia , o da parte , e quale da più gratta . 

GAP. LXXIV, 

11 lume tolto in faccia alli volti pofti a pareti laterali, le quali 
fìano ofcure , fia caufa che tali volti haranno gran rilievo , e maHi- 
me havendo il lume da alto : e quefto rilievo accade , perche le 
parti dinanzi di tal volto fono alluminate dal lume univerfale dell' 
aria, a quello antcpofta, onde tal parte alluminata ha ombre quafì 
infènfibili, e dopo effe parti dinanzi del volto fe^uitano le parti la- 
terali, ofcurate dalle predette pareti laterali delle flanzc, le quali 
tanto più ofcurano il volto, quanto effo volto entra fra loro con le 
fue parti : &. oltre di quefto feguita che il lume che fcende da alto 
priva di fé tutte quelle parti alle quali è fatto feudo dalli rilievi del 

volto, 



DI LIONARDO DA VINCI. 21 

volto , come le ciglia che fottrag^ono il lume all' incaCfatura de gì' 
occhi, &i il nafo che lo toglie a gran parte della bocca, & il men- 
to alla gola , e fimi li altri rilievi . 

Velia rherheratiofie , GAP. LXXV. 

Le riveiI)erationi fon caulate da i corpi di chiara qualità, di 
piana e femidenfà fuperficie , li quali percofFi dal lume , quello a fi- 
militudine del balzo della palla ripercuote nel primo obbietto. 

Vo've non può ejfcr rt-verberatione lumimfa. GAP. LXXVL 

Tutti i corpi dcnfi fi vertono le loro fuperficie dì varie qualità 
di lumi & ombre. I lumi fono di due nature, 1' uno lì domanda 
originale , e 1' altro derivativo . L' originale dico eflcre quello che 
deriva da vampa di fuoco , o dal lume del fole , o aria . Lume 
derivativo fìa il lume reflelTo , Ma per tornare alla promelfa defìni- 
tione, dico che riverberatione luminofa non fìa da quella parte del 
corpo che fìa volta a corpi ombrofì , come luoghi ofcuri di tetti di 
vane altezze, d' herbe , bofchi verdi o fecchi , li quali, benché la 
parte di ciafcun ramo volta al lume originale fi verta della qualità 
d'elio lume, nientedimeno fono tante l'ombre fatte da ciafcun ra- 
mo r un fìi l'altro, che in fomma ne relulta tale ofcurità , che il 
lume vi è per niente : onde non poiTono fimili obbietti dare a i 
corpi oppofìti alcun lume riHerto . 

Vi rifiejj;. GAP. L XXVII. 

Li riflelFi fiano partecipanti tanto più o meno della cofa dove 
fi generano , che della cofa che li genera , quanto la cofa dove fi 
generano è di più pulita fuperficie di quella che li genera. 

Ve r'ijìejjì de lumi che circondano V ombre . GAP- LXXVIII. 

Li riflerti delle parti illuminate che rifaltano nelle contrapofte 
ombre alluminando o alleviando più o meno la loro ofcurità , fe- 
condo che elle fono più o meno vicine , con più o meno di chia- 
rezza , quefta tal confideratione è mclTa in opera da molti , e molti 
altri fono che la fuggono, e quefti tali fi ridono 1* un dell' altro. 
Ma tu per fuggir le calunnie dell'uno e dell'altro, metti in opera 
r uno e r altro dove fon necclTarij , ma fa che le loro caufe fieno 
.note , cioè che C\ veda maniferta caufa de i riflerti e lor colon , e 
cofi manifefta la caufa delle cofc che non riflettono; e facendo cofì 

non 



22 TRATTATO DELLA PITTURA 

non f^rai interamente biafimato , ne lodato dalli varij giuditij, li 
quali, fé non faranno d'intera ignoranza, iìq, neceffario che in tutto 
ti laudino fi l' una come l'altra ietta. 

!DoT/f ì rij!f/jì de lumi fo>!0 di Maggior o nimor chtarc'z,'z.a . 

GAP. LXXIX. 

Li riflefTì de' lumi fono di tanto minore o maggiore chiarezza 
^ evidenza, quanto efTì fieno veduti in campi di maggiore o mi- 
nore ofcurità : e quefto accade , perche fé il campo è piiì ofcuro 
che il riflelTo, allora eOo riflclìo làrà forte & evidente per la diffe- 
renza grande che hanno effi colori infra loro : ma fé il riflenfo farà 
veduto in campo più chiaro di lui , allora tal rif^eflo Ci demo- 
rtrerà e(fere ofcuro rifpetto alla bianchezza con la quale confina , e 
cofi tal rifielfo farà infenfibik . 

^al part( del rifieffo farà più chiara . GAP. L X X X. 

Quella parte farà più chiara o alluminata dal rifleffo, che ricc- 
ve il lume intra angoli più eguali . Sia il lurninofc) N. {Tig. 4.) e lo A. B. 
fia la parte del corpo illuminata , la quale rifatta per tutta la con- 
cavità oppofita, la quale è ombrofa. E fia che tal lume, che riflet- 
te in F, fia percofTo infra angoli eguali . E. non farà nflcllo da 
bafe d' angoli eguali, come fi molerà T angolo E. A. B, che è più 
ottufo che r angolo E. B. A. ma f anaolo A. F. B. ancor che fia in- 
fra gf angoli di minor qualità che 1' angolo E. egli ha bafe B. A. 
che è tra gf angoli più eguali che cfìo angolo E. e però fia più 
chiaro m F. che in E. & ancora farà più chiaro, perche farà più 
vicino alla cofa che 1' allumina , per la fella che dice : Quella par- 
te del corpo ombrofo farà più alluminata che farà più vicina al 
fuo luminofo . 

Ve' colori rijìejfi della cardie. GAP. LXXXL 

Li riflelTi della carne che hanno lume da altra carne fono più 
roffi , e di più eccellente incarnatione che nilfun' altra parte di car- 
ne che fia neir huomo: e quefto accade per la 3.' del 2° libro, che 
dice: La fuperficie d' ogni corpo opaco partecipa del colore del fuo 
obbietto i E tanco più quanto tale obbietto gli è più vicino , e tanto 
meno quanto gli è più remoto, e quanto il corpo opaco e mag- 
giore , perche effendo grande elfo impedifce le fpetie de gì' obbietti 
circofUnti, le quali fpelfe volte fono di color vari; , li quali corrom- 
pono le prime fpecie più vicine, quando li corpi fono piccioli: ma 

non 



DI LIONARDO DA VINCI. 23 

non manca che non tinga più un riflelTo un picciolo colore vicino, 
che un color grande remoto , per la 6.* di profpcttiva , che dice : 
Le cole grandi potranno eflere in tanta diilanza, eh' elle parranno 
minori ailai che le picciole d' apprello , 

Vo^f li y'tfleffì fono pà faifibilt. CA?. LXXXII. 

Quel rifleflo farà di più fpedita evidenza, il quale è veduto 
in campo di maggior ofcurità, e quel fìa meno fenfibile, che fi ve- 
drà in campo pai chiaro : e quefto nafce che le cofe di varie of- 
curità porte in contrailo , la meno ofcura fa parere tenebrofa quel- 
la che è più ofcura , e le cofe di varie bianchezze porte in contra- 
rto , la più bianca fa parere 1' altra meno bianca che non è. 

Ve rtflefi duplicati e triplicati. GAP. LXXXIIL 

Li riflefl'i duplicati fono di maggior potenza che li riflefTì fem- 
plici , e r ombre che s* interpongono inha '1 lume incidente & erti rit 
jlelli fono di poca ofcurità. Per efempio fia A. (Fig.y) il luminofo AN. 
AS. i diretti, S. N. lìan le parti d' efTì corpi alluminate, O. E. fian 
le parti d'erti corpi alluminati da i reflerti : & il reflerto A- N. E. è 
il ririerto femplice, A. N. O. AS. O. è il riflert"© duphcato . Il riflef- 
fo femplice è detto quello , che folo da uno alluminato è veduto , 
& il duplicato è vifto da due corpi alluminati, & il femplice. E. è 
fatto dall' alluminato B. D. il duplicato O. fi compone dall' allumi- 
nato B. D. &: dall' alluminato D. R. e 1' ombra fua è di poca of- 
curità , la quale s' interpone infra '1 lume incidente N. & il lume 
nflerto NO. SO. 

Come >ìijfioì colore riflejjo è femplice , wa è mijlo con le fpetie 
de gV altri colon. GAP. LXXXIV. 

Nlrtun colore che rifletta nella fuperficie d' un altro corpo , 
tinge erta i'uperficie del fuo proprio colore-, ma farà mirto con li 
concorfi de gl'altri colori riflerti , che nfaltano nel medefimo luogo: 
come farà il color giallo A. {Fig.6.) .che rifletta nella parte dello sfe- 
rico G. O. E. e nel medefimo luogo reflette il colore azzurro B. Di- 
co per qucrta liflcrtione mirtc'^ di giallo e di azzurro , che la percuf 
lione del fuo concorfb tingerà lo sferico i e che s* era in fé bianco , 
lo farà di color verde , perche provato è eh' il giallo e 1' azzurro 
mirti infieme fanno un bellirtimo verde . 



Qotne 



24 



TRATTATO DELLA PITTURA 



Come rar'tjTime njolte li r'tfleff f(j)i\ del colore del co/pó d^nje Jt co>ìgtu}]gono . 

GAP. LXXXV, 

Rariffime volte avviene che li riflefri fiano del medefìmo colo- 
re del corpo, o del proprio dove fi congiungono: per cfennpio fìa lo 
sferico D. F. G. E. {F'^.'j.) giallo, e 1' obbietto che gli riHette addo(To 
il Tuo colore fia B. C. il quale è azzurro , dico che la parte dello sfe- 
rico , eh* e percofla da tal rifleffione, fi tingerà, in color verde, ef- 
fendo B. C. alluminato dall' aria o dal fole . 

Vo'-ve più fi njedra il rtflejfo . GAP- LXXXVL 

Infra '1 rifleflb di medefima figura, grandezza, e potenza, quel> 
la parte lì dimoftra più o meno potente , la quale terminerà in cam- 
po più o meno ofcuro . 

Le fuperficie de' corpi partecipano più del colore di quelli ob- 
bietti li quali riflettono in lui la Tua fìmilitudine infra angoli più 
eguali . 

De' colori de gì' obbietti che riflettono le fue fìmilitudini nelle 
fuperficie de gì' antcpofli corpi infra angoli eguali , quel farà più po- 
tente , il quale avrà il ilio raggio rifleflb di più breve lunghezza . 

Infra li colori de gì' obbietti , che fi riflettono infra angoli c- 
guali , e con qualche dilbnza nella fi.iperficie di contrapoili corpi, 
quel farà più potente, che farà di più chiaro colore. 

Queir obbietto riflette più indenfamente il fuo colore ncU' antc- 
pofto corpo il quale non ha intorno a fé altri colon che della fua 
fpecie . Ma quel rifleffo farà di più confufo colore , che da varij 
colori d' obbietti è generato . 

Quel colore che farà più vicino al rifleflb, più tingerà di f? 
eflb rifleflb , e cofi è conyerfo . 

Adunque tu , pittore , fa adoprare ne' riflefll dell' effìgie delle 
figure , il colore delle parti de' veilimenti che fono preflo alle parti 
delle carni che le fono più vicine: ma non feparare con troppa lo- 
ro pronuntiatione fé non' bifogna . 

Ve colori deriflefi.: GAP, LXXXVIL 

Tutti ì colori rifleflì fbno di manco luminofità che il lume 
retto , e tale proportione ha il lume incidente col lume rifleffo , 
quale è quella che hanno infra loro le luminofità delle loro caufe, 



Ve 



DI LIONARDO DA VINCI. 2$ 

Ve termini de y'tflefi nel fuo campo . GAP. LXXXVIII. 

Il termine del riflelTo in campo più chiaro d' elTo rifledo Hirà 
caufa che tale riHelTo farà inlenfìbile : ma fé tale ririello terminerà 
in campo più ofcuro di lui, allora efib riflelTo farà fenfìbile, e tan- 
to più fi farà evidente, quanto tal campo fìa più ofcuro, e cofi è 
convcrfo . 

T>d collocar le figure . GAP. LXXXIX. , 

Tanto quanto la parte dell'ignudo D. A. {Vig.t.) diminuifce 
per pofare , tanto 1* oppoiìta parte crefce : cioè tanto quanto la par- 
te D. A. diminuifce di fua mifura, 1' oppofìta parte fopra crefce al- 
la fua mifura , & il bellico mai efce di fua altezza , overo il mem- 
bro virile i e qucfto abbaffamento nafce , perche la figura che pofà 
fopra un piede , quel piede fi fa centro del foprapoilo pefo : eflen- 
do cofi, il mezzo delle fpalle vi fi drizza di fopra, ufcendo fuori 
della fua linea perpendicolare, la qual linea paiTa per i mezzi fuper- 
ficiali del corpo : e quefta linea più fi viene a torcere nella fua fupe- 
riore eftremità, fopra il piede che pofai i lineamenti traverfi coftret- 
ti a eguali angoli C\ fanno co' loro eftremi più baffi in quella par- 
te che pofa, come appare in A. B. C. 

Del modo d' imparar bene à comporre injìeme le figure nelle hijlorte . 

GAP. XG. 

Quando tu barai imparato bene profpettiva, & barai à mente 
tutte le membra & i corpi delle cofe , fij vago fpelTe volte nel tuo 
andar a fpallo , vedere e confiderarc i fiti de gì' huomini nel parla- 
re , o nel contendere, o nel ridere, o azzuffarfi infieme, che atti fia- 
no in loro , e che atti faccino i circoftanti , fpartitori , e veditori 
d' elle cofe , e quelle notare con brevi fegni in un tuo picciol libretto, 
il quale tu debbi fempre portar teco: e fia di carte tinte, acciò non 
r abbi à fcancellare , ma mutare di vecchio in nuovo i che quefte 
non fon cofe da cflere fcancellate , anzi con grandilfima diligenza 
ferbate, perche fono tante l'infinite forme & atti delle cofe, che la 
memoria non è capace a ritenerle; onde quelk riferberai come tuoi 
aiutori e maeftri . 

"Del por prima una figura nell ' hifiorta . GAP. X G I. 

La prima figura nell' hiftoria farai tanto minore che il natura- 
le , quante braccia tu la figuri lontana dalla prima linea, e poi più, 
r altre a comparatione di quella, con la regola di fopra. 

D Modo 



2(5 TRATTATO DELLA PITTURA 

Modo del comporre le hijiorìe. GAP, XCII, 

Delle figure che compongono 1' hiftorie, quella (ì dimoftrerà di 
rnaggior rilievo la quale farà finta efler più vicina all' occhio: que- 
fìo accade per la 2.* del 3." che dice: Quel colore fi dimoftra di 
maggior perfettione, il quale ha meno quantità d' aria interpofta fra 
fé e r occhio che lo giudica : e per quefto Y ombre , le quah mo- 
ftrano li corpi efiere rilevati , fi dimoftrano ancora più ofcure d* ap- 
preflo che da lontano, dove fono corrotte dall' aria interpofla fira 
r occhio & c(\'c ombre : la qual cofà non accade nell' ombre vicine 
air occhio , dove ede moilrano li corpi di tanto maggior rilievo 
quanto effe fono di maggiore ofcurità . 

Del comporre V hifiorie . GAP. XGIIL 

Ricordati , pittore , quando fai una fola figura , di fuggire gli 
fcorci di quella, fi delle parti, come del tutto, perche tu havere- 
fti à combattere con 1' ignoranza de gì' indotti in tal arte ■■, ma nell' 
hiftorie fanne in tutti i modi che ti accade , e maffime nelle batta- 
glie , dove per necefìTità accadono infiniti fcorciamenti e piegamenti 
delli componitori di tal difcordia, o vuoi dire pazzia bcftialilfima ^r 

Varietà à' huom'int neW hijlor'ie . GAP. XCIV- 

Neil' hifiorie vi devono effer huomini di varie complefTioni , 
dature, carnagioni, attitudini, grafTezze , magrezze, grofTì, fottili j 
grandi, piccioh , graffi, magri, fieri, civili, vecchi, giovani, forti e 
mufcolofi , deboli e con pochi mufcoli , allegri , malinconici , e con 
capelli ricci e diftefi, corti e lunghi, movimenti pronti e languidi, e 
cofi varij abiti, e colori, e qualunque cofa in effa hifloria fi richiede. 

T^eir imparar II mo'vhncnn dell' huomo . GAP. XGV. 

Li movimenti dell' huomo vogliono effere imparati dopo la co- 
gnitione delle membra, & del tutto, in tutti li moti delle membra 
e giunture , e poi con breve notatione di pochi fegni vedere 1' attitu- 
dine de gì' huomini nelli loro accidenti , fenza eh* efTì s* avvegghino 
che tu li confideri : perche avvedendofene haveranno la mente oc- 
cupata a te , la quale bavera abbandonato la ferocità del fuo atto , 
al quale prima era tutta intenta, come quando due irati contendono 
infieme , eh* a ciafcuno pare haver ragione , li quali con gran fero- 
cità muovono le ciglia, e le braccia, e gì' altri membri, con atti 
appropriati alla loro intentione , & alle loro parole i il che far 

non 



DI LIONARDO DA VINCI. 27 

non potrcfti, Ce tu gli volcHi far lìngcrc tal ira, o altro accidente, 
come rifo, pianto, dolore, ammiratione, paura, e fìmili: iìcche per 
quello fìi vago di portar teco un libretto di carte ingenate , e ccn 
lo ftile d' arc^ento nota con brevità tali movimenti, e iimilmcnte no- 
ta gì' atti de' circoilanti , e loro compartigione , e quello t' infe^neru 
a comporre 1* hiflorie : e quando barai pieno il tuo libretto, mettilo 
da parte , e ferbalo al tuo proposito ; &z il buon pittore ha da of- 
fervare due cofe principali , cioè 1' huomo , & il concetto fuo della 
mente, che Terbi in te, il che è importantifl'imo . 

Del comporre V h'iflorìe . GAP. XCVI. 

Lo ftudio de' componimenti dell' hiflorie deve efferc di porre 
le figure difgronatamentc , cioè abbozzate, e prima faperle ben fare 
per tutti li verfi , e piegamenti, e diftendimcnti delle loro membra 3 
di poi fìa prefb la defcrittione di due che arditamente combattlno 
infieme , e quefta tale inventione fia efaminata in varij atti , & in 
varij afpetti: di poi fia feguito il combattere dell' ardito col vile e 
paurofo i e quefte tali attioni , e molti altri accidenti dell' animo , 
fiano con grande efiiminationc , e ftudio fpeculate . 

Della rvar'teth mìV btfìovie. GAP. XGVII. 

Dilcttifi il pittore ne' componimenti dell' hiftoriè della copia e 
varietà , e fugga il replicare alcuna parte che in elTa fatta fia , ac- 
cioche la novità & abbondanza attragga a fi: & diletti 1' occhio del 
riguardante . Dico dunque che nell' hiftoria fi richiede , fecondo ì 
luoghi, mifii gì' huomini di diverfe effigie, con diverfc età oc habi- 
ti , infieme mcfcolati con donne, fanciulli, cani, cavalli, 6c edifici], 
campagne , e colli : e fia ofTervata la dignità &: decoro al principe 
& al favio , con la feparàtione dal volgo : ne meno meicolerai li 
malenconici e piangenti con pT allegri , e ridenti: che la natura dà 
che gl'allegri ftiano con gì' allegri, e li ridenti con i ridenti, e coiì 
per il contrario. 

Del d'i^erjìjìcctre l ' urte de njohì neli ' hìjìor'ie . GAP. XGVII I, 

Gomun difetto è ne' pittori Italiani il riconofccrfi 1' aria e figu- 
ra dell'Imperatore, mediante le moke figure dipinte: onde per fug- 
gire tale errore , non fiano fatte , ne replicate mai , ne in tutto , ne 
m parte le medefime figure , ne eh' un volto fi veda nelf altra hi- 
ftoria . E quanto oiTerverai più in una hifioria, eh' il brutto fia vi- 
cino al bello, & il vecchio al giovane, & il debole al forte, tanto 

D 2 pili 



2% TRATTATO DELLA PITTURA 

più vaga farà la tua hiftoria, e l' una per V altra figura accrefcerà 
in bellezza. E perche rpeffo avviene che i pittori, diiegnando quallì- 
voglia cofa , voghono , eh' ogni minimo fegno di carbone fìa valido , 
in quefto s ingannano , perche molte fono le volte , che 1' animale 
figurato non ha li moti delle membra appropriati al moto mentale : 
& avendo egli fatta bella e grata membrificatione , e ben finita , gli 
parerà cofa ingiuriofa a mutare effe membra . 

T)ell accompag)mre li colori V tm con V altro y e che V um disi gratta 

all'altro. GAP. XCIX. 

Se vuoi fare che la vicinità d' un colore dia grafia all' altro che 
con lui confina , ufa quella regola che fi vede fare alli raggi del fo- 
le nella compofitione dell' arco celefte, li quali colon fi generano 
nel moto della pioggia, perche ciafcuna gocciola fi trafinuta nel fuo 
difcenfo in ciafcuno dei colori di tal arco, come s'è dimoflrato al 
fuo luogo . 

Hora attendi, che fé tu vuoi fare un eccellente ofcurità, dagli 
per paragone un eccellente bianchezza, e cofi l'eccellente bianchezza 
farai con la maffima ofcurità i & il pallido farà parere il roflo di più 
focofa roffezza che non parrebbe per fé in paragone del pavonazzo . 
Ecci un altra regola la quale non attende a fare li colori in fé di più 
fuprema bellezza eh' ell'i naturalmente fiano, ma che la compagnia lo- 
ro dia gratia 1' un all' altro , come fa il verde al roffo , e cofi 1' op- 
pofito , come il verde con 1' azzurro . Et ecci una feconda regola ge- 
nerativa di difgrata compagnia , come 1' azzurro col giallo , che bian- 
cheggia, o col bianco, e limili, fi quali fi diranno al fuo luogo. 

T>cl far <vi^i e belli colori nelle fue fu-perjicie . C A P. C 

Sempre a quelli colori, che vuoi che habbino bellezza, prepa- 
rarai prima il campo candidiffimo, e queflo dico de' colori che fo- 
no trafparenti , perche a quelli che non fono trafparenti , non giova 
campo chiaro , e 1' efcmpio di queflo e' infegnano li colori de' vetri , 
li quali quando fono interpofli infra 1' occhio e 1' aria luminofa, fi 
mollrano d' eccellente bellezza, il che far non pofTono, havendo 
dietro a fé 1' aria tenebrofa o altra ofcurità. 

2)<f' colori dell* ombre di qualunque colore. GAP. GL 

Il colore dell' ombra di qualunque colore ferapre partecipa del 
colore del fuo obbietto , e tanto più o meno quanto egli è più vici- 
no o remoto da effa ombra, e quanto elfo è più o meno luminofo. 

Velia 



DI LIONARDO DA VINCI. j^ 

T)ella 'vartetà che fanno li colori delle cofe remote e p*pt)]qus . 

GAP. CIL 

Delle cofe più ofcure che X aria, quella fi dimoftrerìi di minor 
ofcurità , la quale fia più remota: e delle cofe più chiare che Tana, 
quella fi dimoftrerà di minor bianchezza , che farà più remota dall' 
occhio : perche delle cole più chiare e più olcure che Y aria , in 
lunga dilLmza fcambiando colore, la chiara acquifta ofcurità, e 1' 
ofcura acquifta chiarezza . 

/;; (juanta c{tBaiiz,a Jt perdono lì coUri delle cofe tate grame ut e . 

GAP. GUI. 

Li colori delle cofe fi perdono interamente in maggior o mi- 
nor diftanza , fecondo che gì' occhi , e la cofa veduta faranno in mag- 
gior o minor altezza. Provafi per la 7.* di quefto , che «dice; L' aria è 
tanto più o meno grofTa , quanto più ella farà più vicina o remota, 
dalla terra . Adunque fé X occhio e la cofa. da lui veduta faranno 
vicini alla terra , allora la grolTezza dell" aria interpola fra l' oc- 
chio e la cofa , impedirà affai il colore della cofa veduta da eflo 
occhio . Ma fc tal' occhio infieme con la cofa da lui veduta faranno 
remoti dalla terra , allora tal aria occuperà poco il colore del pre- 
detto obbietto : e tante fono le varietà delle diftanzc , nelle quali fi 
perdono i colorì degl' obbietti , quante fono le varietà del giorno , 
e quante fono le varietà delle groffezze o fottilità dell* aria, per le 
quali p-netrano all'occhio le fpecic de' colori delli predetti obbietti, 

Colore dell ' ombra del bianco . GAP. G | V. 

L' ombra del bianco veduta dal fole e dall' aria ha le fue om» 
bre traenti all' azzurro , e quello nafce perche il bianco per fé non 
è colore, ma è ricetto di qualunque colore, e per la 4.' di quello, 
che dice : La fuperficie d' ogni corpo partecipa del colore del fuo 
obbietto i egli è necelTario che quella parte della fuperfìcie bianca par- 
tecipi del colore dell' aria fuo obbietto . 

flual colore farà omb^^ft più nera . GAP. G V. 

Queir ombra parteciperà più del nero , che fi genererà in più 
bianca fuperfìcie , e quefta bavera maggior propenflone alla varietà 
che nilTun' altra fupcrficici e quefto nafce, perche il bianco non è 
connumerato infra li colori , & e ricettivo d' ogni colore , e la fu- 
perfìcie fua partecipa più intenfamentc de' colon delli fuoi obbietti 



so TRATTATO DELLA PITTURA 

che niffun' altra fuperficie di qualunque colore e malTime del fuo 
retto contrario, che è il nero, (o altri colon ofcuri ) dal quale il 
bianco è' più remoto per natura, e per quefto pare, &C e gran de- 
ferenza dalle Tue ombre principali alli lumi principali . 

'Del colore che non mojlva ^jarietà tn njarie groJfez.'Le d ana. 

GAP. CVL 

Pofìibile è che un mededmo colore non faccia mutatione in va- 
rie dirtanze , e quefto accadere q,uando la proportione delle groflez- 
ie dell' arie, e le proportioni delle diftanze che haveranno i colori 
dall'occhio, lìa una mcdelima, ma converla . Provafì cofi: A. {Ft^- 9-) 
iia l'occhio, H. iìa un colore qual tu vuoi, pollo in un grado di di- 
fìanza remoto dall' occhio, m ana di quattro gradi di groiìezza, ma 
perche il 2° grado di fopra A. M. N. L. ha la metà più fottile, l'a- 
ria portando in efia il medehmo colore , è neceflario che tal colore 
iìa il doppio più remoto dall'occhio che non era di prima: adun- 
que gli porremo li due gradi A. F. & F. G. difcolio dall' occhio , e 
ftrà il colore G. , il quale poi alzando nel grado di doppia fottilita 
alla 2.* in A. M. N. L. che farà il grado O. M. P. N., egli è ne- 
ceflario che fia pollo nell'altezza E. , e farà diftante daU' occhio tutta 
la linea A. E., la quale fi prova valere in groflezza d'aria quanto la 
diftanza A. G. , e provafì cofì . Se A. G. difì:anza interpola da una me- 
defìma aria infra 1' occhio e '1 colore occupa due gradi , &; A. E. due 
gradi & mezzo, quefta diftanza è fufficiente a fare che il colore G. al- 
zato in E. non lì varij di fua potenza, perche il grado A.C. &', il gra- 
do A. F. elfendo una medefìma groflezza d'aria fon limili & eguali, & 
il grado C. D. benché lìa eguale in lunghezza al grado F. G. non 
è fìini'e in groflezza d' aria, perche egh è mezzo nell' aria di dop- 
pia grolfezza all' aria di fopra, della quale un mezzo grado di diftan- 
za occupa tanto il colore , quanto lì faccia un grado intiero dell' a- 
ria di fopra , che è il doppio più fottile che V ana che gh confina 
di fotto . Adunque calcolando prima la grolfezza dell' aria, e poi 
le diftanze , tu vedrai i colori variati di fìto , che non havranno mu- 
tato di bellezza j E diremo cofì per la calcolatione della groflezza 
dell'aria: il colore H- è pofto in quattro gradi di grolfezza d'aria: 
G. colore, è pofto in aria di due gradi di groflezza: E. colore fi 
trova in aria d' un grado di grolfezza : ora vediamo fé le diftanze fo- 
no in proportione eguale , ma converfi . Il colore E. fi trova diftan- 
te dall' occhio a due gradi e mezzo di diftanza . Il G. due gradi , 
r H. un grado : quefta diftanza non fcontra con la proportione del- 
la groffezza, ma è neceffario fare una terza calcolatione, e queft' e 
che ti bifogna dire. 11 grado A. C. come fu detto di fopra, è fi- 

mik 



DI LIONARDO DA VINCI. 31 

mile &: eguale al grado A. F. & il mezzo grado C. B. è fìmile ma 
non eguale al grado A. F. , perche è folo un mezzo grado di lun- 
ghezza , il quale vale un grado intiero dell' aria di fopra . Adunque 
la calcolationc trovata fatisf à al propofìto , perche A. C. vai due 
gradi di grolfezza dell' aria di fopra, & il mezzo grado C. B. ne va- 
le un intiero d' eOa aria di fopra, fi che habbiamo tre gradi in va- 
luta d' effa groficzza di fopra, & uno ven* è dentro, cioè B. E. ef 
fo quarto. Seguita A. H. ha quattro gradi di groffezza d'aria: A. G. 
ne ha ancora quattro, cioè A. F. ne ha due, &: F. G. due altri, 
che fa quattro. A. E. ne ha ancora quattro, perche A. C. ne tie- 
ne due , & uno C. D. che è la metà dell' A. C. e di quella mede- 
hma aria, & uno intero ne è di fopra nell'aria fottile che fa quat- 
tro. Adunque fé la dilìanza A. E. non è doppia della diftanza A. G. 
ne quadrupla dalla diftanza A. H. ella è relUurata dal C. D. mezzo 
grado d' aria grofla che vale un grado intero dell' aria più fottile che 
li fl:à di fopra : E cofi e conclufo il noftro propofito , cioè che il 
colore H. G. E. non fi varia per varie diftanze . 

Velia profpettha de colori. GAP. CVII. 

D* un medefimo colore porto in varie diflanze & eguale altezza , 
tal fia la proportione del fuo rifchiaramento , qual farà quella delle di' 
ftanze che ciafcuno d'elfi colori ha dall'occhio che li vede. Provafi, 
fia che E. B. C. D. (Fig. io.) fia un medefimo colore: il i.* E. fia porto 
due gradi di diftanza dall' occhio A : il 2." eh' è B. fia difcorto quat- 
tro gradi: il terzo eh' è C. fia fei gradi: il 4**. eh' è D. fia otto gra- 
di: come moftrano le dcfìnitioni de' circoli che fi tagliano fu la li- 
nea, come fi vede fopra la linea A- R. di poi A. R. S. P. fia un gra- 
do d'aria fottile S. P. E. T. fia un grado d* aria più grolla: feguirà 
eh* il primo colore E. paHerà all' occhio per un grado d' aria grolTa 
E. S. , e per un grado d' aria men groffa S. A. , 6c il colore B. man- 
derà la fua fimilitudine all' occhio A. per due gradi d' aria groffa, 
e per due della men groffa , & il C. la manderà per tre gradi del- 
la groffa , e per tre della men grofìa » & il colore D. per quattro 
della grofla , e per quattro della men grofia , e cofi habbiamo pro- 
vato qui tal effere la proportione della diminutione de' colori , o vuoi 
dire perdimenti , quale è quello delle loro diftanze dalf occhio che 
li vede: e qucrto folo accade ne* colori che fono di eguale altezza, 
perche in quelli che fono d' altezza ineguale , non fi offerva la me- 
defima regola , per efìer loro in arie di varie groiì'ezze > che fanno 
varie occupationi a effi colon . 



Xfel 



32 TRATTATO DELLA PITTURA 

X)el colore che >ion fi muta tn 'vane gyojfeijie d' aria. GAP. CVIII. 

Non fi muterà il colore porto in diverfe groffezze d'aria, quan- 
do farà tanto più remoto dall' occhio 1' uno che 1' altro ; quanto lì 
troverà in più fottil' aria l'uno che 1' altro j Provafi cofi. Se la prima 
aria balta ha quattro gradi di grolTezza , & il colore fìa dillante un 
grado dall' occhio , & la feconda aria più alta habbia tre gradi di 
grolTezza, che ha perfo un grado, fa che il colore acquifli un gra- 
do di diltanza j e quando 1' aria più alta ha perfb due gradi di grof- 
fezza, & il colore ha acquiflato due gradi di diflanza, allora tale è 
il primo colore quale è il terzo ; e per abbreviare , fé il colore s' in- 
nalza tanto eh' entri nell' aria che habbia perfo tre gradi di grolTez- 
za , & il colore acquiftato tre gradi di diftanza , allora tu ti puoi 
render certo, che tal perdita di colore ha fatto il colore alto e re- 
moto , quanto il colore baflb e vicino , perche fé Y aria alta ha per- 
duto tré quarti della grolTezza dell' aria bafTa , il color nell' alzarli ha 
acquiftato li tre quarti di tutta la diftanza per la quale egli fi tro- 
va remoto ciall' occhio ; e cofi fi prova l' intento noftro . 

Se li colori n}artj ^ojfono ejfere o parere ci' una uniforme ofcurita , mediante 

una medejìma ombra . GAP. C I X, 

PolTibile è che tutte le varietà de' colori da una medefìma omr 
bra paiano tramutate nel color d' efTe ombre . Quefto fi manifefta 
nelle tenebre d'una notte nubilola, nella quale nilTuna figura p color 
di corpo lì comprende ; e perche tenebre altro non è che privatio- 
ne di luce incidente e riflelTo, mediante la quale tutte le figure e 
colon de' corpi fi comprendono, egli è neceffario che tolto integra- 
mente la caufa della luce, che manchi T effetto e cognitione de' co- 
lori e figure de' predetti corpi . 

Della caufa de perdimenti de' colori e figure de corpi , mediante le tenebra 
che paiono e non fono . GAP. G X. 

Molti fono i fiti in fé alluminati, e chiari che fi dimoftrano 
tenebrofi , & al tutto privi di qualunque varietà di colon e figure 
delle cofe che in efle fi ritrovano: quefto avviene per caufa della lu- 
ce dell' aria alluminata che infra le cofe vedute e 1' occhio s' inter- 
pone, come fi vede dentro alle fineftre che fono remote dall'occhio, 
nelle quali folo ii comprende una uniforme ofcurità affai tenebrofa: 
fé tu entrerai poi dentro a elTa cafa , tu vedrai quelle in fé effer 
forte alluminate , e potrai fpeditamente comprendere ogni minima 
parte di qualunque cofa dentro a tal fineftra, che trovar fi potelTe . 
- E 



DI LIONARDO DA VINCI, 33 

E quella tal dimortratione nafce per difetto dell'occhio, il quale 
vinto dalla foverchia luce dell'aria, rellringe aliai la grandezza della 
Tua pupilla, e per quello manca alTai della- flia potenza: e nelli luo- 
2;hi pili ofcuri la pupilla fi allarga, e tanto crefce di potenza, quant' 
ella acquilla di grandezza , Provato nel 2." della mia prò (petti va - 

Coiue mlftiìU'. co fa mojìra il jho color njeyo s ella ìwìi ha lum? da un ahr^ 

fìnnl colore . GAP. CXI, 

NclTuna cofa dimoflrcrà mai il Tuo proprio colore, fé il lume 
che r illumina non è in tutto d' elTo colore , e quello fi manitella 
nelli colori de' panni , de' quali le pieghe illuminate, che riflettono o 
danno lume alle contrapofle pieghe , li fanno dimoftrare il lor vero 
colore. Il medefimo là la foglia dell' oro nel dar lume 1' una all'al- 
tra , & il contrario fa da pigliar lume da un' altro colore . 

J)e colorì che jl àtmojlrano cariare dal loro ejjere , mediante U paragoni 

de lor campi . C A P. C X 1 1. 

NelTun termine di colore uniforme fi dimoflrerà elTere eguale, 
Te non termina in campo di colore limile a lui. Quello fi vede mani- 
feflo quando il nero termina col bianco , che ciaicun colore pare più 
nobile nelli confini del fi.10 contrario che non parerà nel fi.10 mezzo . 

T)ella miuatione de colori trafparenti dati meijì [opra dfverjt colon , 
con la lor dt<verfa relattone . C A P. C X 1 1 1. 

Quando un colore trafparente è fopra un' altro colore variato 
da lui , (\ compone un color mirto diverfo da cialcun de' femplici 
che lo compongono . Quello fi vede nel lumo che cfce dal cammi- 
no , il quale quando è rincontro al nero d' eflo cammino fi là az- 
zurro, e quando s' innalza al rifcontro dell' azzurro dell'aria, pare 
berettino , o rolTeggiante . E cofi il pavonazzo dato fopra 1' azzurro 
fi fa di color di viola: e quando l'azzurro fiirà dato lopra il gial- 
lo , egli fi fa verde : & il croco fopra il bianco fi fa giallo : & il 
chiaro fopra l' ofcurità fi fa azzurro, tanto piti bello, quanto il chia- 
ro e r ofcuro faranno più eccellenti . 

Qlucil parte d' un mede fimo colore Jì mojlrera più hella tn pittura. 

GAP. CXIV. 

Qui è da notare qual parte d' un medefimo colore {\ moflra più 
bello in pittura, o quella che ha il luftro, o quella che ha il lume;, 

E o 



34 TRATTATO DELLA PITTURA 

o quella dell' ombre mezzane, o quella dell' ofcure, overo in trafpa- 
rentia . Qui bifogna intendere che colore è quello che lì dimanda : 
perche diverfi colori hanno le loro bellezze in diveria parte di fé me- 
defimi: e quello ci dimollra il nero, che ha la fua bellezza nell'om- 
bre , il bianco nel lume , 1' azzurro , verde , e tanè , nell' ombre mez- 
zane, il giallo e rollo ne' lumi, l'oro ne' rirtelfi , e la lacca nell'om- 
bre mezzane . 

Come ogni colore che }ion ha lujlro è più bello bielle fue parti luminofe che 

nelV ombro fé. GAP. C XV. 

Ogni colore e più bello nella Tua parte alluminata che nell' om- 
bro(a , e quefto nafce , che il lume vivifica e dà vera notitia della 
qualità de' colori , e 1' ombra ammorza & ofcura la medefima bellez- 
za , & impedifce la notitia d'elfo colore. E Te per il contrario il 
nero è più bello nell' ombre , che ne' lumi , fi rilponde che il nero 
non è colore . 

Veli ' e'videtma de colori . GAP. G X V L 

Quella cofa che è più chiara più apparifce da lontano, e la 
più ofcura fa il contrario. 

^Iml parte del colore ragioueijolmente deve ejfer più bella. 

GAP. Gxvn. 

Se A. {Ttg. II.) fia il lume, e B. fia f alluminato per linea da 
elfo lume: E. che non può vedere effo lume, vede folo la parete 
alluminata: la qual parete diciamo che fia roffa . Effendo coli, il 
lume che fi genera alla parete fomiglierà alla fua cagione, e tingerà 
in roffo la faccia E., e fé E. fia ancora egli rollo, vedrai eilere mol- 
to più bello che B. , & fé E. fulfe giallo, vedrai crearfi un color can- 
giante fra giallo e roifo. 

Come il bello del colore debb' eJfer ni lumi , G A Pr G X V 1 1 1. 

Se noi vediamo la qualità de' colori effer conofciuta mediante 
il lume, è da giudicare che dove è più lume quivi {\ vegga più 
la vera qualità del colore alluminato, e dove è più tenebre il co- 
lore tingerfi nel colore d' effe tenebre. Adunque, tu pittore, ricor- 
dati di moftrare la verità de' colori in tal parte alluminate . 



Del 



DI LIONAPvDO DA VINCI. 5^ 

T)el color <vnc{e fatto dalla rugginf di rame. GAP. CXIX. 

Il verde fatto dal rame, ancor che tal color fìa inelTo a oglio, 
Tene va in fumo la Tua bellezza , s' egli non è fubito invernicato : e 
non folamente Tene vh in lumo , ma s' egli farà lavato con una fpo- 
gna bagnata di femplice acqua comune, fi leverà dalla Tua tavola, 
dove e dipinto , e malTimamente s' il tempo farà umido : e quello 
nafce perche tal verderame è facto per forza di fìile , il qual Tale con 
facilità lì rilolve ne' tempi piovofi , e malTimamente clfendo bagnato 
e lavato con la predetta fpogna, 

Aumentat'ioue di hellcz.z.a nel (verderame. GAP. CXX. 

Se farà miflo col verde-rame l'aloe cavallino, effo verde-rame 
acquifera gran bellezza, e più acquiftarebbe il zaffaranno, fé non 
fen' andade in fumo. E di quefto aloe cavallino fi conofce la bontà 
quando elfo fi rifolve nell'acquavite, eflendo calda; che meglio lo 
rifolve , che quando clTa è fredda . E fé tu avefii finito un' opera 
con eflo verde femplice , e poi fottilmente la veladi con effo aloe 
rifoluto in acqua , allora eOfa opera il farebbe di bellifiimo colore ; 
& ancora elfo aloe fi può macinare a oglio per fé , & ancora iri- 
fieme col verde-rame, e con ogn altro colore che ti piacefle . 

Velia m'ijìmie de colori l ' un con l ' altro . GAP. C X X I. 

Ancora che la miftionc de colori l' un con 1' altro fi ftenda 
verfo r infinito , non refterò per quello che io non ne facci un po- 
co di difcorfo . Ponendo prima alquanti colori femplici , con ciafcun 
di quelli mefcolerò ciafcuno degl' altri a uno a uno , e poi a due a 
due , & a tre a tre , e cofi feguitando , per fino all' intero numero 
di tutti li colori : poi ricomincierò a mefcolare li colon a due con 
due, & a tre con tre, e poi a quattro, cofi feguitando fino al fi- 
ne, fopra elfi due colon femplici fenc metterà tre, e con elfi tre 
accompagnerò altri tre, e poi fei , e poi icguiterò tal miifione in 
tutte le proportioni . Golori femplici domando quelli che non fono 
comporti, ne fi poiTono comporre per via di milbone d' altri colo- 
ri, nero, bianco: benché quelli non fono mefli ha colori, perche 
r uno è tenebre , X altro e luce , cioè 1" uno è privatione e 1' altro 
è generativo: ma io non li voglio per quefto lafciare in dietro, per- 
che in pittura fono li principali , concioiìache la pittura fia compolla 
d' ombre , e di lumi , cioè di chiaro e ofcuro . Dopo il nero e il 
bianco feguita 1' azzurro , e giallo , poi il verde e lionato , cioè ta- 
nè, o vuoi dire ocriai di poi il morello, cioè pavonazzo, & il 

E 2 rof- 



^6 TRATTATO DELLA PITTURA 

roffo : e quefli fono otto colori , e più non è in natura , de* .quali 
io comincio la miftione. E fìa primo nero e bianco, di poi nero 
giallo, e nero e rolTo, di poi giallo e nero, e giallo e ro(To: e per- 
che qui mi manca carta, dice l' autore ^ lafcierò a far tal diftintio- 
ne nella mia opera con lungo procedo, il quale farà di grand' utili- 
tà , anzi neceflarufTimo : e quefta tal defcrittione s' intrametterà infra 
la teorica e la pratica . 

Della fuperjic'te d* ogni corpo omhrofo . CAP. CXXIL 

La Tuperficie d* ogni corpo ombroCj partecipa del col ^rc del 
fuo obbietto. Quello lo dimoftrano li corpi ombrofì con certezza, 
conciofìache nifluno de' predetti corpi moftra la Tua figura , o colo- 
re, s" il mezzo interpolo fra il corpo & il luminofb non è allumi- 
nato . Diremo dunque che le il corpo opaco fìa giallo , & il lumi- 
nofo fìa azzurro , che la parte alluminata fìa verde , il qual verde fi 
Compone di. giallo e azzurro. 

^ale è la fuperjicie ricettinja di più colori, CAP. CXXIII, 

Il bianco è più ricettivo di qualunque colore che niflun altra 
fuperfìcie di qualunque corpo che non è fpecchiato . Provafì , 
dicendo che ogni corpo vacuo è capace di ricevere quello che non 
pofTono ricevere li corpi che non fono vacui, diremo per queflo che 
il bianco è vacuo , o vuoi dir privo di qualunque colore , & efTen- 
do egli alluminato del colore di qualunque luminofa, partecipa più 
d* eflo luminofo che non farebbe , il nero , il quale è fìmile ad un 
vafo rotto , che è privo d' ogni capacità a qualunque cofa . 

2lual corpo Jì tingerà, più del color del fuo obbietto . CAP. C X X I V. 

La fuperfìcie d' ogni corpo parteciperà più interamente del co- 
lor di queir obbietto il quale gli farà più vicino . Quefto avviene , 
perche 1' obbietto vicino occupa più moltitudine di varietà di fpetie, 
le quali venendo a effa fupeificie de' corpi corromperebbero più la 
fupeificie di tal obbietto, che non farebbe efTo colore, fé fuffe ri- 
moto: & occupando tali fpetie, efTo colore dimoflra più integramen- 
te la Tua natura in eOo corpo opaco . 

^al corpo fi' dimojlrerà di più bel colore. CAP. CXXV. 

La fuperfìcie di quell' opaco fi moftrerà di più perfetto colo- 
re , la quale haverà per vicino obbietto un colore fìmile al fuo . 

VclV 



DI LIONARDO DA VINCI. 37 

Dell ' v2carmtio>;e de ^olti . GAP- C X X V L 

Quel de' corpi più fi conferva in lunga diftanza che fàr^ di 
maggior quantità . Quefta propofitione ci moftra eh' il vifo fi faccia 
ofcuro nelle diftanze , perche 1' ombra è la maggior parte eh' habbia 
il volto, & i lumi fon minimi: e però mancano in breve diftanza ; 
& 1 minimiflimi fono i loro luftri , e quefta è la caufa che reflan- 
do la parte più ofcura , il vilo fi faccia e fi moftri ofcuro . Et tan- 
to più parrà trarre in nero, quanto tal vifo havcrà in doifo o in 
tefta cofa più bianca. 

Modo di ritrarre il rilievo^ e di preparar le carte per quejlo.. 

GAP. GXXVIL 

I pittori per ritrarre le cofe di rilievo debbono tingere la fu* 
pcrficie delle carte di mezzana ofcurità , e poi dare 1' ombre più 
ofcure j & in ultimo i lumi principali in picciol luogo , li quali fon 
quelli che in picciola diilanza fon li primi che (\ perdono all' occhio. 

Tìella ryarietà d' un medefimo colore in «varie dijìani^e dalV occhio, 

GAP. GXXVIIl 

Infra li colori della medefima natura, quello manco fi varia 
che meno fi rimove dall' occhio . Provafi , perche 1' aria che s' inter- 
pone infra 1' occhio t la cofa veduta occupa alquanto la detta co- 
fa : e fé r aria interpofta farà di gran fomma , allora la cofa veduta 
fi tinge forte del colore di tal aria , e fé l aria farà di fottile quan- 
tità, allora 1' obbietto farà poco impedito. 

'Della «verdura «veduta in campagna . GAP- C X X I X. 

Della verdura veduta in campagna di pari qualità , quella par- 
rà effere più ofcura che farà nelle piante degl' alberi , e più chiara 
fi dimoflrerà quella de' prati . 

^al «verdura parrà piìi d* azzurro . GAP. CXXX. 

Quelle verdure fi dimoftreranno partecipare più d' azzurro , le 
quali faranno di più ofcura ombrofità , e qucfto fi prova per la 7.' 
che dice , che V azzurro fi compone di chiaro e d' ofcuro in lunga 
difianza . 



fiii^i'^ 



i% TRATTATO DELLA PITTURA 

^lual' è quella fif^erjicte che nieno che V altre dtmojlra il fuo <vero colore. 

CAR CXXXI. 

Quella fuperficic moftrcrà meno il fuo vero colore , la quale 
farà più terfa e pulita : Quefto vediamo nell' erbe de' prati , e nelle 
foglie degl' alberi , le quali efìendo di pulita e luftra fupcrficie , pi- 
gliano il luftro nel qual fi fpecchia il fole, o 1' aria che l'allumina, 
e cofi in quella parte del luftro fono private del naturai colore . 

ilual corpo mofirera piì ti fuo wero colore . GAP. CXXXI L 

.Quel corpo più dimoftrera il fuo vero colore, del quale la fupcrfi- 
cie farà mcn pulita e piana . Quefto fi vede ne' panni lini , e nelle 
foglie deir herbe & alberi che fono pelofi , nelle quali alcun luftro 
non fi può generare , onde per necefl'ità non potendo fpccchiarc gì' 
obbietti , folo rendono alf occhio il fuo vero colore e naturale > non 
eflendo quello corrotto da alcun corpo che 1' allumini con un colo- 
re oppofito, come quello del roffor del fole, quando tramonta, e 
tinge li nuvoli del fuo proprio colore . 

T>ella chìarez,'La de paejt . GAP. CXXXIII. 

Mai li colori , vivacità e chiarezza de' paefi dipinti haranno 
conformità con paefi naturali alluminati dal fole, fé efii paefi dipin- 
ti non faranno alluminati da elfo fole. 

Trofpett'fva comune della dìminutìone de colori in lunga dijìanx>a, . 

GAP. GXXXIV. 

L' aria farà tanto meno partecipante del colore azzurro, quanto 
effa è più vicina all' orizzonte , è tanto più ofcura , quanto ella a 
eflb orizzonte è più remota. Quefto {\ prova per la 3.' del 9.' che 
moftra che quel corpo farà manco alluminato dal fi^le , il quale fia 
di qualità più rare . Adunque il fuoco , elemento che vefte 1' aria , 
per elìer lui più raro e più fottile che l' aria , manco ci occupa le 
tenebre che fon fopra di lui che non fa effa aria, e per confeguen- 
za , r aria corpo men raro che il fuoco più s' allumina dalli raggi fò- 
lari che la penetrano, & alluminando l'infinità degl' atomi, che per 
effa s' infondono , fi rende chiara alli noftri occhi : onde penetrando 
per effa aria la fpetie delle fopraddctte tenebre, necelTariamente fa 
che effa bianchezza d' aria ci pare azzurra, come è provato nella 3.* 
del IO.* e tanto ci parrà di azzurro più chiaro, quanto fra efle te- 
nebre e gl'occhi noftri s' interporrà maggior groffezza d'aria. Come 

fé 



DI LIONARDO DA VINCI. ^c, 

fé r occhio di chi lo confiderà fLiffe P. [Fig. 12.) e guardaffe fopra 
di fé la grolTezza dell' aria P. R. poi declinando alquanto , T occhio 
vedeiTc l' aria per la linea P. S. la quale gli parrà più chiara , per 
c(Ter maggior grofTezza d' aria per la linea P. S. che per la linea 
P. R. e iè tal occhio s' inchina all' orizzonte , vedrà 1' ana quali in 
tutto privata d' azzurro s la qual cofa feguita , perche la linea del 
vedere penetra molto maggior fomma d' aria per la rettitudine 
P. D. che per 1' obliquo P. S. , e coli fi è perluafo il noftro intento. 

t)dle cofe fpecchiate nelV acqua de pae/t , e prima dell" ana . 

GAP. CXXXV. 

Queir aria fola farà quella che darà di fé fimulacro nella fii- 
perficie dell' acqua , la quale rifletta dalla fupcrficie dell' acqua all' 
occhio infra angoli eguali, cioè che l'angolo dell'incidenza fia e- 
guale all' angolo della rifleffione. 

T>imiymt'ione de colorì per mex.'z.o uiterpojlo tnfra loro e l ' occhio . 

GAP. GXXXVL 

Tanto meno dimoflrerà la cofa vlfibile del Tuo naturai colore , 
quanto il mezzo interpofìio fra lui e 1' occhio farà di maggior grof- 
fezza . 

De" campi che Jì con'vengono ali ' ombra tS' a lumi . 

GAP. GXXXVII. 

Li campi che convengono a 1' ombre & a' lumi , &C alli termi- 
ni alluminati & adombrati di qualunque colore , faranno più fepa- 
ratione 1' un dall' altro , fé faranno più varij , cioè eh' un colore of- 
curo non deve terminare in altro colore ofcuro , ma molto vano , 
cioè bianco i e partecipante di bianco , in quanto puoi ofcuro, o 
traente all' ofcuro . 

Come Jì dc'Ve riparare ^ quando ti hiaucn Jì terrnhia in bianco , e V ofcuro 

in ofcuro. GAP. GXXXVIII. 

Quando il colore d' un corpo bianco s' abbatte a terminare in 
campo bianco, allora i bianchi o faranno eguah , o nò: e fé fa- 
ranno eguali , allora quello che ti è più vicino fi farà alquanto of- 
curo nel termine che egli fa con elTo bianco: e fé tal campo farà 
men bianco che il colore che in lui campeggia, allora il campeggiante 
fpiccherà per fé medefimo dal fuo differente fenz' altro aiuto di ter- 
mine ofcuro. 

Vclht 



49 TRATTATO DELLA PITTURA 

'Della /icitiiYci de colon de camp [opra li quali campeggia ti bianco . 

GAP. CXXXIX. 

La cofa bianca fi dimoftierà più bianca che farà in campo pili 
ofcuro , e fi diniortrerà più olcura che fia in campo più bianco : e 
qucfto ci ha infegnato il fioccar della neve , la quale , quando noi 
la veggiamo nel campo dell' aria , ci pare ofcura , e quando noi la 
veggiamo in campo di alcuna fineftra aperta , per la quale ^\ vede 
1' ofcurita dell' ombra d' efla calii , allora elTa neve fi moftrerà bian^ 
chilTima i e la neve d' apprefìo ci pare veloce, e da lontano tarda, 
e la vicina ci pare di continua quantità , a guifa di bianche cor^ 
de, Q la remota ci pare difcontinua , 

"De campi delle figure . C A P. C X L, 

Delle cofe d' egual chiarezza , quella fi dimoftrerà di minor 
chiarezza , la quale farà veduta in campo di maggior bianchezza i e 
quella parrà più bianca , che campeggerà in fpatio più ofcuro : e 1' 
incarnata parrà pallida in campo rollo, e la pallida parrà rolTeggian- 
te, efiendo veduta in campo giallo: e fimilmente li colori faranno 
giudicati quello che non fono mediante li campi che li circondano . 

"De campi delle coje dipìnte . GAP. G X L I, 

Di grandiffima dignità è il difcorfo de' campi ne' quali cam- 
peggiano li corpi opachi veftiti d' ombre e di lumi , perche a quel- 
li fi conviene aver le parti alluminate ne* campi ofcuri , e le parti 
ofcure ne' campi chiari , fi come per la figura vicn dimoliraco 

Di quelli che Jìngono in campagna la cofa più remota far/i più ofcura. 

GAP. GXLIL 

Molti fono che in campagna aperta fanno le figure tanto più 
ofcure quanto effe fono più remote dall' occhio , la qual cofa è in 
contrario , fé già la cofa imitata non folle bianca , perche allora aca- 
derebbe quello che di fotte fi propone. 

De colori delle cofe remote dall ' occhio . GAP, CXLIII. 

L' aria tinge più gì' obbietti, eh' ella fepara dall' occhio, del fuo co- 
lore, quanto ella farà di maggior grolTezza. Adunque havendo l'aria di- 
vifo un' obbietto ofcuro con grolTezza di due miglia , <;lla Io tinge 

più , 



DI LIONARDO DA VINCI. 41 

più , che quella che ha groffczza d' un miglio . Rifpondc qui l' av- 
vcrfario , e dice che li paefi hanno gY alberi d' una medefìma Ipc- 
tic più ofcuri da lontano che d' apprelFo , la qual cofà non è vera , 
Ce le piante faranno eguali , e divife da eguali fpatij : ma farà ben 
vera fé li primi alberi faranno rari , e vedrafTì la chiarezza delli pra- 
ti che li dividono, e gì' ultimi faranno fped'ii come accade nelle ri- 
ve e vicinità de' fiumi , che allora non fi vede fpatio di chiare pra- 
terie , ma tutti inficme congiunti, facendo ombra T un fopra l'altro, 
Ancora accade che molto maggiore è la parte ombrofà delle pian- 
te , che la luminofa , e per le fpetie che manda di fé effa pianta 
air occhio, fi moftrano in lunga diftanza , &: il colore ofcuro che fi 
trova in maggior quantità più mantiene le fue fpetie che la parte 
men' ofcura : e cofi ciTo mifto porta con feco la parte più potente 
in più lunga diflanza, 

Gmdi di pitture. GAP. CXLIV. 

Non è femprc buono quel che è bello, e qucfto dico per quei 
pittori che amano tanto la bellezza de' colori , che non fenza gran 
confcienza danno lor dcbolilTime, e quafi infenfibil' ombre , non Ri- 
mando il lor rilievo. Et in qucfto errore fono i ben parlatori Ten- 
ia alcuna fentenza . 

7)ello fpccchtamento e colore dell' acqua del mare ^veduto da di^verfì afpeiti. 

GAP. GXLV. 

Il rnarc ondeggiante non ha colore univerfale , ma chi lo vede 
da terra ferma il vede di colore ofcuro , e tanto più ofcuro quan- 
to e più vicino l'orizzonte, e vedcfi alcun chiarore, over luitri , 
che fi muovono con tardità ad ufo di pecore bianche negl' armenti , 
e chi vede il mare ftando in alto mare lo vede azzurro; &c quefto 
nafce perche da terra il mare pare ofcuro, perche vi vedi in lui 
r onde che fpecchiano 1' ofcurità della terra, e da alto mare paio- f' 

no azzurre , perche tu vedi nell' onde 1' ari^ azzura di tal' onde 
fpecchiata , 

Della uatura de paragom . GAP. G X LV I. 

Li veftimenti neri fanno parer le carni de' fimulacri humani 
più bianche che non fono , e li veflimcnti bianchi fanno parere le 
carni ofcurc , & i veflimcnti gialli le fanno parere colorite , e U 
veili rofTe le dimofìrano pallide. 

F Vel 



42 TRATTATO DELLA PITTURA 

T>el color delV ombra di quahtnque corpo. CAP. CXLVIL 

Mai il color dell' ombra di qualunque corpo farà vera, ne pro- 
pria ombra , fé T obbietto che 1' adombra non è del colore del cor- 
po da lui adombrato . Diremo per efempio eh' io habbia una habi- 
tationc nella quale le pareti fiano verdi, dico che fé in tal luogo 
farà veduto 1' azzurro, il quale fia luminato dalla chiarezza dell'az- 
zurro, che allora tal parte luminata farà di bellilTimo azzurro, e 
l'ombra farà brutta, e non vera ombra di tal bellezza d'azzurro, 
perche fi corrompe per il verde che in lui riverbera : e peggio fa- 
rebbe fé tal parete fuffe tanè, 

T>ella p'ofpeiti'va de colori ne luoghi ofcur'i . C A P. C X LV 1 1 L 

Ne' luoghi luminofi uniformemente deformi infino alle tenebre 
quel colore farà più ofcuro , che da elfo occhio fìa più remoto . 

Trofpettinja de colori. CAP. CXLIX, 

I primi colori debbono elTer femplici, & i gradi della loro di- 
mlnutione infieme con li gradi delle diftanze fi debbono convenire, 
cioè che le grandezze delle cofe parteciperanno più della natura del 
punto quanto elfi gli faran più vicini, & i colori han tanto più a 
partecipare del colore del fuo orizzonte , quanto elfi a quello fon 
più propinqui . 

De colori, CAP. CL. 

II colore che fi trova infra la parte om.brofi e f alluminata de' 
corpi cmbrofi, fia di minor bellezza che quello, che fia interamente 
alluminato: dunque la prima bellezza de' colori fìa ne' principali lumi, 

X>a che tmfce l ' a'Zj-z.urro nell ' aria . CAP. C L I, 

L' azzurro dell' aria nafcc dalla grolTezza del corpo dell' aria al- 
luminata , interpola fra le tenebre fuperiori e la terra : L' aria per 
fé non ha qualità d' odori, o di fapori , o di colori, ma in fé pi- 
glia le fimilitudini delle cofe che dopo lei fono collocate, e tanto là.- 
rà di più beli' azzurro quanto dietro ad elTa faran maggior tenebre , 
non cHTendo lei di troppo fpatio, ne di troppa groHezza d'humiditài 
e vedefi ne' monti, che hanno più ombre, effer più bell'azzurro nel- 
le lunghe diftanze , e cofi dove è più alluminato, moftrar più il co- 
lor del rnonte che dell' azzurrq appiccatoli dell' aria che infra lui Q 
1' occhio s' interpone . 

Ve 



DI LIONAPvDO DA VINCI, 43 

Tfe colori. GAP. CLIL 

Infra i colori che non fono azzurri, quello in lunga diltanza 
parteciperà più d' azzurro , il quale farà più vicino al nero , e cofi 
cii converfo ii manterrà per lunga diilanza nel Tuo proprio colore , 
il quale farà più difTimile al detto nero. Adunque il verde delle 
campagne fi tralmuterà più nell' azzurro , che non fa il giallo o il 
bianco , e cofì per il contrario il giallo e bianco manco fi trafmutara 
che il verde & il roffo, 

'Bicolori. GAP. GLIII. 

I colori porti neir ombre parteciperanno tanto più o meno del- 
la loro naturai bellezza , quanto efii faranno in maggiore o minore 
ofcurità. Ma fé i colori faranno fìtuati in fpatio luminofo, allora effi 
il moflreranno di tanta maggior bellezza quanto il luminofo fìa di 
maggior fplendore. L' avverfario dirà: Tante fono le varietà de* co- 
lori dell' ombre , quante fono le varietà de' colori che hanno le co- 
fe adombrate. E io dico che li colori pofti nell'ombre moflreranno 
infra loro tanta minor varietà , quanto l' ombre che vi fono fìtuate 
fìano più ofcure, e di queflo ne fon testimoni quelli che dalle piaz- 
ze guardano dentro le porte de' tempij ombrofi , dove le pitture ve- 
nite di varij colori apparifcono tutte vel^ite di tenebre . 

De camp delle figure de corpi dipnti . GAP. G L I V, 

Il campo che circonda le figure di qualunque cofa dipinta de- 
ve cffcre più ofcuro che la parte alluminata d' effe figure, e più 
chiaro che la parte ombrofa . 

Terche il bict)Jco non è colore . G A P. G L V. 

Il bianco non è colore , ma è in una potenza ricettiva d' ogni 
colore . Quando effo è in campagna alta , tutte le fue ombre fono 
azzurre i e queflo nafce per la 4.* che dice : La fuperHcie d' ogni 
corpo opaco partecipa del color del fuo obbictto . Adunque tal 
bianco cITendo privato del lume del fole per interpofitione di qual- 
che obbietto trafmelTo fra il fole & elio bianco, refta tutto il bian- 
co , che vede il fole e 1' aria partecipante del color del fole e dell' 
aria, e quella parte che non è villa dal fole refta ombrofa, e par- 
tecipante del color dell' aria : e fé tal bianco non vedeffe la verdu- 
ra della campagna infine all' orizzonte , ne ancora vedeife la bian- 

F 2 chezza 



44 TRATTATO DELLA PITTURA 

chezza di tale orizzonte , fenza dubbio eflo bianco parrebbe eficre 
di femplice colore , del quale fi moiìra elTere Y aria , 

Ve colon. GAP. CLVL 

11 lume del fuoco tinge ogni cofa in giallo y ma quello non 
apparerà elTcr vero , fé non al paragone delle cofe alluminate dall' a- 
ria j e quello paragone fi potrà vedere vicino al fine della giornata , 
e ficuramente dopo 1' aurora, & ancora dove in una ftanza ofcura dia 
fopra 1' obbietto un fpiracolo d'aria, & ancora un fpiracolo di lurne 
di candela, & in tal luogo certamente faran vedute chiare e fpedite 
le loro differenze. Ma fenza tal paragone mai farà conofciuta la lor 
differenza, fiilvo ne' colon che han piiì fimilitudine, ma fian cono- 
fciuti , come bianco dal giallo, chiaro verde dall'azzurro, perche 
gialleggiando il lume che allumina 1' azzurro , è come mefcolare in- 
lieme azzurro e gial'o, i quali compongono un bel verde j e fé 
niefcoli poi giallo co.i verde, fi tà aliai piiì bello. 

J)e colori de lumi incidemi ^ nflejfi . GAP. GLVII. 

Quando due lumi mettono in mezzo a sé il corpo ombrofo , 
non poffono variarfi fé non ir due modi , cioè o faranno d' egual 
potenza, o effi faranno ineguali, cioè parlando de' lumi infra loro: 
fé fiiranno eguali , fi potranno variare in due altri modi , cioè fecon- 
do il loro fptendore fopra 1' obbietto, che fìirà o eguale, o difugua- 
le : eguale farà quando faranno in eguale dillanza^ difuguali, nelle 
difusuali diftanze . In epuali dillanze fi varieranno in due altri mo- 
di , cioè r obbietto fituato con egual difianza infra due lumi eguali 
in colore & in fplendore, può effer alluminato da eili lumi eguali 
in colore & in fplendore può effere alluminato da e(ìi lumi in due 
modi, cioè o egualmente da ogni parte, o difugualmente: egual- 
mente farà da elfi lumi alluminato, quando lo fpatio che reffa in- 
torno a' due lumi farà d' egual colore e ofcurità e chiarezza : di- 
fi.iguali faranno, quando effi l'patij intorno a due lumi faranno varij 
in ole uri tà . 

Di colori dell'ombra. GAP. GLVIIL 

Speffe volte accade 1' ombra de' corpi ombrofi non effcr corq-i 
pagna de' colon de' lumi , e faran verdeggianti 1' ombre , & i lumi 
rolleggianti, ancora che il corpo fia di colore eguale. Quello acca- 
de che il lume verrà d'oriente fopra 1' obbietto , & alluminerà 1' ob- 
bietto 3 del colore del fuo fplendore , & dall' occidente farà un' altro 

ob- 



DI LIONAPvDO DA VINCI. 45 

obbietto dal mcdefìmo lume alluminato , il quale farà d' altro colore 
eli il primo obbietto , onde con 1 llioi lumi ririedi rilalta verfo le- 
vante, e percuote con i Tuoi raggi nelle parti del primo obbietto 
lai volto, & 2I1 fi tagliano 1 Tuoi raggi-) e rimangono fermi infìeme 
con i loro colori, e fplcndori. Io ho f pelle volte veduto un' obiet- 
to bianco, i lumi rofli , e l'ombre azzurreggianti , e quefto accade 
nelle montagne di neve quando il fole tramonta all' orizzonte, e fi 
moflra infocato (f/^. 14.) 

Delle co fé pojìe m campo chiaro , e perche tal ufo è utile tn pittura . 

GAP. CLIX. 

Quando il corpo ombrofo terminerà in campo di color chiaro 
p alluminato , allora per neceH'ità parrà fpiccato e remoto da elio 
campo; e quefto accade perche i corpi di curva fuperfìcie per ne- 
celfità fi fanno ombrofì nella parte oppoflta d' onde non fono per- 
cofTì da' raggi luminofì, per elTer tal luogo privato di ta'i raggi: 
per la qual cofa molto fi varia dal campo , e la parte d' e(To corpo 
alluminato non terminerà mai in efto campo alluminato con la fua 
prima chiarezza, anzi fra il campo & il primo lume del corpo s'in- 
terpone un termine del corpo , che è più ofcuro del campo , o del 
lume del corpo rifpettive [Fig. 15.) 

Ve Cam fi . C A P. C L X. 

De i campi delle figure , cioè la chiara nell' ofcuro , e 1' ofcura 
nel campo chiaro, del bianco col nero, o nero col bianco, pare 
più potente 1' uno per 1' altro , e coli li contrarij 1' urlo per 1' altro 
lì moftrano femprc più potenti . 

De colorì che ri Cult ano dalla mijliouc cV altri colon j li quali Jì dimandonQ 

fpecie feconde . GAP. G L X I. 

De' fcmplici colori il primo e il bianco , benché i filofofi non 
accettano ne il bianco ne il nero nel numero de' colori , perche 1' u- 
no è caufa de' colori , l'altro è privatione. Ma perche il pittore non 
può far fenza quelli , noi li metteremo nel numero degl' altri , e di- 
remo il bianco in quefto ordine elTere il primo, ne 1 femplici, il 
giallo il fecondo; il verde il terzo, X azzurro il quarto, il rollo il 
quinto, il nero il fefto: & il bianco metteremo per la luce fenza la 
quale nilTun colore veder fi può , & il giallo per la terra , il verde 
per l'acqua, l'azzurro per l'aria, & il roffo per il fuoco, & il ne- 
ro per le tenebre che Itan fopra 1' elemento del fuoco , perche non 



> \ 
V e 



46 TRATTATO DELLA PITTURA 

v' è materia o grofTezza dove i raggi del fole habbiano à penetrare 
e percuotere, e per confeguenza alluminare. Se vuoi con brevità ve- 
dere la varietà di tutti li colori compoftì, togli vetri coloriti, e per 
quelli guarda tutti i colori della campagna che dopo quello fi veg- 
gono, e cofi vedrai tutti li colori delle cofe che dopo tal vetro {{ 
veggono eflere tutte miiì:e col colore del predetto vetro , e vedrai 
qua! fia il colore , che con tal milione s* acconci , o gualii : fé farà 
il predetto vetro di color giallo, dico che la fpecie degl' obbietti che 
per elio paiìano all'occhio, poHono cofi peggiorare come megliora- 
re : e quei1:o peggioramento in tal colore di vetro accaderà all' az- 
zurro, e nero, e bianco fopra tutti gl'altri, & il meglioramento ac^ 
caderà nel giallo , e verde fopra tutti gì' altri , e coli anderai fcor^ 
rendo con l'occhio le miftioni de' colon , le quali fono infinite: & 
a quello modo farai elettione di nove inventioni di colon miftì & 
comporti, & il medefimo fi farà con due vetri di varij calori ante- 
poili all'occhio, e cofi per te potrai feguitare. 

Decolori. GAP, CLXIL 

L' azzurro 6i il verde non è per fé femplice, perche 1' azzurro 
è comporto di luce e di tenebre, come è quello dell' aria, cioè ne- 
ro pertettilfimo , e bianco candidifTimo. Il verde è comporto d' un 
femplice e d'un comporto, cioè fi compone d'azzurro e di giallo. 

Sempre la cofa fpecchiata partecipa del color del corpo che la 
fpecchia, & il fpecchio fi tinge in parte del color da lui fpecchia- 
to , e partecipa tanto più 1' uno dell'altro, quanto la cofi che fi 
fpecchia è più o m^no potente che il colore dello ipecchio, g quel- 
la cofa parerà di potente colore nello fpecchio, che più partecipa 
del color d' elfo fpecchio. 

Delli colori de' corpi quello farà veduto in mac^gior dirtanza, 
che fia di più fplendida bianchezza. Adunque fi vedrà in minor 
longinquità, quel che farà di maggior ofcurità . 

Intra li corpi di egual bianchezza e dirtanza dall' occhio, quel- 
lo fi dimortrerà più candido eh' è circondato da maggior ofcurità : e 
per contrario quell' ofcurità fi dimortrerà più tenebrofa , che fia ve- 
duta in più candida bianchezza. 

Delli colon di egual perfettione , quello fi dimortrerà di mag- 
gior eccellenza che fia veduto in compagnia del color retto contra- 
rio , &C il pallido col rorto, il nero col bianco, benché ne l'uno ne 
l'altro fia colore: azzurro e giallo, verde e roffo, perche ogni co- 
lore fi conofce meglio nel fuo contrario , che nel fuo limile , co- 
pie r ofcuro nel chiaro, il chiaro nell'ofcuro. 

Quella cola che fia veduta in aria ofcura e torbida, effendo 

bian- 



DI LIONARDO DA VINCI. 47 

bianca parrà di maggior forma che non è. Quello accade, perche, 
come è detto 'di {òpra, la coia chiara crefce nel campo ofcuro , per 
le ragioni dianzi aflegnate. 

11 mezzo che è tra 1' occhio e la cofa vifta tramuta effa cofa in 
fuo colore, come l'aria azzurra farà che le montagne lontane faran- 
no azzurre , il vetro roffo fa che ciò che vede l' occhio dopo lui 
pare rodo i & il lume che finno le llelle intorno a elle, è occupa- 
to per la tenebrofìtà della notte che fi trova infra 1' occhio e la lu- 
minatione d' effe ftclle . 

Il vero colore di qualunque corpo fi dimoftrerà in quella par- 
te che non fìa occupata da alcuna qualità d'ombra, ne da luflro, 
fé farà corpo pulito . 

Dico che il bianco che termina con 1' ofcuro , fa che in cfTì 
termini, 1' ofcuro pare più nero, & il bianco pare più candido. 

Del colore delle montagne. GAP. CLXIII. 

Quella montagna all' occhio fi dimoflrerà di più beli' azzurro 
che farà da fé più ofcura , e quella farà più cfcura , che farà più 
alta e più bofcareccia , perche tali bofchi coprono affai arbufti dalla 
parte di fotto , fi che non gli vede il cielo; ancora le piante falva- 
tiche de* bofchi fono in fé più ofcure delle domeniche . Molto più 
ofcure fono le quercie , faggi , abeti , ciprèlTi , & pini , che non fo- 
no gli alberi domeftici , e ulivi . Quella lucidità che s' interpone in- 
fra l'occhio e '1 nero, che farà più fottile nella gran fua cima , fa- 
rà nero di più beli' azzurro, e cofì di converfo : e. quella pianta 
manco pare di dividerli dal fuo campo, che termina con campo di 
colore più fìmile al fuo, e cofì di converfo: e quella parte del bian- 
co parrà più candida , che farà più preflo al confino del nero , e 
cofì parranno meno bianche quelle che più faranno remote da effo 
fcuro : e quella parte del nero parrà più ofcura, che farà più vicina 
al bianco, e coli parrà manco ofcura quella che farà più remota da 
elfo bianco. 

Come ti pittore denje mettere in pratica la profpettt<va de colori , 

GAP. CLXIV. 

A voler mettere quefla profpettiva del variare, o perdere, o 
vero diminuire la propria edenza de' colori , piglierai di cento in 
cento braccia cofe poftc infra la campagna , come fono alberi , ca- 
fe , huomini , e fìti , & inquanto al primo albero , haverai un vetro 
fermo bene e coli fìa fermo 1' occhio tuo : & in detto vetro difc- 
gna un albero fopra la forma di quello, dipoi fcoftalo tanto per tra- 

verfo , 



4« TRATTATO DELLA PITTURA 

vcrfo , cht r albero naturale confini qiiafi col tuo difegno , poi co 
lorifci il tuo difègno, in modo che per colore e forma fìia a para- 
gone r un dell'altro, o che tutti due, chiudendo un occhio, paiano 
dipinti, e fìa detto vetro d'una medefima diftanza : e quefta regola 
medefima fa degl'alberi fecondi, e de terzi di cento m cento brac- 
cia, di vano in vano, & quefti ti fervino come tuoi adiutori, e 
naeftri , Tempre operandoli nelle tue opere, dove fi appartengono, 
e faranno bene sfuggir 1' opera . Ma io trovo per la regola che il 
fecondo diminuilcc j del primo, quando fuiTe lontano venti bracci* 
dal primo, 

J)clla profpettha aerea . C A P. C L X V, 

Evvi un* altra prospettiva, la quale fi dice aerea, imperochc 
per la varietà dell' aria fi poffono conofcerc le diverfe diftanze di ( 
varij edificij terminati ne' loro nafcimenti da una fola linea , come V 
farebbe il veder molti cdificij di là da un muro , fi che tutti appa* 
rifcano fopra 1' eftr?mità di detto muro d' una medefima grandezza , e 
che tu volefTì in pittura far parer più lontano 1' uno che 1' altro . E* 
da figurarfi un' aria un poco grolla . Tu (ai che in fimil aria 1' ultime 
cofe vedute in quella, come fon le montagne, per la gran quantità 
dell' aria che fi trova infra l' occhio tuo e dette montagne , paiono 
azzurre , quafi del color dell' aria , quando il fole è per levante . A' 
dunque farai fopra il detto muro il primo edificio del fuo colore» 
il più lontano fallo meno profilato, e più azzurro, e quello che tu 
vuoi che fia più in là altrettanto, fallo altrettanto più azzurro, e 
quello che vuoi che fia cinque volte più lontano, fallo cinque volte 
più azzurro, e quefta regola farà che gli edifici; che fono fopra 
una linea , parranno d' una medefima grandezza , e chiaramente fìi 
conofcerà quale e più dinante, e qual maggior dell'altro {Fig.iy) 

Ve <vaytj accidenti e mo'vimem dell' huomo j e froporttone de memori , 

GAP. CLXVL 

Varianfi le mifure del]' huomo in ciafcun membro, pli^gando 
quello più o meno, & a diverfi afpetti, diminuendo o creicendo 
tanto più o meno da una parte, quant* elle crefcono, o diminuii^ 
cono dal lato oppufito. 

Velie mutationi delle mifure dell' huomo dal fuo nafcimeyito al fuo ultimi 

crefcmento . GAP. GLXVIL 

L' huomo nella fua prima infantia ha la larghezza delle fpallc 
eguale alla lunghezza del vifo, & allo fpatio che è dalla giuntura 

d' elle 



o 


— ^^\ 


\\ 


^D 




M 




Y\ 


\ 


N 




^'\ 


\ 


A 




1 






^tì 1 1 


-1- 



ug. <, 



la. j o . S 





( l i (f-| rr .%w<».^^éB 



::jS-T:r,:f!:=z::-sr~^-^:::-s^ .■:ri:3r.m'l|i'iU^iiii||iiilJiliil{^iii'^i:i;^-. 



:* 



;f?rMmM%rTi^7^rT> 



El 



DI LIONARDO DA VINCI. 49 

à' cOe fpalle alle gomita, clTcndo piegato il braccio, ^ è fimile 
allo fpatio che è dal dito grolìo della mano al detto gomito, & 
è fimile allo fpatio che è dal nafcimento della verga al mezzo del 
ginocchio, & e fìmils allo fpatio che e da effa giuntura del ginoc- 
chio alla giuntura del piede. Ma quando 1' huomo è pervenuto all' 
ultirna fua altezza, ogni predetto fpatio raddoppia la lunghezza fua, 
leccetto la lunghezza del vifo , la quale infìeme con la grandezza di 
tutto il capo Fa poca variecà: e per quefto 1' huomo , che ha finito 
la fua grandezza, il quale ila bene prpportionato , è dicci de' fuoi 
volti , e la larghezza delle fpalle è due d' effi volti , e cofi tutte Y 
altre lunghezze fopraddette fon due d' elfi volti: & il refto fi dirà 
neir uniyerfal mifura dell' huomo . 

Come tt tutttnt hanno le giuntuve coutrcirte agV huomim nelle loro gi'of- 

fe'z.x.e. GAP. CLXVIII. 

Li putti piccioli hanno tutti le giunture fottili, e gli fpatlj po- 
fìi fra r una e l'altra fono grolTi : e quefto accade perche la pelle 
fopra le giunture e fola fenz' altra polpa, eh' è di natura di nervo, 
che cinge e lega infìeme l'offa, e la carnofità humorofa fi trova fra 
r una e X altra giuntura inclufa fra la pelle e 1' oflo : ma perche 1 
offa fono più grolTe nelle giunture che fra le giunture, la carne nel 
crcfcere dell' huomo viene a lafciare qiiella fuperfluità che ftava fra 
la pelle e 1' offo , onde la pelle s' accorta più a 1' olTo , e viene ad 
affottigliar le membra : ma fopra le giunture , non vi eifendo altro 
che la cartilaginofi e nervofa pelle , non può difeccare , e non di- 
feccando non diminuifce : onde per quefte ragioni li puttini fono 
fottili nelle giunture, e groffi fra elTe, come fi vede le giunture 
delle dita, braccia, fpalle fottili, e concave i e 1' huomo per il con- 
trario effer grolTo in tutte le giunture delle braccia, e gambe: e do- 
ve li puttini hanno in fuori , loro haver di rilievo . 

Velia d'tjfereni.a della mifura. che è fra li putti t^ gli huomini . 

GAP. GLXIX. 

Fra gV huomini, & i puttinl trovo gran dilTerenza di lunghez- 
za dall' una all' altra giuntura , imperoche ]' huomo ha dalla giuntura 
delle fpalle al gomito , e dal g mito alla punta del dito groilo , 
e dall' un homero della fpalla all' altro due teftc per mezzo , & il 
putto ne ha una , perche la natura compone prima la grandezza del- 
)a cafi dell' intelletto, che quella degli fpiriti vitali. 



T>elU 



-i^ 



jo TRATTATO DELLA PITTURA 

Delle giunture delle dtta . C A P» C L X X. 

Le dita della mano ingrolTano le loro giunture per tutti li lo- 
ro afpetti quando fi piegano , e tanto più s' ingrolTano quanto più 
fi piegano, e cofi diminuifcono quanto più fi drizzano, il firnile ac- 
cade delle dita de' piedi, e tanto più fi varieranno quanto elle fa- 
ranno più carnofe , 

Delle giunture delle fpalle , e fuot crefctmentt ■ 

GAP. CLXXL 

Le giunture delle fpalle, e dell' altre membra piegabili, fi di- 
ranno al filo luogo nel trattato delia notomia, dove li moftrano le 
caufe de' moti di tutte le parti di che fi compone l'huomo. 

Delle fpalle. GAP. GLXXIL 

Sono li moti {empiici principali del piegamento fatto dalla 
giuntura delle fpalle, cioè quando il braccio a quella appiccato fì 
move in alto, o in bailo, o in dietro, benché fi potrebbe dire tali 
moti efTere infiniti, perche fé fi volterà la fipalla a una parete di 
muro , e fi fegnerà col fuo braccio una figura circolare , fi farà fat- 
to tutti i moti che fi^no in effa fpalla, perche ogni quantità conti- 
nua è divifibile in infinito , e tal cerchio è quantità continua fatta 
dal moto del braccio , il qual moto non produce quantità conti- 
nua , Te eiTa continuazione non la conduce . Adunque il moto d' ef- 
fo braccio è flato per tutte le parti del cerchio , 6c edendo il cer- 
chio divifibile in infinito, infinite fono le varietà delle fpalle. 

Delle mifure um^erfali de corpi . GAP. GLXXIH. 

Dico che le mifure univerfali de' corpi fi debbono olTervare 
nelle lunghezze delle figure, e non nelle grollezze, perche delle lau- 
dabili e maravigliofe cofe che apparifcono nell' opere della natura , 
una è che mai in qualunque fpetie un particolare con precifione C\ 
fomiglia all' altro. Adunque tu imitatore di tal natura, guarda & 
attendi alla varietà de' lineamenti . Piacemi bene che tu fugga le 
cofe mofiruofe , come di gambe lunghe , bufti corti , petti foret- 
ti, e braccia lunghe s piglia dunque le mifiire delle giunture, e 
le grolTezze nelle quali forte varia effa natura , e vanerai ancor 
tu. 



Delh 



DI LIONARDO DA VINCI. 51 

T)elle rnifure dA corpo bitmaìio , e piegamenti di membra , 

GAP. CLXXIV. 

La nccelTità coftnnge il pittore ad haver notitia dell' offa fofte- 
nitori , e armatura della carne che fopra efTe fi polà , e delle giun- 
ture che accrefcono e diminuifcono nelli loro piegamenti , per la 
qual cofa la mifura del braccio diftefb non confà con la mifura del 
piegato . Crefce il braccio e diminuifce mfra la varietà dell' ultima 
fua eftenfione e piegamento l'ottava parte della Tua lunghezza. L'ac- 
crefcimento e X accortamento del braccio viene dall' ofTo che avan- 
za fuori della giuntura del braccio, il quale, come vedi nella figura 
A. B. [Ftg. 17.) fa lungo dalle fpalle al gomito, efiendo l'ango- 
lo d' cfTo gomito minor che retto, e tanto più crefce, quanto tal 
angolo diminuifce, e tanto più diminuifce quanto il predetto angolo 
fi fa maggiore : & tanto più crefce lo fpatio dalla fpalla al gomi- 
to, quanto l'angolo della piegatura d' effo gomito fi fa minore che 
retco , e tanto più diminuifce quanto eflo è maggior che retto . 

Della proporùonalitk delle membra . GAP. G L X X V- 

Tutte le parti di qualunque animale fiano corrifpondenti al fuo 
tutto , cioè che quel che e corto e groflo deve havere ogni mem- 
bro in fé corto e groffo , e quello che è lungo e fottile habbia le 
inembra lunghe e fottili , & il mediocre habbia le membra della 
medefima mediocrità, & il medefimo intendo haver detto delle pian- 
te, le quali non fiano ftroppjate dall' huomo o da venti, perchè 
quefte rimettono gioventù fopra vecchiezza, e cefi è dellrutta la fua 
naturale proportionalità , 

Velia giimtura delle mani col braccio. GAP. GLXXVI. 

La giuntura del braccio con la fija mano diminuifce nello firi- 
gner , &C ingroffa quando la mano fi viene ad aprire , & il contra- 
rio fa il braccio infra il gemito e la mano per tutti li fuoi verfi: 
e quefto nafce che nell* aprir la mano li mufcoli domeftici fi di- 
fendono , & affottigliano il braccio infra il gomito e la mano, e 
quando la mano fi (tringe , li mufcoli domeftici e filveflri fi ritira- 
no & ingroHano , ma li filveflri folo fi difcoftano dall' olio , per ef- 
fer tirati dal piegar della mano , 



G 2 Velie 



52 TRATTATO DELLA PITTURA 

Delle giunture de* piedi , e loro hi ^rojf amenti , ^ diminutioue . 

GAP. CLXXVII. 

Solo la dimlnutlone & accrefcimento della giuntura del piede 
è fatta neir afpetto della Tua parte fì.veftre D. E, F. {Fig. i8.), la 
quale crefce quando l'angolo di tal giuntura fi fa più acuto, e tan- 
to diminuifce quanto egli falli più ottufo, cioè dalle giunture di- 
nanzi A. C. B. fi parla. 

!Delle membra che dtminuifcono quando fì piegano , e crefcom quand» jt 
difendono. GAP. GLXXVIH. 

Infra le membra che hanno giunture piegabili fblo il ginocchio 
è quello che nel piegarfi diminuifce di fua grolTezza, e nel diitsa^ 
derfi ingrofla. 

^elle membra che tngrojjano nella loro giuntura quando Jì piegano , 

GAP. GLXXIX. 

Tutte le membra dell' huomo ingroffano nelli piegamenti del- 
le loro giunture, eccetto la giuntura della gamba. 

X>elle membra degV huomini ignudi. GAP. GLXXX. 

Le membra degV huomini ignudi , li quali s* affaticano in di- 
verfe attioni, fole fiano quelle che fcoprano i lor mufcoli da quel 
lato dove i lor mufcoli muovono il membro delle operationi , e li 
altri membri fiano più o meno pronuntiati ne' loro mufcoli, fecon- 
do che più o meno s' affaticano. 

'Delli moti potenti delle membra dell' huomo . GAP. GLXXX L 

Quel braccio farà di più potente e lungo moto , il quale fen- 
dofi moffo dal fuo naturale fito, bavera più potente aderenza degl* 
altri membri a ritirarlo nel fito dove lui defidera muoverfi . Gomc 
r huomo A. {Ftg. 19.) che muove il braccio col tratto E. e portalo 
in contrario fito col moverfi con tutta la perfona in B. 

Del mònjimento delV huomo. GAP. GLXXXII. 

La fomma e principal parte dell' arte e l' inveftigatione de' com- 
ponimenti di qualunque cofa, & la feconda parte de' movimenti , è 
che habbino attentione alle loro operationi i le quali fiano fatte con 

pron- 



DI LIONARDO DA VINCI. 55 

prontltudine , fecondo li gradi delli loro operatori, cofi in pigricia, 
come in follecitudine : e che la prontitudine di ferocità lìa de la 
fomma qualità che fi richiede all'operatore di quella. Come quan- 
do uno debba gittar dardi, o falTi , o altre (ìrnili c/e, che la fi- 
gura dimoftri Tua f.rnma difpolìtione in ta'e attione , della quale 
qui ne fono due figure in modi varij in attione, 6c in potè za: 
&c il primo in valetudine è la figura A. {Fig. 20.) la feconda è il 
movimento B., ma 1' A. rimoverà più da fé la cofa gettata, che non 
farà la B. perche ancora che 1' uno e 1* altro moftri di voler tuare il 
fuo pefo ad un medefimo afpetto, T A. havendo volto li piedi ad 
eflb afpetto quando fi torce o piega, e fi rimove da quello in con- 
trario fito, dove elfo apparecchia la difpcfiticne del a potenza, 
eflo ritorna con velocità e comodità al fito dove eiTo lafcia ufcir 
il pefo delle fue mani. Ma in quello medefimo cafo la figura B. 
havendo le punte de' piedi volte in contrario fito al luog > d ve ef 
Co vuol tirare il fuo pefo, fi ftorce ad elfo luogo c^n grand' inco- 
modità, e per confeguenza 1' effetto è deb^-le , & il m . to partecipa 
della fua caufa, perche 1' apparecchio della forza in ciafcun movi- 
mento vuol elTerc con iftorcimenti e piegamenti di gran violenza, &C 
il ritorno fia con agio e comodità , e coli 1' operatione ha buon ef- 
fetto : perche il baleftro che non ha dilpofiti -ne violente, il moto 
del mobile da lui rimolfo farà breve, o nulla: perche dove non è 
disfattione di violenza non è moto, e dove n .n è violenza, ella 
non può efier diftrutta , e per queito 1' arco che non ha violenza 
non può far moto fé non acquiita efia violenza , e nell' acquilhr- 
la varierà da fé. Cofi 1' huomo che non fi ftorca , o pieghi non ha 
acquilkto potenza. Adunque quando A. harà tratto il fuo dardo, 
elio fi troverà elTere ilorto e debole per quel verfo dove elfo ha 
tratto il mobile, &: acquiftato una potenza, la quale fol vale a tor- 
nare in contrario moto . 

Delle attttud'im , mo^meiìtt , e lor membri , GAP. CLXXXIII. 

Non fìano replicati i medefimi movimenti in una medefima fi- 
gura nelle fue membra, o mani, o dita: ne anco la fi replichi le 
medefime attitudini in una hilloria . E fé 1' hiiloria fufie grandiflì- 
ma, come una battaglia, o una occifionc di foldati , do\c no'i e 
nel dare fé non tre modi, cioè una punta, un rovefcio, & un fen- 
dente : in quello cafo tu ti hai ad ingegnare che tutti li fendenti lia- 
ne fatti in varie vedute, c( me dire a cuno fia v^ Ito indietro, al- 
cuno per lato, & alcuno dinanzi, e c-.fi tutti gl'altri afi etti delle 
medefime tre attitudini \ e per queflo dimanderem > tutti gì' altri , 
partecipanti d' uno di quelli. Ma li muiii c^mpoili (ono nelle bat- 



54 TRATTATO DELLA PITTURA 

taglie di grand' artificio, e di gran vivacità, e movimento i e ion 

detti comporti quelli , che una fola figura ti dimofira , come s' ella 

fi vedrà con le gambe dinanzi , e parte per il profilo della (palla . 
E di quefti fi dirà in altro luo^o. 

T>elle giunture delle membra . CAR CLXXXIV, 

Nelle giunture delle membra, e varietà delle loro piegature, è 
da confiderare come nel crefcere carne da un lato , viene a man- 
car nell'altro, e quefto s' ha da ricercare nel collo, degl' ani- 
mali , perche li loro moti Tono di tre nature , delle quali due ne 
fono femplici , & un comporto , che partecipa dell' uno , e dell' altro 
femplice, delli quali moti femplici, l'uno è quando fi piega all'una 
e r altra fpalla , o quando elTo alza o abafia la tefta che lopra gli 
pofà . Il fecondo è quando effo collo fi torce a dertra o finiftra 
fenza incurvamento , anzi rerta dritto , & haverà il volto voltato 
verfo una delle fpalle, Il terzo moto, che è detto comporto, è quan- 
do nel piegamento fuo fi aggiunge il fuo torcimento , come quando 
l'orecchia s' inchina inverfb una delle fpalle, & il volto fi volta in- 
verfo la medefima parte, o la fpalla oppofita , col vifo volto al 
cielo , 

Velia memhr'tfìcaùone dell ' huomo . GAP- CLXXXV. 

Mi fura in tela la proportlone della tua membrificatione , e fc 
la trovi in alcuna parte difcordante, notala, e forte ti guarderai di 
non r ufare nelle figure che per te fi compongono , perche quefto è 
comune vitio de' pittori di dilettarfi di far cofe fimili a fé. 

Ve moti de' membri dell ' buomo , GAP. CLXXXVJ. 

Tutti li membri efercitino quell' ohicio, al quale furono defti- 
nati , cioè che ne' morti e dormienti niifun membro apparifca vivo 
o defto , cofi il piede , che riceve il pefo dell' huomo , fia fchiaccia- 
to, e non con dita fcherzanti, fé già non pofarte fopra il calcagno. 

Ve moti delle parti del <njolto , GAP. GLXXXVIL 

Li moti delle parti del volto, mediante gì* accidenti mentali, 
fono molti j de' quali i principali fono ridere, piangere, gridare, can- 
tare in diverfe voci acute e gravi, ammiratione, ira, lentia, malin- 
conia, paura, doglia, e fimili, delle quali (\ farà mentione, e pri- 
ma del rifo, e del pianto, che fono molto fimili nella bocca, e 
nelle guancie, e ferramento d' occhi, ma folo fi variano nelle cigfia, 

e 




S ," 



DI LIONARDO DA VINCI. 55 

.e loro intervallo : e quefto tutto diremo al Tuo luogo , cioè delle 
varietà che piglia il volto , le mani , e tutta la perfona per ciafcun 
de^r accidenti, de' quali a te, pittore, è necelTaria la cognitione , fé 
non la tua arte dimoftrerà veramente i corpi due volte morti . Et 
ancora ti ricordo che li movimenti non fiano tanto sbaleftrati , e 
tanto mofl'i, che la pace paia battaglia o morefca d'imbriachi: e fo- 
pra il tutto che li circolanti al cafo per il quale è fatta 1' hiiloria 
fìano intenti con atti che moftrino ammiratione , riverenza, dolore, 
fofpetto , paura, o gaudio, fecondo che richiede il cafo per il qua- 
le è fatto il congiunto , o vero concorfo delle tue figure : e fa che 
le tue hiflorie non fieno 1' una fopra 1' altra in una medefìma parte 
con diverfì orizzonti , fi che ella paia una bottega di mereiaio con 
le fue cafTette fatte a quadretti. 

Ve membri e defcr'tt'ione ci' effigie . GAP. CLXXXVIII. 

Le parti che mettono in mezzo il globo del nafo fi variano in 
otto modi , cioè o elle fono egualmente dritte , o egualmente conca- 
ve , o egualmente convelTe : i.* Overo fon difegualmente rette, con- 
cave , t convefle , 2."* Overo fono nelle parti fuperiori rette , e di 
fotto concave, 3.* Overo di fopra rette, e di fotto convelle, 4." Ove- 
ro di fopra concave e di fotto rette , 5." O di fopra concave , e di 
fotto conveffe, 6." O di fopra convefTe , e di fotto rette, 7.* O di 
fopra convefle , e di fòtto concave . 

L' applicatura del nafo col ciglio è di due ragioni , cioè , o 
eh' ella è concava , o eh' ella è dritta . 

La fronte ha tre varietà , o eh' ella è piana , o eh' ella è con- 
cava , o eh' ella è colma . La piana fi divide in due parti , cioè o 
ch'ella è convelTa nella parte di fopra, o nella parte di fotto, ove- 
ro di fopra e di fotto, overo piana di fopra e di fotto. 

Modo di tener a mente , e del fare uri effgie humanci in profilo , folo col 
guardo d' una fol <volta . GAP. CLXXXIX. 

In quefto cafo ti bifogna mandare alla memoria la varietà 
de' quattro membri diverfì in profilo, come farebbe nafo, bocca, 
mento, e fronte. E prima diremo de' nafi, li quali fono di tre for- 
ti , dritto , concavo , e coveflo . De' dritti non ven' è altro che quat- 
tro varietà, cioè lungo, curto , alto con la punta, e baffo. I nafì 
concavi fono di tre forti, delle quali alcuni hanno la concavità nel- 
la parte fuperiore , alcuni nel mezzo , & alcuni nella parte inferio- 
re. Li nafi conveffi, ancora fi variano in tre modi, alcuni hanno 
in gobbo nella parte di fopra, alcuni nel mezzo, alcuni di fotto: 

li 



5<5 TRATTATO DELLA PITTURA 

li fporti che mettono in mezzo il gobbo del naio fi variano in tre 
modi ^ cioè o fono dritti, o fono concavi, o fono convefli . 

Modo di tener a mente la forma d* un molto. CAP. CXC. 

Se tu vuol con facilità tener a mente un' aria d' un volto , im^ 
para prima di molte tcfte, bocche, pcchi , nafi, menti, go^c , col!i, 
e fpalle: e poniamo cafo , Li nafi fono di dieci ragioni ; dritto, gob- 
bo , cavo , col rilievo più sii , o più giù che il mezzo , acquilino , fi- 
mo , tofido , & acuto : quefti fono buoni in quanto al profilo . In 
faccia fono di undici ragioni: eguali, groffi in mezzo, {bttili in mez- 
zo , la punta grolla e fottile nell' appiccatura , fottile nella punta e 
grolTo nell'appiccatura, di larghe narici, di ilrette , di alte, di baf- 
fe , di buchi fcoperti , e di buchi occupati dalla punta : e cofi tro- 
verai divcrfità neir altre particole : le quali cofe tu devi ritrarre dal 
naturale, e metterle a mente. Overo quando tu devi fare un volto 
a mente , porta teco un picciol libretto , dove fiano notate fimili fat- 
* tioni , e quando hai dato un' occhiata al volto della pcrfona che vuoi 
ritrarre , guarderai poi in difparte qual nafo o bocca fé gì' aflomi- 
glia, e fagli un picciolo fegno per riconofccrlo poi a cafa, e met- 
terlo infieme, 

T)elle bellezze di evolti. CAR CXCL 

Non fi faccia mufcoli con afpre diffinitionl, ma H dolci lumi 
fìnifchino infenfibilmente nelle piacevoli & dilettevoli ombre , e di 
quello nafce gratia e formofità . 

DelV attitudine . CAP. CXCIL 

La fontanella della gola cade fopra il piede , e gittando un brac^ 
ciò innanzi , la fontanella efce di elfi piedi , e fé la gamba getta in 
<liecro, la fontanella va inanzi, ^ cofi fi rimuta in ogni attitudine. 

2)/ movimenti delle membra quando fi figura V huomo che Jìano atti 

frofrij. CAR CXCIIL 

Quella figura , della quale il movimento non è compagno dell' 
accidente che è finto elTer nella mente della figura, moftra le mem- 
bra non efier obbedienti al giuditio d' effa figura, & il giuditio dell' 
operatore valer poco j però deve moftrare tal figura grand' affettionc 
e fervore , e moftrar che tali moti , altra cofa di quello per cui fia- 
no fatti non poflino fignificare. 

Velie 



DI LIONARDO DA VINCI. 57 

Velie me-mhrtjìcatiom degV ignudi. GAP. CXCIV. 

Le membra degl' ignudi debbono effere più o meno evidenti 
nel difcoprimento de' mufcoli fecondo la maggior o minor fatica di 
detti membri, e mollrar Iblo quelli membri che più s' adoprano nel 
moto o attione , & più fi manifclli quello eh' è più adoperato, e 
quello che nulla s adopera reftì lento e molle. 

"Del moto e cor Co dell ' hnomo ^ altri animali . GAP. G X G V. 

Quando V huomo fi muove con velocità o tardità , femprè 
quella parte che fopra la gamba foftiene il corpo , farà più bafla 
che r altra . 

binando è maggior dijfereni^a d^ altet.i.a di fpalle mlV attioni dell' huomo . 

GAP. GXGVI. 

Quelle fpalle o lati dell' huomo, o d' altri animali, haranno 
infra loro maggior differenza nell' altezza , delle quali il fuo tutto 
farà di più tardo moto 5 feguita il contrario , cioè che queUe parti 
dell' animale haranno minor differenza nelle loro altezze, delle quali 
il Cuo tutto farà di più veloce moto . E quello fi prova per la 9.^ 
del moto locale, dove dice: Ogni grave pefa per la linea del fuo 
moto: adunque movendofi il tutto verfo alcun luogo, la parte a 
quella unita, feguita la linea breviffima del moto del fuo tutto, 
fenza dar di fé pefo nelle parti laterali d' elfo tutto , 

tifpojla contra. GAP. GXGVII. 

Dice r avverfàrio , in quanto alla prima parte di fopra , non 
efTer neceffario che 1' huomo che flà fermo , o che camma con tar- 
do moto , ufi di continuo la predetta ponderatione delle membra 
fopra il centro della gravità che foftiene il pefo del tutto , perche 
molte volte 1' huomo non ufa ne oiferva tal regola, anzi fa tutto 
il contrario, conciofiache alcune volte effo {\ piega lateralmente, 
lìando fopra un fol piede , alcuna volta fcarica parte del ilio pefo 
fopra la gamba che non è retta , cioè quella che fi piega nel gi- 
nocchio, come fi molerà nelle due figure B. G. {Fig. 21.) Riipon- 
òc{\ che quel che non è fatto dalle fpalle nella figura G. è fatto 
nel fianco , come fi è dimoflrato a fuo luo^o . 



H Coma 



58 TRATTATO DELLA PITTURA 

Come ti braccio raccolto muta tutto V huomo dalla jlia ^nma fonder atwne 
(Quando ejfo braccio s ejìende . GAP. CXCVIII. 

L' eftenfione del braccio raccolto muove tutta la pondeiatione 
dell' huomo fopra il fuo piede fblìentacolo del tutto, come il mo- 
fìra in quello che con le braccia aperte va lopra la corda fcnza 
altro baftone , 

3)ell' huomo e altn avimalt che nel muo-oerfi con tardità non hanno il centro 
(iella gratuità troppo remoto dal centro delli fojlentacoli ■ 

GAP. GXGIX. 

Queir animale harà il centro delle gambe fuo fofìentacolo tan- 
to pili vicino al perpendicolo del centro della gravità , il quale farà 
di pili tardi movimenti, e cofi di convergo, quello harà il centro 
de' foftentacoli più remoto dal perpendicolo del centro della gravi- 
tà Tua , il quale fia di più veloce moto . 

T)eir huomo che porta un pefo fopra le fue fpalle . 

GAP. ce. 

Sempre la fpalla dell' huomo che foftiene il pefo è più alta 
che la fpalla fenza pefo, e quefto lì moftra nella figura, {tig. 22.) 
per la quale paffa la linea centrale di tutto il pefo dell' huomo, 
e del pefo da lui portato : il qual pefo comporto fé non fufle divi- 
fo con egual foma fopra il centro della gamba che pofa , farebbe 
neceffità che tutto il comporto rovinaile ; ma la necertità provede 
che tanta parte del pelo naturale dell' huomo (ì getta da un de' la- 
ti, quanto è la quantità del pefo accidentale che lì aggiunge dall' op- 
posto lato : e querto far non li può le l' huomo non lì piega e non 
s' abballa dal lato luo più lieve con tanto piegamento che partecipi 
del pefo accidentale da lui portato : e quello far non lì può fé la 
fpalla del pefo non lì alza, e la fpalla lieve non s' abbafla . E que- 
llo è il mezzo che 1' artilìtiola nccelfità ha trovato m tale attiene . 

"Della ponderatione dell ' huomo fopra li fuoi piedi , 
GAP. GGL 

Sempre il pefo dell' huomo che pola fopra una lòl gamba farà 
divifò con egual parte oppolìta fopra il centro della gravità che 
forti ene (f/^- 23.) 

•DelV 



Poe/, /«f. 




DI LIONARDO DA VINCI. 59 

"Dell ' huomo che fi morje . C A P. C C II. 

L* huomo che fi move harà il centro della Tua gravità fopra 
il centro della gamba che pofa in terra {Ftg. 24.) 

Velia biltcat'toìie del pefo di quahmcjiie ammale immobile fopra le fue gambe. 

GAP. ceni. 

La privatione del moto di qualunque animale, il quale pofa li 
Tuoi piedi , nafce dalla privatione dell' inegualità che hanno infra lo- 
ro oppofitj pefi che fi foftengono fopra i lor pefi (F/^. 25.) 

\D e piegamenti e 'voltamenti dell' huomo. CAP. CCIV. 

Tanto diminuifce 1' huomo nel piegamento dell' uno de' Cuoi 
lati quanto egli crefcc nell' altro Tuo lato oppofito , e tal piegatura 
farà all' ultimo fubdupla alla parte che fi eftende . Et di quefto (i 
farà particolar trattato. 

Ve' piegamenti. CAP. CCV. 

Tanto quanto uno de' lati de' membri piegabili fi farà più lun- 
go, tanto la fua parte oppofita farà diminuita. La linea centrale e- 
itrinfeca de' lati che non fi piegano , ne membri piegabih , mai di* 
minuifce o crefce di fua lunghezza. 

Velia equiponderantia . CAP. C C V I. 

Sempre la figura che foftiene pefo fuor di fé e della linea cen- 
trale della fua quantità , debbe gettar tanto pefo naturale o acci- 
dentale dall' oppofita parte , che faccia equiponderanza de' pefi in- 
torno alla linea centrale che fi parte dal centro dalla parte del pie 
che fi pofa , e paffa per tutta la foma del pefo fopra cffa parte de* 
piedi in terra pofata . Vedefi naturalmente uno che piglia un pc(b 
dall' uno de' bracci , gittar fuori di fé il braccio oppofito ; e fé que- 
llo non baila a far 1' equiponderanza , vi porge tanto più pefo di (e 
medefimo piegandofi , che fi fa fufficiente a refiftere all' applicato 
pefo . Si vede ancora in uno che fia per cadere rovefcio l' uno de* 
fuoi lati laterali , che femprc getta in fuori il braccio dell' oppofita 
parte . 



H 2 Piì 



6o TRATTATO DELLA PITTURA 

Del ìnoto humano . C A P. C C V IL 

Quando tu vuoi fare 1' huomo motore d* alcun pefo confiderà 
che li moti debbono eOfer fatti per diverfc linee, cioè o di baffo 
in alto con femplice moto, come fa quello che chinando fi piglia 
il pefo che rizzandofi vuole alzare, o quando vuole ftrafcinarfi al- 
cuna cofa dietro, overo fpingere innanzi, o vuoi tirar in balio con 
corda che palTa per carruccola . Qui fi ricorda che il pefo delf huo- 
mo tira tanto quanto il centro della gravità fua è fuori del centro 
del fuo foitentacolo . A quello s' aggiunge la forza che fanno le 
gambe o fchiena piegate nel fuo rizzarfi , 

Mai fi fcende o fale, né mai fi cammina per niffuna linea, che 
il pie di dietro non alzi il calcagno. 

Del moto creato dalla dejìrutttone del bilico. GAP. CCVIIL 

Il moto è creato dalla dcftruttione del bilico, cioè dall' inegua- 
lità: imperoche niffuna cofa per fé fi move che non efchi dal fuo 
bihco, e quella fi fa più veloce, che più fi rimovc dal detto fuo 
bilico . 

Vel bilico delle figure . C A P. C C I X. 

Se la figura pofà fbpra uno de* fuoi piedi , la fpalla di quel 
Iato che pcfa fia fempre più balTa che 1' altra, e la fontanella della 
gola farà fopra il mezzo della gamba che pofà. Il medefimo acca- 
derà per qualunque linea noi vedremo effa figura elTendo fcnza brac- 
cia f^ortanti non molto fuori della figura , o fqnza pefo adolTo , o 
in mano, o in fpalla, o fportamento della gamba che non pofa 
innanzi o indietro. {Fig. 26.) 

Della grafia delle membra. GAP. CCX. 

Le membra nel corpo debbono effcre accommodatc con gratia 
al propofìto dell' effetto che tu vuoi che faccia la figura: e fé tu 
vuoi fare la figura che mofiri in fé leggiadria , debbi far membri 
gentili, e difìefi, fenza dimoftratione di troppi mufcoli , e quei po- 
chi che al proposto farai dimoflrare, farli dolci, cioè di poca evi- 
denza, con ombre non tinte, e le membra, e maffiniamente le brac» 
eia difnodate , cioè che niffun membro non ftia in linea dritta col 
membro che s'aggiunge feco. E fé il fianco polo dell' huomo fi tro- 
va, per lo pofare fatto, che il dcfiro fia più alto che il finifiro, 
farai la giuntura della fpalla fuperioré piovere per linea peroendico- 
lare fopra il più eminente oggetto del fianco, e fia ella fpalla deftra 

più 



DI LIONARDO DA VINCI. 6\ 

più baflfa della finiflra, e la fontenella fia Tempre fuperiorc al mezzo 
della giuntura del pie di fopra che pofa la gamba : e la gamba che 
non pofa habbia il Tuo ginocchio più balio che l'altro, e prefTo ali' 
altra gamba. 

Le hutitudini della tefta e braccia fono infinite, però non m' eften- 
derò in darne alcuna regola . Dirò pure che elle fiano facili e grate 
con varij torcimenti, acciò non paiano pezzi di legno. 

Delle comodità delle membra. GAP. CCXI, 

In quanto alla comodità d* efTì membri , harai a confìdcrare 
che quando tu vuoi figurare uno che per qualche accidente fi hab- 
bia a voltare in dietro, o per canto, che tu non facci muovere lì 
piedi e tutte le membra in quella parte dove volta la tefta, anzi 
farai operare col partire efio fvolglmento in quattro giunture, cioè 
quella del piede, del ginocchio, del fianco, e del collo: e fé pofe- 
rai fu la gamba deftra , farai il ginocchio della finiftra piegare in 
dentro, & il Tuo piede fia elevato alquanto di fuori, e la fpalla fi- 
nilka fia alquanto più bafia che la deftra , e la nucca fi fcontri nel 
medefimo luogo dove è volta la noce di Riori del pie finiflro , e 
la fpalla finiflra farà fopra la punta del pie dcflro per perpendicolar 
linea: e fcmprc ufa, che dove le figure voltano la tefta , non vi fi 
volga il petto, che U natura per noRra comodità ci ha fatto il col- 
lo , che con facilità può fervire a divcrfc bande , volendo 1* occhio 
voltarfi in varij fiti : & a quefto medefimo fono in parte obbedienti 
r altre giunture: e fé fai 1' huomo a federe, e che le fue braccia s' a- 
veflcro in qualche modo ad adoprare in qualche cofa traverfa, fa 
fhe il petto fi volga fopra la giuntura del fianco. 

2)' una figura fola fuor dell ' hifìoria . GAP. C C A II. 

Ancora non replicar le membra ad un medefimo moto nella 
figura la quale tu fìngi efTer fola, cioè che fé la figura moftra di 
correr fola, che tu non gli facci tutte due le mani innanzi, ma una 
innanzi, e l'altra indietro, perche altrimentc non può correrci e fc 
il pie deftro è innanzi , eh' il braccio deflro fia indietro , & il fini- 
ftro innanzi, perche fcnza tal difpofitione non fi può correr bene. E 
fé gli farà fatto uno che lo feguiti, che habbia una gamba che fi 
getti alquanto innanzi , fa che f altra ritorni fotto la tefta , & il 
braccio fuperiore fcambij il moto, e vada innanzi: e cefi di que» 
{lo fi dirà a pieno nel libro de' tpovimcnti. 



6t TRATTATO DELLA PITTURA 

Sluah fono le principali import ant'ie che appartengono alla figura. 

GAP. CCXIII. 

Fra le principali cofe importanti che fi richiedono nelle figura- 
tioni degl' animali , è fituar bene la fella fopra le (palle , il bullo 
fopra i fianchi, e i fianchi e fpalle fopra i piedi. 

Del bilicar ti pefo intorno al centro della gravita de corpi . 

GAP. ccxiy. 

La figura che fenza moto fopra li fiioi piedi fi rofiicnc, darà 
(di fé eguali pefi oppofiti intorno al centro del fiio fi-ilcntacolo . Di- 
co che fé la figura fenza moto farà pofata fopra li fuoi piedi , che 
s'ella getta un braccio inanzi al fuo petto, eh* ella debba gettar 
tanto pefo naturale indietro quanto ne getta del naturale & acci- 
dentale inanzi j e quel medefimo dico di ciafcuna parte che fporta 
fuori del fuo tutto oltre al folito. 

Delle fgure cioè hanno a maneggiare e portar pefi, GAP. CCXV. 

Mai fi leverà o porterà pefo dall' huomo , che non jnandi di 
fé più di altrettanto pefo che quello che vuole levare, e lo fporti 
in oppofita parte a quella dove eiTo leva il detto pefo. 

Delle attitudini degV huomini. GAP. GGXVI. 

Siano le attitudini degl' huomini con le loro membra in tal mo- 
do difpofti, che con quelle fi dimoflri 1' intentione del loro animo. 

Varietà d' attitudini. GAP. GCXVIL 

Pronuntlanfi gì* atti negl* huomini fecondo le loro età e digni- 
tà, e fi variano fecondo le fpetie , cioè de' mafchi & delle femmine. 

Delle attitudini delle figure . GAP. G G X V 1 1 L 

Dico che il pittore deve notar le attitudini e li moti degl' huo- 
mini nati di qualunque accidente immediate , e fiano notati o meffi 
nella mente , e non afpettar che 1' atto del piangere fia fatto fare a 
uno in prova fenza gran caufa di pianto, e poi ritrarlo , perche tal 
atto non nafcendo dal vero cafo, non farà ne pronto ne naturale: ma 
e ben buono haverlo prima notato dal cafo naturale, e poi fare ftar 
uno in quell'atto per yederc alcuna parte al propofito, e poi ritrarlo. 

Delle 



DI LIONARDO DA VINCI. 6^ 

Delle atttoìi de c'irco^Iaìiti a un cefo notnv.do . GAP. C C X I X, 

Tutti li circolìanti eh qualunque caio degno d' eflere notato 
ftanno con divedi atti ammirativi a confìdcrare eflo atto , come 
quando la ^iuftitia punifcc li malfattori : e fé il cafb e di cofa. de- 
vota, tutti li circoftanti drizzano gì' occhi con divcrfì atti di devo- 
tionc a elio cafo, cerne il mollrare 1' oilia nel (acriHcio , e fìmili : 
e s' egli e cafo degno di rifo , o di pianto , in quello non è ne- 
cedario che tutti li circolanti voltino gì' occhi a elio calo , ma con 
diverfi movimenti , e che gran parte di quelli fi rallegrino , o lì 
dolghino infieme: & Te il calo è paurofb , li vifi fpaventati di quel- 
li che fuggono faccino gran dimoftratione di timore, &. di fuga, 
con varij movimenti , come fi dirà nel libro de' moti . 

%uahtci degV ignudi , GAP. G G X X. 

Non far mai una figura che babbi del fottilc con mulcoli ò\ 
troppo rilievo i imperoche gì' huomini fottili non hanno mai troppa 
carne fopra 1' ofTa , ma fono fottili per la fcarfità di carne , e dove 
è poca carne , non può effer grolTezza di mufcoli , 

Come li mufcolt fon corti e grojf, GAP. G C X X I, 

I mufcolofi hanno grolTe I* offa, e fono huomini groflì e cor- 
ti, & hanno careltia di graffo, imperoche le carnofità de* mufcoli 
per loro accrefcimento fi riilringono infieme , & il graflo che inha 
loro (i fuole interporre non ha luogo , & i mufcoh in tai magri 
efiendo in tutto colhetti infra loro , e non potendofi dilatare , cref- 
cono in groifezza , e più crefcono in quella parte che è più remota 
da loro cltremi, cioè inverfo il mezzo della loro larghezza e lon- 
ghezza . 

Come li gycfjfì mn hanno grofjì mufcoli . GAP, GGXXII, 

Ancora che li graffi fiano in fé corti e groffi, come gì' antidec- 
ti mufcolofi, elfi hanno fiottili mufcoli, ma la loro pelle velie mol- 
ta groflezza fpognoia e vana, cioè piena d' aria i però efii gralh {\ 
foftengono più lopra 1' acqua che non fanno li mufcolofi , che han- 
no nella pelle rinchiufa meno quantità d'aria. 

^Imlt fono li mufcolt che fparifcono ne' mo'vtmenù di'verft dell ' kuomo . 

GAP. GGXXllI. 

Neir alzare & abballare delle braccia le poppe fparifcono, o 

elle 



64 TRATTATO DELLA PITTURA 

elle fi fanno di piìà rilievo : il ornile fanno li rilievi de' fianchi nel 
piegarfi in fuori o in dentro nelli loro tìanchii e le fpalle fanno più 
varietà , & li fianchi , & il collo , che nilìun' altra giuntura , perche 
hanno li moti più variabili: e di quello iì iarà un libro particolare. 

Vemufcoli. GAP. ce XXIV. 

Li membri non debbono haver nella gioventù pronuntiationc 
de' mufcoli , perche .è fegno di fortezza attempata , e ne' giovanetti 
non è tempo, ne matura fortezza: ma fiano i fentimenti delle mem- 
bra pronuntiate più o meno evidenti, fecondo che più o meno fa- 
ranno affaticati: e Tempre li rnufcoli che fono affaticati fono più alti 
e groffi che quelli che ftanno in ripofo , e mai le linee centrali in- 
trinfeche de' merpbri che fi piegano ftanno nella loro naturai lunghez- 
za. 

Che r ignudo Jìgurato con grand* enjide;rx>a de mufcolt Jìa 
fenica moto . GAP. G G X X V. 

L* ignudo figurato con grand' evidenza di tutti i fi.ioi mufcoli 
fìa fenza moto , perche non fi può muovere fé una parte de' muf- 
coli non fi allenta, quando gli oppofiti mufcoli tirano: e quelli che 
fi allentano mancano della loro dimoflratione , e quelli che tirano 
fi fcuoprono forte , e fannofi evidenti . 

Che le figure ignude non debbono ha^ver t loro mujcolì ricercati ci^^tto . 

GAR GGXXVI. 

Le figure ignude non debbono haver i loro mufcoli ricercati 
interamente , perche riefcono difficili e difgratiati . Per quell' afpetto 
che il membro fi volta alla fua operatione, per quel medefimo fia- 
no li fuoi mufcoli più fpeffo pronuntiati . Il mufcolo in fé pronun- 
tia fpeffo Te fue particole mediante 1' operatione, in modo che fen- 
za tale operatione in effo prima non fi dimoffravano. 

^elV allargamento e racortamento de mufcolt . 
GAR GGXXVIL 

Il mufcolo della cofcia di dietro fa maggior varietà nella fua 
eftenfione & attratione che niffun altro mufcolo che fia nell'huomo. 
11 fecondo è quello che compone la natica . Il terzo è quello delle 
fchiene . Il quarto è quello della gola. Il quinto è quello delle fpal- 
le . Il fef'lo e quello dello ftomaco , che nafce fotto il pomo grana- 
to , e termina fotto il pettignone , come fi dirà di tutti. 

Do've 



DI LIONARDO DA VINCI. 6^ 

Tio've ft trama corda ne fl^ hmm'un fenica mufcolt , 
GAP. CCXXVIII. 

Dove il braccio termina con la palma della mano prelTo a quat- 
tro dita, lì trova una corda la maggior che Ila neU' huomo la qua- 
le è fenza mufcolo, e nafce nel mezzo dell uno de fucili del brac- 
cio e termina nel mezzo dell'altro fucile, & ha figura quadrata, 
^ è larga crea tre dita, e grolla mezzo dito, e quefta ferve folo 
a tenere infieme {fretti li due detti fucili del braccio, accio non li 
dilatino , 

Df?/' otto pex.z,i che mfcono nel wez.i.o delle corde in marie giunture dell' 
^ buomo. GAP. GGXXIX. 

Nafcono nelle giunture dell' huomo alcuni pezzi d'ofTo, li qua- 
li fono ifabili nel mezzo delle corde che legano alcune giunture, 
come le rotelle delle ginocchia, e quelle delle fpalle , & de piedi, 
le quali fono in tutto otto, che né una per rpalla,& una pei gi- 
nocchio, e due per ciafcun piede fotto la prima giuntura delh deti 
roffi verfo il calcagno, e queffi fi fanno duriflimi verfo la vecchicz- 



za dell' huomo 



Vel mufcolo che è infra 'l pomo granato, ^ il fcttignone. 

GAP. CGXXX. 

Nafce un mufcolo infra il pomo granato, & il pettignonc, 
(dico termina nel pettignone ) il quale è di tre potenze, perche e 
divifo nella fua lunghezza di tre corde, cioè prima il mufcolo fupe- 
riore, e poi feguita una corda larga come elio mufcolo, poi le- 
ouita il fecondo mufcolo puì ballo di quefto , al quale fi congiungc 
fa (econda corda , al fine feguita il terzo mufcolo con la terza cor- 
da la qual corda è congiunta all' olTo del pettignone : e queite tre 
riprefe di tre mufco'i con tre corde fono fatte dalla natura per il 
gran moto che ha 1' huomo nel fuo piegarfi , e diftenderd con limi- 
le mufcolo: il quale fé fufie d' un pezzo ^^^|^ ^^ /^P.^ .[['^f;^ f 
nel fuo dilatarfi e reftringerfi , nel piegarfi e d.ifenderfi dell huo- 
mo, e fa maggior bellezza nell' huomo haver^ poca varietà di tal 
mufcolo nelle lue attioni , imperoche fé il mufcolo fi ha da difen- 
dere nove dita, & altrettante poi r.tirarfi, non tocca tre dita per 
ciafcun mufcolo, le quali fanno poca varietà nejla loro figura, 
poco diformano la bellezza del corpo. 

f Veli' 



66 TRATTATO DELLA PITTURA 

J)f//* ultimo pvoUamento che ^uò far V huomo nel <vedeyjt fl dietro, 

GAP. CCXXXL 

L* ultimo fvoltapiento che può far 1' huomo farà pel dimollrarfì 
le calcagna indietro, & il vifo in faccia: e quefto non fi farà (en- 
za diffìcultà , & Te non fi piega la gamba & abbalTafi la fpalla che 
guarda la nucca: e la caufa di tale fvoltamsnto fia dimoftrata nell' 
anatomia, & quali mufcoli primi & ultimi fi muovmo {Fig. ij.) 

^^«fo Jt può a'wictuar l' un braccio con V altro dt dietro, 

GAP, CGXXXIL 

Delle braccia che fi mandano di dietro, le gomita non Ci fa- 
ranno mai più vicine che le più lunghe dita pafTino le gomita dell' 
pppofitc mani , cioè che 1' ultima vicinità che haver poffino le go- 
jpita dietro alle reni , farà quanto è lo fpatio eh' è dal lup gomi- 
to air eftremo del maggior dito della mano, le quali braccia fan- 
no un quadrato perfetto. E quanto fi poflino traverfar le braccia 
fupra il petto , e che le gomita venghino nel mezzo del petto , 
e quefte gomita con le fpalle e braccia fanno un triangolo equila- 
tero (%. 28.) 

^elV apparecchio della forz.a dell huomo ehf wuol generare gran ^ercujjìone > 

GAP. CCXXXIH. 

Quando 1* huomo fi difponc alla creationc del moto con la 
f jrza , effo fi piega e fi tòrce quanto può nel moto contrario a 
quello dove vuol generare la percufTione , e quivi i apparecchia nel- 
la forza che a lui è pofTibilc, la quale conduce e lafcia fopra del- 
la cofa da lui percoffa col moto del compofto (F/^. 2^.) 

'Della forila compojìa dall huomo , e -prima Jì dirà delle braccia . 

GAP. GGXXXIV. 

Lì mufcoli che muovono il maggior fucile del braccio nell' e- 
flenfione e retrattione del braccio , nafcono circa il mezzo dell* oC- 
fo detto adiutorio , 1* uno dietro all' altro \ di dietro e nato quello 
che eftende il braccio, e dinanzi quello che lo piega. 

Se r huomo è più potente nel tirare che nello fpingere , pro- 
vafi per la 9." de ponderibus , dove dice: Infra li pefi di egual poten- 
za, quello fi dimoftrerà più potente che farà più remoto dal polo 
della loro bilancia. Seguita che eflendo N. B. {Fig. 30.) mufcolo, 
^ N. G. mufcolo di potenza in tra loro eguali, il mufcolo dinan- 



zi 



Pa.y. 6S. 




t'--^ mmm'^^.. 



Pa^. 66. 




DI LIONARDO DA VINCI. ój 

ZI N. C. è più potente che il mufcolo di detto N. B., perche elTo 
è fermo nel braccio in C. fìto più remoto dal polo del gomito A. 
che non è B. il quale è dilà da elTo polo , e cofi è conclufo l' in- 
tento . Ma quefta e forza femplice, e non comporta, come fi pro- 
pone di voler trattare , e dovemo metter più innanzi ; & la forza com- 
porta è quella quando faccndofi un operatione con le braccia, vi s'ag- 
giunge una feconda potenza del pelo della periona , e delle gambe, 
come nel tirare, e nello fpingere, che oltre alla potenza delle brac- 
cia vi s' aggiugne il pefo della perfbna , e la forza della fchiena, e 
delle gambe, la quale è nel voler dirtenderfi, come farebbe di due 
ad una colonna, che uno la fpingelTe, e l'altro la tiralTe. 

^lual è maggior poteti'z.a dell ' huomo , quella del tirare , o quella del- 
lo ffwgere. GAP. CC XXXV. 

Molto maggior potenza ha 1' huomo nel tirare che nello fpin- 
gere , perche nel tirare vi s' aggiunge la potenza de' mulcoli delle brac- 
cia che fono creati folo al tirare, e non allo fpingere, perche quan- 
do il braccio è dritto, li mufcoli che muovono il gomito non pof- 
fono bavere alcuna attione nello fpingere più che fi aveffe 1' huomo 
appoggiando la fpalla alla cofa che lui vuole rimuovere dal Tuo ii- 
to , nella quale folo s'adoprano li nervi che drizzano la fchiena in- 
curvata, e quelli che drizzano la gamba piegata, e rtanno fotto la 
cofcia, e nella polpa dietro alla gamba, e cofi è conclufo al tirare 
aggiungerfi la potenza delle braccia , e la potente ert:enfione delle 
gambe, e deUa fchiena, infieme col petto dell' huomo, nella qualità 
che richiede la fua obliquità j & allo fpingere concorre il medeiimo, 
mancandogli la potenza delle braccia , perche tanto è a fpingere 
con un braccio dritto fenza moto , ccme è bavere interpolto un 
pezzo di legno fra la fpalla e la cofa che fi fpinge {Ftg. 31.) 

Delle membra che pegano , e che officio fa la carne che la njejle in effo 
piegamento. CaP. CCXXXVI. 

La carne che verte le giunture dell' offa, e l'altre parti all' orto 
vicine , crefcono e diminuifcono nelle loro groflezze fecondo il pie- 
gamento o eftenfione delle predette membra , cioè crefcono dalla 
parte di dentro dell' angolo che fi genera nelli piegamenti de' mem- 
bri , & s' alTottigliano , &C fi ertendono dalla parte di fuori dell* an- 
golo erteriore: & il mezzo che s'interpone fra l'angolo convelTo & 
il concavo partecipa di tale accrcfcimcnto o diminutione , ma tanto 
più o meno quanto le parti fono più vicine o remote dagl' angoli 
delle dette giunture piegate. 

I 2 Veì 



6S TRATTATO DELLA PITTURA 

X>el ^voltar la gamba fenz.a la cofc'ia . C A P. C C X X X V I L 

ImpofTibilc è voltar la gamba dal ginocchio in giù fenza voltar 
la cofcia con altrettanto moto : e quefto nafce che la giuntura dell' 
oflo del ginocchio ha il contatto deli' olTo della cofcia internato e 
commeiTo con X odo della gamba , e fblo fi può muovere tal giun- 
tura innanzi o indietro, nel modo che richiede il caminare , & 1' in- 
ginocchiarfi i ma non fi può mai muovere lateralmente , perche li 
contatti che compongono la giuntura del ginocchio non lo compor- 
tano : imperoche fé tal giuntura fufle piegabile e voltabile , come 
r offo dell' adiutorio che (\ commette nella fpalla, e come quello 
della cofcia che fi commette nelf anche, 1' huomo harebbc fempre 
piegabili cofi le gambe per gli loro lati , come dalla parte dinanzi 
alla parte di dietro, e fempre tali gambe farebbono torte: &: anco- 
ra tal giuntura non può preterire la rettitudine della gamba , & è 
folo piegabile innanzi, e non indietro, perche fé {\ piegaiTe indie- 
tro , r huomo non fi potrebbe levare in piedi quando fuile inginoc- 
chiato , perche nel levarfi di ginocchioni, delle due ginocchia, pri- 
ma {\ dà il carico del bufto fopra Y uno de' ginocchi, e fcaricafi il 
peib dell'altro, & in quel tempo l'altra gamba non fente altro pe- 
{o che di fé medefima, onde con facilità leva il ginocchio da terra, 
e mette la pianta del piede tutta pofata alla terra, di poi rende 
tutto il pefo fopra elfo piede po/ato, appoggiando la mano fopra il 
{ìio ginocchio , & in un tempo diftendc il braccio il quale porta il 
petto e la tefta in alto , e cofi diftende e drizza la cofcia col pet- 
to , e faflTi dritto fopra effo piede pofato infino che ha levato 1' al- 
tra gamba. 

Velia piegatura della cardie . GAP. CCXXXVIII. 

Sempre la carne piegata è grinza dall' oppofita parte da che 
r è tirata. 

Del moto fewplice dell' huomo. GAP. GGXXXIX. 

Il moto femplice è detto quello che fa nel piegarfi fempli- 
ccmente, o innanzi, o indietro. 

Moto compojlo, GAP. GCXL. 

Il moto comporto è detto quello quando per alcuna operatio- 
ne fi richiede piegarfi in giù è in traverfo in un medefimo tempo : 
cofi deve avvertire il pitture a fare i movimenti comporti, i quali 

fia- 



ùsJj^ 




DI LIONARDO DA VINCI. 6^ 

fiano integralmente alle loro compofitioni : cioè fé uno fa un atto 
compollo , mediante le necefTità di tale attione , che tu non X imiti 
in contrario col fargli fare un atto femplice , il quale farà più re- 
moto da cHa attione. 

Dellt moti appropriati agV effetti degV buomini . GAP. CCXLI. 

Li moti delle tue figure debbono elTere dimoftrativi della quan- 
tità della forza quale conviene a quelle ufare a diverle attieni , cioè 
che tu non facci dimoftrare le medefime forze a quel che leverà u- 
na bacchetta , la quale fia conveniente all' alzare d' una trave . Adun- 
que fa diverfe le dimoftrationi delle forze fecondo la qualità de' pc- 
(ì da loro maneggiati . 

De moti delle figure . C A P. C C X L II. 

Non farai mai le tefte dritte fopra le fpalle , ma voltate in 
traverfo, a deftra o a fìniftra , ancorché elle guardino in sii o in 
giù , o dritto , perche gli è necelTario fare i lor moti che moftrino 
vivacità defta, e non addormentata. E non fare li mezzi di tutta 
la pcrfona dinanzi o di dietro , che moflrino le loro rettitudini fo- 
pra o (òtto agi' altri mezzi fuperiori o inferiori : e fé pure tu lo 
vuoi ufare, fallo ne' vecchi: e non replicare li movimenti delle brac- 
cia, o delle gambe, non che in una medefima figura, ma ne anche 
nelle circolanti e vicine, fé già la neccifità del cafo, che li fìnge 
non ti coftringeffe. 

Vegl ' atti dimoflrati^t . GAP. GGXLIII. 

Negl* atti affettionati dimoftrativi , le cofe propinque per tem- 
po o per fìto s' hanno a moftrare con la mano non troppo remo- 
ta da effi dimoftratori : e fé le predette cofe faranno remote, re- 
mota debba elTere ancor la mano del dimoftratore, e la faccia del 
vifo volta a che fi dimoftra. 

Della varietà de 'vifi . GAP. GGXLIV. 

Sia variata \ aria de' vifì fecondo gì' accidenti dell' huomo in 
fatica, in ripofo, in pianto, in rifo, in gridare, in timore, e cofè 
fimili , & ancora le membra della perfona infieme con tutta 1' atti-» 
tudine deve rifpondere all' efìfìgie alterata. 



X>è 



70 TRATTATO DELLA PITTURA 

X>e moti appropriati alla mente del mobile . C A P. C C X LV. 

Sono alcuni moti mentali fenza il moto del corpo, & alcuni 
col moto del corpo . Li moti mentali fenza il moto del corpo la- 
fciano cadere braccia, mani, oc ogn' altra parte che moftra vita: 
ma li moti mentali con il moto del corpo tengono il corpo con le 
fìie membra col moto appropriato al moto della mente : e di que- 
flo tal difcorfo fi dirà molte cofe : cvvi un terzo moto eh' è par- 
tecipante dell'uno e dell' altro: & un quarto che non è né 1' uno, 
né r altro i e quefti ultimi fono infenfati , ovvero difenfato : e fi 
mette nel capitolo della pazzia o de buffoni nelle loro morefche . 

Come gV attt mentali muoijano la perfona ni primo grado di facilità 

e commoditk . GAP. C C X L V l. 

Il moto mentale muove il corpo con atti femplici , e facili , 
non in qua , & in là , perche il fuo obbietto é nella mente , la qua- 
le non muove i fenfi , quando in fé medefima é occupata . 

Del moto nato dalla mente mediante l ' obbietta . GAP. G G X LV I L 

Quando il moto dell' huomo é caufato mediante 1' obbietto, o 
tale obbietto nafce immediate, o nò: fé nafce immediate, quel che 
fi muove torce prima all' obbietto il fenfo più neceflario, eh' é l'oc- 
chio, lafciando ftar li piedi al primo luogo, e fbio muove le co- 
fcie infieme con i fianchi e ginocchi verfo quella parte dove fi vol- 
ta l'occhio, e cofi in tali accidenti fi farà gran difcorfo. 

De moti comuni . G A P. G G X L V I IL 

Tanto fon varij li moti degl' huomini quante fono le varietà 
degl' accidenti che difcorrono per le loro menti : e ciafcuno acci- 
dente in fé muove più o meno effl huomini , fecondo che faranno 
di maggior potenza, e fecondo 1' etài perche altro moto farà fopra 
un medefimo cafo un giovane , che un vecchio . 

Del moto degl' animali. GAP. GGXLIX. 

Ogn' animale di due piedi abbaffa nel fuo moto più quella par- 
te che Ila fopra il piede che alza , che quella che ^à fopra il piede 
che pofa in terra: e la fua parte fuprema fa il contrario: e quello 
fi vede nelli fianchi e fpalle dell' huomo quando camina, e negl'uc- 
celli il medefimo con la tella fua, e con la groppa. 

eh' ogn: 



DI LIONARDO DA VINCI. 71 

CÌj ogm membro Jìa proportfQ>jato a tutto il fuo corpo . C A P. C C L. 

Fa eh' una parte d'un tutto fìa proportionata al flio tutto: co- 
me fc un huomo è di figura grolla e corta, fa che il mcdefìmo fia 
in fé ogni fuo membro , cioè braccia corte e groffc , le mani larghe 
e grode , e le dita corte, con le fue giunture nel modo fopra deci- 
to. E cofi il rimanente, 

T>elV offer^awLa del decoro. GAP. CCLI, 

OlTerva il decoro, cioè la convenienza dell'atto, vefll, (Ito, e 
circoftanti della dignità o viltà delle cofe che tu vuoi figurare : cioè 
che il Re (ìa di barba, aria, òi hahito grave, & il fito ornato, & 
i circoftanti ftiano con riverenza, ammu'atione, & habiti degni e 
convenienti alla gravità d* una corte reale , e li vili difbrnati & ab- 
bietti , & li loro circoftanti habbino fimilitudine con atti vili e prc- 
funtuofi, e tutte le membra corrifpondino a tal componimento. Che 
gli atti d' un vecchio non fiano fimili a quelli d' un giovane , e 
quelli d'una femmina a quelli d'un mafchio, ne quelli d' un hug^ 
mo a quelli d' un fanciullo . 

l^elV etk delle f gare. GAP. GG LII. 

Non mefcolare una quantità di fanciulli con altrettanti vecchi, 
né giovani con infanti , né donne con huomini , fé già il caio ^he 
VUOI figurare non li legaffe infieme . 

^Imlttà d' hiiom'mi m componìmentt dell' hijlorie. GAP. GGLIII. 

Per r ordinano ne' componimenti comuni dell' hiftorie u(a di 
fare rari vecchi , e feparati da' giovani , perche li vecchi fono rari , 
e li lor coflumi non fi confanno con i coftumi de* giovani j e dove 
non p conformità di cofttimi non fi fa amicitia, e dove non è ami- 
citia fi fa feparatione . E dove fi fa componimenti d' hiftorie appa- . 
renti di gravità e configli, facci pochi giovani, perche li giovani 
volentieri fuggono li configli: & altre cofe fimili. 

T>el figurare uno che parli con piiì perfom . GAP. GCLIV, 

Uferai di far quello che tu vuoi che parli fra molte perfon? 
in atto di confiderar la materia eh' egli ha da trattare, e di accom- 
modare in lui gì' atti appartenenti a efia materia, cioè fé la materia 
p pcrfuafiva, che gì' atti fiano al propofito fimili, e fé la materia è 

di 



72 TRATTATO DELLA PITTURA 

di dichiaratione di diverfe ragioni i fa che quello che parla pigli 
con i due diti della man deltra un dito della finilìra , havendone 
ferrato li due minori ; e col vifb pronto verfb il popolo , con la 
bocca alquanto aperta, che paia che parli. E fé egli fìede, che 
paia che fi follevi alquanto ritto , e con la tella innanzi . E Te lo 
fai in. piedi , fallo alquanto chinarfì col petto e la tefta inverfo il 
popolo, il quale figurerai tacito, & tutto attento a riguardare l'ora- 
tore in yifo con atti ammirativi : e fa la bocca d' alcun vecchio 
per maraviglia dell' udite fentenze chiufa, e nelli eftremi bafli tirarfi 
indietro molte pieghe delle guancie , e con le ciglia alte nella giun- 
tura , le quali creino molte pieghe per la fronte : alcuni a federe 
con le dita delle mani inteffute, tenendovi dentro il ginocchio fian- 
co: altri con un ginocchio fopra 1' altro, fu '1 quale tenga la ma- 
no, che dentro a le riceva il gomito, la mano del quale vr^da a 
foflenere il mento barbuto d'alcun vecchio. 

Come de<ve farjt una figv.rct irata , C A P. C C LV, 

Alla figura irata farai tenere uno per li capelli col capo florto 
a terra , e con uno de' ginocchi fu '1 coftato , e col braccio deftio 
levare il pugno in alto : quefto habbia li capelli elevati , le ciglia 
balfe e ftrette, & i denti fìretti da canto della bocca arcata, il 
pollo grò Ilo , e dinanzi per il chinarfi all'inimico pieno di grinze- 

Come fi Jìgura un dlfpeyato , GAP. C C LV I, 

Al difperato farai darfi d' un coltello , e con le mani haverfi 
{tracciato i veftimenti , e fia una d' elle mani in opera a flracciar 
la ferita , e farailo con i piedi ffanti , e le gambe alquanto piega- 
te , e la perfona fimilmente verfo terra, con capelli tracciati, 

Del rìdere e del piangere , e differeri'z.a loro , C A P. C C LV I L 

Da quel che ride a quel che piange non fi varia ne occhi, ne 
bocca, né guancie, ma fblo la rigidità delle ciglia che s'aggiungono 
a chi piange , e levanfi a chi ride . A quello che piange s' aggiu- 
gne ancora le mani tracciar le vefti : e variafi nelle vane caufe del 
pianto, perche alcun piange con ira, alcuno con paura, alcuno per 
tenerezza & allegrezza , alcuno per fbfpetto , & alcuno per doglia e 
tormento, alcuno per pietà e dolore de' parenti o amici perfi : delli 
quali piangenti alcuno {{ moftra difperato , alcuno mediocre , alcuno 
lagrima, alcuno grida, alcuno fià con il vilb al cielo, e con le 
mani in bafìo , havcndo le dita di quelle inficme teffute , altri 

ti- 



DI LIONARDO DA VINCI. 7^ 

timorofi con le fpalle innalzate all'orecchie, e cofi feguono fecondo 
le predette caufe . Quel che verfa il pianto alza le ciglia nelle lo- 
ro giunture, e le ftringe infìeme , e compone grinze di fopra, 5c 
rivolta li canti della bocca in bailo, e colui che ride gli ha alti,. 
e le ciglia aperte e fpatiofe . 

X>el pofare di putti. GAP. CCLVIII. 

Ne' putti e ne* vecchi non debbon* effer' atti pronti fatti me- 
diante le loro gambe. 

Del pojar delle femmuie , e de' gto'vam . GAP. G C L I X. 

Nelle femmine e giovanetti non debbon' elTer' atti di gambe 
sbandate, o troppo aperte, perche dimollrano audacia, o al tutto 
privatione di vergogna, e le ftrettc dimoltrano vergogna. 

Dì quelli che Jaltano . GAP. C G L X. 

La natura opera & infegna fenza alcun difcorfo del faltatorc; 
che quando vuol faltare , egli alza con impeto le braccia e le fpal- 
le, le quali feguitando l'impeto, fi muovono infieme con gran par- 
te del corpo , & levanfi in alto , fin a tanto^ che il lor impeto in 
fé fi conlumi : il qual' impeto è accompagnato dalla fubita cften- 
iìone del corpo incurvato nella fchiena, e nella giuntura delle co- 
fcie , delle ginocchia , e de' piedi , la qual' eftendone è fatta per 
obliquo, cioc innanzi, & all' insù, e cofi il moto dedicato all'anda- 
re innanzi porta innanzi il corpo che falta, & il moto d' andare 
air insù alza il corpo , e falli fare grand' arco , & aumenta il falto . 

Deir huomo che <vuol tirar una cofa fuor di fé con grand' tmpeto. 

GAP. GGLXI. 

L' huomo il quale vuol tirar un dardo, o pietra, o altra co- 
fa , con impctuofo moto , può eflere figurato in due modi princi- 
pali , cioè o potrà effer figurato quando 1' huomo fi prepara alla 
creatione del moto , o veramente quando il moto d* elio è finito . 
Ma fé tu lo fingerai per la creatione del moto , allora il lato di 
dentro del piede farà con la medefima linea del petto , ma harà 
la fpalla contraria fopra il piede, cioè fé il piede defiro farà 
fotto il pefo dell' huomo , la fpalla finiitra farà fopra la punta d' cf- 
fo piede deliro, (f/a. 32.) 

K Terche 



74 TRATTATO DELLA PITTURA 

Terche quello che njuol tirar , o ficcar tirando II ferro in terra , al'z.a la 
gamba oppojìta incur<vata . GAP, C C L X I L 

Quel che col tirare vuol ficcare o trarre il cannone in terra, 
alza la gamba oppofìta al braccio che trae , e quella piega nel gi- 
nocchio , e quefto fa belicariì fopra il piede che pofa in terra , fen- 
za il qual piegamento o torcimento di gambe far non fi potrebbe , 
né potrebbe trarre, fé tal gamba , non fi dillendelTe . 

Tonderattone de corpi che non fi muoiono. GAP. GGLXILL 

Le ponderatloni overo bilichi degl' huomini fi dividono in due 
parti, cioè femplice , e compofto. Semplice è quello che è fatto 
dall' huomo fopra li fuoi piedi immobili, fopra li quali eflfo huomo 
aprendo le braccia con diverfe dillanze del fi.io mezzo, e chinandofi 
ftando fopra uno de' fuoi piedi , feiTjpre il centro della fua gravità 
ftà per linea perpendicolare fopra il centro d' elfo piede che pofa: 
e fé pofa fopra li due piedi egualmente, allora il petto dell' huomo 
harà il fuo centro perpendicolare nel mezzo della linea che mifiara 
lo (patio interpolto infra li centri d' elfi piedi. 

Il bilico comporto s' intende cffer quello che fa un huomo 
che fofìien fopra di fé un pefa per diverfi moti: come nella figu- 
ra d' Hercole che fcoppia Anteo , il quale fofpendendolo da terra 
infra il petto e le braccia , che tu li facci tanto la fua figura di 
dietro alla linea centrale de fuoi piedi , quanto Anteo ha il centro 
<iclla fua gravità dinanzi alli medefimi piedi. {Fig. 33.) 

Dell huomo che pofa fopra li due piedi , e che da di fé pia psfo ali ' uno 

che alV altro. GAP. GGLXIV. 

Quando per lungo ftare in piedi l' huomo ha fiancata la gam- 
ba dove pofa , eflo manda parte del pefo fopra 1' altra gamba : ma 
quefto tal pofare ha da effere ufàto nelf età decrepita , o nell' iii- 
fantia, ©veramente in uno ftanco , perche moftra franchezza, o po- 
ca valetudine di membri : e però fempre {\ vede un giovane, che 
fia fano e gagliardo pofàrfi fopra 1' una delle gambe , e fé dà al- 
C[uanto di pefo fopra 1' altra gamba , effo l' ufi quando vuol dar 
principio necelfario al fuo movimento , fenza il quale fi nega ogni 
moto , perche il moto fi genera dall' inequalità . 

Del pofar delle fgure. GAR GGLXV. 

Sempre le figure che pofano debbono variare le membra, cioè 

che 



DI LIONARDO DA VINCI. 75 

che fé un braccio va innanzi , che l' altro lìia fermo , o vada in- 
dietro : e fé la figura pofa fopra una gamba, che la fpalla eh' è fo- 
pra effa gamba fia piti balta che 1' altra , e quello fi oiFerva dagU 
huom.ini di buon fenfi , li quali attendono Tempre per natura à bili- 
care r huomo fopra li fuoi piedi, acciocché non rovini dalli fuoi 
piedi : perche pofando fopra un piede , Y oppolita gamba non fo- 
Àiene elio huomo, flando piegata, la quale in fé è come fé fuflc 
morta , onde necelTità fa che il pefo che è dalle gambe insù mandi 
il centro della fua gravità fopra la giuntura della gamba che lo 
foftiene . 

"Delle jiouderat'iom dell ' huomo nel fermar/i fopra de' fuoi piedi . 

GAP. CCLXVI. 

L' huomo che fi ferma fopra li fuoi piedi , o fi caricherà u- 
gualmente fopra elfi piedi, o li caricherà con pefi ineguali. Se fi 
caricherà ugualmente fopra effi piedi , egli fi caricherà con pefo na- 
turale mirto con pefo accidentale, o fi caricherà con femplice pefo 
naturale . Se fi caricherà con pelo naturale mirto con pefo acciden- 
tale , allora gf eftremi oppofiti de' membri non fono egualmente di- 
fìanti dalli poli delle giunture de* piedi: ma fé fi caricherà con pe- 
fo naturale femplice , allora tali eftremi di membri oppofiti faranno 
egualmente diftanti dalle giunture de' piedi : e cofi di quefta ponde- 
ratione fi farà un libro particolare. 

"Del moto locale più meno njeloce .• GAP. G C L X V II. 

Il moto locale fatto dall' huomo , o da alcun altro animale , 
farà di tanto maggior o minor velocità , quanto il centro della loro 
gravità farà più remoto o propinquo al cèntro del piede dove fi fo- 
rtengono . 

Degl ' ammali di (juattro piedi , tS" come Jì muonjono . 
GAP. GGLXVIII. 

La fomma altezza degl' animali di quattro piedi f\ varia più 
negl' animali che caminano , che in quelli che rtanno faldi : e tan- 
to più o meno , quanto elfi animali fon di maggiore o minor 
grandezza : e querto è caufato dall' obliquità delle gambe che toc- 
cano terra , eh' innalzano la figura d' erto animale quando tali 
gambe disfanno la loro obliquità, e quando fi pongono perpendico- 
lari fopra la terra. ( f/^. 34.) 

K 2 VelU 



16 TRATTATO DELLA PITTURA 

Della comfpo}ìdeu'z.a che ha la metà della grojJe'z.i>a dell huomo 
con l ' altra meta . GAP. CCLXIX. 

Mai r una metà della groffezza e larghezza dell' huomo farà e- 
guale air altra , fé le membra a quella congiunte non faranno egua- 
li e fìmili moti. 

Come }7el faltar dell' huomo in alt» <vf Jì tronjano tre moti, 

GAP. CCLXX. 

Quando 1' huomo -i^lta in alto , la tefta è tre volte più veloce 
eh* il calcagno del piede , innanzi che la punta del piede fi fpicchi 
da terra , e due volte più veloce che li fianchi : e quefto accade , 
perche ii disfanno in un medeCmo tempo tre angoli , delli quali il 
lliperiore è quello dove il bufto (\ congiunge con le cofcie dinan- 
zi, il fecondo è quello dove le cofcie di dietro fi congiungono con 
le gambe di dietro, il terzo è dove la gamba dinanzi iì congiungc 
con r olio del piede. 

Che è impo^ùtle che una memoria J'erhl tutti gV affetti e mutationi 
delle membra . GAP. G C L X X I. 

ImpofTibile è che alcuna memoria pofla riferbare tutti gli afpetti 
o mutationi d* alcun membro di qualunque animale fi fia . Quefto 
cafo efemolificheremo con la dimoftratione d' una mano. E perche 
ogni quantità continua è divifibile in infinito, il moto dell' occhio 
che rilguarda la mano, e fi move dall' A. al B. {Fig- 35.) fi muo- 
ve per uno fpatio A. B. il quale ancor lui è quantità continua, e 
per confequente divifibile in infinito, & in ogni parte di moto va- 
ria r afpetto e figura della mano nel fuo vedere, e cofi farà mo- 
vendofi in tutto il cerchio: & il fimile farà la mano che s innalza 
nel fuo moto , cioè pallerà per fpatio che è quantità . 

Della pratica cercata con gran follecittidine dal pittore. 

Gap. gclxxil 

E tu pittore che defideri grandiffima pratica , hai da intende- 
re che fc tu non la fai fopra buon fondamento delle cofe natura- 
li , farai opere con affai poco honore, e men guadagno: e fé la 
farai buona, l'opere tue faranno molte e buone, con tuo grande 
honore &. utilità. 



Del 



DI LIONARDO DA VINCI. 77 

Del g'uid'tcare il pittore le fue opere e quelle d' altrui . 
GAP. CCLXXIII. 

Quando 1' opera ftà pari col giuditio, quello è trifto fegno in ^gJI-f^'F^ 
tal giuditio: e quando l'opera fupera tal giuditio, quello è pellimo, 
come accade a chi fi maraviglia d' haver fi bene operato: e quando 
il giuditio fiapera 1* opera , quefto è perfetto fegno . E fé il giovane . 
è in tal difpofitione , fenza dubbio quefto fia eccellente operatore , 
ma fia componitore di poche opere , ma faranno di qualità che 
fermeranno gì' huomini con ammiratiune a contemplarli . 

Del giudicare ti pittore la fua pittura . GAP. GGLXXIV. 

Noi fappiamo che gli errori fi conofcono più nell' altrui opere , 
che nelle fue , però fa che fij primo buon pr fpettivo , di poi bab- 
bi intera notitia delle mifure dell' huomo , e fij buono architettore , 
cioè in quanto appartiene alla forma degl' edifitij , e dell' altre cofe , 
e dove tu non hai pratica, non ricufare ritrarle di naturale i ma 
debbi tenere uno fpecchio piano quando dipingi, e fpelfo riguarde- 
rai dentro 1' opere tue , la quale vi fia veduta per lo contrario , e 
parrà di mano d'altro maeftro , e giudicherai meglio gl'errori tuoi. 
Et ancora farà buono levarfi fpefio, e pigliarfi qualche folazzo, per- 
che col ritornare tu migliori il giuditio i che lo fìar faldo nell' ope- 
ra ti fa forte ingannare . 

Come lo fpecchio è maejlro de pittori . GAP, CGLXXV. 

Quando tu vuoi vedere fé la tua pittura tutta infieme ha con- 
formità con le cofe ritratte del naturale, babbi uno fpecchio, e fav- 
VI dentro fpecchiare la cofa viva , e paragona la cofa fpecchiata con 
la tua pittura , e confiderà bene il tuo obbietto nell' uno e nell' al- 
tro . Tu vedi uno fpecchio piano dimoilrar cofe che paiono rileva- 
te , e la pittura fa il medcfimo . La pittura ha una fola fuperficie, 
&: il fpecchio è il mcdefimo. Lo fpecchio e la pittura mofira la fimi- 
litudine delle cofe circondata da ombra e lume, e 1' una e l'altra pare 
aliai di là dalla fua fuperficie. E fé tu conofci che lo fpecchio per 
mezzo de' lineamenti & ombre ti fa parere le cofe fpiccate , OC ha- 
vendo tu fra li tuoi colori 1' ombre & i lumi più potenti che quel- 
li dello fpecchio, certo fé tu li faprai ben comporre infieme, la tua 
pittura parrà ancor lei una cofa naturale vifta in un gran fpecchio. 
Il veltro maelfro vi mofira il chiaro e 1' ofcuro di qualunque ob- 
bietto , e li voftri colori ne hanno uno eh' è più chiaro che le parti 
alluminate del firaulacfo di tale obbietto, e fimilmcnte in efl^i colon 

. ' fé 



1^ TRATTATO DELLA PITTURA 

fé ne trova alcuno che e più fcuro che alcuna ofcurità di elfo ob- 
bietto: onde nafce che tu, pittore, forai le pitture tue flmili a quel- 
le di tale fpecchio , quando è veduto da un folo occhio , perche li 
due occhi circondano 1' obbietto minore dell' occhio . 

^al pttura è più laudabile. GAP. CCLXXVL 

Quella pittura è più laudabile la quale ha più conformità con 
la cofa imitata. Quefto paragone è a confusone di quelli pittori li 
quali vog lono racconciare le cofe di natura , come fon quelli che 
imitano un -figliolino d' un anno, la tella del quale entra cinque 
Vellfoyra^'^^^^ "^^'^ ^^^ altezza, t loro la fanno entrare otto: e la larghezza 
Cd^. 157. delle fpalle è fìmile alla tcfta , e quefti la fanno dupla, riducendo 
con un picciol fanciullo d' un anno nella proportione d* un huomo 
di trent' anni : e tante volte hanno ufato è vifto ufare taf errore , 
che r hanno converfo in vifanza , la quale ufanza è tanto penetrata 
e ftabilita nel lor corrotto giuditio , che fan credere lor medeiìmi 
che la natura, o chi imita la natura, facci grandiffimi errori a non 
fare come efl'i fanno. 

^ale è il primo obbietto e i}itentione del pittore. GAP. CGLXXVIL 

La prima intentionc del pittore è fare che una femplice fuper- 
fìcle piana fi dimoftri un corpo rilevato e fpiccato da elfo piano: 
e quello che in tale arte eccede più gì' altri , quello merita mag- 
gior lode, e quefta tale inveftigationc, anzi corona di tale fcienza , 
nafce dall' ombre , e lumi , o vuoi dire chiaro e ofcuro . Adunque 
fé tu fuggi r ombre , tu fuggi la gloria dell' arte apprefTo li nobili 
ingegni, e 1' acquifti apprefio 1' ignorante volgo, il quale nulla più 
dcfidera che bellezza di colori , non conofccndo il rilievo . 

binale è pia tnìpor tante nella pittura , / ' ombra , fuoi lineamenti . 

GAP. GGLXXVIH. 

Di molta maggiore inveftigatione e fpeculatione fono 1' ombre 
nella pittura che li fuoi lineamenti: e la prova di quefto s'infegna, 
che li lineamenti fi poffano lucidare con veli , o vetri piani inter- 
pofli infra 1' occhio e la cofa che fi deve lucidare, ma 1' ombre 
non fono comprefe da tal regola , per 1' infenfìbilità de' loro ter- 
mini , li quali il più delle volte fono confufì > come fi dimoffra 
nel libro dell' ombre e lumi . 



Come 



DI LIONARDO DA VINCI. 75, 

Cofije fi denje dare il lume alle figure . GAP. CCLXXIX. 

Il lume deve efTere ufàto fecondo che darebbe il naturale fìto 
dove fingi eflfer la tua figura ; cioè fé la fingi al fole , fa 1' ombre 
ofcure , e gran piazze de' lumi, e ftampinfi \ ombre di tutti li cir- 
coftanti corpi in terra. E fé la figura è in trillo tempo, fa poca 
differenza da' lumi all' ombre, e fenza farli alcun' ombra alli piedi. 
E fé la figura farà in ca(a , fa gran differenza da' lumi all'ombre, 
& ombra per terra. E fé tu vi figuri fineftra impannata, & habita- 
tione bianca, fa poca diff^erenza fra lumi &c ombre: e s ella è al- 
luminata dal fuoco, tà i lumi roffeggianti e potenti, e l'ombre of- 
cure , e lo sbattimento dell' ombre per li muri o per terra fiano ter- 
minati: e quanto più s' allontana dal corpo, tanto più fi faccia am- 
pia. E fé detta figura fofle alluminata parte dail' aria, e parte dal 
fuoco, fa che il lume caufato dall' aria, fia più potente, e quello 
del fuoco fia quafi rolTo, a fimilitudine del fuoco. E fopra tutto 
fa che le tue figure dipinte habbino il lume grande, e da alto, cioè 
quel vivo che tu ritrarrai, imperoche le perfone che tu vedi nelle 
ftrade , tutte hanno il lume di (opra : e fàppi che non è cofi tuo 
gran conofcente, che dandogli il lume di fotto , tu non duraffi fa-^ 
tica a riconofcerlo. 

Vo^e cienje Jlar quello che rifguarda la pittura . GAP. CGLXXX. 

Poniamo che A. B. {Ftg. 36.) fia la pittura veduta, e che D. 
fia il lume: Dico che fé tu ti porrai infra G. & E. comprenderai 
male la pittura, e maff'ime fé fia fatta a olio, o veramente vernica- 
ta , perche harà luifro, e fia quafi di natura di fpecchio , e per 
quefte cagioni, quanto più t' accofterai al punto G. meno vedrai, 
perche quivi rifaltano i raggi del lum^ mandato dalla fineftra alla, 
pittura . E fé ti porrai inha E. e D. quivi fia bene operata la tua 
vifta , e maffime quanto più t' apprefierai al punto D. perche quel 
luogo è meno partecipante di detta percuiTione de' raggi riHeffi. 

Come ji deve porre alto il punto , GAP. GGLXXXI. 

Il punto deve edere all' altezza dell' occhio d* un huomo co- 
mune , e r ultimo della pianura che confina col cielo deve effer 
fatto all'altezza d' cflo termine della terra piana col cielo, falvo 
che le montagne fono libere . 

» Che 



8o TRATTATO DELLA PITTURA 

Che le figure tìcc'iole mn debbono per ragione ejfer ftmte . 

GAP. CCLXXXIL 

Dico che le cofe che pareranno di minuta forma nafccrà dall' 
effere dette cofe lontane dall' occhio: eiTendo cofi, conviene che in- 
fra r occhio e la cofa fìa molt' aria, e la molt' aria impedifce l'e- 
videnza delle forme d'elfo obbietto, onde le minute particole d' ef- 
fi corpi fiano indifcernibili e non conofciute . Adunque tu , pittore , 
farai le picciolc figure folamente accennate, e non finite, & fc al- 
trimenti farai , farà contra gì' effetti della natura tua maeftra . La 
cofa riman picciola per la diftanza grande che è fra 1' occhio e 
la cofa , la diftanza grande rinchiude dentro a fé molt' aria , la 
molt' aria fa in fé grolTo corpo , il quale impedifce e toglie all' oc- 
chio le minute particole dcgl' obbietti. 

Qhe campo de<ve ufare il pittore nelle fue figure . 

CAR CCLXXXllL 

^Ca^^Vi ^^' ^^ ^ efperienza fi vede che tutti i corpi fono circondati 

da ombre e lumi, voglio che tu, pittore, accomodi quella parte 
che è alluminata, fi che termini in cofa ofcura, e cofi la parte del 
corpo ombrata termini in cofe chiare . E quefta regola darà grand' 
ajuto a rilevare le tue figure . 

'Precetto ài pittura. CAR CCLXXXIV. 

Dove r ombra confina col lume , habbi rifpetto dove ella è 
più chiara che ofcura , e dove ella è più o meno sfumofà inverfo 
il lume . E fopra tutto ti ricordo che ne' giovani tu non facci 1' om- 
bre terminate come fa la pietra, perche la carne tiene un poco del 
trafparente , come fi vede a guardare in una mano che fia pofta 
infra 1' occhio & il fole , perche ella fi vede roffeggiare , & traf- 
parere luminofà: e fé tu vuoi vedere qual' ombra fi richiede alla 
tua carne, farai ivi tu un' ombra col tuo dito, e fecondo che tu 
ia vuoi più chiara o fcura, tieni il dito più preffo o più lontano 
dalla tua pittura , e quella contraf à . 

Tfel fingere un fito fehaggio . CAR CCLXXXV. 

Gli alberi e 1' erbe che fono più ramificati di fottili rami de- 
vono haver minor fottilità d'ombre, e quegl' alberi e quell'erbe che 
haranno maggior foglie fiano cagione di maggior' ombre . 

Come 



DI LIONARDO DA VINCI. ?i 

Come denje far parere maturale un ayìimal finto . 
CAP. CCLXXXVI. 

Tu fili non potcrfi fare alcun' animale il quale non habbi le 
lue membra, e che ciafcuno per fé a lìmilitudine non lìa con qual- 
ch' uno de gì' altri animali . Adunque fé vuoi far parer naturale un 
animai finto, dato, diciamo, che lìa un fèrpente , piglia per la te- 
{la una di un mainino, o bracco, e ponegli gl'occhi di gatto, e 
l'orecchie d' iRrice e '1 nafo di veltro, e le ciglia di leone, e le 
tempie di gallo vecchio, & il collo di tellugg ne d'acqua. 

"De nj'tf che fi debbono fare , che habbino rilie^jo con gratta . 
CAP. CCLXXXVIL 

Nelle ftrade volte a ponente, flante il fole a mezzodì, le pa- 
reti {ìano in modo alte , che quella che e volta al fole non abbia a 
riverberare ne' corpi ombroli : e buona farebbe 1' aria fenza fplendo- 
re , all' bora che fian veduti li lati de' volti partecipare dell' ofcuirità 
delle pareti a quelle oppofìte : e così li lati del nafo, e tutta la fac- 
cia volta alla bocca della fi: rada , f^ya. alluminata, per la qual cofà. 
r occhio che farà nel mezzo della bocca di tale ftrada vedrà tal vi- 
fo con tutte le faccie à lui volte effere alluminate, e quelli lati che 
fono volti alle pareti de' muri eflerc ombrofì . 

A quello s' aggiungerà la gratia d' ombre con grato perdimen- 
to , private integralmente da og^ni termine fpedito : e quefto nafcerà 
per caufa della lunghezza del lume che paffa infra i tetti delle ca- 
fe , e penetra infra le pareti , e termina fopra il pavimento della 
fìrada , e rifalta per moto reflefìo ne' luoghi ombrofi de' volti , e 
quejli alquanto rifchiara . E la lunghezza dei già detto lume del 
cielo Rampato da i termini de tetti con la fua fronte , che ftà fo- 
pra la bocca della ftrada , allumina quafi infine vicino al nafcimen- 
to dell' ombre che fìanno fotto I' oggetto del volto : e cofi di mano 
in mano fi va mutando in chiarezza, inhno che termina fopra del 
mento con ofcurità infenfìbile per qualunque verfb . Come fé tal lu- 
me fufTe A. E. [Fi^. 37.) vedi la linea F. E. del lume che allumi- 
na fino f( tto il nafo , e la linea C. F. lolo allumina infin fotto il 
labro, e la linea A. H. fi eilende fino fotto il mento, e qui il na- 
fo rimane forte luminofo, perche è veduto da tutto il lume A. B. 
C D. E. 

Del dividere e fpiccare le figure da loro campi. 
CAP. CCLXXXVIII. 

Tu hai à mettere la tua figura in campo chiaro, fé farà ofcu- Vcàlfoy^ 

•^r car. 141. 



%2 TRATTATO DELLA PITTURA 

ra i e fé farà chiara, mettila in campo ofcuroi e fé è chiara e few- 
ra , metti la parte ofcura nel campo chiaro, e la parte chiara in 
campo ofcuro. 

Della dijferen'z.ct de lumi -pojìì hi dtnjerjì Jìù , 

CAP. CCLXXXIX. 

Il lume picciolo fa grandi e terminate ombre fopra i corpi om- 
brofi . I lumi grandi fanno fopra i corpi ombroli picciol' ombre , e 
di confufi termini. Quando farà inclufo il picciolo e potente lume 
nel grande e meno potente , come è il fole nell' aria , all' hora il 
meno potente refterà in luogo d' ombra fopra de' corpi da elfo illu- 
minati . 

T>el fuggire V ìmproportìonahtà delle àrcojlan'z^e > CAP. CCXC. 

Grandiffimo vitio fi dimoflra prefio di molti pittori , cioè dì 
fare 1' habitatione de gì' huomini 6c altre circoftanze in tal modo che 
le porte non diano alle ginocchia de' loro habitatori , ancor che el- 
le fìano più vicine all' occhio del riguardante che non è 1' huomo 
che in quella moftra volere entrare. Habbiamo veduto li portici ca- 
richi d' huomini , & una delle colonne di quelli foftenitri'ci elTer nel 
pugno a un huomo che a quella fi appoggia ad ufo di fottil baio- 
ne j e fìmil cofe che fono da eflerc con ogni {ludio fchifate . 

2)e termini de' corpi detti lineamenti 3 o^njero contorni . CAP. C C X C I. 

Sono i termini de' corpi di tanta minima evidenza, ch'in ogni 
picciolo intervallo fhe s' interpone infra la cofa e 1' occhio , eiTo oc- 
chio non comprende 1' effigie dell' amico , o parente , e non lo co- 
nofce , fé non per 1' habito , e per il tutto riceve notitia del tutto 
infieme con la parte , 

7)e gt accidenti fuferjiciali che prima fi per don t nel difcoflayft de 
corpi omhrofl . CAP. C C X C I L 

Le prime cofe che fi perdono nel difcoftarfi de' corpi ombrofi 
fono i termini loro . Secondariamente in più diftanza fi perdono le 
ombre che dividono le parti de' corpi che {\ toccano . Terzo la grof- 
fezza delle gambe , e de piedi , e cofi fuecefilvamente fi perdono le 
parti più minute, di modo che a lunga diftanza folo rimane una 
mafia di confufa figura. 

V9 





A B e B 




^^^^1 



Cxtrm/rr/?//) (f<nt.> A. t^/t/ifO 




(^.yù"i''J'tfU' 'n>^ -n 



2ag. 85 




Slrolamo Qntcli 2' Smola dir. 



IO 



DI LIONARDO DA VINCI. Sj 

'De gì ' accidenti fìi^erficìaì't che prtma jl ^evdono j'er le chjìan%,e . 

GAP. CCXCIII. 

La prima cofa che de' colori fi perde nelle diftanzc è il luftro , 
loro parte minima, e lume de.' lumi . Secondaria è il lume, perche 
è minore dell' ombra . Terz.a fono 1' ombre principali , e rimane nell* 
ultimo una mediocre ofcuriu contufa. 

'Dilla natura de termini de" cor fi fopra gì' altri corpi . 
GAP. GCXGIV. 

Quando li corpi di convena fuperficic terminano fopra altri 
corpi di egual colore , il termine del conveflo parrà più ofcuro che 
quello che col convelTo termine terminerà . Il termine dell' haftc c- 
quigiacenti parrà in campo bianco di grand' ofcurità, & m campo 
ofcuro parrà più che altra fua parte chiaro , ancorché il lume che 
fopra r halle fcende fia fopra elle haftc di egual chiarezza, {tig. ^%.) 

Della figura che nja cantra 7 njento . GAP. C C X G V, 

Sempre la figura che fi muove centra '1 vento , per qualunque 
linea , non olTerva il centro della fua gravità con debit^, difpofitione 
fopra il centro del fuo foftentacolo. {Fig. 3^.) 

Della finejìra do<ve Jl ritrae la figura . GAP. GGXCVI. 

Sia la fineftra delle flanze de' pittori fatta d' impannate fcnza 
tramezzi, & occupata di grado in grado inverfo li fuoi termini di 
gradi coloriti di nero, in modo che il termine de' lumi non fia con- 
giunto col termine della finellra. 

Terche misurando un njijo , e poi dipingendolo in ta/l grander.^a , egli jl df~ 
mofìrerà maggior del naturale . GAP. GGXGVII. 

A B. è la larghezza del fito, & è porta nella diftanza della 
carta G. F. ( Ftg. 40. ) dove fon le guancie , & elfa harebbe a ftare 
in dietro tutto A. G. &: all' hora le tempie farebbono portate nella 
diftanza O. R. delle linee A. F. B. F. fi che ci è la differenza G. 
O. & R, D. e fi conclude che la linea G. F, e la linea D. F. per 
c(Tere più corta ha andare a trovare -la carta dove è. difegnata X al- 
tezza tutta, cioè le linee F. A. & F. B. dove è la verità, e fi fa 
la differenza, come ho detto, di G. O. e di R. D. 

Li Se 



U TRATTATO DELLA PITTURA 

Se la fuferjìcle d ogni corpo opaco partecipa del color del fuo ohhietto . 

GAP. CCXCVIIL 

Tu hai da intendere , fc farà meiTo un obbletto bianco infra 
due pareti , delle quali una (ìa bianca , e 1' altra nera , che tu tro- 
verai tal proportione infra la parte ombrofa e la luminofa del detto 
obbietto , qual fu quella delle predette pareti: e fé T obbietto farà 
di colore azzurro, farà il fìmile : onde havendo da dipingere farai 
come fcguita . Togli il nero per ombrare 1' obbietto azzuro che lìa 
/ìmile al nero ovvero ombra della parete che tu fìngi che habbia a 
riverberare nel tuo obbietto, e volendo fare con certa e vera fcicn- 
za, uferai fare in quefto modo. Quando tu fai le tue pareti di qual 
colore fi voglia. , piglia un picciolo cucchiaro , poco maggior che 
quello che s' adopra per nettar l'orecchie, > maggiore o minore fe- 
condo le grandi o picciol opere in che tale operatione s' ha da 
cffercitare, e quefto cucchiaro habbia li Tuoi eftrcmi di egual altez- 
za, e con quefto mifurerai i gradi delle quantità de' colon che tu 
adopri nelle tue milioni: come farebbe quando nelle dette pareti 
che tu haveffi fatto le prime ombre di tre gradi d' ofcurità , e d' 
un grado di chiarezza , cioè tre cucchiari rafi , come fi fa le mifurc 
del grano , e quef^i tre cucchiari fuffero di femplice nero , & un 
cucchiaro di biacca , tu harefti fatto una compofìtione di qualità 
certa fenza alcun dubbio ; hora tu hai fatto una parete bianca , &: 
una ofcura, ÒL hai a mettere un obbietto azzurro infra loro, il qual 
obbietto fé vuoi che habbia la vera ombra e lume che a tal azzur- 
ro fi conviene, poni da una parte quelT azzurro, che tu vuoi che 
reftì fenz' ombra, e poni da canto il nero, poi togli tre cucchiari 
di nero , e componeli , con un cucchiaro d' azzurro luminofo , e met- 
ti con effo la più ofcura ombra . Fatto quefto vedi fé 1' obbietto è 
sferico, colonnare, o quadrato, o come fi fìa, e s'egli è sferico, 
tira le linee da gì' eftremi delle pareti ofcure al centro d' effo ob- 
bietto sferico, e dove elTe linee fi tagliano nella fuperficie di tal 
obbietto, quivi infra tanto terminano le maggior ombre, infra c- 
guali angoli , poi comincia a rifchiarare come farebbe in N. O. ( Ftg. 
41.) che lafcia tanto dell' ofcuro quanto elTo partecipa della parete 
fìiperiorc A. D. il qual colore mifchicrai con la prima ombra di 
A. B. con le mcdefime diftintioni. 

Tkl moto de gC ammali . GAP. GCXCIX. 

Quella figura fi dimol^rcrà di maggior corfb la quale flia più 
per rovinare innanzi . 

B 



DI LIONARDO DA VINCI. S5 

Il corpo che per fé fi muove farà tanto più veloce, quanto il ^'^''/or* 
centro della fua gravità è più diftante dal centro del Tuo follentaco- 
lo . Quello è detto per il moto de gì' uccelli , li quali fenza batti- 
mento d' ale o favor di vento da fé li muovono : e quefto accade , 
quando il centro della fua gravità è fuori del centro del fuo follen- 
tacolo , cioè fuori del mezzo della fua rclidcnza fra le due ales per- 
che fé il mezzo dell' ale fìa più indietro che il mezzo ovvero centro 
della detta gravità di tutto 1' uccello , all' hora elio uccello fi move- 
rà innanzi &: m ballo i ma tanto più o meno innanzi, che in baf. 
fo, quanto il centro della detta gravità fìa più remoto o propinquo 
al mezzo delle fuc ale, cioè che il centro della gravità remoto dal 
mezzo dell'ale fa il difcenfo dell'uccello molto obliquo, e fc effo 
centro farà vicino al mezzo dell' ale, il difcenfo di tale uccello farà 
di poca obliquità. 

A fan una Jigura che f d'imojìn ejfer alta braccia 40. in fratto dt braccia 
20. e babbia membra corrifpondenti , e [ha dritta m piedi . 

GAP. ecc. 

In quefto & in ogn' altro cafo non dee dar noia al pittore co- 
me fi i^ia il muro dove e(To dipinge, e malTime havendo l'occhio 
che riguarda tal pittura a vaderla da una fìneflra, o da altro fpira- 
colo : perche 1' occhio non ha da attendere alla planitie , ovvero cur- 
vità d' elfc parti, ma folo alle cofe che di là datai parete s hanno 
à dimoftrare per diverfi luoghi della fìnta campagna . Ma meglio ii 
farebbe tal figura nella curvità F. R. G, {Fig. 42.) perche m cfTa 
non fono angoli. 

A fare una figura nel muro dt I 2. braccia che apparifca / altex^'z.a dt 24. 

GAP. G G G I. 

Se vuoi far figura o altra cofa cho apparifca d' altezza di 24- 
braccia, farai cofi . figura prima la parete M. N. {Fig. 43.) con la 
metà dell' huomo che vuoi fare, di poi l'altra metà farai nella vol- 
ta M. R. Ma fa prima fi-i '1 piano d' una fala la parete della forma 
che ftà il muro con la volta dove tu hai a fare la tua figura , di 
poi farai dietro a effa parete la figura difegnata in profilo di che 
grandezza ti piace , e tira tutte le tue linee al punto F. e nel mo- 
do eh* elle fi tagliano fu la parete N. R. cofi la figurerai fii '1 mu- 
ro che ha fimili^tudine con la parete , & barai tutte 1' altezze e fpor- 
ti della figura , e le larghezze , ovvero grolTezze che fi ritrovano nsl 
muro dritto M. N. farai la fua propria forma , perche nel fuggir 
del muro la figura diminuifcc per fé medefima . La figura che va 

nella 



8^ TRATTATO DELLA PITTURA 

nella volta ti bilogna diminuirla , come fé ella fuffe dritta , la qua- 
le diminutione ti bifogna fare in fu una fala ben piana , e li farà 
la figura, che leverai dalla parete N. R. con le Tue vere groflezze.. 
e ridiminuivle in una parete di rilievo, e fìa buon modo, 

A'werùmef'ito àrea V omìpr^ <? lumi. GAP. CCCII.- 

Avvertirci che Tempre ne" confini dell' ombre fi mifchia lume dc 
ombra: e tanto più l'ombra derivativa fi mifchia col lume, quanto 
ella è più dinante dal corpo ombrofo , Ma il colore non fi vedrà 
mai femplice; quefto fi prova per la nona, che dice: La fuperiicie 
d' ogni corpo partecipa del colore del Tuo obbietto , ancora che ella 
fia lupcrticie di corpo trarparente , come aria , acqua e limili i per- 
che l'aria piglia la luce dal fole, e le tenebre dalla privatione d' ef- 
To Iole. Adunque fi tinge in tanti varij colon quanti fon quelli fra 
il quali ella s' miramette infra l'occhio e loro, perche l'aria in fé 
non ha colore più che s' habbia l'acqua, ma 1' humido che fi mi- 
fchia con efla dalla mezza regione in giù è quello che 1' ingrofTa, 6c 
ingroffando , i raggi folan che vi percuotono, l'alluminano, e l'a- 
ria eh' è dalla mezza regione in su refla tenebrosa: e perche luce e 
tenebre compone colore azzurro, quello è 1' azzurro in che fi tinge 
r aria , con tanta maggior o minor ofcurità quanto l' aria e mifia 
con massior o minor humidità , 

Ttttitra , e lume umnjerfale . GAP. GGCIII. 

Ufa di far fempre nella moltitudine d' huomini e d' animali le 
parti delle loro figure , ovvero corpi , tanto più ofcure quanto elTe 
fono più bade, e quanto elle fono più vicine al mezzo della loro 
moltitudine, ancorché efìi fiano in fé d'uniforme colore: e queflo e 
neceffario, perche meno quantità di cielo, alluminatorc de' corpi , 
vede ne' baffi fpatij interpoli infra li detti animali che nelle par- 
ti fupreme delli medefimi fpatij. Provali per la figura qui polta 
dove A. B. G. D. {^ig- 44-) ^* poflo per l'arco del ciclo uni- 
verfale alluminatore de' corpi a lui inferiori , N. M. fono li corpi 
che terminano lo fpatio S. T. R. H. infra loro mterpoflo , nel qual 
fpatio fi vede manifeftamente eh' il fito F. ( effcndo folo alluminato 
dalla parte del cielo G. D. ) è alluminato da minor parte del cie- 
lo, di quello che fia illuminato il fito E. il ' qual è veduto dalla 
parte del cielo A. B. eh' è maggiore che il ciclo D. G. adunque 
iìa più alluminato in E. che in F. 



U 




11 



DI LIONARDO DA VINCI. %i 

"De camp froportloìiat't a corpi che in efjì campeggiano , e frimci delle fu- 
verjìcie piane d' un tf orme colore . GAP. C C C I V . 

Li campi di qualunque fuperficie plana di colore e lume uni- 
formi , non parranno fcparan da ella fuperficie, effendo del medefì- 
mo colore e lume. Adunque per la converfa parranno feparati. Te 
faranno di colore e lume diveriì. 

T'tttura d'i figura e corpo . GAP. G G G V. 

Li corpi regolari fono di due forti , T una de' quali è vcllito 
di fuperfìcie curva, ovale, o sierica, Y altro è circondato di fuperfi- 
cie laterate , regolare o irregolare. Li corpi sierici, ovvero ovali, 
pajono femprc ieparatv dalli loro campi, ancorché eflo corpo (ìa del 
color del fuo campo, & il (ìmile accaderà de' corpi laterati: e que- 
fto accade per eflere difpo Ili alla gencratione dell' ombre da qualch* 
uno de' loro lati, il che non può accadere nella fuperfìcie piana. 

Nella pittura mancherà prima di notitia la parte dt quel corpo che farà 
di minor quantità . GAP. G G G V I. 

Delle parti di quei corpi che fi rimuovono dall' occhio , quella. 
mancherà prima di notitia , che farà di minor figura. Dal che ne 
ieguc che la parte di maggior quantità fia V ultima a mancar di (uà 
notitia. Adunque tu, pittore, non finire li piccioli membri di quel- 
le cofe che fono molto remote , ma feguita la regola data nel fello . 

Quanti fono quelli che nel figurar le città , 6c altre cofe remo* 
te dall' occhio, fanno li termini notiffimi de gl'edifici), non altri- 
menti che le fufiero in vicinilTime propinquità: e quefto è impofTi- 
bilc in natura , perche nifluna potentifTima vifta è quella eh' in (ì 
lontaniffima difianza poffa vedere li predetti termini con vera noti- 
tia , perche li termini d' eOTi corpi fono termini delle loro fupcrfi- 
cie , e li termini delle fuperficic fono linee , le quali linee non fo- 
no parte alcuna della quantità d' efia fuperficie, ne etiam dell' aria, 
che di fé velie tale fuperficie. Adunque quello che non è parte d' al- 
cuna coia è invifibile , com' è provato in geometria . Adunque tu , 
pittore, fé farai eflfi termini fpediti e noti, com'è in ufanza, non farà 
da te figurata fi rimota difianza, che per tal diffetto non fi dimo- 
flri vicinilhma. Ancora gli angoli de gì* edifici) fono quelli che nel- 
le difianti città non fi debbono figurare, perche da lontano e im- 
poflibile vederli, conciofiache elfi angoli fcno il concorfo di due li' 
ncc m un punto , 6i il punto non ha parte , adunque è invifibile . 

Ter- 



S§ TRATTATO DELLA PITTURA 

Terehe um medejìma campagna Jì dtmojlra alcuna l'olta maggiore o mi- 
nore che non è . C A P. C C C V 1 L 

Moftranfi le campagne alcuna volta maggiori, o minori che 
elle non fono, per l' interpofitione dell' aria più grolla o fotnle del 
lìio ordinario, la quale s'inframmette infra l'orizzonte e l'occhio che 
lo vede . 

Infra 1' orizzonti di egual diftanza dall' occhio, quello fi dimo- 
fìrerà effcr più remoto , il quale fìa veduto infra 1' aria pai grof- 
fa , e quello lì dimoflrerà più propinquo, che fi vedrà in aria più 
fottile . 
Vadifopra £g ^ofe vcdutc ineguali , in dlflanze eguali fi dimoftreranno c- 

* guali , fé la groffezza dell' aria interpofta inh-a 1' occhio &C elle cofe 
farà ineguale , cioè 1' aria grolla interpola infra la cofa minore : e 
queflo fi prova mediante la profpettiva de' colori , che fa che una 
gran montagna parendo picciola alla miflira, pare maggiore che u- 
na picciola vicino all' occhio , come fi vede che un dito vicino ali* 
occhio copre una gran montagna difcofla dall' occhio . 

OJfer'vatìonl dherfe. GAP. CCCVIIL 

Fra le cofe di egual ofcurità , magnitudine, figura, e diflanza 
dall'occhio, quella fi dimoflrerà minore, che fìa veduta in campo 
di maggior fplendore o bianchezza . Quefto infegna il fole veduto 
dietro alle piante fenza foglie, che tutte le loro ramificationi che fi 
trovano all' incontro del corpo fblare fono tanto diminuite, eh* elle 
reftano invifibili . Il fimile farà un hafta interpofta tra 1' occhio e '1 
corpo folare . 

Li corpi paralleli pofti per lo dritto , effendo veduti infra la 
nebbia, s' hanno a dimoflrar più graffi da capo che da piedi. Pro- 
vali per la nona, che dice: La nebbia, o l'aria grolfa, penetrata 
da' raggi folari, fi moftrera tanto più bianca, quanto ella è più 
bada . 

Le cofè vedute da lontano fono fproportionate : e quefto na- 
fce, che la parte più chiara manda all' occhio il fuo fimulacro con 
più vigorofo raggio che non fa la parte più ofcura. Et io viddi 
una donna vellita di nero con panno bianco in tefta, che fi moftra- 
va due tanti maggiore che la groiìezza delle fue fpalle , le quali era- 
no veftite dt nero . 

T^elle città ^ altre cofe <vedute all' aria grojfa . GAP. G G G I X. 

Cr cdifìcij delle città veduti fotto all' occhio ne tempi delle 

neh- 



DI LIONARDO DA VINCI. gp 

nebbie , e dell* arie ingroffate da i fumi de' loro fuochi , o al- 
tri vapori , Tempre faranno tanto meno noti , quanto fono in minor 
altezza, e per la converfa fiano tanto più fpediti e noti, quanto fi 
vedranno in maggior altezza. Provafì per la quarta di queito , che 
dice: L'aria eiìer tanto più grolla, quanto è più balfa, e tanto 
più fottile , quanto è più alta. E quello fi dimollra per effa quar- 
ta pofta à baffo: e diremo la torre A. F. ( f /^. 45.) elTer veduta 
dall' occhio N. nell' aria groffa , la quale fi divide in quattro gradi, 
tanto più groffi , quanto fon più baffi . 

Quanto minor quantità d' aria s' interpone fra 1' occhio e la 
cofa veduta, tanto meno il color d' efTa cofa parteciperà del color 
d' efTa aria. Seguita che quanto maggi';r quantità fìa d' aria inter- 
poffa infra 1' occhio e la cofa veduta, tanto più effa cofà partecipa 
del colore delf aria interpola. Dimoflrafì. Effendo 1' occhio N. al 
quale concorrono le cinque fpetie delle cinque parti della torre A. F. 
cioè A. B. C. D. E. Dico che fé l'aria fulTe d' uniforme groffezza, 
che tal proportione harebbe la partecipatione del color dell' aria che 
acquiffa il pie della torre F. con la partecipatione del color dell* 
aria , che acquifla la parte della torre B. quaf è la proportione che 
ha la longhezza della linea M. F. con la linea B. S. Ma per la paf^ 
fata , che prova 1' aria non efTere uniforme nella flia groffezza , ma 
tanto più grolla quanto ella è più balTa , egli è neceffario che la 
proportione delli colon in che 1' aria tinge di fé le parti della torre 
B. & F. fìano di maggior proportione che la proportione fopra det- 
ta, conciofìache la linea M. F. oltre l* efTer più longa che la linea 
S. B. palTa per 1' aria, che ha grolTezza uniformemente d i forme . 

Di i'^ggi folar't che penetrano li fpiracoli de' nwvoll 

CAR CCCX. 

I raggi folari penetratori delli fpiracoli interpoftl infra le varie 
denfìtà e globofità de* nuvoli , alluminano tutti li fìti dove fi ta- 
gliano , & alluminano ctiam le tenebre , e tingono di fé tutti li luo- 
ghi ofcuri, che fono dopo loro, le quali ofcurità fi dimoftrano in- 
fra gf intervalli d' efli raggi folari. 

"Delle co fé che l ' occhi» <vede [otto fé m'tjìe infra, nehhta £5* aria groffa . 

cAp. CCCXl. 

Quanto 1* aria fia più vicina alf acqua o alla terra , tanto {\ fa 
più groffa. Provafì per la 19.* del fecondo, che dice: Quella cofa 
meno {\ leva che harà in fé maggior gravezza, feguita che la più 
lieve più s' innalza che la grave . 

M De 



90 TRATTATO DELLA PITTURA 

Ve gì ' ed'tjìtij ^veduti neìl * aria gyojfa . GAP. CCCXII. 

Quella, parte dell' edifitio farà manco evidente , che fi vedrà in 
aria di maggior grolTezza : e cofi e converfo farà più nota quella 
che fi vedrà in aria più fottile , Adunque 1' occhio N. vedendo la 
torre A. D. ( Fig. ^6 ) elTo ne vedrà in ogni grado di baiTezza parte 
manco nota e più chiara, & in ogni grado d' altezza parte più no- 
ta è meno chiara . 

Della cofa che fi moBra da lontayio . GAP. GCGXIIL 

Quella cofa ofcura fi dimoftrerà più chiara, la quale farà più 
remota dall' occhio . Seguita per la converfa che la cofa ofcura fi 
dimoftrerà di maggior ofcurità, la quale fi ritroverà più vicino ali* 
occhio . Adunque le parti inferiori di qualunque cofa pofta nell' aria 
grolla parranno più remote da' piedi che le loro fommità , e per 
quefto la radice baffa del monte parrà più lontana che la cima 
del medefimo monte , la quale in fé è più remota . 

Della 'veduta d* una città in aria grojfa . GAP. GGGXIV. 

L' occhio che fotto di fé vede la città in aria groflfa , vede 
le fommità de gì' edifitij più ofcuri e più noti che il loro nafci- 
mento, e vede le dette fommità in campo chiaro, perche le vede 
neir aria baffa e grolfa : e quello avviene per la palfata . 

De termini inferiori delle cofe remote. GAP. GGGXV. 

Li termini inferiori delle cofe remote faranno meno fcnfibili 
che li loro termini fuperiori : e quefto accade affai alle montagne 
e colli , delle quali le loro cime fi faccino campi delli lati dell' al- 
tre montagne che fono dopo loro , & a quefte fi vede li termini 
di fopra più fpediti che le loro bafi , perche il termine di fopra è 
più fcuro , per effer meno occupato dall' aria groffa , la quale ftà 
ne* luoghi baffi : e quefto e quello che confonde li detti termini 
delle bafi de' colli: & il medelìmo accade ne gì' alberi & edifitij, 
& altre cofe che s' innalzano infra 1' aria i e di qui nafce che fpef- 
fo 1' alte torri vedute in lunga difLinza paian grolle da capo, e fot- 
tili da' piedi , perche la parte di fopra moftra 1' angolo de i lati 
che terminano con la fronte, perche 1' aria fottile non teli cela, 
come la groifa: e quefto accade per la 7.* del primo, che dice 
che r aria groffa, che s' interpone infra 1' occhio e '1 fole, è più 
lucente in balfo ch'in altoi e dove l'aria e più bianca, effa occupa 

all' 



DI LIONARDQ DA VINCI. ^i 

air occhio più le cofe ofcure , che fé tal aria fuiTe azzurra, come 
(ì vede in lunga dillanza : Li merli delle fortezze hanno li fpatij 
loro eguali alla larghezza de' merli, e tuttavia pare affai maggiore 
lo fpatio che il merlo : & in dilfanza più remota lo fpatio occupa 
e copre tutto il merlo, e tal fortezza fuol moRrare il muro dritto, 
e fenza merlo. 

Velie cofe <vedute da lontano . GAP. CCCXVI. 

Li termini di quell* obbietto faranno manco noti , che fiano 
veduti in maggior dilfanza . 

Veli ' (tZ'Z.urro che fi mofìra e (fere ne paeft lontani . 

GAP. CGCXVII. 

Delle cofe remote dall' occhio , le quali fìano di che color f\ 
voglia , quella li dimollrerà di color più azzurro , la quale fia di 
Fnaggior ofcurità, naturale, o accidentale. Naturale è quella eh' è 
ofcura da fes accidentale è quella eh' è ofcura mediante 1' ombra 
che gli è fatta da altri obbietti . 



^^ali fon alleile parti de corpi delle anali per difan-Zia manca 

GAP. GCCXVIII. 



la notttia. 



Quelle parti de' corpi che faranno di minor quantità fìano le Vedifojra 
prime delle quali per longa diflanza fi perde la notitia. Queflo (j> jÓd"* 
accade, perche le fpetie delle cofe minori in pari diilanza vengo- 
no all' occhio con minor angolo che le maggiori , e le cogni- 
tioni delle cofe remote fono di tanta minor notitia quanto elle fo- 
no di minor quantità. Seguita dunque, che quando la quantità 
maggiore in lunga dilìanza viene all' occhiò per angolo minimo , e 
quali lì perde di notitia, la quantità minore al tutto manca della 
fua cognitionc . 

Terche le cofe quanto più fi rimuonjono dalV occhio manco fi conofcono. 

GAP. CCGXIX. 

Quella cofa farà manco nota, la quale farà più remota dall' 
occhio. Quello accade, perche quelle parti prima lì perdono che 
fono più minute , e le feconde meno minute fono ancora perfe nel- 
la maggior diilanza, e coli fuccellivamente feguitando a poco a po- 
co conili mandolì le parti , fi confuma la notitia della cofa remota,' 
in modo che alla fine lì perdono tutte le parti inlìcme col tutto: e, 

M 2 man- 



92 TRATTATO DELLA PITTURA 

manca ancora il colore per la caufa della groflezza dell' aria che 
s interpone infra T occhio e la cofa veduta. 

Ter che t <vohi di lonta>ìO paiono ofcuri . GAP. C C C X X. 

Noi vediamo chiaro che tutte le (ìmllitudini delle cofe eviden- 
ti che ci fono per obbietto , cofi grandi come picciole, entrano al 
fenfo per la picciola luce dell' occhio . Se per sì picciola entrata paP 
fa la fìmilitudine della grandezza del cielo e della terra , efTendo il 
volto dell' huomo fra sì grandi fìmilitudini di cofe quafi niente, per 
la lontananza che la diminuifce , occupa sì poca d' eila luce , che 
rimane incomprenfibile: & havendo da palTare dalla fuperHcie alT 
impreffiva per un mezzo ofcuro, cioè il nervo voto, che pare of- 
curo , quella fpecie non efTendo di color potente , fi tinge in quel- 
la ofcuntà della via, e giunta all' imprelfiva pare ofcura . Altra ca- 
gione non fi può in nillun modo infegnare fu quel punto, e ner- 
vo che \{\ nella luce : e perche egli e pieno d' un humore trafpa- 
rcnte a guifa d' aria, fa 1' oftìtio che farebbe un bucco fatto in uà 
affé , che a riguardarlo par nero , e le cofe vedute per 1' aria chia- 
ra e fcura fi confondono neU' ofcuricà . 

binali Jon le parti che prima Jì perdono di mùtia ne corpi che Jì rimuovono 
dall' occhio^ e quali più /ì conferivano. GAP. CCGXXL 

Quella parte del corpo che fi rimuove dall' occhio è quella 
che meno conferva la fua evidenza , e la quale è di minor figura . 
Quefto accade ne' luftri de' corpi sferici o. colonnari, e nelle mem- 
bra più fottili de' corpi} come il cervo, che prima fi rimane di 
mandar all' occhio le Ipetie ovvero fìmilitudine delle fue gambe e 
corna che del fuo buffo , il quale per elTer più grolTo , più ii con- 
ferva nelle fue fpetie. Ma la prima cofa che li perde in diflanza 
fono li lineamenti che terminano la fuperfìcie e figura . 

Della profpetti^ja lineale. GAP. GGCXXIL 

La profpettiva lineale s' eflende nell' ofifitio delle linee vifuali 
a provare per mifura quanto la cofa feconda è minore che la 
prima, e la terza che la feconda, e cofi di grado in grado infìno 
al fine delle cofe vedute. Trovo per efperienza, che fé la cofa fe- 
conda farà tanto diflante dalla prima quanto la prima è diftante 
dalf occhio tuo, che benché infra loro fiano di pari grandezza, 
la feconda fìa la metà minore che la prima: e fé la terza cofa 
farà di pan diflanza dalla feconda innanzi a elTa , fìa minore 

due 



DI LIONARDO DA VINCI. ^^ 

due terzi , e cofi di grado in grado per pari diftanza faranno Tem- 
pre diminutione proportionata , purché 1' intervallo non paffi il 
numero di 20. braccia , & mfra dette 20. braccia la figura fimile a 
te perderà - di fua grandezza, ài. infra 40. perderà i e poi | in 
60. braccia, e cofì di mano in mano farà fua diminutione, facen- 
do la parete lontan da te due volte la tua grandezza, che il farla 
una fola fa gran differenza dalle prime braccia alle feconde . 

Ve' corpi ceduti nella nebbia . GAP. CCCXXIIl. 

Quelle cofe le quali fian vedute nella nebbia fi dimoftreranna 
maggiori alfai che la loro vera grandezza : e queflo nafce , perche 
la profpettiva del mezzo interpofto infra Y occhio e tal' obbietto 
non accorda il color fuo con la magnitudine di effo obbietto , per- 
che tal nebbia è fimile alla confuta aria interpofta infra l'occhio, e 
r orizzonte in tempo fercno, & il corpo vicino all' occhio veduto 
dopo la vicinità della nebbia iì moflra efTere alla diftanza dell' oriz- 
zonte , nel quale una grandilTima torre fi dimollrcrebbe minore che 
il predetto huomo ftando vicino . 

Dell ' altei.'La de gì ' edijìtij ceduti nella nebbia . GAP. GGGXXIV* 

Quella parte del vicino edifitio {{ moflra più confufii , la qua- 
le è più remota da terra; e queièo nafce, perche più nebbia è in- 
fra r occhio e la cima dell' edifitio , che non è dall' occhio alla fua 
bafe. E la torre parallela veduta in lunga diftanza infra la nebbia 
fi dimoftrerà .tanto più fottilc , quanto ella fia più vicina alla fua 
bafe. Quello nafce per la pallata, che dice: La nebbia fi dimolbe- jr^j^yj^^^ 
rà tanto più bianca, e più fpeflTa , quanto ella è più vicina alla ter- gp-3i3- 
ra , e per la feconda di quello , che dice : La cofa ofcura parrà 
di tanto minor figura quanto ella fia veduta in campo di più po- 
tente bianchezza. Adunque eflendo più bianca la nebbia da piedi 
che da capo, è necelìario che 1' ofcurità di tal torre fi dimoftri più 
llretta da piedi che da capo . 

Velie citta (5* altri edijìtij nfeduti la fera la mattina nella nebbia . 

GAP. CCGXXV. 

Ne gì' cdifitij veduti in longa diftanza da (era o da mattina 
nella nebbia, o aria groffa , folo fi dimoftra la chiarezza delle loro 
parti alluminate dal fole , che fi trovano inverfo 1' orizzonte , e le 
parti delli detti edifitij, che non fono vedute dal fole, reftano qua- 
fi del colore di mediocre ofcurità di nebbia. 

Terchc 



94 TRATTATO DELLA PITTURA 

Ter che le co fé più alte pofle nella dijlayi-z^a fono pia ofcwe che le hctjfe , 
ancorché la nebbia fa uruforme tn grojfez-'z.a . 

GAP. CCCXXVL 

Delle cole porte nella nebbia , o altra aria groHa , o in vapo- 
re, o fumo, o in diftanza, quella fia tanto più nota, che farà piiì 
alta: e delle cofe di eguale altezza quella pare più ofcura che cam- 
peggia in più ofcura nebbia, come accade all' occhio H. (f/^. 47, ) 
che vedendo A. B. C. torri di eguale altezza intra loro , vede C. 
fommità della prima torre in R. balTezza di due gradi di profondi- 
tV nella nebbia, e vede la fommità delia torre di mezzo B. in un 
fol grado di nebbia , adunque C. Ibmmità fi dimoika più ofcura 
che la fommità della torre B. 

Delle macchie dell ' ombre che appari fono ne corpi da lontano . 

GAP. GGGXXVIL 

• V - 

Sempre la gola o altra perpendicolare drittura che fbpra di fé 
habbia alcun fporto farà più ofcura che la faccia perpendicolare di 
effo fporto. Seguita, che quel corpo fi dimoftrerà più alluminato 
che di maggior fomma di un medeiimo lume farà veduto . Vedi in 
A. che non vi allumina parte alcuna del cielo F. K. (f/^. 48.) & 
in B. vi allumina il cielo H. K. & in C. il cielo G. K. & in D. 
il cielo F. K. integralmente. Adunque il petto farà di pari chiarez- 
za della fronte, nafo, e mento. Ma quello eh' io t' ho a ricordare 
de' volti, è che tu confideri in quelli come in diverfe diitanze fi 
perde diverfe qualità d' ombre , e folo reRa quelle prime macchie , 
cioè delle incaifature dell' occhio, &i altre fimili , e nel fine il vifb 
rimane ofcuro , perche in quello fi confumano i lumi , li quali fo- 
no picciola cofa a comparatione dell' ombre mezzane: per la qua! 
cofa a lungo andare fi confuma la qualità e quantità de' lumt dc 
ombre principali , e fi confonde ogni qualità iti ombra mezzana . E 
quella è la caufa che gì' alberi, & ogni corpo, a certa diftanza fi 
dim^ftrano farfi in fé più ofcuri che elTendo quelli medefimi vicino 
all' occhio . Ma poi 1' aria che s' interpone infra 1' occhio e la cofa , 
fa che efla cofa f\ riichiara, e pende in azzurro: ma più tofto az- 
zurreggia neir ombre, che nelle parti luminofe, dove fi moftra più 
la verità de' colori . 

Terche fu 7 far della fera V ombre de corpi generate in bianco parete fono 

ax.'z.urre. GAP. GGGXXVIIL 

L' ombre de' corpi generate dal roffor del fole vicino all' oriz- 
zonte 



DI LIONARDO DA VINCI. ^5 

zonte fempie fian azzurre : e quello nafce per 1* undecima , dove fi 
dice: La fupertìcie d* ogni corpo opaco partecipa del colore del Tuo 
obbiecto. Adunque cflendo la bianchezza della parete privata al tut- 
to d' ogni colore , fi tinge del colore de' fuoi obbietti , li quali fo- 
no in quefto cafo il fole, e 'I cielo. E perche il fole roffeggia ver- 
fola fera, ed il cielo fi moflra azzurro, dove l'ombra non vede il 
iole, per 1' ottava dell' ombra, che dice: Nifluno luminofb non 
vidde mai 1' ombre del corpo da lui illuminato , quivi farà veduto 
dal cielo : adunque per la detta undecima 1' ombra derivativa harà 
la percuflione nella bianca parete di color azzurro , & il campo d' 
cfla ombra veduta dal rofloic del fole parteciperà del color roffo. 

(%49-) 

Vo^e è più chiaro il fumo . GAP. CCCXXIX. 

Il fumo veduto infra '1 fole e 1' occhio farà chiaro e lucido 
più che in alcuna parte del paefe dove nafce . Il medefimo fa la 
polvere, e la nebbia, le quali, ie tu farai ancora infra il fole e lo- 
ro, ti parranno ofcure. 

T>ella piovere . GAP. G G C X X X. 

La polvere che {i leva per il corfb d' alcun animale, quanto 
più fi leva, più è chiara, e cofi più ofcura, quanto meno s'innal- 
za , ftante effa infra '1 fole e 1' occhio . 

Del fumo. GAP. CGGXXXL 

Il fumo è più trafparente & ofcuro inverfo gì' eftremi delle fuc 
globulcnze che inverfo li fiioi mezzi. 

Il fumo fi muove con tanto maggior obbliquità , quanto il 
vento fuo motore è più potente. 

Sono li fumi di tanti varij colori , quante fono le varietà delle 
cofe che lo generano . 

Li fumi non faranno ombre terminate : e li fuoi confini fono 
tanto meno noti, quanto elfi fono più diftanti dalle loro caufc: e 
le cofe polle dopo loro fon tanto meno evidenti , quanto li grop- 
pi del fumo fono più denfi , e tanto fon più bianchi , quanto fo- 
no più vicini al principio, e più azzurri verfo il fine. 

11 fuoco ci parrà tanto più ofcuro quanto maggior fbmma di 
fumo s' interpone infra 1' occhio & elio fuoco. 

Dove il fumo è più remoto, le cofe fono da lui meno oc- 
cupate. 

Fa il paefe confufo a guifa di fpcffa nebbia , nella quale fi ve- 
da 



9^ TRATTATO DELLA PITTURA 

da fumi in diverfì luoghi con le lor fiamme ne' principi) allumi- 
natrici delle più denfe globulcnze d' éX\ fumi , e li monti più alti 
più lìano evidenti che le loro radici, come fi vede fare nelle nebbie. 

Vari] precetti di pittura . GAP. CCCXXXIL 

La fuperficie d* ogni corpo opaco partecipa del colore del mez- 
^o trafparente interpolo infra X occhio & elfa fuperficie i e tanto 
più , quanto efl'o mezzo è più denfo , e con maggior ipatio s in- 
terpone infra 1' occhio e la detta fuperficie . 

Li termini de' corpi e pachi fiano meno noti quanto faranno 
più diftanti dall' occhio che li vede. 

Quella patte del corpo onaco farà più ombrata o alluminata 
che fia più vicina all' ombrofo che 1' ofcura , o al luminofo che 
r allumina. 

La fuperficie d' ogni corpo opaco partecipa del colore del fuo 
obbietto, ma con tanta o maggior, o minor impreifione quanto ef^ 
fo obbietto fia più vicino o remoto, o di maggior o di minor po- 
tenza , 

Le cofe vedute infra il lume e 1' ombre fi dimoflreranno di 
maggior rilievo che quelle che fon nel lume o nell' ombre . 

Quando tu farai nelle lunghe dillanze le cofe cognite , e fpedi- 
te , effe cofe non diftanti ma propinque Xi dimoftreranno . Adunque 
nelle tue imitationi fa che le cofe habbino quella parte della cogni- 
tione che moftrano le diflanze . E fé la cofa che ti ftà per ob- 
bietto farà di termini confufi e dubbiofi , ancora tu farai il fimile 
nel tuo fimulacro . 

La cofa diftante per due diverfe caufe fi moflra di confufi e 
dubbiofi termini , 1' una delle quali è eh' ella viene per tanto pic- 
ciolo angolo all' occhio, e fi diminuifce tanto, eh' ella fa 1' officio 
delle cofe minime, che, ancorché elle fiano vicine all'occhio, effo oc- 
chio non può comprendere di che figura fi fia tal corpo, come fb^o 
r unghie delle dita, le formiche, o fimih cofe. La feconda è, che 
infra 1' occhio e le cofe dillanti s' interpone tanto d' aria eh* ella 
fi fa fpelìa e groffa , e per la fua bianchezza tinge 1' ombre , e le 
vela della fua bianchezza, e le fa d' ofcure in un colore il quale 
è tra nero e bianco , quale è azzurro . 

Benché per le lunghe diftanze fi perda la cognitione dell' ef^ 
fer di molte cofe , nondimeno quelle che faranno alluminate dal fo- 
le fi renderanno di più certa dimolfratione, e 1' altre nelle confufe 
ombre parranno involte. E perche in ogni grado di baiìezza l'aria 
acquilla parte di groffezza , le cofe che faranno più baffe Xi dimo- 
ftreranno più confufe, e cofi per il contrario. 

Quan- 




;;SiMiiri»'imiiii;'iiiiiiiriiiiiiiHniiiiiiiiiiniiniinìi«iiiiw<un>niininniinimiiiiHiiiinniiiimiwmi^^ 



DI LIONARDO DA VINCI. 97 

Quando il fole fa rolTe^e'ar li nuvoli dell'orizzonte, le cofe che 

r» 'l'I n* 

per la dillanza fi vertivano d' azzurro fiano partecipanti di tal rollo- 
re : onde C\ farà una miilionc fra 1' azzurro e '1 roHb , la quale ren- 
derà la campagna molto allegra e gioconda : e tutte le cole che fia- 
no alluminate da tal rollo re , che fiano denfc, faranno molto evi- 
denti, e rolVecrgeranno: e l'aria per elìer trafparentc harà in fé per 
tutto infufo tal rolTeggiameuto , onde fi dimolfrerà del color del fior 
de' gigli . 

Sempre quell'aria che fìà infra '1 fole e la terra, quando fi 
leva o pone , fia più occupatrice delle cofe che fono dopo lei che 
nifTun altra parte d'aria: quello nafce per elfere ella più biancheg- 
giante . 

Non fian fatti termini ne profili d' un corpo che campeggi u- 
no fopra un' altro , ma folo effo corpo per fé fi fpiccherà . , 

Se il termine della cofa bianca fi fcontrerà fopra altre cofe 
bianche, fé eflo farà curvo, creerà termine ofcuro per fua natura, 
e farà la più ofcura parte che habbi la parte luminofa: e fé cam- 
peggierà in luogo ofcuro^ eflo termine parrà la più chiara parte che 
babbi la parte luminofa . 

Quella cofa parrà più remota e fpiccata dall' altra che campeg- 
gierà in campo più vario da fé. 

Nelle difianze fi perdono prima i termini de' corpi che hanno 
colori fimili , e che il termine dell'uno fia fopra dell'altro, come 
il termine d'una quercia fopra un'altra quercia fimile. Secondo in 
maggior diflanza fi perderanno i termini de' corpi di colori mezzani 
terminati 1' un fopra 1' altro , come alberi , terreno lavorato , mura- 
glie , o altre rovine di monti o di falfi . Ultimo fi perderanno i ter- 
mini de' corpi terminati il chiaro nell' ofcuro , e 1' ofcuro nel chiaro. 

Infra le cofe di egual altezza che fopra 1' occhio fiano fituate , 
quella che fia più remota dall' occhio farà più baffa: e fé farà firua- 
ta fotta l'occhio, la più vicina à elfo occhio parrà più baffa, e le 
laterali parallele concorreranno in un punto . 

Manco fono evidenti ne' fiti lontani k cofe che fono d' intorno 
a i fiumi che quelle che da tali fiumi e paludi fono remote . 

Infra le cofe di egual fpefiitudine quelle che faranno più vici- 
ne air occhio parrann o più rare , e le più remote più fpeffe . 

L' occhio che farà di maggior pupilla vedrà 1' obbietto di mag- 
gior figura . Quefto fi dimoftra nel guardare un corpo celelle per 
un picciolo fpiracolo fatto con 1' ago nella carta , che per non poter 
operare di elta luce fé non una picciola parte , elfo corpo pare di- 
minuire tanto della fua grandezza, quanto la parte della luce che 
lo vede è mancata dal fuo tutto . 

1/ aria eh' e ingrollata , e s' interpone infra 1' occhio e la cofa , 

N ci ren- 



9» TRATTATO DELLA PITTURA 

ci rende e(Ta cofa d' incerti e confufi termini , e fa e(To obbietto pa- 
rere di maggior figura che non è . Quefto nafce perche la profpetti- 
va lineale non diminuifce V angolo che porta le Tue fpetie all' oc- 
chio, e la profpettiva de' colori la fpinge e rimuove in maggior di- 
ftanza eh' ella non è , fi che 1' una rimovc dall' occhio , e l'altra con- 
ferva la fua magnitudine. 

Quando il fole è in occidente le nebbie che ricafcano ingroffa- 
no l'aria, e le cofe che non fono vedute dal fole reftano ofcure e 
confufe , e quelle che dal fole fiano alluminate rolTeggiano e gialleg- 
giano, fecondo ch'il fole fi dimoftra all'orizzonte. Ancora le coic 
che da quello fono alluminate fono forte evidenti, e malfime gì' e- 
difitij e cafe della città e ville , perche le loro ombre fono ofcure , 
e pare che tale loro certa dimoAratione nafca di confufi & incerti 
fondamenti , perche ogni cofa è d' un colore , fé non è veduta da 
elfo fole. 

La cofa alluminata dal fole è ancora alluminata dall' aria , in 
modo che fi crean due ombre , delle quali quella farà più ofcura 
che harà la fua linea centrale dritta al centro del fole. Sempre la 
linea centrale del lume primitivo e derivativo fia con la linea cen- 
trale dell' ombre primitive o derivative . 

Bello fpettacolo fa il fole quando è in ponente , il quale allu- 
mina tutti gì' alti edifitij delle città, e casella, e l'alti alberi delle 
campagne, e li tinge del fuo colore, e tutto il leRo da quivà in 
giiì rimane di poco rilievo, perche elTendo folamente alluminato 
dall' aria hanno poca differenza le ombre dalli lumi, e per quello 
non fpiccano troppo , e le cofe che fra quefte più s innalzano fono 
tocche da i raggi folari, e come fi è detto, iì tingono nel lor co- 
lore : onde tu hai a torre del colore di che tu fai il fole , e quivi 
ne hai a mettere in qualunque color chiaro con il quale tu allumi- 
ri elfi corpi. {Ftg. 50.) 

Ancora fpelle volte accade che un nuvolo parrà ofcuro fenza 
haver' ombra da altro nuvolo da lui feparato , e quefto accade fe- 
condo il fito dell'occhio, perche dell'uno vicino fi vede folo la 
parte ombrofa, e degl'altri fi vede 1' cmbrofa e la luminofà . 

Infra le cofe di egual altezza quella che farà più diftante dall' 
occhio parrà più baffa . Vedi che il nuvolo primo ancor che fia più 
baffo che il fecondo, pare più alto di lui, come ci dimoilra nella 
parete il tagliamento della piramide del primo nuvolo ballo in M. 
A. ( Fig. 51.) del fecondo più alto in N. M. Quefi:o nafce quando 
ti par vedere un nuvolo ofcuro più alto che un nuvolo chiaro per 
li raggi del fole in oriente o in occidente . 



Tenhe 



DI LIONARDO DA VINCI. ^^ 

Ter che la co fa dipinta , ancorché ella ijen^ht alt occhio per quella mede/ima 

grojJez,%a d'angolo che quella eh è più remota da lei y non pare 

tanto remota quanto quella della remotione naturale . 

CAR CCCXXXIII. 

Diciamo: Io dipingo (u, la parte B. C. ( f /^, 52.) una cadi che 
habbi a parere diltante un miglio, e di poi io gliene metto alla- 
to una che ha la vera diftanza d'un miglio, le quali cole fono in 
modo ordinate che la parete A. C. taglia la piramide con egual 
grandezza; nientedimeno mai con due occhi parranno di egual gran- 
dezza, ne di egual dilianza. 

Ve Campi. GAP. CCCXXXIV. 

Principaliffima parte della pittura fono li campi delle cofe di- 
pinte, nelli quali campi li termini delle cofe naturali e' hanno in 
loro curvità convefTa Tempre fi conofcono, e le figure di tali corpi 
in efli campi, ancorché li colori de' corpi fieno del medefimo colore 
del predetto campo. E quello nafce che li terrriini convelli de' cor- 
pi non fono alluminati nel medefimo modo che dal medefimo lu- 
me è alluminato il campo , perche tal termine molte volte farà più 
chiaro o più Icuro che elTo campo. Ma fé tal termine e del color 
di tal campo , (enza dubbio tal parte di pittura prohibirà la no- 
titia delle figure di tal termine, e quella tale elettione di pit- 
tura è da elTerc fchitata dagl' ingegni de' buon pittori , conciofia- 
chc r intentione del pittore è di far parere li fijoi corpi di qua ia 
campi: e nel fopradetto cafo accade il contrario, non folo m pit- 
tura, ma nelle cofe di rilievo. 

Del gtudicio che s ha da fare fopra /' cpera d un pittore . 
GAP. GGGXXXV. 

Prima è che tu confidcri le figure, s' hanno il rilievo che (\ 
richiede al iito: e '1 lume che 1' allurnina , che l'ombre non I13.no 
quelle medefime negl' eftremi dell' hiiloria che nel mezzo , perche al- 
tra cofa è r efier circondato dall' oriìbra , & altra bavere 1' ombra 
da un folo lato. Quelle fono circondate dall' ombra, che fi3no vcr- 
fo il mezzo dell' hilloria , perche fi^no adombrate dalle figure inter- 
pone fra loro & il lume: e quelle fono adornbrate da un (o\ lato, 
le quali fono interpolfe infra '1 lume e 1' hiftoria, perche dove nori 
vede il lume, vede 1' hiltoria, e vi fi rapprefènta l' ofi:urità d' elfq, 
hiftoria, e dove non vede l' hiftoria, vede lo fplendor del lume, e 
VI fi rapprefenta la fiia chiarezza. 

N 1 SecoH' 



loo TRATTATO DELLA PITTURA 

Secondo è che il feminamento, ovvero compartitione delle fi- 
gure , fia fecondo il cafo del quale tu vuoi che (ìa eflTa hilloria . 

Terzo che le figure iìano con prontezza intente al loro parti- 
colare. 

Del rilievo delle figure remote dall' occhio. CAP. CCCXXXVL 

Quel corpo opaco fi dimoftrerà effere di minor rilievo il qua- 
le farà più diftante dall'occhio, e quefto accade perche l'aria intcr- 
pofìa. fra 1' occhio 6c elfo corpo opaco, per e(Ter ella cofi chiara 
più che l'ombra di tal corpo, corrompe elTa ombra, e la rifchiara, 
e gli toglie la potenza della fua ofcurità, la qual cofa è caufa di 
fargli perdere il fuo rilievo . 

T)e' termim de' membri alluminati . CAP. CCCXXXVII. 

n termine di quel membro alluminato parrà più ofcuro che 
farà veduto in campo più chiaro , e coG para più chiaro che fia 
veduto in campo più ofcuro. E fé tal termine fia piano, e veduto 
in campo chiaro fimile alla fua chiarezza, il termine fia infenfibile. 

determini, CAP. CCCXXXVIIL 

Li termini delle cofe feconde non faranno mai cogniti come i 
primi. Adunque tu, pittore, non terminare immediate le cofe quar- 
te con le quinte , come le prime con le feconde , perche il termine 
d' una co(a in un' altra è di natura di Imea matematica , ma non 
lineai perche il termine d'un colore e prmcipio d'un altro colore, 
e non ha da eflere però detta linea, perche niiìuna cofà. s' intramet- 
te infi-a '1 termine d* un colore che fia antepofto ad un altro colo- 
re, fé non è il termine, il quale è cofa infenfibile d' apprelìo, a- 
dunque tu, pittore, non la pronuntiare nelle cofe diftanti . 

Della wcarnat'ione , e cofe remote dall' occhio . CAP, C C C X X X I X. 

Debbonfi dal Pittore porre nelle figure , e cofe remote dall' oc- 
chio , (olamente le macchie non terminate, ma di confufi termini, 
e fia fatta 1' elettione di tali figure quando e nuvolo, o in su la 
fera, e fopra tutto guardifi , come ho detto, da i lumi &i ombre 
terminate, perche pajono poi tinte quando fi vedono da lontano, e 
riefcono poi opere difficili e fenza gratia. E ti hai a ricordare, che 
r ombre mai fiano di qualità , che per la loro ofcurità tu habbi a 
perdere il colore ove fi caufano , fc già il luogo dove li corpi fono 

fìtuati 



Paa. loo 




DI LIONARDO DA VINCI. loi 

{ìtuatl non fuflc tenebrofo : e non far profili, non disfilar capelli, 
non dar lumi bianchi, fé non nelle cofc bianche, e che cHTi lumi 
habbino a dimoRrare la prima bellezza del colore dove fi pofano . 

Fartj precetti di pittura . GAP. C C C X L. 

Li termini e figura di qualunque parte de' corpi ombrofi male 
{\ conofcono nell'ombre e ne' lumi loro, ma nelle parti interpone 
infra i lumi e 1* ombre di effi corpi fono in primo grado di noti- 
tia . 

La profpcttiva la quale (x eftende nella pittura C\ divide in tre 
parti principali , delle quali la prima è della diminutione che fanno 
le quantità de' corpi in diverfe dillanze . La ieconda parte è quella 
che tratta della diminutione de' colori di tali corpi . La terza è quel- 
la che diminuifce la notitia delle figure, e de' termini che hanno 
eiri corpi in varie diftanze . 

L'azzurro dell'aria è di color compofto di luce e di tenebre, 
la luce dico per (;:aura dell* aria illuminata nelle particole dell' hu- 
midità infra efia aria infufa. Per tenebre dico l'aria pura, la quale 
non è divifa in atomi , cioè particole d' humidità , nella quale hab- 
bino a percuotere i ra^gi folari . E di quefto fi vede 1' efempio nell' 
aria che s' interpone infra 1' occhio e le montagne ombrofe per 1' om- 
bre della gran copia de gì' alberi che fopra elfa ^\ trovano , ovvero 
ombrofa in quella parte che non è percofia dalli raggi folari, la 
qual aria fi fa azzurra, e non {{ fa azzurra nella parte fua lumino- 
la, e molto meno nella parte coperta di neve. 

Fra le cofe egualmente ofcure, e di egual diffanza , quella fi 
dimoltrerà eOer più ofcura che terminerà in più bianco campo, e 
coli per il contrario . 

Quella cofa che 6a più dipinta di bianco e nero apparirà dì 
miglior rilievo che alcun' altra . Però ricordati, pittore, che velfi le 
tue figure di color più chiaro che tu puoi; che fé le fiirai di color 
ofcuro, fiano di poco rilievo e di poca evidenza da lontano, e 
queito perche l'ombre di tutte le cofe fono ofcure, e fé farai una 
vefie ofcura, poco divario fia dal lume all'ombrai e ne' colori chia- 
ri VI fia differenza. 

Terche le cofe ritratte perfettamente dal naturale mn pa'pm del mede/imo 
rtlte<vo qual pare effo naturale, GAP. GGGXLI. 

ImpofTibile è che la pittura imitata con fomma perfetione di Ve'òifoyn 
lineamenti, ombre, lume, e colore, poffa parere del medefimo ri- '^''^* '^ 
licvo qual pare elfo naturale , fé già tal naturale in lunga diltanza 

non 



I02 TRATTATO DELLA PITTURA 

non è veduto da un fol occhio. Provafi: Siano gl'occhi A. B. (Fig^ 
53.) li quali vegghino 1' obbietto C. col concorfo delle linee centra- 
li degli occhi A. C. e B. C. dico che le linee laterali di effa cen- 
trale vedono dietro a tal obbietto lo fpatio G. D. e 1' occhio A. 
vede tutto lo fpatio F. D. e 1' occhio B. vede tutto lo fpatio G. E. 
Adunque li due occhi vedono di dietro all' obbietto C. tutto lo 
fpatio F. E. per la qual cofa tal obbietto C. rel1:a crafparente, fe- 
condo la definitione della trafparenza , dietro la quale niente iì na- 
fconde: il che intervenir non può a quello che vede con un fol oc- 
chio un obbietto maggior di eflb occhio . E per quello che fi è 
detto potiamo concludere il noftro quefito , perche una cofa dipinta 
occupa tutto lo fpatio che ha dietro a fé , e per niffuna via è pof- 
fibile veder parte alcuna del campo che la linea fua circonferentiale 
ha dietro a fé. 

Di far che U eofe pawo fp'tccate da lo;' ceimj>i , cioè dalla parete doi;e 
fono dipmte. GAP. CCGXLII. 

Molto più rilievo moflrcranno le cofe nel campo chiaro e al- 
luminato che neir ofcuro . La ragione è, che fé tu vuoi dar rilievo 
alla tua figura, tu fai che quella parte del corpo che è più remota 
dal lume manco partecipi di elTo lume , onde viene a rimanere 
più olcura , e terminando poi in campo fcuro, viene a cadere in 
confufi termini: per la qua! cofa, fé non vi accade refleflfo, l'opera 
refta fenza gratia, e da lontano non apparifcono fé non le parti lu- 
minofe , onde conviene che 1' ofcure paino eiTer del campo medefi- 
mo, e così le cofe paiono tagliate, e rilevate tanto meno del do- 
vere , quanto il campo è ofcuro . 

Precetto. GAP. GGCXLIU. 

Le figure hanno più gratia porte ne' lumi univerfali che ne* parti- 
colari e piccioli perche li gran lumi e potenti abbracciano li rilievi de' 
corpi , e r opere fatte in tali lumi apparifcono da lontano con gra- 
tia , e quelle che fono ritratte a lumi piccioli , pigliano gran fomma 
d' ombra , e fimili opere fatte con tali ombre mai apparifcono da' 
luoghi lontani altro che tinte . 

Vel figurar le farti del mondo . GAP. GGGXLIV. 

Sarai avvertito, che ne' luoghi maritimi, o vicini a quelli, vol- 
ti alle parti meridionali, non facci il verno figurato ne gì* alberi o 

prati, 



DI LIONARDO DA VINCI. 103 

prati, come nelle parti remote da cfl'i mari e fettentiionali farcfli, 
eccetto negl' alberi , li quali ogn' anno gettano foglie . 

Del Jigurar le quattro parti de tempi cielf arvìo , pertecipantt dt quelli . 

GAP. CCCXLV. 

Nell'autunno farai le cofe fecondo l'età di tal tempo, cioè nel 
principio cominciano ad impallidir le foglie de gì' alberi ne' più vec- 
chi rami , piiì o meno fecondo che la pianta è in luogo Iterile o 
fertile: e non far come molti, che fanno tutte le forti de gl'alberi, 
ancorché da fé fiano egualmente dittanti , di una medefìma qualità 
di verde. Così il colore de' prati, faflfi, e pedali delle predette pian- 
te varia Tempre, perche la natura e variabile in infinito. 

Del njento dipmo. GAP. CCCXLV I. 

Nella figuratione del vento , oltre il piegar de' rami , & arrovefclar 
delle foglie inverfo 1* avvenimento del vento , fi deve figurar il ran- 
nugolamento della fottìi polvere milfa con l' intorbidata aria . 

"Del principio d' una pioggia . CAP. CCCXLVII. 

La pioggia cade infra l'aria, quella ofcurando con lucida tin- 
tura, pigliando dall'uno de' lati il lume del fole, e l'ombra dalla 
parte oppofita, come fi vede fare alle nebbie, 6c ofcurafi la terra, 
che da tal pioggia l'è tolto lo fplendor del fole: e le cofe vedute 
di là da eOa fono di confufi e non intelligibili termini , e le cofe 
che faranno piiì vicine all' occhio fiano più note : e più note faran- 
no le cofe vedute nella pioggia ombrofa , che quelle della pioggia 
alluminata . E quefto accade perche le cofe vedute nell' ombrofe piog- 
gie , folo perdono lì lumi principali , ma le cofe che fi veggono nel- 
le luminofe perdono il lume e 1' ombra , perche le parti luminofe fi 
mifchiano con la luminofità dell' alluminata aria , e le parti ombro- 
fe fono rìfchiarate dalla jncdefima chiarezza della detta aria allu- 
minata. 

J^dl" ombre fatte da ponti fopra le loro acque . CAP. CCCXLVII I. 

L' ombre de' ponti non faranno mai vedute fopra le loro ac- 
que fé prima 1' acqua non perde 1' offìtio dello fpecchiare per conto 
di torbidezza. E quello fi prova, perche l'acqua chiara è di fuper- 
ficic luftra e pulita, e fpecchia il ponte in tutti li luoghi interpoli 
infra eguali angoli mfra 1' occhio &L il ponte , e fpecchia 1' aria lòttg 

il 



T04 TRATTATO DELLA PITTURA 

il ponte , dove deve efTere Y ombra di tal ponte , il che non può 
far r acqua torbida , perche non fpecchia , ma ben riceve X ombra , 
come farebbe una ftrada polvero(a. 

Trecetù di pittura. GAP. CCCXLIX. 

La profpettiya è briglia e timone della pittura. 

La grandezza della figura dipinta dovrebbe mofìrarc a che di- 
ftanza eli' è veduta . 

Se tu vedi una figura grande al naturale. Tappi che fi dimo- 
ftrerà efler prefio all' occhio . 

Tmettf, GAP. CGGL. 

Sempre il bilico è nella linea centrale del petto eh' è dà elTo 
belico in sii , e così tien conto del pefo accidentale dell' huomo , co- 
me del filo pefiD naturale . Quefto fi dimoftra nel ftcnder il brac- 
cio, che il pugno porto nel Tuo eftremo fa 1' offitio che far fi vede 
al contrapefo pofto nell' eftremo della ftadera > onde per neceffità fi 
getta tanto pefo di là dall' ombellico , quanto è il peib accidentale 
del pugno , oc il calcagno conviene che s' innalzi . 

Della Jiatua, GAP. GCGLI. 

Se vuoi fare una figura di marmo , fanne prima una di terra , 
la quale poi che farà finita e fecca, mectila in una cafia che fia 
ancora capace, dopo la figura tratta d' elTo luogo, à ricever il mar- 
mo che vuoi fcolpirvi d' entro a iimilitudme di quella terra . Poi 
meffa la figura di terra dentro ad ella caiTa, habbi bacchette, che 
entrino appunto per gli fuoi buchi, e fpingile dentro tanto per cia- 
fcun buco, che ciafcuna bacchetta bianca tocchi la figura in diverfi 
luoghi , e la parte d' elfe bacchette che refta fuori della calfa tingi 
di nero , e fa il contra fegno alla bacchetta , & al fuo buco , in mo- 
do che à tua pofta fi fcontri : e trarrai della cafia la figura di ter- 
ra, e mettivi il tuo pezzo di marmo, e tanto leva dal marmo che 
tutte le tue bacchette fi nafcondmo fino al loro fegno in detti bu- 
chi : e per poter far meglio quefto , fa che tutta la caffa fi polfa 
levare in alto , & il fondo d' efla cafla relH fempre fotco al mar- 
mo , & a quefto modo ne potrai levar con i ferri con gran facilità . 

Del far una -pittura cC eterna <vernice . GAP, C C C L 1 1. 

Dipingi la tua pittura fopra della carta tirata in telaro ben de- 
licata 



DI LIONARDO DA VINCI. 105 

licata e piana, e poi da una buona e groffa imprimitura di pece e 
mattone ben peilo : dapoi da l' imprimitura di biacca e giallolino , 
poi colorifci , e vernica d'olio vecchio chiaro e fodo , &C appiccalo 
al vetro ben piano . Ma è meglio far un quadro di terra ben ve- 
tnato, e l'imprimitura di biacca e giallolino, e poi colorifci, e vcr- 
nica , poi appicca il vetro criftallino con la vernice ben chiara a ef- 
io vetro: ma fa prima ben feccare in flufa ofcura elTo colorito, e 
poi vcrnicalo con l' olio di noce & ambra , ovvero olio di noce raf- 
Ibdato al fòle. 

Modo di colorir in tela . GAP. CCCLIII. 

Metti la tua tela in telaro, e dagli colla debole, e lafcia ^cc- * 
care, e difegna, e da l' incarnatione con pennelli di fetole, e così 
frefca farai 1' ombra sfumata a tuo modo . L' incarnatione farà biac- 
ca , lacca , e giallolino : l' ombra farà nero , e majorica , e un poco 
di lacca, o vuoi lapis duro. Sfumato che tu hai, lafcia feccare, poi 
ritocca a fecco con lacca e gomma , fiata aliai tempo con l' acqua 
gommata infcme liquida , che è migliore , perche fa l' offìtio luo 
fenza luflrare. 

Ancora per fare \ ombre più ofcure , togli lacca gommata Co- 
pradetta , & inchioftro , e con quella ombra puoi ombrare molti 
colori, perche è trafparente : e poi ombrare l'azzurro, lacca, e di- 
verte ombre, dico perche diverfi lumi ombrerai di lacca femplice 
gommata fopra la lacca fenza tempera, ovvero fopra il cinabro tem- 
perato e fecco , 

Trecetto della profpetti^a i» pittura . GAP. CCCLIV. 

Quando tu non conofcerai varietà di chiarezza o di ofcurità 
infra 1' aria , all' hora la profpettiva dell" ombre fia fcacciata dalla tua 
imitacionc , e folo ti hai a valere della profpettiva della diminutionc 
de' corpi , e della diminutionc de' colori , e del diminuire della co- 
gnitione delle cofe all'occhio contrapofte: e quefta la parere una 
medefìma cofa più remota, cioè la perdita della cognitione della fi- 
gura di qualunque obbietto . 

L' occhio non avrà mai per la profpettiva lineale , fenza fuo 
moto, cognitione della diiìanza eh' è fra 1' obbietto 6c un'altra cofa, 
fé non mediante la profpettiva de' colon. 

Ve gì' obbietti. GAP. CGGLV. 

Quella parte dell' obbietto farà più alluminata che fia più pro- 
pinqua al luminofo che l'allumina. 

O La 



w6 TRATTATO DELLA PITTURA 

J.a iìmllitudine delle cofe in ogni grado di diftanza perde i gradi 
di potenza , cioè quanto la cofa farà più remora dall' occhio , far? 
tantQ ipeno penetrabile infra l'aria con la fua fìmilitudine. 

Velia d'tmtnut'ione de colori e corpi . GAP. CCCLVL 

Sia ofTervata la dinr^inutìonc delle qualità de' colori infieme con 
la dimjnutione de' corpi ove fi applicano , 

J)ell' interfoJìtiQne de corpi trafparentt infra /' occht» e f obbietta . 

GAP. GCGLVn. 

Quanto maggior fia T interpofìtione trafparente infra 1' occhio § 
1' obbietto tanto più fi trafinuta il colore dell' obbietto nel colore del 
trafparente interptfto. 

Quando 1' obbietto s interpone fra 1' occhio e *1 lume , per h 
lìnea centrale che fi eftende infra '1 centro del lume e l' occhio , 
air hora tal pbbietto fia totalmente privato di lume . 

T> e panni che 'vejlo^o \e figure , e ter pieghe, GAP, GCCLVIIL 

Li panni che veftono le figure debbono havere le lor pieghe ac- 
comodate a cingere le membra da loro veftite, in modo che nelle 
parti alluminate non {\ ponga pieghe d' ombra ofcura , e nelle partì 
ombrofe non fi faccia pieghe di troppa chiarezza , e che i lineamen- 
ti d' effe pieghe vadino in qualche parte circondando le membra da 
loro coperte, e non con lineamenti che taglino le membra, ne con 
ombre che sfondino più dentro che non è la fùperficie del corpo 
veftito, & in effetto il panno fia in modo adattato che non paia 
difabitato , cioè che non paia un aggruppamento di panno fpogliato 
dall' huomo , come fi vede fare a molti, li quali s'innamorano tan- 
to de* vari j aggruppamenti di varie pieghe , che n' empiono tutta una 
figura , dimenticandofi l' effetto perche tal panno e fatto , cioè per 
veftire e circondare le membra con gratia, dove effi {\ pofano , q 
non l'empire tutte di venti, o vefiche gonfiate fopra li rilevi allu- 
minati de' membri . Non nego già che non fi debba fare alcuna bel- 
la falda , ma fia fatta in parte della figura dove le membra mfra 
effe & il corpo raccoglino e ragunino tal panno . E fbpra tutto va- 
ria li panni nell* hiftorie, come nel fare ad alcuni le pieghe cori 
rotture a facciate, e quefto è ne' panni denfi, & alcuni panni hab^ 
bino li piegamenti molli , e le lor volte non laterate , & altri torti , 



Della 



DI LIONARDO DA VINCI. 107 

Velia ìintura delle pieghe de' fcinm . GAP. CCCLIX. 

Molti amano le piegature delle falde de' panni con li angoli a- 
cuti, crudi, e fpediti , altri con angoli quafi mfenfibili, altri fenza 
alcuni angoli, ma in luogo di quelli certe curvità ^ 

Come fi de^'Ofi fare le pieghe de' panni . GAP. G G G L X. 

Quella parte delle pieghe che fi ritrova più lontana da' fuoi co- 
foretti ellremi fi ridurrà più in Tua prima natura . Naturalmente o- 
gni cofa delìdera mantenere in Tuo elfere. Il panno, perche e di 
eguale denfìtà e TpelTitudine , si nel Tuo rovefcio come nel Tuo drit- 
to , delidcra di itar piano : onde quando egli è da qualche piega o 
falda colhetto a lafciare ella planitie , oflerva la natura della forza 
in quella parte di fé dove egli è più coftrecto , e quella parte eh' è 
più lontana a effi confiringimenti troverai ridurfì più alla prima fua 
natura, cioè dello ftar diffefo e ampio. Efempio fìa A. B. C. (f/^. 
54.) la piega del panno detto di fopra . A. B. fìa il luogo dove efìo 
panno e piegato e corretto . Io ti propoli che quella parte del pan- 
no eh' era più lontano alli coftretti eftreml fi ridurebbe più nella 
fua prima natura: adunque G. trovandofi più lontano, la piega 
C. fìa più larga ch'in nifiun altro Tuo luogo. 

Come fi detono far le pieghe a' panni . GAP. CCGLX.I. 

A un panno non fi deve dare confufìone di molte pieghe, , an- 
zi farne folamcnte dove con le mani o braccia fono ritenute, & il 
reflo lafciar cadere femplicemente, e fi debbono ritrarre di naturale, 
cioè, fé vorrai fare panno lana, ufa le pieghe fecondo quelli, e fc 
farà fera, o panno fino, o da villano, va diverfìficando a ciafcuno 
le iiie pieghe , e non fare habito , come molti fanno , fopra i mo- 
delli coperti di carta, o corame fottile, che t' ingannereftì forte. 

Delle pieghe de' panni in fcorcio . GAP. GGGLXII. 

Dove la figura fcorcia fagli vedere maggior numero di pieghe 
che dove la non fcorcia , e le fue membra fieno circondate da pie- 
ghe fpeffe e giranti intorno ad elTe membra. E fia dove ftà l'oc- 
chio. M. N. {Fig. 55.) manda il mezzo di ciafcuni circoli più lon- 
tani dall' occhio de loro fini . N. O. li moftra dritti , perche fi tro- 
va a rincontro. P. Q. li manda per contrario. 



O 2 Dell' 



io8 TRATTATO DELLA PITTURA 

TfeW occhio che 'vede le pieghe àè panni che circondam /' huomo . 

CAR CCCLXIII. 

L' ombre interpone infra le pieghe de' panni circondatnci de' 
corpi humani , faranno tanto più ofcure , quanto elle fono più rin- 
contro all'occhio con le concavità dove tal ombre fon generate: e 
quefto intendo haver detto , quando 1' occhio è fituato inha la parte 
ombrofa e la luminofa della predetta figura . 

Velie pieghe de panni . CAR CCCLXIV. 

Sempre le pieghe de' panni fìtuati in qualunque atto delle figu- 
re debbono con i luoi lineamenti inoftrare 1' atto di tal figura , in 
modo che non diano ambiguità o confufione della vera attitudine à 
chi la confiderà : e che nilìuna piega con 1' ombra tolga alcun mem- 
bro , cioè che paia più a dentro la profondità della piega che la 
fuperficie del membro veftito. E che fé tu figuri figure veftite di 
più veftimenti , che non paia che 1' ultima velie rinchiuda dentro a 
fé le femplici offa di tal figure, ma la carne infieme con quelle, e 
li panni veftimento della carne , con tanta grofiezza qual fi richiede 
alla moltiplicatione de' fuoi gradi. 

Le pieghe de* panni che circondano le membra debbono dimi- 
nuire della loro groffezza inverfo gì' ellremi della cofa circondata . 

La longhezza delle pieghe che fono più flrette alle membra 
debbono aggrinzarfi da quel lato che il membro per le Tue piegatu- 
re diminuifce, e tirarfi dall' oppofita parte della fua piegatura . [Ftg. 56.) 

Velt ort'Zj-z.onte fpecchtato nelt onde . CAR CCCLXV. 

SpccchieralTi 1' orizzonte per la fefta di quefto nel lato veduto 
dall'orizzonte e dall' occhio , come fi dimoftra 1' orizzonte R {Fig. 57.) 
veduto dal lato B. C. il qual lato è ancor veduto dall'occhio. A- 
dunque tu, pittore, che hai a figurare l' innondationi dell'acque, 
ricordati che da te non farà veduto il colore dell' acqua eiTer altra- 
mente chiaro o ofcuro che fi ila la chiarezza o ofcurità del fito do- 
ve tu fei , infieme mifio col colore dell' altre cofe che fono dopo 



te. 



IL FINE 



IN- 



Pacf.zo8 




(/.■ /~oiri<'ii t/: 



y. ,^._, 



J5 



Tag. io8 




1091 



INDICE 

DE* CAPITOLI DI QUESTO TRATTATO 



L/APITOLO L 


Cap. 


II. 


Cap. 


in. 


Cap. 


IV. 


Cap. 


V. 


Cap. 


VI. 


Cap. 


VII. 


Cap. 


VIII. 


Cap. 


IX. 



Cap. X. 

Cap. xr. 
Cap. XII. 
Cap. xiii. 



Ca 



P. XIV. 



Cap. XV. 
Cap. XVI. 



Cap. 



XVII. 



Cap. XVIII. 
Cap. XIX. 
Cap. XX. 



Cap. XXI. 
Cap. XXII. 
Cap. xxm. 



Cap. 



XXIV. 



QUello che deiie fri- 
ma imparare il gi»' 
•— -vane . 

Qua/e Jìiidio de've ejjere 

ne' gfomam . 
Q^a/ regola Jì de've dare 

a' putti pittori . 
Notitia del gio'vine difpo- 

Jìo alla pittura . 
Trecetto al pittore . 
/« che modo deue il gio'vane 

procedere nel fuo (Indio . 
Del modo di /indiare . 
Ali'verttmento al pittore , 
Precetto del pittore uni'ver' 

fale . 
Come il pittore de^ve eJJere 

uni'verj'ale . 
Trecetto al pittore . 
Trecetto come fopra . 
Trecetto dello fchizzar hi' 

Jlorie e figure . 
Del corregger gì' errori 

che tu jcHGpri . 
Del giuditio . 
Modo di dejlar l ' ingegno 

a 'varie inuentioni . 
Dello ftndi are injtno quan- 

do tu ti dejli , prima che 

tu t'addormenti allo [curo. 
Che Jt denje prima imparar 

la diligenza che la prefta 

pratica . 
Come il pittore den;' effer 

•vago d ' udir il giudttio 

d ' ozn uno . 
Che l ' htiomo non Jì de've fi- 
dar tanto di fé , che non 

legga dal naturale . 
Delle- 'varietà delle figure . 
Dell ' ejffere uni'verfale . 
Di quelli che ufano la prati- 
ca fenza la diligenza y 0- 

•vero faenza . 
Del non imitare l ' un l ' al' 

tra pittore . 



Cap. 


XXV. 


Gap. 


XXVI. 


Cap. 


XXVII. 



>AP. xxvin. 



>AP. XXIX. 



Cap. 


XXX. 


Cap. 


XXXI. 


Cap. 


XXXII. 


Cap. 


xxxm. 


Cap. 


xxxiv. 


Cap. 


XXXV. 



MP. XXXVI. 



Cap. 


XXXVH. 


Cap. 


XXXVIII. 


Gap. 


XXXIX. 


Gap. 


XI-. 


Gap. 


XLI. 


Gap. 


XLII. 



Gap. 

Cap. 
Gap. 



XLIII. 

xi.iv. 

XLV. 



/AP. XLVI, 



Del ritrar dal naturale . 
A'wertimento al pittori . 

Come de've effere alto il Ut' 
me da ritrar dal naturale. 

Quali lumi fi de'vono eleg' 

gere per ritrar le figure 
de' corpi . 

Delle qualità del lume per 

ritrar rilievi naturali , • 

finti . 

Del ritrar gì ' ignudi . 
Del ritrarre di riUe'vo fin» 

to , dal naturale . 
Modo di ritrarre un fifa 

corretto . 
Come fi de'vono ritrar li 

paefi . 
Del ritrarre al lume di 

candela . 
In che modo fi debba ritrar* 

un 'volto , e dargli gratia^ 

ombra , e lumi . 
Del lume donje fi ritrae 

l ' incarnattone delli •vol- 
ti , & ignudi . 
Del ritrar figure per T hi- 

Jlorie . 
Ter ritrar un ignudo dal 

naturale , altro . 
Mtfure e comparttmentt 

della flatua . 
Come il pittore fi deve ac- 

conciar al lume col fuo ri- 

lie'vo . 
Della qualità del lume . 
Dell' inganno che fi riceve 

nel giuditin delle membra . 
Che fi de've faper l' intrinfe- 

ca forma dell' huomo . 
Del diffetto del pittore . 
Trecetto perche il pittore non 

s'mgannt nell eletione del. 

la figura in che fa h abito . 
Diffetto de' pittori che ri. 

traggono una cofa di ri. 

lie'V9 in cafa a un lume , 
e poi 



no 

e poi la mettono in cam- 
pagna a un altro lume . 

Qhv, xLvii. Ve Ila pittura y e fua di- 
'vijìone . 

Cat. xlviii. figura , e fua dinìijtone . 

Gap. xlix. Troportione di membra . 

CAr. t. Dell' moiiimenti , e dell* 

operattoni "varie . 

Cai*, li. Che fi dehhon fuggire i 

termini fpediti . 

Gap. lii, Che nelle cofe picciole non 

fi nìedon gì' errori ^ co- 
me nelle grandi . 

Gap. lui, Terche la pittura non pud 
mai parere fpncata , co» 
me le cofe naturali . 

Cai* liv. Perche i Capitoli delle fi- 

gure l ' una fopra l ' aU 
tra è cofa da fuggire . 

Gap, lv. Q^(il pittura fi de^ve u- 

fare in far parer le co- 
fe più fpiccate . 

Cap- tvi. Qu^iil' è più di difcorfo cb* 

utilità , il lume e om- 
bre de' corpi y o li loro 
lineamenti . 

Gap. tvii. Memoria che fi fa dall' 
autore . 

Gap. tviii. Precetti di pittura . 

Gap. Lix. Come la pittura df've ef- 
fer <vifta da una fola fi' 
neflra . 

Gap. i.x. Dell' ombre . 

Gap. Lxi. Come fi debbono figurare 

i putti . 

Gap. lxii. Come fi debbono figurar' i 
•vecchi . 

Gap. Lxiii, Come fi debbono figurar 
le 'vecchie . 

Gap. i.xiv. Come fi debbono figurar 
le donne . 

Gap. txv. Come fi deve figurar una 
notte . 

Gap. lxvi. Come fi de-ve figurar* una 
fortuna . 

Gap. LXvii. Come fi denje figurar una 
battaglia . 

Gap. Lxviir. Del modo di condurre in 
pittura le cofe lontane . 

Gap. txix. Come l' aria fi de^ve fare 
più chiara quanto più la 
fai finir baffa . 

Gap. lxx. À far che le figure [pic- 



chino dal lor carripo . 

Gap. lxxi. Del figurar le grandezze 
delle cofe dipinte. 

Gap. lxxii. Delle cofe finite ^ e delle 
confufe . 

Gap. lxxui. Delle figure che fon fcpa- 
rate , accioche non paia- 
no congiunte . 

Gat. lxxiv. Se il lume de-v' effer tol- 
to in faccia y o da par- 
te , e quale dà più gra- 
ti a . 

Gap. I.XXV'. Della riqjerberatione , 

Gap. lxxvi. Do've non può effer ri'ver- 
ber at ione lumino fa . 

Gap. lxxvii. De' refleffì . 

Gap. Lxxviii. Di.' refleffì de' lumi che cir- 
condano l'ombre, 

Cap^^lxxix. Do-ve i refleffì de* lumi 
fono di maggior a minor 
chiarezza . 

Gap. lxxx. Qual parte del refleffo fa- 
rà più chiara . 

Gap. lxxxi. De' colori refleffì della car- 
ne . 

Gap. Lxxxii. Do've li refleffì fono più 
fenfihili . 

Gap. lxx;xiii. De refleffì duplicati e tri- 
plicati ■ 

Gap. ixxxiv. Come niffun colore refleffo 
è femplice , ma è miflo 
con le fpetie degl ' altri 
colori . 

Gap. ixxxv. Co^ne rariffìme fvolte li 
refleffi fono del colore del 
corpo do've fi congiungo- 
no . 

Gap. lxxxvi. Do've più fi -vedrà il re- 
flfo. 

Gap. l\\x\i\. De' colori de' refleffì . 

Gap. Lxxxvui. De' termini de' refleffì nel 
fuo campo . 

Gap. I.XXX1X. Del collocar le figure . 

Gai', xc. Del modo d' imparar be- 

ne a comporre tnfieme le 
figure nelle hiflorie . 

Gap. xci. Del por prima una figura 

neh ' hifloria . 

Gap. xcir. Ì^Iodo del comporre le hi- 
florie . 

Gap. xciii. Del comporre /' hiflorie . 

Gap. xciv. Varietà d' huomini nell* 
hifiorie . 

Gap. xcv. 



Gap. xcv. 

Gap. xcvi. 
Gap. xcvii. 

Gap. xcviii. 

Gap. xcix. 



Gap. c» 

Gap. ci. 
Gap. cu, 

Gap. chi. 

Gap. civ. 
Gap. cv. 

G.AP evi. 

Gap. cvii. 
Gap. cviii. 

Gap. cix. 
Gap. ex, 
Gap. CXI. 



Gap. 



Gap. 



CXII. 



CXIII. 



J3eir imparar li Movi- 
menti dell ' huo>770 . 

Del comporre l'hljiorie. 

Della "varie fa nell ' hijlo- 
ne . 

Del dinierjìficare V arie 
de' evolti nell ' hijlorie . 

Dell ' accompagnare li co- 
lori l ' un con l ' al fra , 
e che r uno dia grafia 
ali ' altro . 

Del far nìinji e belli colo- 
ri nelle fue Superficie . 

De' colori dell ' ombre di 
qualunque colore. 

Della 'varietà che fanno 
li colori delle cofe remO" 
te e pr optnque . 

In quanta dijlanza fi per- 
dono li colori delle cofe. 
integramente . 

Colore dell' ombra del 
bianco . 

Qunl colore farà ombra 
più nera . 

Del colore che non mofira 
varietà in 'vane groj- 
fezze d' aria . 

Della profpetfi'va de' co» 
lori . 

Del colore che non fi mu' 
ta in 'varie grojfezze 
d ' aria . 

Se li colori 'varj poffono effe- 
re o parere d'una uniforme 
ofcurità » mediante una 
medefima ombra . 

Della caufa de' perdimenti 
de' colori e figure de' cor- 
pi mediante le tenebre 
che paion» e non fono . 

Come nijfitna cofa mofira 
il fuo color 'Vero s' ella 
non ha lume da un al- 
tro fimil colore . 

De' colori che fi dimoflra- 
no 'variare dal loro effe- 
re , mediante li paragoni 
de' lor campi . 

Della mutatione de' colori 
trafparenti dati o meffi 
fopra dfverfi colon , con 
la lor diuerfa relatione . 



Gap. cxiv. Q^(tl parte d' un me defi- 
mo colore fi moftrerà più 
bella in pittura . 

Gap. cxv. Come 07nt colore che non 
ha luflro è piìt bello nel- 
le fue parti luminofe ch/t 
nell ' ombro fé . 

Gap. cxvi. Dell' evidenza de' colori , 

Gap. cxvii. Qu^al parte del colore ra- 
gione'volmente de've effer 
più bella . 

Gap. cxviii. Come il bello del colore 
debb' effer ne' lumi . 

Gap. cxix. Del color 'verde fatto dal* 
la ruggine di rame . 

Gap. cxx. Atimentatione di bellezza 
nel 'verderame . 

Gai", cxxi. Della miftione de' colori 
l ' un con l ' altro . 

Gap. cxxh. Della fuperficie d' ogm 
corpo ombrofo . 

Gap. cxxiit. Qu^ale è la fuperficie ri- 
cettila di più colori. 

Gap. cxxiv. Qi^al corpo fi tingerà più 
del color del fuo obbiet- 
ta . 

Gap. cxxv. Q^al corpo fi dimofireri 
di più bel colore . 

Gap. cxxvi. Dell' ificarnattone de' 'voi'» 

ti o 

Gap. cxxvir. Modo di ritrarre il rilie- 
fvo , e di preparar le car- 
te per quefio . 

Gap. cxxviii. Della 'varietà d'un me- 
defimo colore tu 'varie 
difianze dall ' occhio . 

Gap. cxxix. Della 'verdura 'veduta in 
campagna . 

Gap. cxxx. Qu^al 'verdura parrà più 
d ' azzurro . 

Gap. cxxxi. Q^al' è quella fuperficie 
che meno che l' altre di- 
}nofira il fuo 'vero colo- 
re . 

Gap. cxxxii. Q^al corpo moftrerà più 
il fuo 'vero colore . 

Gap. cxxxiii. Della chiarezza de' paefi . 

Gap. cxxxiv. Profpetfi'va comune della 
diminutione de' colori tn 
lunga difianza . 

Gap. cxxxv. Delle cofe fpecchiate nell' 
acqua de paefi y e prima 
dell' aria . 

Gap. 



112 



Cap. cxxxvi. 

Cap. cxxxvii. 
Gap. cxxxviii. 



Gap. 


CXXXIX. 


Gap. 


CXL. 


Gap 


CXLI. 


Gap. 


cxur. 



Gap. 

Gap. 

Gap. 



CXLIIt. 

CXLIV. 
CXLV. 



Gap. 


CXLVI. 


Gap. 


CXLVII. 


Gap. 


cxtvni, 


Gap. 


CXLIX. 


Gap. 


CL. 


Gap. 


CLI. 


Gap. 


CLir. 


Gap. 


CLI li. 


Gap. 


CLIV. 



Gap. 



CLV. 



Gap. 


CLVI. 


Gap. 


CLVII. 


Gap. 


CLvin 


Gap. 


CLIX. 


Gap. 


CLX. 


Gap. 


CLXI. 



Gap, 



CI.XII. 



Dminutìone de colori fer 
ìaezzo interpojlo infra 
loro e l ' occhio . 

De campi che fi connjen* 
gono all' ombra , is" a lu' 
mi . 

Come fi de've riparare , 
quando il bianco fi ter- 
mina in bianco y e l' of- 
curo in ofcuro . 

Della natura de' colori de' 
campi [opra li quali cam- 
peggia il bianco . 

De' campi delle figure. 

De' campi delle cofc dipinte . 

Di quelli che fingono in 
campagna la cofa più 
remota farfi piìi ojcu- 
ra . 

De' colori delle cole remo- 
te dall ' occhia . 

Gradi di pitture . 

Dello fpecchiamento e co- 
lore dell' acqua del ma- 
re 'veduto da dinjerfi af- 
petti . 

Velia natura de' paragoni . 

Del color dell' ombra di 

■ qualunque corpo . 

Della projpettiua de' colo- 
ri ne' luoghi ofcuri . 

Trofpettiija de' colori . 

De colori . 

Da che nafce l ' azzurro 
neir aria . 

De' colori . 

De' colori . 

De' campi delle figure de* 
corpi dipinti . 

Perche il bianco non è co- 
lore . 

De' colori . 

De' colori de' lumi inciden- 
ti & reflcjfi. 

De' colori dell' ombra . 

Delle cofe pojle in campo 
chiaro , e perche tal ufo 
è utile in pittura . 

De' campi . 

De' colori che rifultano dal- 
la mifìione d' altri colo- 
ri , // quali fi dtmandono 
fpecie feconde . 

De' colori . 



Gap. 


CLxm. 


Gap. 


CLXIV. 


Gap. 


CLXV. 


Gap. 


CLXVl. 



Cap. 



Gap. 



CXVII. 



CLXVUI. 



Gap. 


CLXIX. 


Gap. 


CLXX. 


Gap. 


CLXXI. 


Gap. 


CLXXII. 


Gap. 


CLXXIU. 


Gap. 


CLXXIV. 


Gap. 


CLXXV. 


Gap. 


CLXXVI. 


Gap. 


CLXXVII. 


Gap. 


CLXXVHI. 



Gap. 


CLXXIX. 


Gap. 


CLXXX. 


Gap. 


CLXXXI. 


Gap. 


cxxxn. 


Cap. 


CLXXXIII 


Cap. 


CLXXXIV. 


Gap. 


CLXXXV. 



Del color delle montagne. 

Come il pittore de've met- 
tere in pratica la profpet- 
ti'va de' colori . 

Della profpetti-va aerea . 

De' njarii accidenti e ma- 
njimenti del huomo , e 

proporzione de' membri . 

Delle mittationi delle mi- 
fure dell' huomo dal fuo 
nafcimento al fuo ultimo 
crefcimento ■ 

Come i puttini hanno le 
giunture contrarie a gì' 
huomtni nelle loro grof- 
fezze . 

Della dijftrenza della mifu- 
ra che è fra li putti (s' 
gì ' huomini . 

Delle giunture delle dita , 

Delle giunture delle (pal- 
le , e fuoi crefcimentt . 

Delle fprtlle . 

Delle mifurc tininjerfali de' 
corpi . 

Delle mi fare del corpo hu' 
mano , e piegamenti di 
membra . 

Della proportionalità de^h 
membra . 

Della giuntura delle ma-- 
ni col braccio . 

Delle giunture de' piedi , 
e loro ingroffamenti , e 
dtminuttone . 
. Delle membra che dimì- 
nuifcono quando fi p'^ga- 
ganOf e crefcono quando 
fi diflendono . 

Delle membra che ingrof- 
fano nella loro giuntura 
quando fi piegano . 

Delle membra degl' huomi» 
ni ignudi . 

Delli moti potenti delle 
membra dell ' huomo . 

Del mo'viv^ento dell' huo- 
mo . 
. Delle attitudini , movi- 
menti , e lor membri . 
Delle giunture delle membra. 

Della memhrficatione dell '. 
huomo . 

Gap. 



Cap. cxc. 

Cap. cxcr. 

Cap. cxcii. 

Cai*, cxciu. 



Cap. cxciv. 
Cap. cxcv. 
Cap. cxcvi. 



Cap. CLXxxvi. De' moti de' membri dell* 

huomo . 
Cap. clxxxvii. De' mori i/elle parti del 

•volto . 
Cap.clxxxvim. De' membri e defcritione 

d ' effigie . 
Cap. CLxxxix. Modo di tener a mente y 
e del fare un effigie hit- 
mana tn profilo , yó/o col 
guardo d ' una fol nìolta . 
Modo di tener a mente la 
forma d ' un -volto . 
Delle bellezze de' 'volti . 
Dell ' attitudine . 
De' mo'vimenti delle mem- 
bra quando fi figura l ' 
huowo che fiano atti pro- 
pri t . 

Delle memhrificationi degV 
t^nndi . 
Del moto e co>'fo dell' huo- 

mo & altri animali . 
Odiando è maggior diffie- 
renza d' altezza di (pal- 
le nell ' ationi dell ' huo' 
mo . 

Rifpofia cantra . 
cxcviii. Come il braccio raccolto 
muta tutto r huomo dal- 
la fua prima ponderatio- 
ne quando ejfo braccio 
s' ejlende . 

Dell ' huomo (b* altri ani- 
mali che nel muo'verfi 
con tardità non hanno il 
centro della gravità trop- 
po remoto dal centro del- 
li fnftent acoli . 
Dell' huomo che porta un 
pefo f(pra le fue fpalle . 
Della ponderatione dell ' 
huomo /opra li fuoi pie- 
di. 

Dell ' huomo che fi moue . 
Della bilicatione del pefo 
di qualunque animale im- 
mobile fopra le fue gam- 
be . 
De i piegamenti e 'volta- 
menti dell ' huomo . 
De' piegamenti . 
Della equiponderantia . 
Del moto humano . 



Cap 
Cap 



cxcvir. 



.AP. cxcix. 



Cap. 


ce. 


Cap. 


CCI. 


Cap. 


CCII. 


Cap. 


ceni. 



/AP. CCIV. 



Cap. ccv. 
Cap. ccvi. 
Cap. ccvii. 



Cap. covili. 

Cap. ccix. 
Cap. ccx. 

Cap. ccxr. 

Cap. ccxii. 

Cap. ccxui. 

Cap. ccxiv. 

Cap. ccxv. 

Cap. ccxvi. 

Cap. ccxvir. 
Cap. ccxviii, 

Cap. ccxix. 

Cap. ccxx. 
Cap. ccxxi. 

Cap. ccxxii. 

c/vp. ccxxiii. 



Cap. ccxxiv. 
Cap. ccxxv. 



Cap. ccxxvi. 

Cap. ccxxvii, 
Cap. ccxxviii 
Cap. ccxxix. 

Cap. ccxxx. 
Cap. ccxxxi. 



1^3 

Del moto creato dalla de- 
firutione del bilico . 

Del bilico delle figure . 

Della gratia delle mem- 
bra . 

Delle comodità delle mem- 
bra . 

D' fina figura fola fuor 
dell ' iftoria . 

Quali fono le principali 
importantie che apparten- 
gono alla figura . 

Del bilicar il pefo intorno 
al centro della gra'vità 
de' corpi . 

Delle figure che hanno a 
maneggiare e portar pe- 

Dell ' attitudini degl ' huo- 
mini . 

Varietà d ' attitudini . 

Dell' attitudini delle figa* 
re , 

Dell ' ationi de' circofianti 
a un cafo notando . 

Qualità degl ' ignudi . 

Come li mufcoli fon corti 
e grofft . 

Come li graffi non hanno 
groffì mufcoli . 

Quali fono li mtifcoli che 
fparifcono ne' mo'vimenti 
di-verfi dell' huomo . 

De' mufcoli . 

Che l ' ignudo figurato con 
grand ' e-videnza de' muf- 
coli fia fenza moto. 

Che le fi'^ure ignude non 
debbono ha'ver i loro muf- 
coli ricercati affatto . 

Dell' allanramento e rac- 
cortamento de' mufcoli . 

Dove fi tro'va corda negl* 
huomini fenza mufcoli . 

Degl ' otto pezzi che naf- 
couo nel mezzo delle cor- 
de in 'varie giunture 
dell ' huomo . 

Del mufcolo che è infra 
'l pomo granato , Ù" il 
pettignone . 

Dell'ultimo fn}olt amento che 

può far r huomo nel 'veder- 

fi a dietro . Cap. 



114 

Cap. ccxxxir. 
Gap. ccxxxiii. 

Cai', ccxxxiv. 
Gap. ccxxxv. 

Gap. 'ccxxxvi. 



Gap. 


CCXXXVII 


Gap. 


CCXXXVIII 


Gap. 


ccxxxix. 


Gap. 


CCXL. 


Gap. 


CCXLI. 


Gap. 


ccxLir. 


Gap. 


ccxmi. 


Gap. 


CCXLIV. 


Gap. 


CCXLV. 



Gap. 



CCXLVI. 



Gap. ccxlvii. 

Gap. ccxlvhi. 
Gap. ccxlix. 
Gap. ccl. 



Gap. ccli. 

Gap. ceni. 
Gap. ccnii. 



Gap. ccliv. 
Gap. cclv. 



Quanto Jt può a'wicifiar 
l ' un braccio con l ' al- 
tro di dietro . 

VìelV apparecchio della 
forza dell' hnon2o che 
•vuol generare gran per- 
cujfione . 

Della forza compofla dall' 
hnomo , e prima Jt dirà 
delle braccia . 

QjiaV è maggior potenza 
dell ' huomo , quella del 
tirare^ o quella dello 
fpingere . 

Delle membra che piega- 
no , e che officio fa la 
carne che la '^ocjle in 
effo piegamento . 

Del -voltar la gamba 
fenza la cofcia . 

■ Della piegatura della car- 
ne . 

Del moto femplice dell' 
huomo . 

Moto compojìo . 

Delli moti appropriati agi* 
effetti degl ' hunmini . 

De' moti delle figure . 

Degl ' atti dimojlrati-vi . 

Della 'varietà de' 'vifi . 

De' moti appropriati alla 
mente del mobile . 

Come gì' atti mentali 
muonjano la perfona in 
primo grado di facilità 
e comodità . 

Del moto nato dalla men- 
te mediante l ' obbietto . 

De' moti comuni . 

Del moto det^i' animali . 

eh' ogni membro fi a prò- 
fortionato a tutto il 
fuo corpo . 

Dell' offr^vanza del de- 
coro . 

Dell ' età delle figure . 

Quanta d' huomini ne' 
componimenti dell ' hi- 

fiorie . 

Del figurare uno che par- 
li con piti persone . 

Come de've farfi una fi- 
gura irata . 



Gap. ccLvr. 

Gap. cclvii. 

Gap. cclviii. 
Gap. cclix. 

Gap. cclx. 

Gap. cclxi. 

Gap. ccLxir. 



Gap. ccLXiir. 
Gap. cclxiv. 



Gap. cclxv. 
Gap. cclxvi. 



Gap. cclxvii. 
Gap. cclxviii. 

Gap. cclxix. 

Gap. cclxx. 

Gap. cclxxi. 

Gap. cclxxii. 

Gap. cclxxui. 

Gap. cclxxiv. 
Gap. cclxxv. 
Gap. cclxxvi. 



Come fi figura un difpe- 
rato . 

Del ridere e del piangere , 
e dfferenza loro . 

Del pofire de' putti . 

Del pofare delle f emine ^ 
e de' gionjani . 

Di quelli che faltano . 

Dell ' huomo che -vuol ti- 
rar una cofa fuor di 
fé con grand' impeto . 

Terche quello che 'vuol 
tirar , o ficcar tirando 
il ferro in terra , alza 
la gamba oppofita in- 
cur'vata . 

Tonderatione de' corpi che 
non fi muonjono . 

Dell' huomo che pofa fo- 
pra li due piedt , e che 
dà di Ce pui pefo all' 
uno che ali ' altro . 

Del pofar delle figure . 

Delle ponderationt dell' 
huomo nel fermarfi fo- 
pra de' fuoi piedi . 

Del moto locale più o 
meno 'veloce . 

Degl' animali di quattro 
piedi ^ e come fi muo- 
mono . 

Della corri fpondenza che 
ha la metà dell' huomo 
con l ' altra metà . 

Come nel faìtar dell' huo- 
mo i'n alto 'vi fi trotta' 
no tre moti . 

Che è impoffibile che una 
memoria ferbi tutti gì' 
afpetti e mutationi del- 
le membra . 

Della pratica cercata cou 
gran follecitudine dal 
pittore . 

Del giudicare il pittore 
le fue opere e quelle d' 
altrui . 

Del giudicare il pittore 
la fua pittura . 

Come lo [pecchia è mae- 

jlro de' pittori . 

Qu^al pi tt tir a è fiit lau- 
dabile . 



.hV. 



CaT. CCLXXVIf. 

Cat. ccLxxviir. 

Cat. ccLxxrx. 
Cap. cclxxx. 

Cat. cclxxxi. 
Cat. cclxxxh. 

Cap. cclxxxiii. 

Cap. cclxxxiv. 
Cap. cclxxxv. 

Cap. cclxxxvi. 

Cap. ccLxxxvn. 

Cap.cclxxxviii. 

Cap. cclxxxix. 
Cap. ccxc. 

Cap. ccxcr. 

Cap. ccxcii. 

Cap. ccxciii. 

Cap. ccxciv. 

Cap. ccxcv. 
Cap. ccxcvi. 

Cap. ccxcvii. 



CUf^nle è il primo obbiet- 
ta cb* intenttone del pit- 
tore . 

Quale è piti importante 
nella pittura^ l' om- 
bra , fuoi lineamenti . 

Come Jt den^e dare lume 
alle figure . 

Do've denje Jlar quello 
che rifguarda la pittu- 
ra . 

Come fi dete porre alto 
il punto . 

Che le figure picciole non 
debbono por ragione ef- 
fer finite . 

Che campo de-ve nfare il 

pittore alle fne figure . 

Vrecetto di pittura . 

Del fingere un fito fel- 

'Vacrgio . 

Come deije far parere 
naturale un animai fin- 
to . 

De' njifi che fi debbono fa- 
re , che habbino rilievo 
con grati a . 

Del dividere e fpiccare 
le figure da' loro cam- 
pi. 

Della differenza de' lumi 
J)ofii in dinjerfi fiti . 

Del fuga^ir l ' impropor- 
tionalità delle circojlan- 
ze . 

De' termini de' corpi det- 
ti lineamenti , OD-vero 
contorni . 

Degl ' accidenti fuperficia- 
li che prima fi perdono 
nel dijcojtiirfi de' corpi 
otnbrofi . 

Degl' accidenti f'perfi- 
ciali che prima fi per- 
dono per le difìanze . 

Della natura de' termini 
de' corpi fopra gì ' altri 
corpi . 

Della /ìirura che -va con- 
tra 7 'vento . 

Della fine/Ira donje fi ri- 
trae la figura . 

Terche mifurando un 'vifoy 



Cap. ccxcviu, 



Cap. ccxcix. 
Cap. ecc. 



Cap. cgci. 

Cap. cccii. 
Cap. cecili. 
Cap. ccciv. 



Cap. cccv. 
Cap, cccvi. 

Cap. cccvii. 



Cap. cccvi/r. 
Cap. cccix. 



Cap. cccx. 
Cap. cccxi. 

Cap. cccxii. 
Cap. cccxiii. 



P 2 



*i5 

e poi dipingendolo in 
tal grandezza , egli fi 
dtmoflrerà maggior del 
naturale . 

Se la fuperficie d' ogni 
corpo opaco partecipa 
del color del fno abbiet- 
to . 

Del moto degl' animali . 

A fare una figura che 
fi dimofiri ejfer alta 
braccia 40. in (patio 
di braccia io. e abbia 
membra corri fpon denti , 
e fila dritta m piedi . 

A fare tina figura nel 
muro di 12. braccia 
che appari fca d ' altez^za 
di 24. 

A'Wertimento circa l * 
ombre e lumi . 

Tittura , e lume uni'ver- 
fate . 

De ' campi proportionati 
a corpi che in ejfi cam- 
peggiano , e prima del- 
le fuperficie piane d' u- 
7iifor>ne colore . 

Ti t tur a di figura e cor- 
po . 

Nella pittura mancherà 
prima di notitia la par- 
te di quel corpo che fa- 
rà di minor quantità . 

Terche una medefima cam- 
pagna fi dimoftra alcu- 
na 'volta maginore mi- 
nore che non è . 

Offer'vationi di'verfe . 

Delle città Ò" altre cofe 
'vedute all' aria graf- 
fa- 

De' rag{[i folari che pe- 
netrano li fpiracoli de' 
nwvali . 

Delle cofe che l ' occhio 
'vede fotta fé mifie in- 
fra nebbia cb* aria graf- 

^. . . 
Deal' edifit) 'veduti nell* 

aria grnffa . 
Della e afa che fi mojlra 
da lontano. 

Cap. 



11^ 



Cap. 
Cap. 
Cap. 
Cap. 

Cap. 



Cap. cccxix. 

Cap. cccxx. 
Cap. cccxxi. 



Cap. 
Cap. 

Cap. 

Cap. 
Cap. 



cccxir. Della 'Veduta d'una cit' 

ta ili aria graffa . 
cccxv. De' termini inferiori del" 

le cofe remote . 
cccxvi. Delle cofe "vedute da lon- 

tana . 
cccxvii. Dell ' azzurro che Jì mo- 
fira effere ne' jaeji lon- 
tani . 
cccxviii. Quali fon quelle farti 
de' corpi delle quali per 
difìanza manca la no- 
titi a . 
Perche le cofe quanto piit 
Jì rimuovono dull ' oc- 
chio manco Jì conofco- 
no . 
Perche i "volti di lontano 

paiono ofcuri . 
Qu^ali fon le parti che 
prima Jì perdono di nO' 
titia ne' corpi che Jì ri' 
muo'vono dall ' occhio , 
e quali piit Jì confer- 
njano . 
cccxxn. Della profpettin^a linea- 
le . 
cccxxiii. De' corpi "veduti nella 

nebbia . 
cccxxiv. D- II' altezza degl' edi- 
Jit] "veduti nella neb- 
bia . 
cccxxv. Delle città & altri edi- 
Jitj ^veduti la fera o la 
mattina nella nebbia . • 
cccxx VI. Perche le cofe piit alte 
pojle nella dijlanza fo- 
no piti ofcure che le baf- 
fé , ancorché la nebbia 
Jìa uniforme in gruffez- 
za . 
cccxxvii. Delle macchie dell ' om- 
bre che apparifcono ne' 
corpi da lontano . 
cccxxvrii. Perche fu ' l far della 
fera l ' ombre de' corpi 
generate in bianco pa- 
rete fono azzurre . 
Do've è piti chiaro il fu- 
mo . 
cccxxx. Della pohere . 
cccxxxr. Del fumo . 
cccxxxu. Varj precetti di pittura . 



Cap. cccxxxin. 



Cap. 
Cap. 

Cap. cccxxix. 

Cap. 

Cap. 
Cap. 



Perche la cofa dipìnta ^ 
ancorché ella ^venchi 
all' occhio per quella me- 
dejìma graffe zza d' an- 
golo che quella eh' è piti 



remota ai le i ^ non va- 



di le i 
re tanto remota 
to quella de Ila 



Cap. cccxxxrv. 
Cap. cccxxxv. 



Cap. cccxxxvi, 

Cap. cccxxxvii, 

Cap.cccxxxviii, 
Cap. cccxxxix 

Cap. cccxl. 

Cap. cccxli. 



Cap. cccxLir. 



Cap. cccxLiir. 
Cap. cccxliv. 

Cap. cccxlv. 



Cap. cccxLvr. 

Cap. CCCxlvii, 

Cap. cccxi.vir 



Cap. cccxiix 

Cap. cccl. 

Gap. cccii. 

Cap. ccclii. 

Cap. ccCLin. 

Cap. cccljv. 



quan- 
remo- 
tione naturale . 

De' campi . 

Del giudicio che s' ha da 

fare fapra l ' opera d ' 
un pittore . 

Del rilie'vo delle figure 
remote dall ' occhio . 

De' termini de' membri 
alluminati . 

De' termini . 

, Della incarnatione , e co- 
fe remote dall ' occhio . 

Varj precetti di pittu- 
ra . 

Perche le cofe ritratte 
perfettamente dal natu- 
rale non paiono del me- 
dejìmo rilieuo qual pa- 
re effo nattirale . 

Di far che le cofe paio- 
no fpiccate da' lor cam- 
pi , cioè dalla parete 
do've fono dipinte. 

Precetto . 

Del figurar le parti del 
mondo . 

Del Jìgtirar le quattro 
parti de' tempi dell ' an- 
no , partecipanti di 
quelli . 

Del "vento dipinto . 

Del principio d' una piog- 



gia 



I. Dell ' ombre fatte da' 
ponti fnpra le loro ac- 
que . 
, Precetti di pittura. 
Precetti . 
Della flatua . 
Del far una pittura d* 

eterna "vernice . 
Modo di colorir in te- 
la . 

Precetto della pmfpetti- 
^va tn pittura . 

Cap. 



Cap. cCClv. De^r obbietti . 

Cap. CCClvi. De//a diminutiotie (le co* 

lori e corpi . 
Cap. ccCLvn. Dell' interpojìtiorte de' 

corpi trafparenti ivfra 

l ' occhio e l ' obbietta . 
Cap. CCClviii. De' panni che 'vejlono le 

figure , e lor pieghe . 
Cap. ccclix. Della natura delle pieghe 

de panni . 
Cap. CCClx. Cor^e Jì de^vono far le 

pieghe de panni . 



117 

Cap. ccclxi. Co»2e Jì devono fare le 
pieghe a' panni . 

Cap. CCC1.XI1. De/le pieghe de' panni in 
fcorcio . 

Cap. ccCLxni. Dell ' occhio che 'vede le 
pieghe de' panni che cir- 
condano l ' huomo . 

Cap. ccclxiv. Delle pieghe de' pan- 
ni . 

Cap. cccixv. Dell' orizzonte fpccchia- 
to fieli ' onde , 



FINE 



b-A» a4i=^ f.^ 




LEON 



LEON BATTISTA ALBERTI 

DELLA 

PITTURA 

E 

DELLA STATUA. 



121 

AL MOLTO ILLUSTRE SIGNORE MIO OSSERVANTISSIMO 

IL SIGNORE 

CARLO ERRARD 

PITTORE DEL RE CRISTIANISSIMO. 



MOLTO ILLUSTRE SIGNORE. 



L 



E dedicattoni Jone Jìmprc bene impiegate^ 
e convengono principalmente a quelli che prqfef^ 
Jano le mede/ime arti e Jcienz^ che ne'' libri j' tn- 
Jegnano y perchè Je Jìimano la propria virtù e ri- 
putatione ^ Jvr^a è e' abbino anche in pregio il 
pr e/ente che Ji fa a loro : Ù ejjìndo di fir^ ba- 
Jìanti per rejijìere alle calunnie de gV invidio) i , €t 
alle cavi llat ioni degl'ignoranti^ con i Joli carat- 
teri del loro nome prejervano le opere dedicate dct 
ogni jyì inante e venenata lingua . Spinto da que» 

Q Ji^ 



t22 

Jìe corifideratìonì ^ ma molto più dal dejìderio che 
hojìmpre havuto di pale/are con qualche atto puh- 
blico il grand^ affitto della mia Jìrvitù verjo di 
V, S, le off eri/co quejìi due trattati da me rive- 
duti y e quajì rijiijcitati ^ col aggiungervi la vita 
del loro autore Leon Batifta Alberti , da lei te- 
nuto degno J' accompagnare Lionardo da Vinci Jiio 
paefano Jìno al trono reale della virtuqjifflma Re- 
gina diSvetia, Deve affai V uno eV altro Jcritto- 
re alle cure e Jatiche di V, S, che per jfargli cotn- 
parire più pompqjt innan^ a sì gran Principeffa ^ 
ha voluto con quel numero di rari ornamenti che 

Ji vedono ricamargli da capo a piedi , Ajpettiamo 
da lei in altre occafìoni coffe più ff)de e di mag' 
gior momento^ perche e per la profonda St uni- 
ver/ale e ogni t io ne di tutte le parti del difègno ^ e 
per V abbondanza e ricche^^ delle inventioni ^ e 
per quella ffia muta eloquenza con la quale ella 
e/prime si perfettamente i moti interni dell'* ani- 
mo , Jappiamo eh' alla ffia mano non vi è ceffi 
impojffìbile . Intanto le bacio mille volte le mani. 



Di V. S. molto ilhifìre . 



AffetìonattJfty»9 fefvitore 
Rafaelle Trtchet Du Frefne. 



133 




VITA 

DI LEON BATTISTA ALBERTI 

DESCRITTA 

DA RAFAELLE DU FRESNE. 




IJanto fulTe antica, nobile è potente la famiglia de gli Al- 
berti in Fiorenza, ne fanno fede le hiftorie: e Scipione Am- 
mirato , che per certi rifpetti volfe rilevar il nome de* Con- 
cini, non trovò più bella e fpedita inventione, che di 
metterli in compagnia con gli Alberti , affegnando una ifteiTa ori- 
gine all'una, &: a l'altra famiglia. A noi baltcrà dire che nel 1304. 
erano già di grande autorità in Fiorenza, e che favorivano la fat- 
tionc de* Bianchi , e 1' anno 1384. nelle fefte che fi fecero in Fio- 
renza per r acquifto d Arezzo, gli apparati, e le pompe de gli 
Alberti furono di tal magnificenza, che parvero più convenienti a 
qualunque gran prencipe eh' a perfòne private. Ne' falli della republi- 
ca fi trova che gli Alberti hanno havuto nove volte il gontalonera- 
to , eh* era il fupremo grado in honore & in potenza al quale po- 
teffero afpirare i Fiorentini. Ma nelle frequenti borafche, e moti del- 
le cofe publiche non ebbero fempre la fortuna favorevole . L' anno 
1387. Cipriano e Benedetto de gli Alberti furono fcacciati dalla 
patria, e poi Tanno 141 1. banditi infino a* fanciulli di quella caia. 
Ma nel 1428. fu levato il bando, e dato ordine eh' ogn* uno potef^ 
fé venire , e {fare liberamente a Fiorenza . 11 fopra nominato Ci- 
priano fu padre di Alberto, di Lorenzo, e di Giovanni. Alberto 

Q 2 Al- 



124 VITA 

Alberti fu prima canonico, e poi l'anno 1437. vcfcovo di Cameri- 
no: &L Eugenio papa, che con tanta pompa e dimoftratione d'af- 
fetto fu da' Fiorentini nella loro città accolto , havendo nel tempo 
eh' egli vi celebrò il concilio , fatto prova delle virtù di quel pre- 
lato , per fegno di gratitudine verfo la Tua natione , e per premio 
dovuto a' fuoi meriti , 1' honorò del cardinalato . Lorenzo fratello 
d'Alberto lafciò più figlioli, Bernardo, Carlo, & Leon Battirta, le cui 
rare qua'ità porgeranno ampia materia di lodi a quello breve dil- 
corfo. Con quanta cura, e con che difciplina quelli fratelli fuflero 
nella gioventù dal padre allevati , fi legge nel trattato che 1' ilfelTo 
Leon Battilfa fcriffe delle commodità , ik. incommodità delle lettere: 
dove egli racconta che tutte le bore del dì erano in tal maniera a 
varii loro ftudii diftribuite, che mai rellavano otiofi ElTendo giunti 
ad età più matura, oltre lo ftudio delle lettere, Carlo abbracciò la 
cura de' negotii domeftici, ma Leon Battiff a non tenendo conto di al- 
tro che di libri, tutto fi diede alla coltura dell'ingegno, e fece tan- 
to profitto nelle fcienze , che fi lafciò addietro quanti con fama va- 
lent' huomlni vivevano al Tuo tempo . 

11 primo fiiggio eh' egli diede della vivacità , OC acutezza del 
filo genio fu neir ingannare con una dotta , & ingegnofa burla , 
e con più fucceflo che non fece poi il Sigonio , il giudicio de* 
letterati del Tuo tempo: perche trovandofi in età di venti anni 
allo ftudio di Bologna, compofe di nafcolfo una favola chiamata 
Thilodoxm , fotto nome di Lepido comico , la quale poi , quafi ca- 
pitatagli di nuovo, e cavata da vecchio manofcritto, ci publicò per 
antica. E veramente Alberti imitò in quella con tanta fe'icità la prif^ 
ca dicitura de' comici Latini, eh' effendo pervenuta nelle mani di 
Aldo Manucci, il quale fu da tutti tenuto per paragone della vera 
e più pura Latinità, egli la fece llampare in Lucca l'anno 1588. 
dedicandola ad Afcanio Perfio, personaggio ancora egli di profonda 
cruditione , come fé folte Itata opera di fcrittore antico . Lepidam Le- 
pidt , a>2ticjui comici , quifquis die Jìt ^fabidam ad te mitto , eruditi fjìme Terfiy 
qu(£ Clini ad manus meas pernjoierit ^ perire mlui: tS' antiquitatii rattoyiem 
habendam ejje duxt . Multa funt in ca obfer^atione digna , qu£ tibi , totius 
evetujìatis follerttfjìoìo lìidagatori , noìi dtfplicebunt , mihi certe cum placuernit , 
l5'c. Ma che \ Alberti habbia comporto quella favola nel vigefimo 
anno della fua età, egli fleffo l'ha voluto fìgnificare nel prologo: 
Non qutdem cupio , non peto in laudem trabt , quod hac <vi^e/ìfna anmrum 
weorum ditate , hanc ineptius fcripferim fabulam . Verum exfpe^o inde haberi 
apud <vos hoc perfuajìonis , non njacuum me fcdicet , non exundique tncurc 
meos obi--viJfe annos . Havendo dunque Alberti in quella età fperimen- 
tato le fue forze, non vi fu fcienza eh* egli con lo fludio non Ci 
acquiftaUe, non lafciando palTare alcun giorno fenza leggere o com- 
porre 



DI LEON BATTISTA ALBERTI. 125 

porre qualche cofa, come egli ftelTo afferma: & hebbe l'Ingegno così 
facile , che parve ugualmente nato ad ogni forte di difcipline : ne (ì 
fa fé fuiìe meglio oratore o poeta, fé più eccellente fcrittorc Latino 
o Tofcano , fc più valeffe nelle fcienze pratiche o fpeculativc , e 
ie con più gravità ragionaffe delle cofe rilevate, o con più leggia- 
dria & urbanità delle ordinane , e baffc . 

Si legge eh' una volta Lorenzo de' Medici , vero Mecenate del 
fuo fecolo, per paflar con manco faftidio i più gran caldi dell' efta- 
te , fece nella felva di Camaldoli una ragunata di pcrfonaggi illu- 
fori in ogni forte di letteratura , fra quali Marlìlio Ficino , Donato 
Acciaioli , Leon Battilk Alberti , Alamanno Rinuccino , e Criftoforo 
Landino erano i principali . Qual fuHe la converfatione di sì dotte 
pcrfone ogn' uno fé lo può immaginare. Ma più di niiTun' altro fi fece 
ammirare l'Alberti, il quale con difcorfi rilevati, e pieni di fublime 
dottrina fece vedere a pieno che nell'Eneide fotto la fcorza di va- 
rie , e vaghe fintioni , fi nafcondevano i più alti fegreti della filo- 
fofia, e che Virgilio era un vero, e reale filofofo , ma veftito fan- 
tafticamente e da poeta . Così fodi ragionamenti fecero tal impreffio- 
ne nell'animo de gli afcoltanti , che Criftoforo Landino (ch'in quel- 
la occafione volfe eflere il fegretario dell' afìemblea) g'i regiftrò tutti 
in un libro , e ne formò poi quell' opera che fi vede ftampata m 
lingua Latina fotto nome di Queftioni Camaldolenfi: nelle quali ver- 
fo il fine così fcrive il Landino: H^c ftwt qu^ de plunmis longeque ex- 
celloìtiortbus , qu£ Leo 'Baptijla Alhertwc memortter , diluctde , ac copto/e , ÌM 
tantoriim njirorum C6}2feffu difputaniit , mem'tnijfe <voluf . 

Lafciò l'Alberti molte belle compofitioni in Latino & in Tofca- 
no, delle quali fi vedrà qui di fotto un copiofo indice. Fra le ope- 
re Latine è digna d' eterna lode , e (\ può paragonare con tutta 
r antichità , quella eh' è intitolata il Momo , la quale per la fua ec- 
cellenza , nel medefimo anno 1520. fu ftampata due volte in Roma. 
E veramente in quella con ftraordinaria vaghezza, e non penlato ar- 
tifitio , fcherzando, ridendo, burlando, d fpiegano in quattro libri 
quelle cofe , che gli altri con maniere gravi , e fevere fcriOero della 
filofofia morale, elfendofi però egli principalmente propofto di toc- 
care quelle che a formare un perfetto, & ottimo principe s* afpetta- 
no , e cognofcere i coftumi di quelli che gli vanno attorno. Bella 
è ancora 1' operetta chiamata Trivia , ovvero delle caufe attenenti a* 
fenatori , e quella eh' egli intitolò De iure, cioè dell' amminiftrar la 
giultitia, delle qua'i non so per qual cagione Cohmo Bartoli , che 
traslatò in lingua Italiana , e fece ftampare in un volume molti opu- 
{coli di Leon Battila Alberti, n' abbia fatto il quinto e ferto libro 
del Momo, ovvero del Principe. Scrillc un libretto di favole, nelle 
quali fi dice che nella bizzarria de' concetti habbia fuperato Efopo. 

Com- 



126 VITA 

Compofe ancora un trattato della vita e coftumi del fùo cane, & 
un altro fopra la mofca, potendo con artifitiofa maniera fcherzar del- 
le cofe rilevate , e gravi , e filofofar delle bade , & abbiette . Nella 
lingua Italiana ha lafciato tre libri dell'Economia, & alcune cofe 
amorofc in profà & in verfì , e fu il primo ( come fcrive Giorgio 
Vafàri nella Tua vita) che tentalTe di ridurre i verfi volgari alla mi- 
fura de' Latini , come fi vede in quella Tua epiftola . 

^lite^a -pur ejlremct mijerabde ptflola mando 

A te che fpregi miferamerne fjot , ^c 
Ma nel ragionar del fingolare genio dell' Alberti in ogni genere 
di polite lettere , e del luogo eh' egli tiene fra gli huomini letterati , 
mi Tento tirato da gente d'altra profefTione , cioè da pittori, & ar- 
chitetti, che come Tuo lo pretendono, e moftrandomi quanto egli ha 
operato in pittura & architettura, mi chiamano indietro, e quafi che 
io habbia a fcrivere le virtù d' un altro Alberti , mi sforzano di far 
paffaggio daHe fcienze fpeculative alle arti pratiche, e mecanichc. 
E veramente fu tanta la capacità e vaftità dell* ingegno del nortro 
Alberti , che potè non /blamente con generali notitie tutte le difci- 
pline abbracciare, ma difcendere ancora al particolare di ciascuna, 
òi. applicandofi a qualfivoglia cola, far credere a gli huomini, che 
mai ad altro non haveffe il Tuo nobilifTimo intelletto impiegato, pa- 
reggiando anzi avanzando quelli eh' in tale profelTione fi Itimavano 
i migliori. Erano nel Tuo tempo affatto fpcnti gli itudii dell'archi- 
tettura , o fé pur qualche cognitioni Te ne havevano , furono tanto 
corrotte, e lontane dalla politezza e nobiltà dell' antico fecolo Ro- 
mano , che neir operare producevano effetti rozzi . Leon Battiila Al- 
berti fu il primo che tentalTe di ridurre quell'arte alla Tua prima pu- 
rità , e fcacciando la barbarie de' fecoli Gótichi introduceffe in quel- 
la l'ordine, e la proportione , fi che da tutti fu univerfalmente chia* 
mato il Vitruvio Fiorentino. La fama del Tuo nome induffe Nicolò V. 
Pontefice a valerfi di lui nell' ordinare molte fabriche in Roma , &C 
a confidarfi tanto più ne' fuoi configli , quanto che da Biondo For- 
livefe perfonaggio di alto merito, e fuj familiare fu particolarmente 
informato delle fue rare qualità . 

Fece per Sigifinondo Pandolfo Malatefta fignore di Rimino il 
difegno della Chiefii di S. Francclco , la quale fi principiò 1' anno 
1447 , e riufcì una delle più fuperbe, e fontu jfe d'Italia. Fu con- 
dotta al termine ch'oggi fi vede, l'anno 1550 E perche il Vaiari, 
in occafioni di minor momento affai proliffo, nella defcrittione di 
quefto tempio s è moitrato molto fcarlo di parole , benché per il 
foggiorno ch'egli fece in Rimino, dove dipinfe il S. Francefco che fi 
vede neir aitar maggiore di detta fabrica , habbia potuto offervarne 
minutamente tutte le parti, noi per fupplire in parte alla lua negli- 
genza , 



DI LEON BATTISTA ALBERTI. 127 

genza , e per onorare tanto più la memoria dell* architetto , fcrivc- 
remo quello che nel ceniiderarla più volte ci è parlo degno di elTe- 
re olTervato . E cominciando dalla facciata , diremo che li vede un 
belliirimo baflamento, tutto di marmo d' Iftria , il qual corre d'in- 
torno a tutta la fabrica , &C ha per corniciamento un bel ornamento 
di fogliami &c arme Pandolfefchi , intralciate infieme cori vaga in- 
ventione. Sopra di effo falgono quattro colonne cannellate d' ordine 
compolìto , e di mezzo rilievo. I tre interftitii fono occupati da tre 
nicchie, delle quali quella di mezzo fa la porta maggiore, the va 
dentro alquanto con un bellilfim ) fogliamo: fegue poi l'architrave, 
il freggio, ck il cornicione, fopra del quale, di rimpetto alla portavi 
andavano con 1' iflelTo ordine due pilallri con una nicchia in mezzo, 
la quale fé fulTe ftata fatta, havrebbe fervito per dar lume alla na- 
vata di mezzo, & per collocarvi la fìatua del Signore. Nel fianco 
del tempio di fuori , con fuperba e nobile inventione fi vedono fet- 
te archi grandi, e fotto di elfi altretanti fepolcri , fatti a polla per 
fervire di depofiti d' uomini illuftri Riminefi . La parte intcriore del- 
la fabrica non cede punto all' efteriore ne in grandezza di difegno, 
ne in delicatezza d' ornamenti , i quali , benché habbino un non fo 
che di Gotico, fé fi confiderà la rozzezza di quel fecolo , non fono 
tuttavia fenza l^de . I marmi di diverfe forti , cofi dentro come di 
fuori , fono flati con profufione adoprati , e fi legge nella vita di Si- 
gifmondo , eh' egli palTando con le fue genti vicino a Ravenna , ne 
Ipogliò con quella occafione le chiefe antichiffime di S. Severo , e di 
Cldlli, levandone le incrortature , e conduccndo a Rimino tutto quel- 
lo che più gli pareva a propofito per compire la fua opera , a tal 
punto che da Pio fecondo fu meritamente biafimato , e chiamato fa- 
crilego. In una delle capelle , che fono fei , fi vedono le fepolturc 
affai belle e ricche di Sigifmondo , e di Ifotta fua moglie , e fopra 
una ( come fcrive il Vafari ) e il ritratto di cfTo fignore , &C in altra 
parte dell' ifiefla opera quello di Leon Battifta. 

L'anno 155 1. Lodovico Gonzaga marchefe di Mantova, il qua- 
le era divotamente affettionato all'Annunciata di Fiorenza, per un 
voto fattole dalla fua conforte , per cagione d' un parto felice , fece 
fabricare , col difegno di Leon Battila, il coro, o vero tribuna, che 
di prefente fi vede in quella chiefa , con 1' armi intorno della fami- 
glia Gonzaga: la quale fi. come fa fede della magnificenza di quel 
fi'gnore, cofi moflra il valore dell'architetto, che con maniera ca- 
pricciofa, e molto diffìcile ordinò quell'edificio a guifa d'un tempio 
tondo con nove capelle d' intorno . E perche vi fono certe cofe che 
non rifpondono all' occhio con tutta quella gratia che fi richiede, 
parendo per il giro della fabrica che gli archi delle capelle, quan- 
do fi guardano per profilo, cafchino in dietro, rimandiamo il lettore a, 
quanto ne fcrive il Vafari. L' illef- 



128 VITA 

L' iftenb marchefe volendo nella propria città riedificare dalle 
fondamenta la chiefa di S. Andrea, venerabile per il fanguc di Cri- 
rto , che vi fi conferva, 1' anno 1472. chiamò a fé 1' A berti, e fi- 
gnificatogU il penfìero eh' egli haveva d' illuRrarc Mantova con un 
nobililTmo, e ruperbiffimo tempio, gli fece fare il modello del no- 
vo tempio ch'oggi (ì vede: il quale è tutto di terra cotta in forma 
di Croce, con una volta fola che forma la parte inferiore di quella, 
fovrapofla al corpo maggiore della chiefa, lungo braccia 104., e 
largo braccia 40. fenza catena alcuna di ferro, o legno che lo foften- 
ti, & è tutto d'opera comporta, con tre capelle grandi per ogni par- 
te, & altrettante picciole . Nelle braccia della croce vi fono due ca- 
pelle per ciafcuno oppofte 1' una all' altra . Il mezzo poi del quadra- 
to, dove fi deve fabricar la cupola, è largo braccia [Melfo a quaran- 
ta. Oltre il quadrato della cupola vi è il coro di forma ovale, lun- 
go braccia 52., e largo quanto è il corpo della chiefa, il quale con 
il predetto quadro fu l'anno del Salvatore 1600. fornito fino àlli ul- 
timi corniciamenti, conforme al modello antico dell'Alberti. La fac- 
ciata è compartita in tre porte , la maggior delle quali eh' è nel mez- 
zo, è ornata di marmi bianchi, con fogliami bellilhmi diligentemente 
intagliati , e le portelle da i Iati fono di marmi bigi , lavorati anch' 
cffi . Chi volefTe vedere ogni cofa più particolarmente defcritta legga 
Donefmondi nel libro fefl:o dell' iftoria ecclefìaftica di Mantova , dal 
quale habbiamo cavato quanto fi è accennato di fopra . Mario Equi- 
cola nella ifforia Mantovana e' infegna eh' il medefimo Alberti nell* 
iftefla città diede principio alla chiefa di S. Sebaltiano. Hebbe per aiu- 
tante, e fedele efecutore de' fuoi difegni a Mantova un Luca Fioren-- 
tino, il quale haveva già lavorato per lui a Fiorenza nella fabrica del 
coro dell' Annunciata . 

Ma fé Roma, Rimino, e Mantova debbono molto all' induftria 
di Leon Battiffa, non meno fi fente obligata la fua patria alla fua virtù, 
havendo egli affai contribuito a'ia fua bellezza. Fu ordinata in Fioren- 
za col fuo difegno la facciata della chiefa di S. Maria novella, e con 
vago mcfcolamento di marmi neri , e bianchi artificionimente orna- 
ta, e corrifpondentc alla grandezza di tutto il corpo dell' edificio. 
A Colimo Rucellai diede il difegno del palazzo eh' egli fece tare 
nella ftrada che fi chiama La vigna , e nella chiefa di S. Brancacio 
fi vede una capella di fua inventionc. Fece egli molte altre cofe , 
che per brevità Ci tra'afciano. Lafciò pochiffime opere di pittura . 
Paolo Giovio , che compofe fuo elogio , e gli diede loco fra gli il- 
lulìri letterati , loda il ritratto eh' egli fece di fé medefimo : il qua- 
le nel tempo che Vafari fcrilTe, fi ritrovava in cafa di Palla Rucellai, 
con altre Pitture del medefimo A' berti . 

Si vede dunque da quanto habbiama fcritto di fopra , che per 

lo 



DI LEONBATISTA ALBERTI. 129 

10 rtudio de le lettere, e per la cognitione del difegno, Leonba* 
tilla Alberti iì può con ottima ragione regiftrar fra gli huomini fa- 
mofì dell' una, e dell' altra profelìione. Anzi per maritarle più eret- 
tamente infìeme , volfe eh' i difcorlì dell* una fervillero ad illuftrar 
le operationi dell' altra, facendo parlar quelle arti che per lo paflato 
erano rellate quafì mutole, lafciandone 1 precetti con belliffimo lille 
fcritti in lingua Latina. La fcultura fiì la prima della quale egli in- 
traprendeffe di trattare, fcrivendone in lingua Latina un libretto in- 
titolato della Statua . ScrifTe pofcia nella medelìma lingua tre libri 
de la Pittura, da tutti gl'intendenti ft-mmamente lodati, f\ per la di- 
citura nobile, e fchietta , come anche per l'importanza de' precetti. 
Nel primo fi fpiegano i pnncipii dell' arte , tratti da la geometria . 

11 fecondo contiene le vere regole, da le quali non deve mai dipar- 
tirli il pittore, tanto nella compcfìtione , quanto nel difegno, e co- 
lorito, che fono le tre cofe alle quali fi riducono tutte le conlide- 
rationi , che far fi poflono nella Pittura . Nel terzo libro fi ragiona 
deir officio del pittore, e del fine ch'egli deve proponerfi nel di- 
pingere . 

L' ultima opera di Leonbatilla Alberti , e la più degna di tut- 
te , eflendo Hata con più Ikidio, e diligentia lavorata, è il libro 
ch'egli fcrilTe dell'architettura, nel quale con efquifìto ordine, e fa- 
cilità grande, li fcuoprono tutti 1 fècreti di quell'arte, che prima 
negli ofcuri fcritti di Vitruvio erano rinchiufì : ne Ci publicò fé non 
dopo la iua morte da Bernardo fuo fratello , che la dedicò a Loren- 
zo de' Medici, come haveva desinato di fare 1' ifìeflo autore. Fu 
voltata in lingua Italiana, & illullrata di difegni da Colìmo Bartoli 
gentilhuomo Fiorentino, che la prefentò a Cofimo de' Medici fanno 
1550. Il medelimo Bartoli tradulTe ancora i libri de la Pittura, e 
Scoltura', e gli fece ftampare fanno 151^8. con gli altri opufcoli 
delf Alberti . Si trovava già un' altra verfione del trattato de la Pit- 
tura , fatta dal Domenichi, e flampata fanno 1547. 

Dopo aver per 1' accompagnamento di quello volume con lin- 
gua a noi foreftiera ragionato de le virtù di leonbatifta, &c am- 
mirato i frutti del fuo fertililfuno ingegno, altro non ci rcfla a 
dire , fé non che defideriamo per il merito di fi grand' hu( mo , 
& ancora più per f utile publico, e per la gloria de le lettere, 
che li raccolghino un di tutte le fue opere inhcme : e per qucflo 
ne porremo qui di fotte la lifta. Morì Alberti in Fiorenza fua pa- 
tria , e fu fcpQlto nella chiefa di fanta Croce . 



R IN- 



ijo VITA 

INDICE 



L 



PELLE OPERE DI LEON BATTISTA ALBERTI. 
T E R E RIAMIATE. 



Eon'ts 'Bctpt'iJÌ£ Alberti Tlorentìm Momus . %om£ ex adthu! Jacob't Afax^o- 
chii 1520. 4. , & in folio l'irteffo anno con quefto titolo: Leo Xapt' 
Jìa de Alberti f Florenti^ms de Trtnctpe . %om£ cipud Stephanum Guderetum . 

Leonis 'Baptìfldi Alberti Floroìttrit Trinaia , Jt^e de caufis feriatorits , tm 
Ciceronìs locum Itb. 2. de ojjìcits y brenjts tS' accurata interpretaìw , ad Law 
remium Medicem . 'Bajìle£ 1538. 4. cum Petri Ioannis Olivarii fcholiis 
in fcmnium Ciceronis . 

De pi&ura prejlantiffima tS' mwquam fatts laudata arte libri tres ab- 
folut'tffìmi Leonis 'BabtiJÌ£ de Albertis . 'Bafilcdi 1540. 8. ^ & ultimamente 
r anno 1649. in Leida col Vitruvio . 

Leonis "Baptijìdi Alberti n}iri doBtJJìnii de equo animante ad Leonellum 
Terrarienfem prtncipem libellus ^ Michaelis Martini Stelle cura ac Jìudto tft' 
ntentus ^ ^ mine demum tn lucem editus . 'Bajtle£ i)^6 8. 

Leonis 'Baptijl^ Alberti Fiorentini ^virt elariffmi libri de re edificato-' 
ria . Tartjìts i 5 i 2. , K^ in altri luoghi . 

Lepidi comici <veteris Tbilodoxios fabula , ex antiquitate eruta ab Aldft 
Manucio . Luc£ 1588. 8, 

'Baptifl.i de Albertis poeta laureati de amore liber optimus . Incipit . 
Parmi utìhcio di pietà, e di humanità. 1471. 4. 

'Baptifìce de Albertis poeta laureati opus preclarum in amorit remedi» 
feltciter incipit. Legitime amanti kS' riconofcendo . 1471. 4. 

"Dialogo di Meffer Leonbatijìa Alberti Fiorentino , de republtca , de 'vi- 
ta ci<vili , de njita rufiicana , de fortuna. Incipit. Vedo io Microtiro mio, 
forro per abbraciarlo , o parte dell' anima mia. In Vinegia 1543. 8. 

Opere dell ' Alberti non mai Jlampate , 

T>e iure traHatus. Incipit. Etfi à veftris iureconfultorum icriptis. 
Tradwtto Dal Battoli con il titolo. Dell' aminiflrare la ragione. 

De comodis , ^ mcomodfs litterarum ad Carolum fratrem . Incipit . 
Laurentius Albertus parens. Si legge però nella biblioteca di Gefnc- 
ro, che quello trattato (ìa iUto ikmpato m Italia, ma quando g 
dove, non lo dichiara. 

Vita SanEìi Totiti martyris . 

Tratìatus Cifera infcriptus . 

Trafiatus M.tthemattca appellatus . 

Libellus Statua diffus . 

Ve 



DI LEON BATTISTA ALBERTI. 131 

De Mufca. 

Oratto fioiebrts prò cnve fuo . hiap'tt . Erat in more apud . 

Lihellus Apologorum. Tutti tradotti, e ftampati dal Bartoli . 

Chorographia urbis %o)n£ antiqua. Ne fa mentionc Pocciantio nel 
catalogo de' fcrittori Fiorentini , come anche del fegucnte . 

Liber Nanjis vifcriptui . L' accenna il Gefnero . 

Tre Libri delV ecemmia. Scrive Filippo Valoni che lì confervavano 
manofcritti in caia Tua. Il Pocciantio ne fa mentione. 

Vane opere dt Leon Tjattijlct Alberti tradotte tn lingua Italiana. 

L architettura di Leon "Battijla Alberti tradotta in lingua Fiorentina da 
Cofìmo Xartoli gentiluomo (S' accademico , con la aggiunta de dijegni . In 
Firenz.e 1550-/0/. (^ /';; Venetia i')6^. 4., e 1' lilelTo anno nel monte 
Regale . fol. con la pittura del medelìmo Alberti tradotta per M. 
Ludovico Domenichi . 

La pittura di Leon Xattisìa Alberti tradotta per M. Ludo'vico Domeni- 
chi . In Vtnegia 1547. 8. 

Opufcoli Morali di Leon Xattìjla Alberti geìitilhuomo Fiorentino , tradotti 
e parte corretti da M. Cojìmo Xartolt . In Venetia 1)6%. 4. 

Segue la lijia dt detti opufcoli . 

Momo o^njero del principe. 

De difcorfi da Senatori , altrimenti Trinjta . 

"Dello amminijlrare la ragione. 

Delle comodità , e delle incomodità delle lettere a Carlo fuo fratello . 

La njita dt S. Totito. 

La Cifra . 

Le piace^-volez,'x,e Matematiche . 

Della republica , della 'vita cingile e rujlicana , e della fortuna . Cre- 
derei che quello trattato fia ftato Tofcanamente fcritto dall'Alberti , 
e l' habbiamo notato difopra. 

Della Statua . 

Della Tittura. 

Della Mofca. 

Del Cane. 

Cento Apolngi . 

Hecatompbtla . 

Deiphtra . 

Quelle due ultime opere non fono (late tradotte dal Bartoli , 
ma le mcdelìme che quelle di fopra lì fono accennate fotto i titoli: 
de amore, & de remedio amoris, fcritte in lingua Tofcana dall'Al- 
berti . 

R 2 DELLA 



DELLA 

PITTURA 

D I 

LEONBATISTA ALBERTI 

LIBRI III. 



DELLA PITTURA 

LEONBATISTA ALBERTI 

LIBRO PRIMO. 

H Avendo io a fcrivere de la Pittura in qucfti breviffimi com~ 
mentarii, accioche il parlar mio (ìa più chiaro, pigli ero 
primieramente da i Matematici que'le cofe che mi parran- 
no a ciò a proposto. Le quali intefe che lì faranno, dichiarerò (per 
quanto mi fervirà lo ingegno) da effi principii de la natura, che 
cofa fia la Pittura. Ma in tutto il mio ragionamento voglio che fi 
avertifca, che io parlerò di qucfte cofe non come Matematico, ma 
come Pittore . Conciofìa che i Matematici con lo ingegno folo con- 
fìdcrano le fpezie & le forme de le cofe , feparate da qual fi vo- 
glia materia . Ma perche io voglio che la cofa ci venga pofta inan- 
zi a gli occhi, mi fervirò fcrivendo, come fi ufa dire, di una 
più gralTa minerva: & veramente mi parrà haver fatto a baftanza, fé 
i Pittori nel leggere , intenderanno in qualche modo quefta materia 
veramente difficile, & de la quale per quanto io habbia veduto, 
non è flato alcuno che per ancora ne habbia fcritto . Chieggio adun- 
que di grazia che quefti miei fcritti fieno interpretati , non come 
da puro Matematico , ma da Pittore . Pertanto bifogna primieramen- 
te fapere che il punto è un fegno ( per modo di dire ) che non fi 
può dividere in parti. Punto i Segno chiamo io in quefto luogo, 
qual fi voglia cofa che fia talmente in una fuperficie, che cfTìi fi pof- 
fa comprendere da lo occhio . Però che quelle cofe che non fono 
comprefe da lo occhio, non è alcuno che non confefTì che elle non 
hanno niente che fare col Pittore . Conciofia che il Pittore fi affati- 
ca di imitar folamente quelle cofe, che mediante la luce fi poffino 
vedere. Quefti punti fé continovamente per l'ordine fi porranno 
r uno appreiTo de lo altro , diftenderanno una linea . Et la linea 
appreffo di noi farà un fegno , la lunghezza del quale fi potrà di- 
videre in parti, ma fiirà talmente futtilillìma che giamai non li po- 
trà fendere: & eccone lo efempio. --- De le linee alcuna e diritta, 
alcuna e torta: la linea diritta è un fegno tirato a dirittura per 
lo lungo da un punto ad un altro > la torta è quella che farà ti- 
rata non a dirittura da un punto ad un altro, ma facendo arco *^ . 
Molte linee, come fili in tcla^ fc adattate fi congiugneranno infic- 
TOc, faranno una (uperficie . Conciofia che la fuperficie e quella eflrc- 

ma 



1^6 DELLA PITTURA 

ma parte del corpo che fi confiderà non inquanto a profondità al- 
cuna , ma folamente inquanto alla larghezza & alla lunghezza , che 
fono le proprie qualità Tue. De le qualità ne fono alcune talmente 
infìte nella fuperfìcie, che fé ella non viene del tutto alterata, non 
fi poflono in modo alcuno ne muovere ne feparare da elTa . Et al- 
cune altre qualità fon cofi fatte , che mantenendofi la medefma fac- 
cia de la fuperfìcie , cafcano talmente fbtto la veduta , che la fu- 
perfìcie pare a coloro che la rifguardano , alterata . Le qualità per- 
petue de le fuperfìcie fon due. Una è certamente quella che ci vie- 
ne in cognitione mediante quello eftremo circuito dal quale è chiu- 
fa la fuperfìcie: il quale circuito alcuni chiamano Orizcnte : Noi, 
fé ci è lecito, per via di una certa fimilitudine lo chiameremo con 
vocabolo latino ora, o fé più ci piacerà, il d'intorno. Et farà que- 
fìo d' intorno terminato o da una fola, o da più linee. Da una 
fola j come è la circulare : da piuj come da una torta &c da una 
diritta, o vero ancora da più linee diritte, o da più torte. La li- 
nea circulare è quella che abbraccia, & contiene in fé tutto lo fpaz- 
zo del cerchio. Et il cerchio è una forma de la fuperfìcie, che e 
circundata da una linea a guifa di corona. In mezzo de la quale 
fé vi farà un punto , tutti i raggi che per lunghezza fi partiranno 
da quefto punto, & andranno alla corona o circonferentia a dirit- 
tura, faranno ira loro uguali Tan;. i. Fig. i. Et quefto medefmo 
punto fi chiama il centro del cerchio. La linea diritta che taglierà 
due volte la circunferentia, & pallerà per il centro, fi chiama ap- 
prefTo i Matematici il diametro del cerchio. Noi chiameremo que- 
Aa medefma centrica. Et fìaci in quefto luogo perluafo quel che 
dicono i Matematici, che neduna linea che tagli la circunferentia, 
non può , in efla circunferentia , fare angoli uguali , fé non quella 
che tocca il centro . Ma torniamo alle fuperHcie . Imperoche da 
quelle cofe che io ho dette di fopra , fi può intendere facilmente, 
come mutato il tirare dell'ultime linee, ovvero del d'intorno di u- 
na fuperfìcie, e(Ta fuperfìcie perda c(To fatto il nome & la faccia 
fua primiera, & che quella che forfè fi chiamava triangolare, fi 
chiami hora quadrangolare , o forfè di più angoli . Chiamcrafli mu- 
tato il d' intorno ogni volta che la linea , o gli angoli fi faranno 
non folamente più , ma più ottufi o più lunghi , o più acuti o 
più brevi . Quelfo luogo ne avvertifce che fi dica qualche cofa de 
gli angoli. E* veramente lo angolo quel che fi fa da due linee che 
lì inrerfeghino infieme , fopra la eftremità di una fuperfìcie. Tre fo- 
no le forte de li angoli, a fquadra, fotto fquadra , & fopra (qua- 
dra Fig. 2. Lo angolo a fquadra, o vogliamo dir retto, è uno di 
quei quattro angoli , che lì fa da due linee diritte che fcambicvol- 
mente fi interfeghino inlìeme talmente che egli fia uguale a qualun- 
que 



LIBRO PRIMO. 137 

quc fi ini de gli altri tre che reftano : Et da qiiefto avviene che ci 
dicono, che tutti gli angoli retti fono fra loro uguali. Angolo fo- 
pra fquadra è quello, che è maggior de lo a inquadra. Acuto, o 
lòtto (quadra è quello, che è minore de lo a (quadra. Torniamo 
di nuovo alla fuperfìcie . Noi dicemmo in che modo, mediante un 
d' intorno , fi imprimeva nella fuperfìcie una qualità . Relìaci a par- 
lare dell'altra qualità de le fuperHcie, la quale è (perdirco(ì) quali 
come una pelle diftefa lopra tutta la faccia de la fuperfìcie. Et 
quella fi divide in tre . Imperoche alcune fono piane & uniforme , 
altre fono sferiche &i gonfiate, altre fono incavate & concave. Ag- 
giunghinfì a quelle per il quarto quelle fuperfìcie , che de le dette 
fi compongono. Di quelle tratteremo di poi: parliamo bora de le 
prime . La fuperfìcie piana è quella , fopra la quale portovi un re- 
golo , tocchi ugualmente per tutto ciafcuna parte di elfe. Molto fì- 
mile a quefla farà la fuperfìcie di una purillima acqua che flia fer- 
ma. La fliperfìcie sferica imita il d'intorno di una sfera. La sfera 
dicono che è un corpo tondo, volubile per ogni verfo , nel mezzo 
del quale è un punto, dal quale tutte le ultime parti di e(To cor- 
po fono ugualmente lontane . La fuperfìcie concava è quella che 
dal lato di dentro ha la fua eflremità, che è fotto, per dir coli, 
alla cotenna de la sfera, come fono le intime fuperfìcie di dentro 
ne gufci de gli vuovi . Ma la fuperfìcie comporta è quella , che ha 
una parte di (e fleffa piana, & 1' altra o concava, o tonda, come 
fono le fuperfìcie di dentro de le canne, o le fuperfìcie di fuori de 
le colonne, o de le piramidi {Tav.lFig.2.). Per tanto, le qualità che lì 
truovano effere o nel circuito, o nelle faccie de le fuperfìcie, hanno 
importo diverll nomi, come fi dille, alle fuperfìcie. Ma le qualità, 
le quali fenza altcrarfì la fuperfìcie, variano i loro afpetti, fono me- 
defìmamcnte due. Imperoche mutato il luogo o i lumi, appanfco- 
no variate a coloro che le guardano. Diremo del luogo prima, &C 
poi de lumi. Et bifogna certamente prima confìderare in qual mo- 
do, mutato il luogo, eOe qualitadi che fon nella fuperfìcie, paiano 
che fieno mutate. Quelle cofe veramente fi afpettano alla forza 6c 
virtù de gli occhi. Imperoche egli è di necellità che i d' intorni o 
per dilcoltarfì o mutarli di fìto , ci paiano o minori, o maggiori, o 
dillimili al tutto di quel che prima ci parevano . O medefìmamen- 
te che le fuperfìcie ci paiano o accrefciute , o defraudate di colore. 
Le quali cofe tutte fon quelle che noi miliiriamo o difcorriamo con 
lo fquadro : & come quello fquadro o veduta fi faccia, andiamo 
hora invertigando . Et cominciamo da la fcntentia de Filofofi , che 
dicono che le fuperfìcie fi efuiiinano mediante certi raggi minilln 
de la veduta , che perciò gli chiamano vifìvi , cioè che per clh fi 
impnmino i (ìmulacn de le cofe nel fenfo. Imperoche quelli mede- 

S fimi 



13? DELLA PITTURA 

fimi raggi fra lo occhio & la fuperficie veduta , intenti per lor pro- 
pria natura , & per una certa mn-abile fottigliezza loro concorrono 
IplendidifTimamente penetrando la aria , & altri fìmili corpi rari o 
diafani , & havendo per guida la luce {ino a tanto che fi rifcon- 
trino in qualche corpo denib , & non del tutto ofcuro i nel quàl 
luocro ferendo di punta, fuhito fi fermano. Ma non fu apreffo de 
gii a'-.tichi piccola difputa , fé quefti raggi ufcivano da gli occhi , 
o da la fuperficie. La qual difputa in vero molto difficile, & quan- 
to a noi non necelTaria, la lafceremo da parte. Et fiaci lecito im- 
maginare che quelfi raggi fieno quafi che fottilifiime fila legate da 
un capo dirittiflime , come fattone un fafcio , & che elle fieno ri- 
cevute per entro lo occhio là dove fi forma o crea la veduta j &C 
quivi fiieno non altrimenti che un troncone di raggi : & dal qual 
luogo ufcendo a di lungo gli affaticati raggi, come dirittiffime ver- 
mene, fcorriro alla fuperficie che è loro a rincontro: Ma infra que- 
lli raggi è alcuna differentia , la quale è bene che fi fappia , impe- 
roche ei fono differenti & di forze 6c di officio : Conciofia che al- 
cuni di loro toccando i d' intorni de le fuperficie , comprendono 
tutte le quantità de la fiaperficie. Et quefti , perche ei vanno volan- 
do & a pena toccando le eftreme parti de le fuperficie , gli chiame- 
remo ra^gi eftremi o ultimi . Avertifcafi che quefta fuperficie fi mo- 
fìra in faccia perche lì poffino vedere i quattro raggi ultimi che van- 
no a punti, da quali ella è terminata. (Tav.l Fig- 3.) Altri raggi o ri- 
cevuti o ufciti da tutta la faccia de la fuperficie, fanno ancor effi 
lo ufficio loro, entro a quella piramide, de la quale a fuo luogo 
parleremo poco di fiotto . Imperoche ei fi riempiono de medefimi 
colori & lumi ; de quali rifplende cffa fuperficie . Et però chiamia- 
mo quelli, raggi di mezzo, o mezzani. {Ta^.I.Fig. ^.) Tutto il quadro 
è una fola fiiperficiej ma havendovifi a dipigner dentro uno ottango- 
lo , fi moftrano i raogi che fi chiamano mezzani , che vanno dall' 
occhio a punti de lo fcompartimento de lo ottangolo . De raggi an- 
cora fé ne truova uno cofi fatto che a fimihtudine di quella linea 
centrica che noi dicemmo , fi può chiamare raggio centrico o del 
centro, perciò che egli ftà di maniera nella fuperficie che caufa da 
ogni banda intorno a fé angoli uguali. {Tan).lFig. 5.) Si che noi habbia- 
mo trovati i raggi effere di tre forte, gli ultimi, i mezzani, & centrici: 
andiamo hora invefiigando quel che, qual fi fia 1' una di quelle for- 
te di raggi , conferifca alla veduta : Et la prima cofa parliamo de 
gli ultimi , di poi parleremo de mezzani , & ultimamente de centri- 
ci . Con gli ultimi raggi fi comprendono le quantità , & la quantità 
è veramente quello fpatio che è infra duoi punti difgiunti del d* in- 
torno , che paffa per la fuperficie , il quale fpatio e comprefo da lo 
occhio con quelli ultimi raggi , quafi come per modo di dire con 

le 



LIBRO PRIMO. 135, 

le fefte: & fono tante quantità in una fuperficie, quanti fono i 
punti feparati in un d'intorno che lì rifguardano 1' un 1' altro. Im- 
peroche noi con la veduta nofìra riconofciamo la longhezza median- 
te la Tua altezza o baffezza : la larghezza mediante il da delira, o 
da finillra : la groffezza mediante il da prelTo o da lontano: o vero 
tutte le altre mifure ancora, qualunque elle fi fiano, comprendiamo 
folo con quelli raggi ultimi . La onde fi fiaol dire che la veduta fi 
fa mediante un triangolo, la bafa del quale è la quantità veduta, 
& i lati del quale fi:)no quei medefimi raggi che efcc^no da i punti 
de la quantità & vengono fino all' occhio . Et è quella colà certilfi- 
ma che non fi vede quantità alcuna, fé non mediante quefto trian- 
golo. 1 lati adunque del triangolo vifivo fi^no manifelli. Ma gli an- 
goli in quello ftello triangolo Ibn dua, cioè amendue quei capi da 
la quantità. Ma il terzo, & principale angolo, è quello che a rin- 
contro de la ba(a Ci fa neMo occhio .' {Tanj.I. Ftg. 6) Ne in quello luogo fi 
ha a difputare fé effa villa d quieta, come ei dicono, in eflfa giun- 
tura del nervo interiore, o fé pure fi figurino le imagini in elTa fu- 
perficvc de lo occhio quafi come in uno fpecchio animato. Ma non 
fi devon in queflo luogo raccontare tutti gli ofìficii de gli occhi 
quanto al vedere . Conciofia che fiirà a ballanza mettere in 
quelli commentarii brevemente quelle cofe che ci parranno necella- 
rie • Conlillendo adunque il principale angolo vifivo nello occhio 
ei fé ne è cavata quefta regola, cioè che quanto lo angolo larà nel- 
lo occhio, più acuto, tanto ci parrà minore la quantità veduta. 
La onde fi vede manifello , perche cagione avenga che da un lun- 
go intervallo, pare che la quantità veduta fi allottigli, quafi che ella 
venga ad un punto. Ma ancor che le cole fieno in quella maniera, 
avviene nondimeno in alcune fuperficie, che quanto più fi avvicina 
loro lo occhio di chi le riguarda , tanto gli paiono minori : Et 
quanto più lo occhio fi difcolla da elle, tanto più li par maggiore 
quella parte de la fuperficie: il che fi vede manifello nelle fuperficie 
sieriche . Le quantità adunque mediante lo intervallo paiono alcuna 
volta o maggiori o minori a chi le riguarda . De la qual cofa chi 
faprà bene la ragione , non dubiterà punto , che i raggi mezzani al- 
cuna volta diventano gli ultimi, & gli ultimi, mutato lo intervallo, 
diventano mezzani . Et perciò harà da làpere che quando i raggi 
mezzani faranno diventati ultimi, fubito le quantità gli parranno mi- 
nori: Et per il centrano quando i raggi ultimi fi raccorranno entro 
al d' intorno i quanto più ei faranno lontani dal d' intorno, tanto 
apparirà ella quantità maggiore . Qui adunque foglio 10 a miei ami- 
ci dcmcllici dare una regola , che quanti più raggi noi occupiamo 
con la veduta, tanto doviamo penfare che fia maggiore la quantità 
veduta, &: quanti ne occupiamo manco, tanto minore. Ultimamente 

S 2 quelli 



I40 DELLA PITTURA 

quefti raggi ultimi abbracciando a parte a parte univerfalmentc tut- 
to il d* intorno di una fuperficie, girano a torno a torno quafi co- 
me una foHa, tutta eHa fuperficie. La onde ei dicono che la vedu- 
ta fi fa mediante una piramide di raggi . Bifogna adunque dire che 
cofa fia la piramide. La piramide è una figura di corpo lunga, da 
la bafa de la quale tutte le linee diritte tirate allo in fu terminano 
in una punta. La bafa de la piramide è la fuperficie veduta, i lati 
de la piramide fono efTì raggi vifivi , quali noi chiamiamo gli ulti- 
mi . La punta de la piramide fi ferma quivi entro allo occhio , do- 
ve gli angoli de la quantità fi congiungono infieme. Et quello ba- 
fli de raggi ultimi, de quali fi fa la piramide, mediante la quale 
fi vede per ogni ragione, che egli importa grandemente quali & 
chenti intervalli fiano fra lo occhio & la fuperficie. ivcfiaci a trat- 
tare de raggi mezzani . Sono i raggi mezzani quella moltitudine di 
raggi , la quale accerchiata da raggi ultimi fi truova elTer dentro al- 
la piramide. Et quefti raggi fanno quel, che fi dice che fa il Ca- 
maleonte, & fimili fiere sbigottite per paura, che fogliono pigliare 
i colori de le cofe più vicine a loro , per non efier ritrovate da 
Cacciatori . Quefto è quel che fanno i raggi mezzani . Imperochè 
dal toccamento loro de la fuperficie fino alla punta de la pirami- 
de , trovata per tutto quello tratto la varietà de colori & de lumi , 
fé ne macchiano talmente, che in qualunque luogo che tu gli ta- 
gliafli , fporgerebbon di loro in quel medefimo luogo quel lume 
llefib, &C quel medefimo colore, di che fi fono inzuppati. Et que- 
fti raggi mezzani per il fatto lleffo primieramente iì e veduto che 
per lungo intervallo mancano, & caufano la vifia più debole» ulti- 
mamente poi fi è trovata la ragione perche quefto avvenga . Concio- 
fia che quefti fteffi , & tutti gli altri raggi vilìvi , elTendo ripieni & gra- 
vi di lumi & di colori , trapaifando per la aria , &C la aria eflendo an- 
cor efia ripiena di qualche groflezza , avviene che per la molta par- 
te del pefo , mentre che efl^ fcorrono per la aria , fieno tirati come 
fìracchi allo in giù . Et però dicono bene , che quanto la diftanzia 
è maggiore , tanto la fuperficie pare più fcura , & più offufcata . 
Reftaci a trattare del raggio centrico . Noi chiamiamo raggio cen- 
trico quello , che folo ferifce la quantità di maniera , che gli angoli 
uguali da amendue le parti rifpondino a gli angoli che fon loro a 
canto : & veramente per quanto fi appartiene a quefto raggio cen- 
trico , è cofa verifilma che quefto di tutti i raggi è il più fiero , & 
di tutti vivacifi'imo. Ne fi può negare che nefluna quantità apparirà 
mai alla vifta maggiore , fé non quando il raggio centrico farà in 
ella . Potrebbonfi raccontare più cofe de la polTanza & dell' officio 
del raggio centrico . Ma quefta fola cofa non fi lafci indietro , che 
quefto raggio folo e fomentato da tutti gli altri raggi che fé lo 

han- 



LIBRO PRIMO. 141 

hanno mc(To in mezzo , quafì che habbino fatta una certa unita 
congregatione per favorirlo , talmente che fi può a ragione chiamare 
il capo de il principe de raggi . Lafcinfi in dietro le altre cofe che 
parrebbon più torto appartenerfi alla olientatione de lo ingegno , che 
convenienti a quelle cofe che noi abbiamo ordinato di dire: molte cofe 
ancora fi diranno de raggi più comodamente a luoghi loro . I rag- 
gi mezzani de lo ottangolo i] poifon chiamare una piramide di otto 
tacce dentro ad una piramide di quattro facce . ( Tau.I. Fig. 7. ) Et balii 
in quello luogo haver racconto quelle cofe per quanto comporta la 
brevità de commentari! , per le quali non è alcuno che dubiti , che 
la cofà ftà in quefto modo; il che io credo ii fia moftro a baftan- 
za , cioè che mutatofi di intervallo , & mutalafi la pofitura del 
raggio centrico, fubito appare che la Tuperficie i\ fia alterata. Im- 
peroche ella apparirà o minore , o maggiore , o mutata fecondo lo 
ordine che havranno infra di loro le linee, o gli angoli. Adunque 
la pofitura del raggio centrico , &i la dillantia conferifcono grande- 
mente alla vera certezza de la veduta . Ecci ancora una ahra certa 
terza cofa , mediante la quale le fuperficie apparifcono a chi le riA 
guarda , disformi & varie . Et quelto è il ricevimento de lumi . Im- 
peroche ei fi può veder nella fuperficie sferica & nella concava , 
che fé ei vi farà un lume folo , la fuperficie da una parte 
apparirà alquanto ofcura , & da la altra parte piiì chiara . Et 
dal medefimo intervallo primiero , OC ftando ferma la pofi- 
tura del raggio centrico primiera , pur che ella fuperficie 
venga fottopoiia ad un lume diverfo dal primo , tu vedrai che 
quelle parti de la fuperficie che al primo lume apparivano chiare , 
hora mutatofi il lume appariranno fcure , & le ofcure appariranno 
chiare . Et oltre a quelfo fc vi faranno più lumi attorno , appari- 
ranno in cofi fatte fuperficie diverfe ofcurità , & diverfe chiarezze , 
& varieranno fecondo la quantità & le forze de lumi . Quella 
cofa fi pruova con la efperienza . ( Ta'v. IL Fig. i. e 2. ) Ma quello 
luogo ne avvertifce , che fi debbino dire alcune cofe de lumi , & 
de colori . Che i colori fi variino , mediante 1 lumi , è colà mani- 
fefta i conciofia che qual fi voglia colore non apparilce nell' ombra 
allo afpetto noftro , tale quale egli apparifce quando egli e pollo a 
raggi de lumi . Imperoche 1* ombra moftra il colore otTufcato , 6c 
il lume lo fa chiaro 6c aperto. Dicono i Filofofi , che non ii può 
vedere cofa alcuna , fé ella non è vcllita di lume , OC di colore , 6c 
però è una gran parentela infra i colori & i lumi , a far la vedu- 
ta i la quale quanto fia grande fi vede da quello , che mancando il 
lume, elfi colori ancora diventando a poco a poco ofcuri mancano 
ancor elfi, & ritornando la luce o il lume, ritornano ancora infie- 
me con quella i colori alla veduta noilra mediante le virtù de lu- 
mi . 



142 DELLA PITTURA 

mi . La qual cofà elTendo cofi , farà bene la prima cofa trattare de 
colori, & dipoi andremo invejftigando in che modo i detti colori (ì 
variino mediante i lumi . Lafciamo da parte quella difputa Filofo- 
fìca , mediante la quale lì vanno inveftigando i nafcimenti & le 
prime origini de colori . Impcroche che importa al Dipintore lo 
haver faputo , in che modo il colore fi generi dal mefcolamento 
del raro & del denfo , o da quel del caldo , &: del lecco , o da 
quello del freddo & del humido ? Ne difprezzo io però coloro che 
fìlofofando difputano de colori in tal modo , che elfi affermano che 
le fpetic de colori fono fette , cioè , che il bianco &: il nero fono 
i duoi eftremi , infra i quali ve n è uno nel mezzo , & che infra 
ciafcuno di quefti duoi eftremi , & quel del mezzo , da ogni parte 
ve ne fono duoi altri : & perche l' uno di queftì duoi lì accofta 
pili allo ftremo che l'altro, gli collocano in modo che pare che e' 
dubitino del luogo dove porli. Al Dipintore è a baftanza il fàper 
quah fieno i colon , & in che modo e' s abbino a fervir d' effi nel- 
la Pittura . Io non vorrei effer riprefo da quei che più fanno , i 
quali mentre feguitano i Filofofi , dicono che nella natura de le 
cofe non lì truova fé non duoi veri colon cioè il bianco & il ne- 
ro, & che tutti gli altri nafchono dal mefcolamento di quefti . Io 
veramente come Dipintore la intendo in quefto modo quanto a co- 
lon che per i melcolamenti de colon nafchino altri colori , quafi 
infiniti . Ma appreiTo a Pittori quattro fono i veri generi de colon , 
come fon quattro ancora gli elementi , da i quali fi cavano m^lte 
& mo^te fpecie. Perciò che egli è quello che par di fuoco, per dir 
cofì , cioè il roffo : e poi quel da la aria che fi chiama azzurro : 
quel ad la acqua è il verde : & quel da la terra ha il cenerognolo . 
T utti gli altri colon noi vergiamo che fon fatti di mcfcolamenti , 
non altrimenti che ci pare che fìa il Diafpro & il Porfido. Sono 
adunque i generi de colori quattro , da i quali mediante il mefco- 
lamento del bianco & del nero fi generano innumerabili fpecie . 
Conciofìa che noi vcggiamo le frondi verdi perdere tanto de la 
loro verdezza di poco in poco fino a che elle diventano bianche . 
11 medelìmo veggiamo ancora nella aria ftefla , la quale talvolta 
prefa la qualità di qualche vapore bianco verfo lo orizzonte , ritorna 
a pigliare a poco a poco il fuo proprio colore. Oltra di queflo 
veggiamo ancor quefto medefìmo nelle rofe , alcune de le quali tal 
volta fon tante accefe di colore, che imitano il chermifì , altre pa- 
iono del color de le guance de le fanciulle , & altre paiono bian- 
che come avorio . Il color de la terra ancora mediante il mefcuglio 
del bianco & del nero ha le fue fpecie . Non adunque il mefcola- 
mento del bianco muta i generi de colori , ma genera , <!k: crea eOe 
fpecie . Et la medefìma forza fìmilmente ha ancora il color negro . 

Im- 



LIBRO PRIMO. 143 

Imperochc per il mefcolamento del nero fi generano molte fpezic . 
Il che iìa. molto bene i perciò che eflo colore mediante la ombra (ì 
altera , dove prima (ì vedea manifello : percioche crefcendo T om- 
bra , la chiarezza , &: bianchezza del colore manca , & crefcendo il 
lume diventa più chiara <!^ più candida. Et però fi può a baldanza 
perfuadere al Pittore che il bianco & il nero non fono veri colori , 
ma gli alteratoti , per dirfi cofi , de colori , Conciofia che il Pitto- 
re non ha trovata cofa alcuna più che il bianco , mediante il quale 
egli pofla efprimere quello ultimo candore del lume , ne cofa alcu- 
na con la quale ei pofla rapprefentare la ofcurità de le tenebre più 
che con il nero . Aggiugni a quefte cofe , che tu non troverai 
mai in alcun luogo il bianco ò il nero , che egli ftelTo non cafchi 
lotto alcuno genere de colori . Trattiamo hora de la forza de lu- 
mi . I lumi fono o di conftellationi , cioè o del Sole , o de la Lu- 
na , & de la Stella di Venere , o vero di lumi materiali & di fuo- 
co : & infra quelli è una gran difterentia . Imperoche i lumi del 
Cielo rendono le ombre quali che uguali a corpi ; ma il kioco le 
rende maggiori che non fono 1 corpi , & la ombra fi caufa da lo 
cfler intercetti i raggi de lumi . I raggi incercetti , o ei fono piega- 
ti in altra parte , o ei fi raddoppiano in loro ftelTi . Pieganfi , co- 
me quando i raggi del Sole percuotono nella fuperficie de la ac- 
qua , & quindi poi fiilgono ne palchi , & ogni piegamento de rag- 
gi fi fa , come dicono 1 Matematici , con angoli tra loro uguali . 
Ma quefte cofe fi appartengono ad una altra parte di Pittura . 
1 raggi che fi piegano , fi inzuppano in qualche parte di quel co- 
lore , che ei trovano in quella fuperficie da la quale ei fono piega- 
ti o riverberati . Et quelto veggiamo noi che aviene , quando le 
faccic di coloro che caminano per i prati , ci (ì apprelentano verdi . 
Io ho trattato adunque de le fuperficie : ho trattato de raggi : ho 
trattato in che modo nel vedere fi facci de triangoli la piramide . 
Io ho provato quanto grandemente importi che lo intervallo , la 
pofitura del raggio centrico , &: il ricevimento de lumi fia determi- 
nato & certo . Ma poi che con un folo Iguardo noi veggiamo non 
pur una fuperficie fola , ma più fuperficie ad un tratto : & poi 
che fi è trattato & non mediocremente di ciafcuna fuperficie da 
per fé , hora ci reità ad invcfiigare , in che modo più fuperficie 
congiunte infieme ci fi apprefentino alli occhi . Ciafcuna fuperficie 
certamente gode particularmente ripiena de fuo» lumi &c de fuoi 
colon, fi cume fi è detto, de la lùa propria piramide. Et cllendo 
1 corpi coperti da le fiiperficie , tutte le quantità de corpi che noi 
veggiamo , & tutte le fuperficie , creano una piramide fola , pregna 
(per modo di dire) di tante piramidi minori, quante lòno le lu- 
pcrficie che mediante quella veduta fon co0iprefe da razzi di 

detta 



i44 DELLA PITTURA 

detta veduta . Et cfTendo le cofe cofi fatte , dirà forfè qualchuno , 
che ha bifogno il Pittore di tanta confiderazione ? o che utilità li 
darà al dipingere ? Quello certamente fi fa acciò che ei fàppia 
che egli è per dover diventare uno ottimo maertro , ogni volta 
che egli conolcerà ottimamente le differentie de le fi.iperHcie , & 
avertirà le loro proportioni , il che è flato conofciuto da pochif- 
(imi . Imperoche fé ei faranno domandati , qual fia quella cola 
che ei cerchino che riefca loro nel tignere quella fiapeificie , pof- 
fon rifponder molto meglio ad ogni altra cofa , che faper dir la 
ragione di quel che ei fi affatichino di fare . Per il che io prego 
che gli ftudiofi Pittori mi ftieno ad udire . Imperoche lo impa- 
rare quelle cofe che giovano , non fu mai male , da qualunchc 
fia voglia maeflro . Et imparino veramente mentre che ei circon- 
fcrivono con le linee una fuperficie , & mentre che ei cuoprono 
di colori i difegnati & terminati luoghi , che nelTuna cofa fi cer- 
ca più quanto è che in quella una fola fiaperficie ci fi rapprefen- 
tino più forme di fuperficie . Non altrimenti che fé quella iu- 
perficie che ei cuoprono di colori , fulTi quafi che di vetro o di 
altra cofa fimile trafparente , tal che per effa pafTade tutta la 
piramide vifiva a vedere i veri corpi , con intervallo determinato 
&c fjrmo , & con ferma poficura del raggio centrico , & de lu- 
mi polli in aria lontani a lor luoghi : &c che quello fia cofi , lo 
dimoflrano i Pittori , quando ei iì ritirano in dietro da la cofa 
che ei dipingono a confiderarla da lontano , che guidati da la 
natura vanno cercando in quefto modo de la punta di e(Ta fleffa 
piramide . La onde fi accorgono , che da quel luogo conliderano 
& giudicano meglio tutte le cofe . Ma elTendo quefta una fola 
fuperficie o di tavola , o di muro , nella quale il Pittore lì affa- 
tica voler dipignere più & diverfe fuperficie &C piramidi com- 
prefe da una piramide fola , farà di neceffità che in alcuno de 
fuoi luoghi fi tagli quefla piramide vifiva , accioche in quello luo- 
go il Dipintore & con le linee & con il dipignere pofTa efpri- 
mere i dintorni & i colori che gli darà il taglio . La qual cofa ef 
fendo cofi , coloro che rifguardano la fuperficie dipinta , veggono 
un certo taglio de la piramide . Sarà adunque la pittura il taglio 
de la piramide vifiva fecondo un determinato fpatio o intervallo, 
con il fuo centro & con i determinati lumi , rapprefentata con li-, 
nee & colon fopra una propoflaci fuperficie . Hora da che hab- 
biamo detto che la Pittura è un taglio de la piramide , noi adun- 
que habbiamo ad andare invefligando tutte quelle cole , mediante 
le quali ti diventino notilfime tutte le parti di cofi fatto taglio . 
Habbiamo adunque di nuovo à parlare de le fuperficie , da le qua- 
li il è mo(lro che vengono le piramidi che fi hanno a tagliare con 

la 



LIBRO PRIMO. 145 

la Pittura. De le fuperficie alcune ne fono a diacere In terra, come 
fono 1 pavimenti, gli fpazzi de li edificii: & alcune altre ne fono, 
che fon ugualmente lontane da gli fpazzi. Alcune fuperficie fon rit- 
te, come fono le mura ìk le altre fuperficie che hanno le medefì- 
me forte di linee che le mura: dicefi quelle fuperficie lì:are ugual- 
mente lontane fra loro, quando la diftantia che è fra di loro, e 
ugualmente da per tutto la medefìma . Le fuperficie che hanno le 
medefìme forte di linee , fon quelle che da ogni parte fono tocche 
da una continovata linea diritta , come fono le fuperficie de le co- 
lonne quadre, che fi mettono a filo in una loggia. Quefì:e fon quel- 
le cofe che fi hanno ad aggiugnere a le cofe che difopra fi difìono 
de le fuperficie . Ma a quelle cofe che noi dicemmo de raggi , cofi 
de gli ultimi come di quei di dentro , & del centrico , & alle cofe 
che fi fon raconte di fopra de la piramide vifiva , bifogna aggiugne- 
re quella fententia de Matematici , con la quale fi pruova , che fé 
una linea diritta taglierà i duoi lati di alcuno triangolo , & farà 
quefla linea tagliante , tale che facci ultimamente uno altro triango- 
lo , &C ugualmente lontana da la altra linea che è bafa del primo 
triangolo , farà allora certamente quello triangolo maggiore propor- 
tionale di lati a queflo minore . Quello dicono i Matematici . Ma 
noi accioche il parlar noftro fia più aperto a Pittori, efplicheremo 
più chiaramente la cofa. Ei bifogna che noi fappiamo qual fia quel- 
la cofa che noi in queflo luogo vogliam chiamare propurtionale: noi 
diciamo che quegli fono triangoli proportionali, i lati & gli angoli 
de quali hanno infia di loro la medefìma convenientia: Che fé uno 
de lati del triangolo fia più lungo de la bafa per due volte & mez- 
zo , o un altro per tre , tutti i cofi fatti triangoli fieno elfi o mag- 
giori o minori di quefto , pur che eglin habbino la medefìma cor- 
rifpondentia de lati alla bafa, per dir cofi, faranno fra loro propor- 
tionali . Impcroche quel rispetto che ha la parte alla parte iua nel 
triangolo maggiore, l'avrà ancora la parte alla parte nel minore. 
Tutti i triangoli adunque che faranno cefi fatti , appreffo di noi fi 
chiameranno proportionali : &: perche quefto fia intefo più aperta- 
mente , ne daremo una fimilitudine. Sarà uno huomo piccolo pro- 
portionale ad un grandiffimo mediante il cubito: purché fi fervi la 
medefima proportione del palmo, e del piede, per mifurare le altre 
parti del corpo in coftui , per modo di dire, cioè in Euandro , che fi 
onfervc) in colui cioè in Ercole , del quale Gellio dille che era 
di flatura grandifiimo più di tutti gli altri huomini. Ne fu ancora 
altra proportione ne membri di Ercole , che fi fuffe quella del cor- 
po di Anteo Gigante. Imperoche cofi come la mano corrifpondeva 
in ciafcuno in proportione al cubito , & il cubito in proportione al 
capo & a gU altri membri con uguale mifura infra di loro, il me- 

1 defimo 



i4<J DELLA PITTURA 

defimo interverrà ne noftri triangoli , che ei farà qualche Torta di 
mifura infra i triangoli , mediante la quale i minori corrifponderan- 
no a maggiori in le altre cofe , eccetto che nella grandezza . Et fé 
qucfte cofe fi intendono tanto che baftino, deliberiamo, mediante 
la fententia de Matematici tanto quanto fa a noftro propofito , che 
ogni taglio di qualunque triangolo parimente lontano da la bafa , 
genera 6ì: fa un triangolo fimile fi come efì'i dicono a quel loro 
triangolo maggiore , & come lo diciamo noi proportionale . E per- 
che tutte quelle cofe che fono fra loro proportionali , le parti an- 
cor loro fon in e([c corrifpondenti, & in quelle cofe, nelle quali le 
parti fono diverfe & non corri/pondenti , non fono proportionali i 
le parti del triangolo vifivo fono oltre alle linee , ancora eflì raggi , 
i quali faranno certamente nel rifguardarc le quantità proportionali 
de la Pittuta , uguali quanto al numero alle vere , & in quelle che 
non faranno proportionali , non faranno uguali . Imperoche una di 
quefìe quantità non proportionali , occuperà o più raggi , o manco . 
Tu hai conofciuto adunque in che modo un qual fi voglia minore 
triangolo , fi chiami proportionale al maggiore , & ti ricordi che la 
piramide vifiva fi fa di triangoli. Adunque riferifcafi tutto il noflro 
ragionamento che abbiamo havuto de triangoli , alla piramide . Et 
perfuadiamoci , che neffune de le quantità vedute de la fuperficie , 
che parimente fien lontane dal taglio , faccino nella Pittura altera- 
tione alcuna . Imperoche effe fono veramente quantità ugualmente 
lontane , proportionali in ogni ugualmente lontano taglio da le lo- 
ro corrifpondenti : la qual cofa ellendo cofi , ne lèguita quefto , 
che non ne fuccede nella Pittura alteratione alcuna de dintorni , 
& che non fono alterate le quantità , da le quali il campo o lo 
fpatio fi empie , & da le quali fono mifurati o comprefi i dintorni . 
Et è manifeito che ogni taglio de la piramide vifiva , che fia ugual- 
mente diflante da la veduta fuperficie , è fimilmente proportionale 
ad effa veduta fuperficie . Habbiamo parlato de le fuperficie pro- 
portionali al taglio , cioè de le ugualmente lontane alla fuperficie 
dipinta . Ma perche noi haremo a dipignere più diverfe fuperficie 
che non faranno ugualmente dilfanti , dobbiamo di quefte far più 
diligente inveftigatione , accioche fi efplichi qual fi voglia ragione 
del taglio . Et perche farebbe cofa lunga & molto difficile & ofcu- 
rilfima in quelli tagli de triangoli & de la piramide narrare ogni 
cofa fecondo le regole de Matematici 5 però parlando fecondo il co- 
fiume noftro come Pittori , procederemo . Racontiamo brevifiima- 
mente alcune cofe de le quantità che non fono ugualmente lontane, 
fàputc le quali ci farà facile intendere ogni confideratione de le fu- 
perficie non ugualmente lontane. De le quantità adunque non ugual- 
mente lontane ne fono alcune di linee fimili in tutto a raggi vifivi , 



LIBRO PRIMO. 147 

& alcune, che fono ugualmente diilanti da alcuni rag^i vifìvi: le 
quantità fimili in tutto a raggi vifivi , perche elle non fanno trian- 
golo, & non occupano il numero de raggi, non iì guadagnano per- 
ciò luogo alcuno nel taglio. Ma nelle quantità ugualmente diflanti 
da raggi vifivi , quanto quel angolo maggior eh' è alla bafà del 
triangolo , farà più ottufo , tanto manco di raggi riceverà quella 
quantità, & però harà manco di fpatio per il taglio. Noi habbiam 
detto che la fuperficie fi cuopre di quantità, &C perche nelle fupcr- 
tìcie fpello accade , che vi farà una qualche quantità , che farà u- 
gualmcnte lontana dal taglio, & 1' altre qualità de la medefìma fu- 
perficie non faranno ugualmente diftanti i per quefto avviene che 
quelle fole quantità che fono ugualmente diilanti nella fuperficie , 
non patifcono nella Pittura alteratione a'cuna. Ma quelle quantità 
che non faranno ugualmente lontane, quanto haranno lo angolo più 
ottufo che farà il maggiore nel triangolo alla bafa , tanto più rice- 
veranno di alteratione . Finalmente a tutte quefte cofe bifogna aggiugnc- 
re quella opinion de Filofofi , mediante la quale efli affermano , 
che fé '1 cielo, le ftelle, i mari, i monti, & effi animali, & 
dipoi tutti i corpi , diventafTino per volontà di Dio , la metà mi- 
nori eh' ei non fono, ci averebbe che tutte quefte cofe non ci 
parrebbono in parte alcuna diminuite da quel eh' elle hoia fono , pe- 
roche la grandezza, la piccolezza, la lunghezza, la cortezza, l'altezza, 
la baffezza, la Grettezza, e la larghezza, la ofcurità, la chiarezza, & 
tutte l'altre cofi fatte cofe che fi polTon ritrovare, & non ritrovare nelle 
cofe, i Pilofofi le chiamaron accidenti: & fono di tal forte che la inte- 
ra cognition di effe fi la mediante la comparatione. Difle Virgilio che 
Enea avanzava di tutte le fpalle tutti gli altri huomini . Ma fé fi 
faceffe comparation di coRui a Polifemo, ci parrebbe un Pigmeo. 
Dicono che Eurialo fu belliifimo , il qual fé lì comparalTe a Gani- 
mede rapito da Giove, parrebbe brutto. In Spagna alcune fanciulle 
fon tenute per candide , le quali in Germania firebbon tenute per 
ulivigne & nere . L' avorio e 1' argento fon bianchi di colore , e 
nondimeno fé fene farà paragone con i cigni , o con i bianchi pan- 
ni lini, parranno alquanto più pallidi. Per quello nipetto ci appa- 
rifcono le fuperficie nella Pittura bellidime &C rifplendcntifiime , quando 
in elfe fi vede quella proportione dal bianco al nero , eh' e nelle 
cofe ftefle da i lumi all' ombre. Si che tutte quelle cofe fi impara- 
no, mediante il farne comparatione. Conciolia che nel fare parago- 
ne de le cofe, è una certa lorza, per la qua^e fi conolce quel che 
vi fia di più, o di meno, o d' uguale. Per il che noi chiamiamo 
grande quella cofa eh' è maggiore d' una minore h grandilTima quel- 
la eh' è maggiore de la grande j luminofi quella eh' è più chiara 
che l'ofcuraj luminofilTima quella che fia più chiara de la luminofa. 

T 2 Et 



DELLA PITTURA 

Et fi fa veramente la comparatione de le cofe alle cofe che prima 
ci fieno manifeflifTime. Ma elTendo 1' huomo più di tutte 1' altre co- 
fe al huomo notilTimo , diffe forfè Protagora che 1' huomo era il 
modello & la mifura di tutte le cofe, & intendeva per quefto che 
gli accidenti di tutte le cofe fi potevano & bene conofcere , & far- 
ne comparationi con gli accidenti del huomo . Quelle cofe ci amae- 
ftrano a quefto , che noi intendiamo che qualunque forte di corpi 
noi dipigneremo in Pittura , ci parranno grandi & piccoli fecondo la 
mifura de gli huomini che quivi faran dipinti. Et quefta forza de 
la ccmparationc mi par veder che molto eccellentemente pia che 
alcuno altro de gli antichi la intendeffe Timante , il qual Dipinto- 
re, dipingendo fopra una piccola tavoletta il Ciclope che dormi- 
va , ve li dipinfe apprelTo i Satiri , eh' abbracciavan il dito groffo 
del dormiente , acciò mediante la mifura de Satiri , colui che dor- 
miva appariffe infinitamente maggiore . Habbiamo infin qui dette , 
quafi tutte quelle cofe che fi afpettano alla forza del vedere, 
&c a conofcer il taglio . Ma perche giova al cafo nollro il fapere 
non folo quel che fia , &: di che cole il taglio, ma come ancor 
egli fi faccia, ci refta a dire di quefto taglio, con qual' arte nel 
dipignere egli fi efprima . Di quefto adunque, lafciate l'altre cofe 
da parte , racconterò io quel che faccia , mentre eh' io dipingo . 
La prima cofa nel dipignere una fiiperficie, io vi difegno un qua- 
drangolo di angoli retti grande quanto a me piace , il quale mi 
ferve per un' aperta fineftra da la quale fi habbia a veder la hifto- 
ria , éc quivi determino le grandezze de gli huomini eh' io vi vo- 
glio fare in pittura, e divido la lunghezza di queft' huomo in tre 
parti , le quali a me fono proportionali , con quella mifura che il 
vulgo chiama il braccio. Imperoche ella è di tre braccia, come fi 
vede chiaro da la proportione de membri dell' huomo , perche tale 
è la commune lunghezza per lo più del corpo humano . Con quefta 
mifura adunque divido la linea da baflo che ftà a diacere del dife- 
gnato quadrangolo, & veggo quante di cofi fatte parti entrino in 
effa : & quefta fieffa linea adiaccre del quadrangolo è a me proportio- 
nale alla più vicina a traverfo ugualmente lontana veduta quantità 
nello fpazzo. Dopo queflo io pongo un punto folo dove babbi a 
correre la veduta , dentro al quadrangolo , il qual punto preoccupi 
quel luogo al quale babbi ad arrivare il raggio centrico , e però lo 
chiamo il punto del centro: porraffi quefto punto convenientemente, 
ron più alto da le linee che diace , che per quanto è 1' altezza del 
huomo che vi fi ha a dipignere , peroche in quefto modo & coloro 
che riguardano, & le cole dipinte pare che fieno ad un piano u- 
guale . Pof^o il punto del centro , tiro lince diritte da cffo punto a 
ciafcuna de le divifioni de la linea diritta che diace: Le quali linee 

ve- 



LIBRO PRIMO. 14C; 

veramente mi dimolìrano , in che modo havendo 10 a procedere li- 
no all' infinità &C ultima lontananza, & fi riftringhino le quantità 
da traverfo ali* afpctto & veduta mia. {Tanj. II.Fi^. ^.) Qui arieno al- 
cuni che tirerebbono entro al quadrangolo una linea ugualmente di- 
nante da la già divifa linea, & dividerebbon in tre parti lo fpatio 
che farebbe fra le dette due linee . Di poi con quclLi regola tire- 
rebbono un'altra linea parimente lontana da quefta iecunda linea, 
parimente lontana, talmente che Io fpatio che infra la prima com- 
partita linea, & quefta feconda linea a lei paralella, o parimente 
lontana, divifo in tre parti, ecceda di una parte di fé iìciXo quello 
fpatio che è fra la feconda &c la terza linea , & di poi aggiugne- 
rebbono 1' altre linee , talmente che fempre quello fpatio che fegui- 
tafli manzi infra le linee, fufle per la metà puì , per parlare come 
i Matematici. Si che in quefta maniera procederebbono coftoro, i 
quali fé ben dicono di feguire una ottima via nel dipignere, 10 non- 
dimeno penfo che efli errino non poco. Perche havendo pofto a ca- 
lo la prima linea paralella alla principale, fé ben 1' altre paralelle 
fon porte con regola & con ordine , non hanno però cofa per la 
quale effi habbino certo OC determinato luogo de la punta de la pi- 
ramide da poter bene vedere la cofa i dal che ne fuccedono facil- 
mente nella Pittura non piccoli errori. Aggiugni a quello, che la 
regola di coftoro faria molto falla, la dove il punto del centro 
fulfe pofto o più alto, o più ballo de la ftatua del huomo dipinto: 
conciofia che tutti quei che fanno , diranno che nefluna de le cofc 
dipinte , conforme alle vere , fé ella non farà pofta con certa rego- 
la diftante dall'occhio, non fi potrà fguardare, né difcernere. De 
la qual cofa efporremo la ragione, fé mai noi fcriveremo di quelle 
dimoflrationi de la Pittura, le quali già fatte da noi, gH amici 
noftri mentre le guardavano con maraviglia, le chiamarono i mira- 
coli de la Pittura. Imperoche tutte quefte cofe che io ho dette prin- 
cipalmente fi afpettano a quella parte : ritorniamo adunque a pro- 
pofito . ElTendo quefte cofe cofi fatte, io perciò ho trovato quello 
ottimo modo. In tutte le altre cofe io vo dietro alla medefima 
linea, & al punto del centro, & alla divifione de la linea che 
diace , & al tirare dal punto le linee a ciafcuna de le divifioni de 
la linea che diace . Ma nelle quantità da traverfo io tengo quefto 
ordine . Io ho uno fpatio piccolo , nel quale io tiro una linea di- 
ritta : quefta divido in quelle parti che è divifa la linea, che diace 
del quadrangolo . Di poi pongo fu alto un punto fopra quefta li- 
nea tanto alto , quanto è la altezza del punto del centro nel qua- 
drangolo , da la linea diacentq divifato, &: tiro da quefto pun- 
to a ciafcuna divifione di effa linea le loro linee. Di poi determi- 
no quanta diftantia io voglio che fia, infra lo occhio di chi ri- 

guar- 



I50 DELLA PITTURA 

guarda & lii Pittura, & quivi ordinato il luogo del taglio, con una 
linea ritta a piombo , fo il tagliarnento di tutte le linee che ella 
truova . Linea a picmbo è quella che cadendo fopra un altra linea 
diritta, cauferà da ogni banda gli angoli a fquadra . [Ta<v. ll.Fig. ^) 
Quefta linea a piombo mi darà con le fue interfecationi adunque 
tutti i termini de le diltantie che haranno ad eflerc infra le linee a 
traverfo paralelle del pavimento, nel qual modo io harò difegnate 
nel pavimento tutte le paralelle i de le quali quanto elle fieno tirate 
a ragione, ce ne darà inditio, fé una medefìma continovata linea 
diritta farà nel dipinto pavimento, diametro de quadrangoli congiun- 
ti inlìeme : Et è apprello a Matematici il diametro di un quadran- 
golo , quella linea diritta che partendofi da uno de li angoli va ali* 
altro a lui oppoflo , la quale divide il quadrangolo in due parti, 
talmente che facci di detto quadrangolo duoi triangoli . Dato adun- 
que diligentemente fine a quefte cofe, io tiro di nuovo di fopra un 
altra linea a traverfo, ugualmente lontana da le altre di fotto, la qua- 
le interfeghi i duoi lati ritti del quadrangolo grande, & paffi per 
il punto del centro. Et quella linea mi ferve per termine, & coVifì- 
ne , mediante il quale nelTuna quantità eccede la altezza dell' occhio 
del rifguardante . Et perche ella pafTa il punto del centro , perciò 
chiamafì centrica. Dal che avviene che quelli huomini che faranno 
dipinti infra le due più oltre linee paralelle, faranno i medefimi 
molto minori che quegli che faranno fra le anteriori linee paralel- 
le: ne è per qucflo che ei fieno minori de gli altri, ma perche fo- 
no pili lontani , apparifcono minori , la qual cofa in vero ci dimo- 
flra mani fedamente la natura che cofi fia . Percioche noi veggiama 
per le Chiefe i capi de gli huomini che fpaffeggiano, quafi andare 
fempre ad una medefìma altezza uguali , ma i piedi di coloro che 
fono affai lontani , ci pare che corrifpondino alle ginocchia di co- 
loro che ci fon dinanzi . Tutta quefla regola del dividere il pavi- 
mento principalmente fi afpetta a quella parte de la Pittura, la qual 
noi al fuo luogo chiameremo componimento. Et e tale, che io 
dubito che per effer cofa nuova , & per brevità di quefli miei com- 
mentarii , ella habbi ad effer poco intefa da chi legge j imperochc 
fi come facilmente conofciamo, mediante le opere antiche, che el- 
la appreffo de noflri maggiori per elìere ofcura & difficile non fu 
conofciuta : Conciofia che appreflo de gli antichi durerai una gran 
fatica a trovare hifioria alcuna che fìa ben comporta, ben dipinta, 
ben formata, o bene fcolpita. Per la qual cofa io ho dette quefte 
cofe con brevità, & come io penfo, non anco ofcuramente. Ma io 
conofco chente , & quali elle fono, che ne per loro potrò acquiftar- 
mi alcuna lode di eloquentia, & coloro che non le intenderanno 
alla prima vifU, dureranno grandiffima fatica a poterle giammai com- 

prea- 



LIBRO PRIMO. 151 

prendere. Sono quefte cofc facililTime (?c helliffime a gli ingegni fottilif- 
fìmi & inclinati alla Pittura, in qualunque modo elle fi dichino, ma 
a gli huomini rozzi & poco atti , o inclinati da natura a quelle nohi- 
liffime arti, ancorché di cÌXq fi parlaffe eloquentiirimamente, (nricno 
poco grate, & forfè che quefte medefime cofe recitate da noi brevif- 
fimamente fenza alcuna eloquentia, faranno lette non fenza fartidio. 
Ma 10 vorrei che mi iuffe perdonato , fé mentre che principalmente 
10 ho voluto edere intefo , 10 ho attefo a fare che il mio fcriver fia 
chiaro, più tofio che comporto ed ornato, & quelle cofe che fegui- 
ranno , arrecheranno per quanto io fpero , manco tedio a quei che 
leggeranno . Noi habbiamo adunque trattato de triangoli , della pira- 
mide , del taglio, & di quelle cofe che ci parevano da dire. De le 
quali cofe nientedimeno 10 ero folito ragionare con gli amici miei 
molto più lungamente con una certa regola di geometria , & mo- 
llrar loro le cagioni , perche cofi avenifle , il che io ho penfato di 
lanciare indietro per brevità in quefti miei commentarii . Perche io 
in quefto luogo ho racconto folamente i primi pnncipii de la Pit- 
tura, & li ho voluti chiamare 1 primi principii, percioche ei fono 
i primi fondamenti dell' arte per i Pittori che non lànno . Ma ei 
fon tali, che coloro che gli intenderanno bene, conofceranno che 
gli gioveranno non poco, quanto allo ingegno, & quanto a cono- 
fcere la diffinitione de la Pittura, & quanto ancora a quelle cofe 
che noi doviamo dire . Et non fia alcuno che dubiti , che colui 
non diventerà giammai buon Pittore, che non intenda eccellente- 
mente quel che nel dipignere ei cercherà di fare. Imperoche in va- 
no fi tira lo arco , fé prima non hai deffignato il luogo dove tu 
VUOI indirizzare la freccia. Et vorrei certamente che noi ci perfua- 
dedimo , colui fblo effere per diventare ottimo Pittore, il quale bo- 
ra ha imparato a collocare ottimamente tutti i d* intorni , & tutte 
le qualità de le fuperHcie. Et per il contrario io affermo che non 
riufcirà mai buon Pittore colui, che non fàprà efattamente, & di'i- 
gentiffìmamentc le cofe che habbiamo dette. Et però è flato necef- 
fario tutto quello che fi è detto de le fuperficie , & del taglio. 
Rella bora che fi ammaeftri il Pittore , del modo che egli harà a 
tenere nello immitar con la mano, le cofe che egli fi farà immagi- 
nato prima nella mente . 



DELLA 



DELLA PITTURA 

D I 

LEONBATISTA ALBERTI 

LIBRO SECONDO. 

MA perche quefto Audio de lo imparare potrà forfè parere 
troppo faticofo a giovani , perciò mi par da moftrar in 
quefto luogo quanto la Pittura fia non indegna da potervi 
mettere ogni noftro ftudio Se ogni nollra diligcntia. Conciona che 
ella ha in fé una certa forza divina tal che non folo ella fa quel 
che dicono, che fa la amicitia , che ci rapprefenta in effere le perfo- 
ne che fono lontane , ma ella ci mette innanzi a gli occhi ancora 
coloro , che già molti & molti anni fono fon morti , talché fi veg- 
gono con grandiffima maraviglia del Pittore , & dilettatione di chi 
li riguarda . Racconta Plutarco che Caffandro uno de Capitani di 
Alellandro, nel vedere la effigie del già morto Aleiìandro, cono- 
fcendo in elTa quella maeftà regale cominciò con tutto il corpo a 
tremare . Dicono ancora che Agefilao Lacedemoniefe fapendo di ef- 
fere bruttifTimo, non volle che la fua effigie Riiìe veduta da defcen- 
denti , & perciò non li piacque mal efler ne dipinto , ne fcolpito da 
nefluno . Si che i volti de morti vivono in un certo modo una lun- 
ga vita, mediante la Pittura. Et che la Pittura ci habbi efpreflo gli 
Dii, che fono reveriti da le genti, è da penfare che ciò fia llato 
un grandilTimo dono concedo a mortali . Conciofia che la Pittura 
ha giovato troppo grandemente alla religione , mediante la quale 
noi iìamo principalmente congiunti a gli Dii, & al perfeverare gli 
animi con una certa intera religione. Dicono che Fidia fece in Eli- 
de un Giove , la bellezza del quale aggiunfe affai alla già concepu- 
ta religione . Ma quanto la Pittura giovi alli honoratifj'imi piaceri 
de lo animo , & quanto ornamento ella arrechi alle cole , iì può 
d' altronde & da quello principalmente vedere , che tu non troverai 
quafi per lo più cola alcuna benché preciofa, che per la accompa- 
gnatura de la Pittura non diventi molto più cara , & molto più 
pregiata . Lo avorio , le gemme , & le cofi fatte cofc pregiate , 
diventano, mediante la mano del Pittore, più preciofc . Lo oro 
fteffo ancora adornato da la Pittura , è filmato molto più che 
lo oro. Anzi non che altro il piombo più di tutti gli altri me- 
talli viliffjmo, fé Fidia o Praffitele ne avellerò con le lor ma- 
ni fatto una ftatua, (ària per avventura tenuta più in pregio, che 

non 



LIBRO SECONDO. 153 

non farebbe altrettanto argento rozzo &C non lavorato. Zeufì Pitto- 
re haveva incominciato a donare le Tue cofe , perche come ei 
diceva , elle non fi potevano pagare con qual fi voglia prez- 
zo . Conciofìa che egli giudicava che non fì potelTe trovar 
prezzo alcuno , che potelTe fatisfare a colui che nel dipignere , o 
icolpirc gli animali , fufTe quafì che uno altro Dio infra i mortali . 
Ha qudìc: Iodi adunque la Pittura , che coloro che ne fono maeftri , 
non folamcnte fi maravigliano de le opere loro, ma fì accorgono ef- 

fcre fìmililfimi asli Dii . Che dirò io che la Pittura è o la maeftra 

... 
di tutte le arti , o almanco il principale ornamento ? Imperoche lo 

Architettore , fé io non mi inganno , ha prefo dal Pittor folo le ci- 
ma fé , i capitelli, le bafe , le colonne, le cornici , t?^ tutte le altre co- 
fi fatte lodi degli ediHzii . Imperoche il Pittore mediante la regola &C 
la arte fua ha infegnato , &C dato modo a gli fcarpellini , a gli 
fcultori , (Ik; a tutte le botteghe de fabbri , de legnaiuoli , & di tutti 
coloro che lavorano di fabriche manuali , talché non fi ritroverà fi- 
nalmente arte alcuna , benché abiettiffima , che non babbi riguardo 
alla Pittura , onde io ardirò di dire che tutto quel che è di orna- 
mento nelle cofe, fìa cavato da la Pittura. Ma principalmente fu 
da gli antichi honorata la Pittura di qucfto honore , che effcndo 
flati chiamati quafi la maggior parte de gli altri artefici , Fabbri ap- 
preffo de latini , il Pittor folo non fu annoverato infra i Fabbri . 
Le quali cofe cffendo cofi , io fon foliro di dire infra gli amici 
miei che lo inventore de la Pittura fu , fecondo la fententia de' Poe- 
ti , quel Narcifo che fi convertì in fiore . Percioche ellendo la Pit- 
tura il fiore di tutte le arti , ben parrà che tutta la favola di Nar- 
cifo fia bcnillimo accomodata ad ella cola . Imperoche , che altra 
cofa è il dipingere, che abbracciare & pigliare con la arte quella 
fupcrficie del fonte ? Penfava Quintiliano che i Pittori antichi fuffe- 
ro foliti a difegnare le ombre, fecondo che il Sole le porgeva, «^ 
che poi l'arte fia di mano in mano con aggiugnimenti accrcfciuta . 
Sono alcuni che raccontano che un certo Filocle Egittio , 6c un 
Cleante , ne fo io quale , fuffino i primi inventori di quefta arte , 
Ci Egittii affermano che appreffo di loro era fiata in ufo la Pittura 
fei milla anni prima che ella fufTe tranfportata in Grecia , &(. i no- 
ftri dicono che ella venne di Grecia in Italia dopo che Marcello 
hebbe le vittorie di Sicilia. Ma non importa molto il fapere 1 pri- 
mi Pittori , o gli inventori de la Pittura . Conciofìa che noi non 
vogliamo raccontare la hifloria de la Pittura come Plinio , ma nuo- 
vamente trattare de la arte . De la quale fino a quefta età non ce 
ne e memoria alcuna lafciataci che io babbi villa da gli fcrittori 
antichi : Ancor che ei dicono che Eufranore Hifchimio fenile non 
fb che de le mifure &C de colori : Et che Antigono &: Xenocratc 

V fcrif- 



154 DELLA PITTURA 

fcriflono alcune cofe de le Pitture , &: che Apelie ancora mefìfe de 
la Pittura alcune cofe infieme , &c le mandò a Perfeo . Racconta 
Laertio Diogene che Demetrio Filofufo ancora fcrifìe alcuni com- 
menti de la Pittura . Oltra di quefto io Aimo ancora che efTendo 
da noftri paffati ftate melTe in fcritto tutte le buone arti , che la 
Pittura ancora non fulTe ftata lafciata in dietro da noflri fcrittori 
Italiani . Imperoche furono in Italia antichifTimi gli Etrufci , valoro- 
fìfTimi più di tutti gli altri ne la arte de la Pittura . Crede Trime- 
gifto antichilTimo fcrittore che la Pittura & la Scoltura nafceOero 
mfieme con la religione, imperoche egli difie coli ad Afclepio: La 
humanità ricordevole de la natura & dell' origine Tua , figurò gli 
Dii da la fimilitudine del volto Tuo . Et chi fia quello che nieghi , 
che la Pittura non fi fia attribuita a fé flelTa in tutte le cofe , cofi 
publiche , come private , cofi fecolari , come religiofe , tutte le più 
honorate parti ? talché non troverò artificio alcuno apprelTo de mor- 
tali che da ciafcuno ne fia fatto conto maggiore . Raccontonfi pregi 
quafi incredibili de le tàvole dipinte . Ariltide Thebano vendè una 
Pittura fi^la , cento talenti , cioè , feflanta mila fiorini . Raccontano 
che la tavola di Protogene fu cagione che Rodi non fulTe abbruc- 
ciato dal Re Demetrio , perche non voleva che detta tavola arde(^ 
fé . PofTiamo adunque affermare , che Rodi fu rifcattato da li ini- 
mici per una fola Pittura . Sonfi meffe infieme , oltre a quefte , 
molte altre cofe fimili , per le quali potrai comodamente intendere , 
che i buoni Pittori fono Itati fempre grandemente lodati, & havuti 
in pregio da ciafcuno, talché i nobiliifimi , & preftantiffimi Citta- 
dini , & i Filofofi , & i Re fi fon dilettati non folo de le cofe di- 
pinte , ma del dipignere ancora . Lucio Manilio Cittadino Romano , 
& Fabio in Roma huomo nobilifi'imo fumo Pittori . Turpilio Ca- 
valiere Romano dipinfe in Verona . Sitedio Pretore , & Pioconfule 
fi acquiftò nome con il dipignere . Pacuvio Poeta Tragico , nipote 
di Ennio Poeta , nato de la figliuola , dipinfe nella piazza , Herco- 
le . Socrate , Platone , Metrodoro , & Pirro Filofofi , furono eccel- 
lenti nella Pittura. Nerone, Valcntiniano , & Aleflandro Severo Im- 
peratori , furono fludiofifiimi del dipignere . Sana coia lunga rac- 
contare quanti Principi , & quanti Re fono ftati inclinati a quella 
nobilifiima arte . Et non è ancora ragionevole ftare a raccontare 
tutta la infinita moltitudine de Pittori antichi , la quale quanto fia 
ftata grande , fi può vedere da quello i che in manco di quattro- 
cento giorni furono del tutto finite a Demetrio Valerio figliuolo di 
Fanoftrate, trecento feiTanta ftatue , parte fopra i lor cavalli, parte 
fopra ì carri , ài parte fopra i cocchi . Et fé in quella Città fu tan- 
to il gran numero de li Scultori , flaremo noi in dubbio che non 
vi fuflino Pittori infiniti ? Sono veramente la Pittura & la Scoltura 

arti 



LIBRO SECONDO. 155 

arti congiunte infieme di parentado , ài nutrite da un medefìmo 
ingegno . Ma 10 anteporrò Tempre lo ingegno del Pittore , come 
quello che fi apatica in cofa molto più difficile . Ma torniamo a 
propofito . Infinita fu la moltitudine de Pittori , & de li Scultori 
in quei tempi , conciofia che i Principi , OC i plebei , i dotti , & 
gli ignoranti fi dilettavano de la Pittura . Et coftumandofi infra le 
prime prede che efli conducevano de le provincie , a metter in 
publico nel Teatro le tavole , &C le ftatue , la cofa andò tanto in- 
nanzi , che Paulo Emilio , &C alcuni altri non pochi Cittadini Ro- 
mani , feciono infegnare a i figliuoli per bene , & beatamente vive- 
re infieme con le buone arti, la Pittura. Il quale ottimo coftume 
appreffo de Greci fi oiTervava grandifiimamente , che i giovanetti 
nobili & liberi bene allevati , imparavano infieme con le lettere la 
geometria , & la mufica , & l' arte ancora del dipigneie . Anzi la 
facultà del dipignere fu ancora cofa honorata alle donne : E cele- 
brata da gli Scrittori Martia figliuola di Varrone , perche ella feppe 
dipignere . Et fu certamente in tanto pregio , & degna di tanta lo- 
de la Pittura apprefio de Greci , che ei vietarono per publica deli- 
bcratione , che non fufie lecito a fervi imparare la Pittura s ne que- 
fto veramente fenza ragione , imperoche la arte del dipignere è ve- 
ramente degniifima de gli animi liberali & nobilifiimi : &: quanto a 
me è paruto fcmpre uno inditio di ottimo & eccellente ingegno 
quello di colui che io ho faputo che fi diletti grandemente de la 
Pittura. Et è quefta arte fola quella che parimente diletta grande- 
mente & a dotti & a gli ignoranti , la qual cofa non occorre mai 
in alcuna altra arte , che quella cofa che diletta a quei che fan- 
no , commuova ancora gli ignoranti . Et non troverai nelluno 
che facilmente non defiderafie grandemente di haver fatto pro- 
fitto nella Pittura . Et è manifefto che efia natura fi diletta nel di- 
pignere . Conciofia che noi veggiamo che la natura figura ne mar- 
mi , i centauri , &C i volti de Re con le barbe . Anzi dicono che 
in una gioia di Pirro , vi fur dipinte da la natura ftelfa le nove 
Mufe con le loro infegne . Aggiugni a quefte cofe che ei non è 
quafi arte nefiuna , nella quale gli huomini che fanno &: quei che 
non fanno , nello impararla & nello efercitarla fi affatichino con 
tanto diletto tutto il tempo de la vita loro , piiì che in qucfia . 
Siami lecito di dire quel che interviene a me : fé mai accade che 
per mio piacere & per mio diletto io mi metta a dipignere , il 
che io fo molto fpefib , quando mi avanza tempo da le altre fac- 
cende , io ito fifio con tanto mio piacere a far quella opera che a 
gran pena poflo credere che io vi fia ftato tanto che fieno già paf- 
fatc tre o quattro hore : fi che quefta arte apporta feco diletto , 
mentre che tu la honorerai , 6c lodi & ricchezze, & fama perpetua 

V 2 men- 



155 DELLA PITTURA 

mentre che tu la farai eccellentilTimamente . La qual cofa cflendo 
cofì , poi che la Pittura è un ottimo & antichifTimo ornamento de 
le cofe , degna di huomini liberi , grata a dotti & a gli indotti , 
conforto quanto maggiormente pollo gli ftudiofi giovani , che per 
quanto ei portino , diano grandemente opera alla Pittura . Dipoi 
avertifco coloro che fono ftudiofiO'imi de la Pittura , che vadino 
dietro ad imparare cda perfetta arte del dipignere , non perdonando 
ne a fatica , ne a diligcntia alcuna . Siavi a cura , voi che cercate 
efier eccellenti nella Pittura , la prima cofa , il confìderare che no- 
mi & che fama fi acquiiiarono gli antichi . Et vi gioverà di ricor- 
darvi che fempre la avaritia è ftata inimica alla lode & alla virtù . 
Conciofia che lo animo intento al guadagno, rare volte acquifera 
il frutto de la pofterità . lo ho veduti alcuni quafi in fu '1 bello 
de lo imparare , fubito enTerfi dati al guadagno , & perciò non 
hanno poi acquiftatofi ne ricchezze ne fama alcuna , i quali fé ha- 
veffino con lo ftudio avezzato lo ingegno , farebbon facilmente di- 
ventati famofi , la onde ne harebbon cavato ricchezze & diletto : 
per tanto fia di loro infino a qui detto a baftanza . Hor torniamo 
a propofito . Noi dividiamo la Pittura in tre parti , la qual divifio- 
ne habbiamo cavata da effa natura , Imperoche ingegnandofi la Pit- 
tura di raprefentarci le cofe vedute , confideriamo in che modo effe 
cofe venghino alla veduta noftra . Principalmente quando noi fqua- 
driamo qualche coia , noi veggiamo quella cofa effer un certo che , 
che occupa luogo. Et il Pittore circonfcriverà lo fpazio di quefto 
luogo i & quefto modo del tirare i d' intorni con vocabolo conve- 
niente chiamerà circonfcrittione . Dopo quefto nel guardare noi con- 
fideriamo in che modo fi congiunghino infieme le diverfe fuperfi- 
cie, del veduto corpo, infra di loro, & difegnando il Pittore qucfti 
congiugnimenti de le fuperficie a lor luoghi , potrà & bene chia- 
marlo il componimento. Ultimamente nel guardare noi difcerniamo 
pili diftintamente i colori de le fuperficie , & perche il raprefenta- 
mento di quefta cofa nella Pittura , riceve quafi fempre tutte le 
fue differentie da i lumi , commodamente noi potremo ciò chiama- 
re il ricevimento de lumi , 1 d' intorni adunque , il componimento , 
& il ricevimento de lumi fanno perfetta la Pittura. Reftaci adun- 
que a trattare di quelle cofe brevilfimamente , & prima de d' intor- 
ni , ò vero de la circonfcrittione , la quale è quel tirare che fi fa 
con le linee a torno a torno de d' intorni , da moderrri detto dife- 
gno . In quefto dicono che Parrafio Pittore , quello che Senofonte 
introduce a parlare con Socrate , fu eccellentiffimo : Percioche ei 
dicono eh' egli confiderò fottilifiimamente le linee . Et in quefto 
difegno penfo che principalmente fi abbia a procurare , eh' egli fi 
faccia con linee fottililTime , & che al tutto non fi difcernino da 

r oc- 



LIBRO SECONDO. 157 

1' occhio , li come dicon che folcva fare Apelle Pittore nello elcr- 
citar(ì , &C combattere a chi più fottili le faceva , con Protogene . 
Imperoche il difegno non è altro , che il tirare de d' intorni , il 
che fé fi farà con linee che apparifchino troppo , non parranno 
margini de le fuperticie in effa Pittura , ma parranno alcune felTu- 
rc . Dipoi io delìdererei che nel difegno non fi andaffe dietro ad 
altro che al circuito de d'intorni. Nel qual difegno io affermo che 
ci bifogni efercitarvili vehementemente . Conciolìa che neiìuno com- 
ponimento , nelTuno ricevimento di lumi mai farà lodato fé non vi 
farà difegno. Anzi il difegno folo , il più de le volte, è gratiffimo. 
Diafi adunque opera al difegno, & ad imparar beniflimo quefto 
non credo che fi pofla trovar cofa alcuna più accomodata , che 
quel velo che io infra gli amici miei foglio chiamare il taglio , il 
modo del ufare il quale fono ftato io il primo che lo babbi tro- 
vato, & è cofi fatto. Io tolgo un velo di fila fottiliffime , telTuco 
rado, & fia di qual fi voglia colore, quello divido 10 di poi con 
fila alquanto più grolTe , facendone quadri quanti mi piace fopra un 
telaio tutti uguali , & lo metto in fra lo occhio &: la cofa da ve- 
derfi , accio che la piramide vifiva penetrando palli per le rarità 
del velo . Ha veramente quefto taglio del velo in fé non poche 
comodità : la prima cofa , egli ti raprefenta fempre le medefime fu- 
perHcie immobili , conciofia che pollivi una volta 1 termini^ trove- 
rai fubito la primiera punta de la piramide , con la quale tu inco- 
minciarti i il che fenza quefto taglio del velo è cofa veramente dif- 
ficiliffima. Et fai quanto fia impoffibile nel dipignere , mutarfi ret- 
tamente alcuna cofa , perche non mantiene perpetuamente a chi di- 
pigne il medefimo afpetto &C veduta : &c da quello aviene che più 
facilmente fi alfomigliano quelle cofe che fi ritraggono da le cofe 
dipinte, che quelle che fi ritraggono da le fculture . Sai ancora 
oltra di quefto, quanto effa cofa veduta, paia alterata, mediante il 
mutamento de lo intervallo , ò de la pofitura del centro . Per tanto 
il velo o la rete ti arrecherà quefta non piccola utilità che la colà, 
fempre ti fi aprefenterà alla villa la medefima. L'altra utilità, è 
che tu potrai collocare facilmente nel dipignere la tua tavola , in 
luoghi certi iTimi , 1 fiti de dintorni, & i termini de le fuperficie . 
Imperoche vedendo tu in quella maglia de la rete la fronte , & in 
quella che li è a canto, il nafo , & nella più vicina poi le gote, 
in quella difotto il mento , &: tutte le altre cofe cofi fatte , dilpolle 
a loro luoghi : potrai medefimamente collocarle beniflimo fu la tua 
tavola o nel muro fcompartiti ancor elfi con una rete uguale a 
quella . Ultimamente quefta rete o velo porge grandilTima comodità 
& ajuto a dar perfettione alla Pittura i percioche tu vedrai efta 
cofa rilevata &c gonfiata difegnata, & dipinta in quella pianura de 

la 



15S DELLA PITTURA 

la rete . Mediante le quali cofe , poffiamo facilmente & per il giù- 
ditio 6c per la efperientia conofcere, quanta utilità ne prefti c(Ta 
rete, a bene & perfettamente dipignere. Ne mi piacciono coloro 
che dicono che ei non è bene che i Pittori fi alTuefacclno a queftc 
cofe , le quali fé bene arecano grandifTimo aiuto al dipignere , fono 
nondimeno tali , che fenza elle , un Pittore a gran pena potrà mai 
far da fé ftelTo cofa alcuna . Conciofia che noi non ricerchiamo che 
il Pittore , fé io non mi inganno , habbi a durare una fatica infini- 
ta 3 ma lodiamo quella Pittura che ha gran rilievo , & che ci paia 
molto fimile a corpi che ella ha a raprefentare . La qual cofa cer- 
tamente non fo io vedere in che modo pofla riufcire ad alcuno 
pur mediocremente fenza lo aiuto de la rete. Servinfi adunque di 
quefto taglio , cioè di quefta rete coloro che fi affaticano di far 
profitto . Che fé pure faranno alcuni che fenza rete lì dilettin di 
efperimentare lo ingegno , procaccinfi con la vifta quefta fteffa regola 
de le maglie , tal che fempre quivi Ci immaginino effer tagliata una 
linea a traverfo , da una altra fatta a piombo , la dove effi ftatui- 
ranno il termine guardato nella Pittura . Ma perche il più de le 
volte a Pittori non pratichi appari fcon dubij & incerti i d' intorni 
de le fuperficie, come interviene ne volti, ne quali non difcernono 
tal volta in qual luogo principalmente fieno terminate le tempie da 
la fronte , perciò bifogna infegnar loro , in che modo e' poflino im- 
parare a conofcere quefta cofa . La natura veramente ce lo infegna 
benuTimo . Percioche , fi come noi veggiamo nelle fuperficie piane , 
che fon belle quando elle hanno i loro propri lumi , &C le loro 
proprie ombre , cofi nelle fuperficie sferiche & concave ci pare che 
elle ftieno bene quando che elle quafi divife in più fuperficie hanno 
diverfe macchie di ombre &c di lumi . Tutte le parti adunque cia- 
fi:una da per fé che hanno differenti lumi & differenti ombre , (ì 
hanno a confiderare come altrettante fuperficie , che fé una veduta 
fiaperficie continoverà da la fua ombra mancando a poco a poco 
fino al fuo maggior lume , fi debbe alhora fegnare con una linea 
il mezzo che è infra 1' uno fpatio & 1' altro , accio che fi habbi 
manco dubbio de la regola che tu barai a tenere nel colorire lo 
fpatio . Reftaci a trattare ancora qualche co(a del dife^nq , il che 
fi afpetta non poco veramente al componimento : però e ben fa- 
pere , che cola fia il componimento nella Pittura . Et veramente il 
componimento quel modo o regola nel dipignere , mediante la 
quale tutte le parti fi compongono infieme nell' opera de la Pit- 
tura . Grandiffima opera del Pittore è la hiftoria : le parti de la 
hiftoria fono i corpi : le parti del corpo fono le membra : le par- 
ti de le membra , fono le fuperficie . Et effendi il difegno , quel- 
la regola o modo del dip'gncre , mediante il quale difegnano i 

d' in- 



LIBRO SECONDO. ijp 

d' intorni a ciafcuna de le fuperficie , &: de le fuperficie eiTendone 
alcune piccole , come quelle de gli animali , & alcune grandifTime 
come quelle de colofTì & de gli edifici] i del di.'cgnare le fuperficie 
piccole , baftino quegli ammaellramenti che fi fon detti fino a qui . 
Conciofia che ei fi è dimoftro come elle ii difegnano bene con la 
rete. Ma nel difegnare le fuperficie maggiori ci bifogna trovare al- 
tra regola. Per il che ci bifogna ridurre alla memoria tutte quelle 
cofe che fi Ibno infegnate di fopra de le fuperficie , de razzi , de la 
piramide, del taglio. Finalmente tu ti ricordi di quel che io difi'i 
de le linee parallele, de lo fpazo o pavimento, & del punto cen- 
trico , & de la linea . Sopra del pavimento adunque difegnato con 
le linee parallele, fi hanno a rizzare le alie de muri, & qual altre 
cofe fimili il vogliano , che noi chiamiamo fuperficie ritte . Dirò 
adunque brevemente quel che io fo nel rizzare quefi:e cofe , La pri- 
ma cola io mi incomincio da elfi fondamenti , 6c difegno nel pavi- 
mento la larghezza & la lunghezza de le mura ; nel difegnare la 
qual cofa io ho imparato da la natura , che da una veduta fola 
non fi può vedere più che due fuperficie congiunte infieme ritte 
dal piano di qual fi voglia corpo quadrato fatto ad angoli a fqua- 
dra . Nel difegnare adunque i fondamenti de le mura , io ofiervo 
quefto di tirare folamente quelle faccie o lati , che mi f\ aprefen- 
tano alla veduta . Et la prima cofa io comincio da le fuperficie 
che mi fono più vicine , & da quelle mafi'imo che fono parimente 
lontane dal taglio. Per tanto io difegno quelle inanzi alle altre, 
& delibero mediante effe linee parallele difègnate nel pavimento , 
quanto io voglio che effe mura fieno lunghe & larghe . Imperoche 
io piglio tante parallele quanto io voglio che elle fiano braccia , & 
piglio il mezo de le parallele da la fcambievole interfegatione di cia- 
scun diametro di efie parallele . Si che per quefiia mifura de le pa- 
rallele , io difegno benifl^imo la larghezza & la lunghezza di elTe 
mura che fi rilevano di fui piano . Dipoi confeguiico da quefio 
non difficilmente ancora la altezza de le fuperficie. Imperoche quel- 
la mifura che è infra la linea centrica & quel luogo del pavimento 
donde incomincia a rilevarfi la quantità de lo edificio , tutta quella 
quantità offerverà la medefima mifura . Et fé tu vorrai che cotefìa 
quantità che è dal pavimento alla cima , fia per quattro tante 
quanto la lunghezza del huomo dipinto, & la linea centrica farà 
porta alla altezza de 1' huomo , faranno veramente allhora da la 
più bafia parte de la quantità infino alla linea centrica tre braccia . 
IVIa tu che vuoi che quefta quantità crefca fino alle dodici brac- 
cia , tira allo in fu per tre volte quella quantità che è dal 
da bafi'j fino alla linea centrica . Pon"iamo adunque mediante le 
regole addotte del dipignere , difegnare bene tutte le fuperficie 

ango- 



i6o DELLA PITTURA 

anoolari {Ta<-j. IL T'ig. y). Reftaci a trattare del difegnare con i loro 
d" intorni le luperficie circulari . Le fuperficie in cerchio vera- 
mente fi cavano da le angolari , il che io fo in quefto modo . 
Io difegno dentro ad un quadrangolo di lati uguali , & di an- 
goli a Iquadra un cerchio , & divido i lati di quefto quadrangolo 
m altretante parti , in quante fu divifa la linea di fotto del qua- 
draroolo in la Pittura , & tirando le linee de le divifioni da 
ciafcuno punto di effe all' altro a lui oppofto , riempio quello 
fpatio di piccoli quadrangoli , & fopra vi difegno un cerchio 
quanto io lo voglio grande , di maniera che elio cerchio & le 
paralelle fcambievoìmente fi interfeghino infieme , & noto i luo- 
ghi di tutti 1 punti de le interfegationi , i quai luoghi fegno 
ancora in efTe paralelle del pavimento difegnato in Pittura , o 
Profpettiva . Ma perche farebbe una fatica ellrema interfegare con 
fpefTilTime , & quafi infinite paralelle tutto il cerchio , fino a 
tanto , che con un numerofo fegnamento di punti ^\ continove- 
rebbe il d' intorno del cerchio : Et però io noto folo con ot- 
to , o con quante più mi piaceranno interfegationi , & dipoi 
tiro mediante lo ingegno la circunferentia o ambito del cerchio 
alli già fegnati termini . Forfè farebbe fìrada più breve , dife- 
gnar quefto d'intorno all'ombra di lucerna-, pur che il corpo, 
che caufàlTe l' ombra , ricevefie il lume con regola certa , & luffe 
porto al fuo luogo . ( Ta^. IL Flg. 6. ) Si che noi habbiam detto , 
come mediante gli aiuti de le paralelle fi difegnino le fuperficie 
maggiori angolari , & circolari . Finito di trattare adunque di o- 
gni forte di difegno , ci rerta a trattare del componimento . E 
veramente il componimento quella regola del dipignere , median- 
te la quale le parti fi compongono infiemc nel lavoro de la 
Pittura . La maggior opera che taccia il Pittore , non è una {ta- 
tua grande quanto un colofio i ma e una hiRoria . Concioha che 
fi truova maggior Lde d'ingegno in una hiftoria , che in un 
Colofìo . Le parti de la hiftoria fono i corpi , le parti de corpi 
fono le membra , &: le parti de le membra fono le fuperficie , 
perche di queRe fi fanno le membra, de le membra i corpi, 
de corpi la hiitoria , de la quale fi fa quella ultima , veramen- 
te & perfettamente finita opera del Pittore . Dal componimento 
de le fuperficie , ne nafce quella leggiadria & quella gratia , che 
coftoro chiamano bellezza. Conciofia , che quel vifo che harà al- 
cune fuperficie grandi & alcune piccole , che in un luogo efchi- 
no troppo infuori , & nell' altro d nafcondin troppo adentro , co- 
me fi vede ne vifi de le vecchie , farà quefio a vederfi certa- 
mente cofa brutta . Ma in quella faccia , nella quale le fuperfi- 
cie faranno di maniera congiunte inficme , che i dolci lumi d 

con- 



LIBRO SECONDO. 1,^1 

convertmo a poco a poco in ombre foavi , &C non vi faranno 
alcune afprezze di angoli , quefta chiameremo noi a ragione fac- 
cia bella , & che ha venufth . Adunque in quefto componimento 
de le fuperficie bifogna andar invcftigando grandemente la gratia 
&: la bellezza. Ma in che modo noi poflìamo ottener quefto , 
io non ho trovata via più certa , che andar a conllderare la 
natura ftelTa , & però guardiamo diligentiflimamente & per lun- 
ghiiTimo tempo , in che modo la natura maravigliofa artefice de 
le cofe , habbi compofte le fuperficie nelle bellifTime membra. 
Ne lo imitare la quale bifogna efercitarlì con tutti i penfieri &C 
diligentie nollre , &; dilettarli grandemente , come dicemmo de 
la rete . Et quando noi haremo poi cavate le fuperficie da bel- 
lilTimi corpi , & le haremo a mettere in opera , delibereremo 
- Tempre la prima cofa i termini , mediante i quali noi polliamo tira- 
re le linee a luoghi loro deftinati . Bafti haver detto inlìno a qui 
del componimento de le fuperficie. ( Ta^. IL Fig. 7. ) Refta che noi 
diciamo del componimento de membri . Nel componimento de 
membri la prima cola bifogna procurare che tutte le membra 
fra loro fieno proportionate . Dicefi che elle fono bene propor- 
tionate , quando ciìe corrifpondono & quanto alla grandezza , & 
quanto allo officio , & quanto alla fpecie , & quanto a colori , 
& alle altre cofe fimili , fé alcune più ce ne fono , alla bellez- 
za & alla maieftà . Che fé in alcuna figura farà un capo gran- 
dilTimo j uno petto piccolo , una mano molto grande , un pie 
enfiato , un corpo gonfiato , quello componimento in vero farà 
brutto a riguardarlo . Bifogna adunque , quanto alla grandezza , 
tenere una certa regola nel mifurare , la quale giova molto nel 
dipigncre gh animali : andar la prima cofa efaminando con lo 
ingegno , quali fieno 1' oda , che efTì hanno , imperoche quefte , 
perche elle non fi piegano , occupano fempre una fede & luo- 
go certo : Dipoi bifogna porre a luoghi proprii i nervi , &: i 
mufcoli loro: &C ultimamente veftire di carne, & di pelle le 
offa , & 1 mufcoli . Ma in quefto luogo ci faranno forfè di 
quelli che mi riprenderanno , perche io ho detto di fopra , che 
al Pittore non fi afpetta alcuna di quelle cofe , che non ii veg- 
gono . Diranno veramente colloro bene ; ma come nel veftire 
bifogna difcgnar prima fotto lo ignudo , il qual poi noi voglia- 
mo involger a torno di veftimenti , cofi nel dipignere uno ignu- 
do , bifogna prima difporre & collocare a luoghi loro le ofla 
& I mufcoli , quali tu habbi poi per ordine a coprire di car- 
ne & di pelle talmente , che non difficilmente fi habbi a cono- 
fcere in qual luogo fieno fituati effi mufcoli : Ma perche haven- 
do effa natura elplicate tutte quefte mifure & poltccele manzi 

X a gli 



i62 DELLA PITTURA 

a gli occhi , Io ftudiofo Pittore troverà non piccola utilità in 
riconofcere quelle medefìme con la fatica Tua da elTa natura . 
Et però gli ftudioiì piglino quefta fatica , accioche tutto quel 
che di ftudio & di opera elTi haranno pofto in riconofcere la 
proportione de le membra , ei conofchino havergli giovato a te- 
nere ferme nella memoria quelle cofc che cfTì haranno imparate. 
Avertifcoli nondimeno la prima cofa di quefto , che nel mifurare 
lo animale ei fi pigli qualcuno de' membri di cnfo ftelTo anima- 
le , per il quale fi mifurino tutte le altre membra . Vitruvio Ar- 
chitettore mifura la lunghezza del huomo con i piedi . Ma io 
penfo che fia cofa più degna, fé le altre membra fi rapporte- 
ranno alla quantità del capo. Ancor che io ho confiderato che 
per lo più è quafi comune ne gli huomini , che tanta è la mi- 
fiira del piede , quanto è dal mento a tutta la tefla : Si che 
prefo uno di quelli membri , tutte le altre fi hanno ad accomo- 
dare a quefto ■•> talmente che non fia membro alcuno in tutto 
lo animale , che per lunghezza , o larghezza non corrifponda a 
gli altri . Oltra di quefto fi ha ad haver cura , che tutte le 
membra faccino li officii loro , per quel che elle fon fatte . E* 
conveniente ad un che corre , gittar le mani non meno che i 
piedi , ma un Filofofo che facci una oratione , vorrei io che in 
ogni fuo membro fulTe più modefto , che un giuocatore di brac- 
cia . Demon Pittore , efpreffe Hoplicite in un combattimento tal- 
mente che tu direfti che egli fudafte , & uno altro che pofava 
talmente le armi, che tu direfti, ei ripiglia a pena il fiato. Fu 
ancora chi dipinfe UlilTe di maniera , che tu riconofcerefti in lui 
non la vera , ma la finta , & fimulata pazzia . Lodafi , apprelTo 
de Romani , la hiftoria nella quale Meleagro è portato via mor- 
to , & coloro che lo portano , paiono che fi dolghmo , & con 
tutte le membra fi affatichino , & in colui che è morto , non 
vi è membro alcuno, che non appaia più che morto, cioè ogni 
cofa cafca , le mani, le dita, il capo, ogni cofa languida cion- 
dola . Finalmente tutte le cofe convengono infieme ad efprimerc 
la morte del corpo i il che è la più diffìcile di tutte le cofe. 
Imperoche il raffimigliare le membra ociofe in ogni parte in un 
corpo , è cofa di eccellentiffimo maeftro , fi come è il far che 
tutte le membra vive faccino qualche cofa . Adunque in ogni 
Pittura fi debbe offervare quefto , che qualunque fi fieno mem- 
bra faccino di maniera lo officio per il che effe fon fatte , che 
neffuna arteria , ben che minima , manchi de lo officio fuo , 
talmente che le membra de morti paino a capello tutte morte, 
& quelle de vivi tutte vive . AUhora i\ dice che un corpo vi- 
ve , quando da fua pofta ei faccia qualche moto . Et morto 

di- 



LIBRO SECONDO. 16^ 

dicono che è quando le membra non poHbn più cfercitare ^\[ 
officii de la vita, cioè il moto & il fenfo . Adunque quelle im^- 
magini de corpi che il Pittore vorrà che apparifchino vive-, farà 
che in quelle tutti i membri mettino in atto i loro moti , ma 
in ogni moto bifogna andar dietro alla bellezza àc alla gratta. 
Et fono grandemente vivaci & gratiiTimi quei moti de corpi, 
che alzandofi vanno verfo 1' aria . Oltra di quefto dicemmo che 
nel comporre le membra bifognava haver riguardo alla fpecie . 
Imperoche faria cofa molto difconveniente , fé le mani di Elena 
o di Ifigenia apparifTino mani di vecchie o di contadine . O fé 
a Neftore iì tacefTe un petto da giovane, o una tefta dilicata . 
O fé a Ganimede fi facefle una fronte piena di crefpe , o le 
gambe da un giucatore di braccia, o fé a Milone robufìifTimo 
più di tutti gli altri fi facelTero i fianchi fmilzi & fottili . Oltra 
di quefto ancora in quella immagine che harà il volto pieno &C 
graflotto come fi dice, farà cofa brutta far che fé li vegga le 
braccia & le mani ftrutte & confumate da la farne. Et per il 
concrario chi dipingere Achemenide in quel modo & con quel- 
la faccia che Virgilio dice efler ftato trovato da Enea nella Ifo- 
la, fé le altre membra non corrifpondeflfcro a quella magrezza, 
farebbe certo tal Pittore ridicolo &C pazzo . Oltra di quefto vor- 
rei che fi corrifpondelfero fra loro ancor di colore . Imperoche 
quelle immagini che hanno i volti a guifa di rofe , belliflimi , 
& rugiadofi, non è conveniente che habbino i petti 6c le altre 
membra fcure & horribili . Adunque nel componimento de mem- 
bri habbiamo detto a baftanza quel che fi deve offervare quan- 
to alla grandezza, allo officio, alla fpecie, & a colon. Concm- 
fia che ei bifogna che ogni cofa corrifponda, fecondo la venta 
de la cofa. Et non e conveniente fare una Venere, una Mi- 
nerva veftita di Pitocchoi ne fare un Giove, o un Marte vefti- 
ti di una vefte da donna, fana conveniente. I Pittori antichi 
nel dipignere Caftore & Polluce avvertivano che oltre a che e 
pareffero nati ad un corpo, in uno nondimeno fi fcorgeUe una 
natura più robufta , nell'altro una piti agile. Oltra di quefto 
volevano che Vulcano fotto le fue veftì appariOe zoppicante . 
Tanto era lo ftudio che elfi ponevano nello efprimere le cofe 
fecondo lo officio, la fpezie , & la dignità loro. Seguita il com- 
ponimento de corpi nel quale confifte tutto lo ingegno & tutta 
la lode del Pittore i del qual componimento fi fon dette alcune 
cofe attenenti al componimento de membri . Imperoche ci bifo- 
gna che quanto allo officio &c alla grandezza tutti i corpi fi ac- 
cordino infieme nella hiftona . Conciofia che fé tu dip-gneffi in 
-un convito i centauri che tumultuaffino infieme , farebbe cofa da 

X 2 paz- 



,5^ DELLA PITTURA 

fazzi, in tanto sfrenato & beftiale tumulto che vi fufic alcuno 
che adormentato , mediante il vino diacelTe . Oltra di quefto fa- 
rebbe ancora difetto fé gii huomini in uguale diftantia apparif- 
fero maggiori quefti che quelli , come che fé in pittura fi faccf- 
fero i cani grandi quanto i cavagli . Et non farebbe ancor poco 
da vituperare , che io vegho il più de le volte dipinti in uno 
edificio gli huomini come che rinchiufi in un forziere , nel qua- 
le cappiono a gran pena a federe , o riftretti in un cerchio . 
Tutti i corpi adunque debbon confarfi , mediante la grandezza 
& mediante lo officio , a quella cofa per la quale fon fatti . 
Ma la hiftoria che ragionevolmente fia da lodare &C guardare 
con maraviglia , bifbgna che fia tale che con alcuni allettamenti 
fi dimoftri elTer tanta dilettevole & ornata , che intrattenga lun- 
gamente gli occhi di coloro che fanno , & di quei che non 
fanno , con piacere , & con dilettatione de lo animo . La pri- 
ma cofa che ne la hiftoria arreca , & ti porge piacere , è efìà 
copia & varietà de le cofe . Imperoche fi come ne cibi , & ne 
la mufica fempre la nuova & inufitata abbondantia , fi forfè per 
le altre cofe , fi ancora diletta non fenza maraviglia per quella 
caufa che è diverfii , &C differente da le cofe antiche & confuc- 
te : Cofi in ogni varietà di cofe , & in ogni abbondantia lo ani- 
mo fi compiace , & diletta . Et perciò ne la Pittura la varietà 
de corpi , & de colorì è gioconda . Io dirò che quella hiftoria 
è copiofifTima nella quale a lor luoghi faranno mefcolati inficme 
vecchi huomini , giovani , putti , matrone , fanciulle , bambini , ani- 
mali domeftici , cagnoletti , uccelletti , cavalli , pecore , edificii , 
& Provincie > & loderò qual fi voglia abbondantia, pur che ella 
fi confaccia alla cofa che quivi fi vuol raprefentare . Conciofia 
che egli aviene che riguardando, nel confiderar le cofe, confu- 
mon ivi più tempo , & la abbondantia & ricchezza del Pittore 
acquifta gratia . Ma io vorrei che quefta abbondantia fuffe ador- 
na , & preftaffe di fé una certa varietà , grave , & moderata , 
mediante la dignità , & la reverentia , Io non lodo quei Pittori 
i quali per parere copiofi , &C perche non voglion che ne le co- 
fe loro vi rimanga punto di voto , perciò non vanno dietro a 
componimento alcuno , ma feminano ogni cofa fcioccamente & 
confufamenté , per il che non par che la hiftoria raprefenti quel 
che ella vuol fare , ma che tumultui , 6c forfè quel che la pri- 
ma cofa defidererà ne la fua hiftoria , la dignità . Imperoche 
fi come in un Principe il parlar poco arreca maieftà , pur che 
fi intendino i fenfi de le parole , & i comandamenti , cofi in 
una hiftoria un ragionevol numero di corpi arreca degnità , & la 
varietà arreca gratia. Io ho in odio ne la hiftoria la folitudinc, 

nien- 



LIBRO SECONDO. 1^5 

nientedimeno non lodo anco la abbondanti! che difconvcnga alla 
dignità . Anzi nella hiftoria fole grandemente quel che io ve^ho 
cfler ftato oflervato da Poeti tragici & da Comici , ei rapre- 
fentino con manco numero di perfone la favola loro: Et vera- 
mente fecondo il giudicio mio non bifognerà riempire una hillo- 
ria di tanta varietà di cofe , che ella non polTa degnamente ef- 
fer comporta di nove o dieci huomini . Si come io giudico che 
a quello fi appartenga quel detto di Varrone , il quale volendo 
fchifare nel convitare il tumulto , non invitava mai più che no- 
ve . Ma effendo in qualunque hiftoria , gioconda la varietà , quel- 
la Pittura nondimeno è grata a tutti , nella quale le politure &C 
le attitudini de corpi fono fra loro molto differenti . Stieno adun- 
que alcuni da elTere fguardati tutti in faccia , con le mani al- 
te , 6c con le dita rifplendenti , pofati fopra uno de li piedi , 
altri ftieno con la faccia in profilo , & con le braccia a baflo 
& con piedi del pari , & ciafcuno habbia da per fé i fuoi 
piegamenti & le fue attitudini . Altri flieno a federe o ingino- 
chioni , o quafi adiacere : fieno alcuni ignudi fé ciò è conve- 
niente , alcuni altri per il mefcolamento dell' una & dell' altra 
arte vi fiano parte ignudi &: parte vefliti , ma habbifi fempre 
cura alla honeflà & alla reverentia . Conciofia che le parti ver- 
gognofe del corpo , d^ le altre fimili che hanno poco del gratio- 
fo , cuoprinfi o con panni , o con frondi , o con le mani . Apellc 
dipigneva folamente quella parte de la faccia di Antigono , da 
la quale non appariva il difetto de lo occhio . Et Homero quan- 
do defta UlifTe nel naufragio dal fonno , per non fare che egli 
andaffe ignudo per la felva dietro alla voce de le donne , fi 
legge , che diede a quel huomo una de le fronde de gli arbo- 
ri , a ciò che fi copriOe le vergogne . Raccontano che Pericle 
havcva un capo lungo & brutto , & però da Pittori , òc da 
gli Scultori non fu fatto mai a capo fcoperto , com.e gli altri , 
ma fempre con la celata in tefta. Oltra di quefto Plutarco rac- 
conta che i Pittori antichi ufavano nel dipignere i Re , fé egli 
havevano difetto alcuno quanto alla forma loro , non volevano 
che ei parclTe che eflTi Io havedino lafciato in dietro , ma falva- 
ta la fomiglianza lo emendavano quanto più potevano . Quefla 
modcftia & quella reverentia , defidero io che in tutta la hìiìo- 
ria fi offervi , a ciò che le cofe ofcene o fi lalTino da parte , 
o fi emendino . Finalmente come io diffi penfo che fia da afta- 
ticarfi che in neffuna immagine fi vegga il medefimo gerto , o 
la mcdefima attitudine . Farà oltra di qucflo la hifforia ftare gli 
fpettatori con gli animi attenti , quando quegli huomini che vi 
faranno quieti , rapprcfenteranno grandiffimamcnte i moti degli 

ani- 



i66 DELLA PITTURA 

animi loro . Imperochc ei avviene da la natura , de Ir quale non 
iì truova cofa alcuna che fia più rapace , ne che ci tiri più 
de le cofe (ìniili , che noi piangiamo con chi piange , ridiamo 
con chi ride , & ci condogliamo con chi fi rammarica . Ma 
quefti moti de lo animo fi conofcono , mediante i moti del 
corpo . Imperochc noi veggiamo , come i melanconici , perche ei 
fono afflitti da i penfieri & ftracchi da la infermità, come ci 
fono per modo di dire agranchiati di tutti i fenfi & forze lo- 
ro, & come ei fi ftanno lenti lenti con le membra pallide 6c 
che quafi cafcano loro . Imperochc coloro che f\ rammaricano , 
hanno veramente là fronte baffa , il capo languido , & tutte le 
altre membra finalmente come ftracche , & abbandonate gli ca- 
fi:ano . Ma gli ftizzofi perche gli animi fé gli accendono per la 
(lizza, & la faccia & gli occhi gli gonfiano, & gli diventano 
rofii , & i moti di tutti i membri , mediante il furore de la 
ftizza , fono velocifTimi & fieri . Ma quando noi fiamo lieti & 
allegri , allhora habbiamo i moti fciolti & grati mediante alcune 
attitudini. E^ lodato Eufranore , che in Aleflandro egli dipinfe 
talmente il volto di Paride , & la faccia , nella quale tu facil- 
mente potevi riconofcerlo & Giudice de le Dee , & innamorato 
di Elena , & infiemc ammazzatore di Achille . Maravigliofa lode 
è ancora quella di Daemone Pittore , che nelle fue tavole po- 
tevi riconofcere eflervi lo iracondo , lo iniufto , lo incoftante , & 
infiemc ancora lo cforabile & il clemente & il mifericordiofo & 
il gloriofo & r humile , & il feroce . Ma infra gli altri raccon- 
tano che Ariftide Thebano pari ad Apelle , efprefl[c grandemente 
quefti moti de lo animo : i quali è cofa certa che noi ancora 
potremo molto ben fare quando noi porremo in quefta cofa, 
quello ftudio & quella diligentia che ci fi conviene. Bifogna adun- 
que che il Pittor fappia eccellentemente le attitudini & i moti 
del corpo , i quali io giudico che fi habbino a cavare dal na- 
turale con infinita diligentia . Imperochc la cofa è difficiliffima 
mediante gli infiniti moti de lo animo , per i quali fi variano 
ancora i moti dal corpo . Oltre di quefto chi crcderia , fc non 
chi ne ha fatto la efpericntia , che egli è dif^Rciliffimo quando 
tu vorrai dipignere uno vifo che rida , fchifar quello per il qua- 
le egli parrà più tofto piangere che ridere? Oltra di quefto chi 
farà quello che pofTa fenza grandiffimo ftudio òc diligentia efpri- 
mere i volti , ne quali & la bocca , &C il mento , & gli occhi 
&C le guance &c la fronte & le ciglia , fi confrontano & unifco- 
no infiemc & al pianto & al rifo ? Et perciò bifogna diligentif^ 
fimamente andarle ritrovando dal naturale , & immitar fempre le 
cofe più pronte. Et principalmente fi debboa dipignere quelle 

cofc 



LIBRO SECONDO. i<?7 

cofe le quali lafcino agli animi più da penfare , che quelle che 
fi veghon da gli occhi . Ma raccontiamo noi alcune cofe , che 
noi habbiamo tabricace con il noftro ingegno quanto alle attitu- 
dini , òi parte ancora imparate da effa natura . La prima cofa 
io credo che ei .bifogni che tutti i corpi intra di loro fi muo- 
vino , con una certa gratia & convenienza , verfo quella cofa de 
la quale fi tratta. Oltre di queflo mi piace che nella hiftoria 
fia qualcuno che avvertifca gli fpcttatori chiamandogli con la 
mano a vedere quelle cofe che quivi fi fanno , overo come che 
ci voglia che quel negotio fia fegreto , minacci con volto crude- 
le & con occhi fpaventofi che tu non ti accorti là , o ti dimo- 
ftri quivi effere qualche gran pericolo , o qualche cofa maravi- 
glio/a . O che con i fuoi gelìi ti inviti o a ridere feco , o for- 
fè a piangere. Finalmente egli è di necelTità che tutte quelle 
cofe che elfi fanno infra di loro , & con coloro ancora che le 
guardano, concorrino a fare & a dimoArare la hifloria. E* loda- 
to Thimante di Cipro in quella tavola , nella quale ei vinfe Col- 
loteico , perche havendo fatto Calcante melanconico , fece più 
melanconico Uliffe : & perche nel dipignere Menelao addoloratif- 
fimo egli vi haveva pofto tutto lo ingegno &: confumata tutta 
la arte Tua , havendo confumati tutti gli affetti , non trovando 
modo da poter dipignere il vifo de lo adoloratiffimo padre , in- 
volfe il capo di quello in un panno per lafciare in lui più di 
quel fé li poteffe difcerncre nel vifo , del dolore che haveva 
ne lo animo . Lodafi la nave in Roma , nella quale Giotto no- 
ftro , Pittore Tofcano , efprelTe talmente gli undici fpaventati , &C 
fìupefatti difcepoli , mediante il compagno che caminava Topra le 
onde del mare , che ciafcuno da per fé dava particulare inditio del 
turbato animo fuo, & con le attitudini del corpo ancora tali che 
ciafcuno rapprefenta variamente lo fpavento che efTì hanno . Ma 
è conveniente trapafTar via brevemente tutto queflo luogo de 
moti . Imperoche de i moti ne fono alcuni de lo animo , i qua- 
li da i dotti fon chiamati palTioni , come è la ira , il dolore , 
r allegrezza , il timore , il defiderio & fìmili : ne fono ancora de gli 
altri che fono de corpi . Imperoche ei fi dice che i corpi fi muovo- 
no in molti modi , cioè quando ei crcfcono , o quando egli fi:ema- 
no, o vero quando elTendo fani cafcano in infermità, o quando da 
le infermità ritornano alla fiinità j quando anco fi mutano di luogo , 
&C per fimili altri cafi fi dice che fi muovono i corpi . Ma noi Pit- 
tori che mediante i moti de membri vogliamo efprimere gli affetti 
degli animi , lafciate tutte le altre difpute da parte , tratteremo 
fo\o di quel moto , che noi diremo che fi fia fatto quando fi 
farà mutato il luogo. Tutte le cofe che fi muovono di luogo, 

han- 



i6% DELLA PITTURA 

hanno fette viaggi da muoverfi ; imperoche o elle fi muovono 
allo in fu , o allo in giù , o vcifo la deftra , o verfo la fim- 
ftra , o difcoftandofi o avicinandofì a noi , & il fcttimo viaggio 
è quando elle fi muovono girando a torno . Tutti quefti moti 
adunque defìdero io che fieno nella Pittura. Sianvi alcuni corpi che 
venghino in verfo noi, alcuni altri fé ne difcollino , alcuni vadi- 
no verfo la deftra & altri verfo la finiftra . Oltra di quefto mo- 
ftrinfi alcune parti di eflì corpi a rincontro di chi le riguarda, 
alcune tornino indietro , alcune fi alzino allo in fu , alcune fi ab- 
balTino . Ma perche nel difegnare quefti moti fi palfa alcuna vol- 
ta la regola & lo ordine , mi piace in quefto luogo raccontare 
alcune cofe del fito & de moti de membri , che io ho cavate 
dal naturale , accioche fi vegha manifefto con che modeftia ci 
habbiamo a fervire di efii moti . Io certamente ho veduto nel 
huomo , che in ogni fua attitudine egli fottopone tutto il corpo 
al capo , membro più di tutti gli altri graviffimo . Olura di 
quefto fé uno fi reggerà con tutto il corpo fopra di un pie- 
de folo, fempre e(To piede come fé fufle bafa de la colon- 
na , viene a piombo fotto al capo , 6c quafi fempre il vol- 
to di colui che fta fopra un pie , guarda in quella parte 
verfo la quale è a diritto il piede. Ma i movimenti del capo 
ho io avvertito che mai fono a gran pena tali verfo una de 
le parti , che egli non habbia fempre fotto di fé alcune parti 
del refto del corpo , da le quali fia retto il gran pefo , overo 
che ci non diftenda verfo 1' altra parte qualche altro membro a 
guifa di una parte de la bilancia che lo contrapefi . Imperoche 
noi veggiamo il medefimo quando qualcuno difteia la mano fo- 
fìiene qualche pefo , che con 1' altro piede come fi fia fermo il 
fufo de la bilancia , fi ferma allo incontro con tutta la altra 
parte del corpo per contrapelar il pefo . Io ho avertito che il 
capo di uno che fta ritto in piede , non fi volta mai più fu , 
che per quanto ci vega con gli occhi il mezzo del cielo , ne 
fi volge anco mai in alcun degli lati più che tanto quanto che 
il mento gli batterà fopra le offa de le fpalle ; & in quella 
parte del corpo che noi ci cinghiamo , a gran pena ci volgiamo 
mai tanto che la fpalla venga per diritta linea fopra il bellico . 
I moti de le gambe & de le braccia fono alquanto più liberi , pur- 
ché non impedifchino le altre honefte parti del corpo , &: in 
queftc ho confiderato nella natura che le mani per lo più non 
fi alzano (opra il capo, ne il gomito fopra le fpalle, ne fi alza 
il piede fopra il ginocchio , ne il piede fi allontana mai dal 
piede , fé non per lo fpatio di un piede . Ho veduto oltra di 
quefto , che , fé noi alzeremo in alto alcuna de le mani , tutte 

le 



LIBRO SECONDO. 169 

le altre parti di quel lato infìno al piede van feguitando quel 
moto , tal che fino al calcagno di quel piede fi rilieva dal pa- 
vimento , mediante il moto di eflo braccio. Sono infinite cofe 
fimili a quelle , le quali avertirà il diligente maeftro , &C forfè 
quelle che 10 ho racconte infino a qui , fono cofi manifefte in- 
fìno ad hora , che poffono parere fuperflue . Ma non le ho la- 
fciate indietro perche io ho viftì molti errare in quefla cofa 
grandemente . Le attitudini & i moti troppo sforzati efprimono 
& moilrano in una medefima immagine , che il petto & le reni 
fi veggano in una fola veduta , il che effendo impofi*ibilc a far- 
fi , è ancora inconvenientifi'imo a vederfi . Ma perche quefti tali 
fenton che quelle immagini paiono maggiormente più vive , quan- 
to più fanno sforzate attitudini di membra , però fprezzata ogni 
dignità de la Pittura , vanno imitando in ciò quei moti de giu- 
colatori . La onde non folo le opere loro fono ignudc , & fenza 
jjratia , o leggiadria alcuna , ma efprimono ancora il troppo ar- 
dente ingegno del Pittore . Dcbbe la Pittura havcr moti foavi 
& grati , &C convenienti a quel che ella vuole rapprefentare . 
Apparifca nelle fanciulle il moto & la habitudine venerabile , 
r ornamento leggiadro & femplice condecente alla età , la pofi- 
tura fua babbi più tofto del dolce , òc del quieto , che de lo 
atto alla agitatione . Ancor che ad Homero dietro al quale an- 
dò Zeufi , piacque ancora nelle femine una bellezza gagliardifll- 
ma . Apparifchino ne giovanetti i moti più leggieri & più gio- 
condi , che dien fegno di animo & di forze valorofe. Appari- 
fchino ne gli huomini i moti più fermi , & attitudini belle , 
atte ad uno veloce menar di braccia . Ne vecchi apparifchino tut- 
ti i moti tardi , & fiano effe attitudini ftracche , tal che non 
folo fi reghino fopra amenduoi i piedi , ma f\ appoggino a qual- 
che cofa con le mani: & finalmente riferifchinfi fecondo la di- 
gnità di ciafcuno tutti i moti del corpo a quegli affetti de gli 
animi , che tu vorrai rapprefentare . Dipoi finalmente egli è di 
necefiità che le fignificationi de le grandifi'ime pafiìoni de gli ani- 
mi apparifchino & fi efprimino grandifilmamente in cfi*i corpi . Et 
quefta regola de* moti , & de le attitudini , è molto commune 
in qual fi voglia forte di animali . Conciofia che non fla bene , 
che un bue che ferve ad arare , faccia le medefime attitudini , 
che il generofo cavallo di Alcfiandro , Bucefalo . Ma quella tan- 
to celebrata figliuola di Inaco , che fu convertita in Vacca , di- 
pigneremo forfè noi comodamente , come che ella corra con la 
telta alta , con i piedi alzati , & con la coda torta . Bafii ba- 
vere fcorfe quefl;e cofe brevemente de moti de gli animafi . Ma 
perche io penfo , che tutti quefti moti , de quah habbiamo par- 

Y lato , 



J7© DELLA PITTURA 

Iato , fieno ancora necefTarii quanto alle cofe inanimate , nella 
Pittura, io penfo che fia bene trattare in che modo effe fi muo- 
vono . Imperoche i moti & de capegli , & de le chiome , & 
de rami , & de le frondi , & de le vefti efprefri nella Pittura 
dilettano ancora effi . lo certamente defidero , che efli capegli 
rapprefentino tutti a fette quei moti che io ho racconti . Impe- 
roche avvolghinfì in giro facendo un nodo , fparghinfi in aria 
immitando le fiamme , vadino hora ferpeggiando fbtto altri ca- 
pelli , hora fi rilievino in verfo queffa & quella altra parte : 
Sieno ancora i piegamenti de rami & i lor concavi con arco 
verfo lo alto j parte ritornino in dentro , parte fi avvolghino a 
guifa di fune . Et quello medefìmo ac/caggia nelle pieghe de 
panni , che fi come da un troncone di uno albero nafcono in 
diverfe parti molti rami , cofì da una piega nafchino molte pie- 
ghe , come dal troncone i rami : &C in quefle medefìmamente fi 
veghino tutti i moti , tal che non vi fia alcuna piega di pan- 
no nella quale non fi ritruovino quali tutti i detti moti . Ma 
fieno tutti i moti , il che io avertifco fpeffo , moderati & dol- 
ci , & moftrino più tofto di loro gratia che maraviglia de la 
fatica . Ma poi che noi vogliamo che i panni fieno atti a mo- 
ti , & effendo i panni di lor natura gravi , & che continova- 
mente cafcando piombano a terra , & perciò sfuggono ogni pie- 
gamento b bene perciò fi porrà nella Pittura la taccia di zefiro 
o di auflro , che foffi infra i nugoli ad una punta de la hifto- 
ria , da la quale tutti i panni venghino fpinti verfo la contra- 
ria parte: da la qual cofa ne verrà ancor quella gratia che 
quei lati de corpi , che faranno battuti dal vento , perche i 
panni fi accolleranno per il vento a corpi , elfi corpi appariran- 
no quafi ignudi fotto il velamento del panno: &C da le altre 
parti i panni agitati dal vento faranno pieghe , inondando nelf a- 
ria, belliiTime . Ma in quello battimento del vento bifogna gUcT- 
darfi , che neffun moto di alcun panno venga contro al vento , 
& che le pieghe non fieno troppo taglienti , ne troppo rotte . 
Quelle cofe adunque che fi fon dette de moti de gli animali , 
& de le cofe inanimate , fi debbono grandemente olfervar da 
Pittori , & metterfi tutte 1' altre cofe ancora diligentemente ad 
cfecutione , che fi fon dette di fopra del componimento de le 
fuperficie de membri , Se de corpi . Si che noi habbiam deter- 
minate due parti de la Pittura, il difegno, & il componimento. 
Reftaci a trattare de ricevimenti de lumi , Ne primi principii fi 
dimoftrò a baffanza che forza habbino i lumi in variare i co- 
lori . Percioche flando fermi i generi de colori , noi infegnam- 
mo in che modo effi parevano hora più chiari , & hora più 

fcu- 



LIBRO SECONDO. 171 

fcuri , fecondo lo applicamento de lumi, o de le ombre, & che 
il bianco (5: il nero erano quei colori , mediante i quali noi 
nella Pittura efprimiamo i lumi & le ombre : & che gli altri 
colori fono da efìere ftimati per la materia , con i quali fi ag- 
giunghino le altcràtioni de lumi, *?>: de l'ombre. Adunque la- 
Iciate le altre cole a dietro doviamo dichiarare in che modo il 
Pittore fi ha da fervile del bianco , & del nero . MaravigHa- 
ronfi i Pittori antichi che Polignoto & Thimante fi fervilfmo folo 
di quattro colori , & che Aglaofone fi dilettaffe di un folo co- 
lore , come che fé in tanto numero che ei penfava efiere de i 
colori , fufle poco che quegli ottimi Pittori ne havefl'mo meffi fi 
pochi in ufo , dove giudicano che ad un copiofo maeftro fi ap- 
partenga metter in opera qual Ci voglia moltitudine di colon . 
Io veramente affermo, che la varietà &C la abbondantia de co- 
lori arreca molta gratia , & molta leggiadria alla Pittura . Ma io 
vorrei che i valenti Pittori giudicafiero che f] debbe porre ogni 
induftria &C ogni arte nel difporrc & collocar bene il bianco & 
il nero , òc che in collocar quelli bene , & ben accomodargli , 
fi deve por tutto lo ingegno , & qual fi voglia eilrema diligen- 
tia . Impcroche fi come lo avvenimento de lumi & dell' ombre 
fa che ei fi vede in qual luogo le fuperficie fi rilievino , & in 
quali elle sfondino , & quanto ciafcuna de le parti declini , o fi 
pieghi i cofi lo accomodar bene del bianco & del nero fa quel- 
lo che era atribuito a lode a Nitia Pittore Atheniefe , & quel 
che la prima cofa ha da defiderare il macflro , che le fue Pit- 
ture apparifchino di gran rilievo . Dicono che Zeufi nobililfimo 
& antichiflimo Pittore , fu quafi il primo che feppe tener que- 
fta regola de lumi & de le ombre. Ma a gli altri non è attri- 
buita qucfta lode. Io certamente non pcnferò che nefsuno fia , non 
che altro Pittore mediocre , che non fippia molto bene che forza 
habbi ciafcuna ombra & ciafcun lume in tutte le fuperficie . Io lode- 
rò quei volti dipinti , con buona gratia de dotti & de gli ignoran- 
ti , i quali come che di rilievo paia che efchino fuori di elle 
tavole , & per il contrario biafimerò quegli ne quali non i] ve- 
drà forfè punto di arte , fé non ne d' intorni . Io vorrei che 
il componimento fulìe ben difegnato & ottimamente colorito . 
Adunque perche ei non fieno vituperati , & perche ei meritino 
di eflcr lodati , la prima cofa debbono fegnare diligentifllma- 
mente 1 lumi & le ombre, &: debbono coniiderare che in quel- 
la fuj'ci-fìcie fopra la quale fcrifcono i razzi de lumi , eflo co- 
lore fia quanto più fi può chiaro & luminofo , & che oltra di 
quello mancando a poco a poco là forza de lumi vi fi metta 
a poco a poco il colore alquanto più fcuro . finalmente bifo- 

Y 2 gna 



172 DELLA PITTURA 

gna avcrtlrc in che modo corrifpondino le ombre nclli parte 
contraria a lumi , che non farà mai fuperficie di alcun corpo 
che fìa per lumi chiara , che nel medefìmo corpo tu non ri- 
truovi la Tupcrficic a quella contraria che non fìa coperta , &L 
carica di ombre. Ma per quanto appartiene immitare i lumi 
con il bianco, & le ombre con il nero, io ti avvertifco che 
tu ponga il principale fìudio in conofcerc quelle fuperficie che 
fon tocche o dal lume , o da la ombra . Quello imparerai tu 
bene da la natura & da le cofe ftefle : Et quando finalmente 
tu conofccrai benilTimo quefte cofe , altererai il colore entro a 
fuoi d* intorni al Tuo luogo quanto più parcamente potrai con 
pochifìTimo bianco , & nel luogo Tuo contrario aggiugnerai pari- 
mente in quello inftante un poco di nero . Imperoche con quc- 
fto bilanciamento , per dir cofi , del bianco & del nero , il ri- 
lievo apparifce maggiore . Dipoi continova con gli accrefcimenti 
con la medefima parfimonia fino a tanto che tu ti conofca ha- 
ver guadagnato tanto che bafti . Et ti farà veramente a conofcer 
quefìo uno ottimo giudice , lo fpecchio . Et non Co io in che 
modo le cofe dipinte habbino una certa gratia nello fpecchio , 
pur che elle non habbino difetto . ' Oltra di queflo e cofa ma- 
ravigliofa , quanto ogni difetto nella Pittura apparifca più brutto 
nello fpecchio. Emendinfi adunque le cofe ritratte dal naturale, 
mediante il giuditio de lo fpecchio . Ma fìami qui lecito raccon- 
tare alcune cofe che io ho tratte da la natura . lo ho vera- 
mente confederato , come le fuperficie piane mantcnghino in ogni 
luogo di loi;o fteffe uniforme il loro colore ; Ma le tonde & le 
concave variano i colori s percioche da V una parte fon chiare , & 
da la altra fcure , & in uno altro luogo mantengono un colo- 
re mezzano . Et quefla alteratione del colore nelle fuperficie non 
piane, arreca difficultà a Pittori infingardi: ma fé il Dipintore 
fegnerà bene , come dicemmo , i dintorni de le fuperficie , & 
feparerà le fedie de lumi , gli farà facile allhora il modo & la 
regola del colorire . Imperoche egli da prima andrà alterando o 
con il bianco o con il nero quella fuperficie fecondo che bifb- 
gnerà , infìno alla linea de la divifìone , quafì come che fpargà 
una rugiada : Dipoi fpargerà per dir cofi una altra rugiada ol- 
tre alla linea , & dopo quefta un altra oltre a quefla , & dopo 
quella aggiugnendovene fopra una altra , gli verrà tatto che il 
luogo del lume farà illuminato di più chiaro colore , & dipoi 
il medefimo colore , quafi come fumo sfiimerà nelle parti che 
gli fono contigue . Ma bifogna ricordarfi che nefluna fuperficie fi 
debbe far mai tanto bianca , che tu non poffa far la medefìma 
più candida . Nello efprimcre ancora effe vefti bianche bifogna 

riti- 



LIBRO SECONDO. 17:; 

ritirarli molto da la ultima candidezza . Imperochc il Pittore non 
ha cofa alcuna eccetto che il color bianco , con il quale ei pof- 
fa imitare gli ultimi fplendori de le pulitifTime fuperficie , &: ho 
trovato folamente il negro , con il quale egli polla rapprefentarc 
le ultime tenebre & ofcurità de la notte. Et però nel dipigne- 
re le vefti bianche , bifogna pigliare uno de quattro generi de 
colori , che fìa aperto & chiaro : Et per il contrario far quel 
medefimo nei dipignerc un panno nero , fervirfi de lo altro eitre- 
mo , perche non è molto lontano da la ombra , come Te noi 
pigliafTìmo del profondo & ncgreggiante mare . Finalmente ha tan- 
ta forza quefto componimento del bianco & del nero , che fat- 
to con arte &C con regola dimoftra in Pittura le fupsrficie di 
oro & di argento , &C di vetro fplendidiffime . Sono adunque da 
cffcr grandemente vituperati quei Pittori che fi fervono del bian- 
co intemperatamente , & del nero fenza alcuna diligentia . Et per 
quefto vorrei io che da i Pittori fuffe comperato il color bian- 
co più caro che le preziofifTime gemme . Sarebbe veramente be- 
ne che il bianco OC il nero fi facelTe di quelle perle di Cleo- 
patra , che ella inteneriva cor^ lo aceto , acciocché effi ne diven- 
taffero più avari . Imperoche le opere (arebbono più leggiadre , 
& più vicine alla verità : ne fi può cofi facilmente dire , quan- 
ta bifogna che fia la parfimon'a & il modo nel diftribuire il 
bianco, & il nero nella Pittura. Per quello foleva Zeufi ripren- 
dere i Pittori , perche ci non (àpevano che cofa fuife il trop- 
po . Che fé ci fi debbc perdonare alli errori , fon manco da 
eder riprefi coloro che troppo profu(amente fi fervon del nero , 
che quegli che troppo intemperatamente ufano il bianco . Noi 
habbiamo imparato mediante lo ufo del dipignere che efla natu- 
ra ha in odio 1' un di più che lo altro la ofcurità & lo hor- 
rido , & continovamente quanto più fappiamo , tanto più rendia- 
mo la mano inchinata alla gratia & alla leggiadria . Cofi natu- 
talmente tutti amiamo le cofe chiare , 6c aperte . Adunque ci 
bifogna riferrar la ftrada da quella banda donde la via del pec- 
care ci è più aperta . Quefte cofe baftino che infino a qui Ci 
fon dette del fervirfi del bianco , & del nero . Ma quanto a ge- 
neri de colori bifogna ancora havervi una certa regola . Seguita 
adunque che fi raccontino alcune cofe de generi de colori . Non 
come diceva Vitruvio Architettore, racconteremo dove fi trovi il 
buon cinabro o i colori lodatiiTimi : Ma in che modo gli fcel- 
tilTimi , & b<n macinati colori fi habbino a mefcolare & farne 
le meftiche nella Pittura . Dicono che Eufranore Pittore antico 
fcrilfe alcune cofe de colorì : ma quefti fcritti non ci fono . 
Ma noi che habbiamo rcnduta alla luce qucfta arte della Pit- 
tura , 



174 DELLA PITTURA 

tura, o come defcritta già da altri, richiamatala dagli dii in- 
fernali , o come non mai defcritta da neffuno , condottala con 
lo ingegno noifro infin qui dal Cielo , tiriamo dietro fecondo 
lo ordine noftro , fi come habbiamo fatto fin qui . Io vorrei 
che i generi , & le fpezie de colori , per infino a quanto fi 
poteffe fare , fi vede(Tino con una certa gratia , &: leggiadria 
nella Pittura . Allhora vi farà la gratia quando i colon fa- 
ranno prelfo a colori porti con una certa eilrema diligentiaj 
come che fé tu dipignelTi Diana che guidaffc un ballo , faria 
cofa conveniente veitir la Ninfa che le fulfe più aprelìo, di 
panni , o drappi verdi , 1' altra di bianchi , 1' altra poi di rol- 
fi , & r altra di gialli . Et oltra quefio , che mediante la di- 
verfità di cofi fatti colori elle fieno veftite talmente , che fem- 
pre i colori chiari fi congiunghino con alcuni colori ofcuri di di- 
verfo genere da quello con cui fi congiungono . Imperoche 
quel congiugnimento de colori , fi procaccia mediante la varietà , 
maggior vaghezza , & mediante la comparatione maggior bellez- 
za . Et è veramente in fra i colori vma certa amicitia , che 
congiunti 1' un con 1' altro accrefcono la vaghezza , <?<: la bel- 
lezza . Se fi mette il color roffo in mezzo allo azzurro & al 
verde , fveglia all' uno , 6c allo altro un certo fcambievole de- 
coro : il color candido non folamente porto al lato al cene- 
rognolo , & al giallo , ma quafi arreca a tutti i colori allegrez- 
za . 1 colori ofcuri ftanno non fenza degnità in fra i eh ari > 
& medefimamente i chiari fi collocano bene infra gli ofcuri . 
Difporrà adunque il Pittore per la hirtoria quella varietà di co- 
lori che noi habbiam detta . Ma ci fono alcuni che fi fer- 
von dello oro fenza alcuna modertia : perche ei penfano che 
lo oro arrechi una certa maiertà alla hirtoria: io veramente non 
gU lodo . Anzi fé io vorrò dipignere quella Didone di Vergi- 
lio, che haveva la faretra di oro, & le chiome legate in oro, 
& la verte con i legami , &: con le cinte di oro , & che 
era portata da cavalli con freni d' oro , & che tutte le cofe 
rif lendevano di oro: io non dimeno mi ingegnerò di imitare 
con i colori più torto che con lo oro quella grande abbon- 
danzia de raggi di oro , che percuota da ogni banda gli oc- 
chi de riguardanti . Imperoche eQendo maggior la lode , & 
maggior la maraviglia del maeftro ne colon , fi può ancora 
vedere che mclTo lo oro in una tavola piana, come la mag- 
gior parte de le fuperficie che ci bifognava rapprefentarle chia- 
re , & f|.)lendenti , apparifcano a riguardanti ofcure , & alcu- 
ne altre che forfè doveriano effer più adombrate , ci Ci mo- 
ftrano più luminofe . Gli altri ornamenti de maeltri che fi ag- 

piun- 



LIBRO SECONDO. 



175 



giungano alla Pittura , come fono le colonne , le bafe , & le 
cornici che fé li fanno atorno di Scoltura , non biafìmerò io , 
fc elle non che altro faranno di argento o di oro malTiccio , 
o almanco molto pulito . Imperoche una perfetta , & ben con- 
dotta hiftoria , farà degniffima pe gli adornamenti de le gem- 
me . Indno a qui habbiamo brevifTimamente dato fine alle tre 
parti de la Pittura . Noi habbiam trattato del difegno de le 
fuperficie minori , & maggiori . Habbiam detto del componi- 
mento de membri & de corpi , & de colon ancora quel tanto 
che habbiamo giudicato appartener!] ali* ufo del Pittore . ElTi adun- 
que dichiarata tutta la Pittura , la quale habbiam detto di fo- 
pra che conlìfte in quefte tre cofe , nel dilegno , nel componi- 
mento , & nel ricevimento de lumi . 




Pio Pa.v/ìlJ Inulti! 1. e ine. 



DELLA 



DELLA PITTURA 

V I 

LEONBATISTA ALBERTI 

tlBRO TERZO, 

MA per ordinare un perfetto Pittore , talmente che ei pof- 
fa acquiftarfì tutte quelle lodi che fi fono racconte , ci 
reftano ancora a dire alcune cofe , le quali io non pen- 
fo che fi debbino lafciare in quefti miei commentari! in dietro : 
le racconterò più brevemente che mi farà pofTibile . Lo officio del 
Pittore è , difcgnare & colorire qualunque gli fi proponghino 
corpi in una fijperficie con linee, & colori di maniera, che 
mediante un certo intervallo , & una certa determinata pofitura 
del razo centrico , tutte le cofe , che fi vedranno dipinte , ap- 
parifchino di rilievo , &C fomigliantiffime alle propofteci cofe . La 
fine del Pittore è , cercar di acquiftarfi lode , gratia , & bene- 
volentia , mediante le opere fiie , più tofìo che ricchezze . Et ot- 
terrà quefto mentre la Tua pittura intratterrà , & commoverà gli 
occhi & gli animi de riguardanti . Le quali cofe come fi polfi- 
no fare , & per qual via , fi diffe quando fi difputò del com- 
ponimento , &C del ricevimento de lumi . Ma io defidero che il 
Pittore, accioche ei fappia & intenda bene tutte quefté cofe, fia 
huomo 6c buono , & dotto de le buone arti . Imperoche ei non 
è alcuno che non fappia quanto la bontà poffa affai più che la 
maraviglia di qual fi voglia induftria o arte, ad acquiftarfi la 
benevolentia de cittadini • Oltra quefto non è alcuno che du- 
biti che la benevolentia giova ad un maeftro grandi ffimamente ad 
acquifUrfi laude , 6c a procacciarfi ricchezze . Percioche da quefta 
benevolentia aviene , che tal volta i ricchi , fono mofTì a dar gua- 
dagno principalmente a quefto modefto , & buono , lafciando da 
parte uno altro che ne fa più, ma che è forfè manco modefto. 
Le quali cofe cffendo cofi , il maeftro dovrà haver gran diligen- 
za a coftumi , & alla creanza , e maffimamente all' humanità & 
alla benignità , mediante le quali cofe ei pofTa procacciarfi & la 
benevolentia fermo prefidio contra alla povertà , &c guadagno ot- 
timo aiuto a poter condur le opere a perfettione . Defidero ve- 
ramente che il Pittore fia quanto ei più può dotto , in tutte le 
arti liberali , ma principalmente defidero che ei fappia geometria . 
Piacemi quel che diceva Panfilo antichiffimo , & nobililfimo Pit- 
tore i 



LIBRO TERZO. 177 

tore ) dal quale 1 giovanetti nobili primieramente impararono la 
Pitturai imperoche egli diceva, che ne(rano poteva mai elTere 
buon Pittore , che non fapeffe geometria . Veramente i noftri pri- 
mi ammaeftramenti , da 1 quali fi cava tutta la alToluta & per- 
fetta arte de la Pittura, fono facilmente intefi dal Geometra. 
Ma chi non ha notitia di eifa , non poffo io credere che inten- 
da i noftri ammaeftramenti , ne a baftanza ancora alcune regole 
de la Pittura . Adunque io affermo che i Pittori non fi hanno 
a far beffe de la geometria . Di poi non farà fuor di propofì- 
to , fé noi ci diletteremo de Poeti , 6c de Retorici . Imperoche 
coftoro hanno molti ornamenti a comune con i Pittori . Ne ve- 
ramente gli gioveranno poco per ordinare eccellentemente il com- 
ponimento de la hiftoria , quei copiofì letterati che haranno no- 
titia di molte cofe , la qual lode confìfte tutta principalmente 
nella inventione . Conciona che ella ha quefta forza , che clTa 
fola inventione fenza la Pittura, diletta. LodaG mentre che fi 
legge , quella defcrittione de la Calunnia , che Luciano racconta 
elìere ftata dipinta da Apelle, & il raccontarla non credo che 
iìa fuor di proposto , per avertire 1 Pittori , che ci bifogna che 
ei vcghino , in trovare & metter infiemc cofì £itte inventioni . 
Eravi veramente uno huomo che haveva duo grandifTimi orec- 
chi , intorno al quale ftavano due donne, la Jgnorantia, &c la 
Sjfpitione i da la altra parte arrivando effa Calunnia, che have- 
va forma di una donetta bella , ma che in volto pareva pur 
troppo malitiofa , & aftuta , teneva nella man fìniftra una face 
accela , & con l' altra mano tirava per i capelli un giovanetto , 
il quale alzava le mani al Cielo . La guida di coiUii era un 
certo huomo pallido , & magro , brutto , & di afpetto crudele , 
il quale tu affomigliarefti ragionevolmente a coloro che la lunga 
fatica haveffe confumati in un fatto d' arme , & meritamente lo 
chiamarono il Livore . Eranvi ancora due altre donne compagne 
de la Calunnia , le quali accomodavano gli ornamenti alla padro- 
na i la Infìdia , & la Fraude . Dopo quefta vi era li Peniten- 
tia veftita di una vefte ofcura , & fordidiffima , che fi ftracciava, 
& graffiava fé ftefTa , feguendole aprefìo la pudica , & vergognofa 
Verità . La quale hiftoria ancor che intrattenga g'i animi mentre 
che ella fi racconta i quanto penfi tu che ella defie di fé dilet- 
to , & grada a vederla in efta pittura fatta da eccellente mae- 
ftro ? Che direm noi di quelle tre fanciullette forelle , alle quali 
Efiodo pofe i nomi , chiamandole Aglaia , Eufrofina , & Talia , 
che furon dipinte prefefi per le man» , & che ridevano , ornate 
di una tranfparente & fciolta vefte , per le quali vollono che fi 
intendefte la Liberalità, percioche una de le forelle dà, l'altra 

Z pi- 



1-^% DELLA PITTURA 

piglia, & la terza rende il benefitio j le quali conditioni veramente 
hanno da ritrovarfi in ogni perfetta liberalità. Vedi quanta gran lode 
arrecano al maeftro cofi fatte inventioni ? Et però coniglio io lo ftu- 
diofo Pittore che fi doni quanto più può a Poeti & a Retori, & a 
gli altri dotti nelle lettere , & fi facci loro famigliare , & benivolo . 
Imper.;che da cofi fatti intelligenti ingegni ne caverà & ottimi ornamen- 
ti, & farà da loro aiutato veramente in quefte inventioni , le quali 
nella Pittura non hanno poca lode. Fidia Pittore eccelientc, confelTa- 
va bavere imparato da Homero il modo come haveife principalmente 
a dipignerc Giove con maeflà . Io penfo che i noftri Pittori fi faran- 
no ancora piiì copiofi , ài più valenti nel leggere i Poeti, pur che ei 
fieno più ftudiofi de lo imparare , che del guadagno . Ma il più de 
le volte i non meno ftudiofi che defiderotì di imparare, i\ ftraccano, 
più perche ei non fanno la via né il modo de lo imparare la co(a, 
che ei non fanno per la fatica de lo imparare . Et perciò cominciamo 
a dire , in che modo noi polliamo in quefta arte diventar buoni mae- 
fìri. Sia il principio quefto: tutti i gradi de lo imparare doviamo 
noi cavare da ella natura, & la regala del far l'arte perfetta acqui- 
ftifi con la diligentia, con lo ftudio, & con la afhduità . Io vera- 
mente vorrei che coloro che incominciano a voler imparare a dipigne- 
re i faceffero quel che io veggo che olìervano i maeftri de lo fcrivere. 
Imperoche coftoro infegnano la prima cofa fare feparatamente tutti i ca- 
ratteri de le lettere, di poi infegnano far le fillabc, &: dopo quello infe- 
gnano a mettere inficme le parole . Tenghino adunque i nolhi nel dipi- 
gnere quefta regola: infegnino la primi cofa i d'intorni de le fuperficie, 
quafi che ei fieno la a b e de la Pittura. Di poi infegnino i congiugni- 
menti de le fuperficie . Dopo queflo le forme di tutti i membri dilbnta- 
mente & feparatamente, & imparino a mcnre tutte le dilTerentie che pof- 
fon elTere ne membri. Imperoche elle fono & molte, & notabili. Saran- 
novi di quegli che haranno il nafo gobbo, altri che lo haranno ftiacciato, 
torto, largo, altri fporgono la bocca inanzi, come che ella gli calchi, 
altri paiono ornati mediante lo haver le labbra fottili , &; finalmente tut- 
te le membra hanno un certo che di loro proprietà, il che fé vi fi ri- 
troverà , o un poco più o un poco meno, varierà allhora grandifii- 
mamentc tutto quel membro. Anz.i veggiamo oltra di quelto come 
le medefime membra ne putti ci paiono tonde , & per modo di di- 
re fatte a tornio , & pulite i & crciciute poi mediante la età ci pa- 
iono più afpre & più terminate. Tutte quefte cofe adunque lo ftu- 
diofo Pittore caverà da elTa natura , &: efaminerà an"iduamente da fé 
fìeffo come ciafcuna di effe fia , oc conuinoverà con gli occhi & con 
la mente tutto il tempo de la vita fua in quefta inveltigatione . Con- 
ciofia che egli confidererà il grembo di coloro che feggono &: le gam- 
be quanto dolcemente piegandofi in un certo modo cafchino. Confi- 
dererà 



LIBRO TERZO. 179 

dererà la faccia , & tutta la attitudine di quel che ftarà ritto . Ne 
farà finalmente parte alcuna de la quale ei non lappi quale fìa lo 
officio & la proportione di ella, & ami di tutte le parti non (blo 
la lìmiglianza , ma principalmente elTa bellezza de le cofe. Demetrio 
quel Pittore antico fu niolto più curiofo nello efprimere la fomi- 
glianza de le cole, che ei non fu nel conofcere il hello. Dunque lì 
dchbe andare fciegliendo da corpi bellillimi le piti lodate parti . Per 
tanto bifogna porre ogni iludio & induitria principalmente in cono- 
fcere, imparare, & efprimere il bello. La qual cofa ancor che fìa 
più di tutte l'altre difficiliHima , perche non lì trovino in un luogo 
folo tutte le lodi de la bellezza , eilendo elle rare & difperfe , fi debbe 
nondimeno efporrc qual fi voglia fatica in mveftigarla , & in impararla, 
imperoche chi bara imparato le cofe più importanti , & faprà efercitar- 
{] in efle , potrà poi coffui molto più facilmente trattar a fuo piacere 
le cofe di minor importantia. Ne ii trova finalmenre cofa alcuna 
tanto diffìcile, che non fi polla & con lo ftudio, & con la affiduità 
metter ad effetto. Ma acciò che il tuo fludio non fìa difutile, ne 
in damo, bifogna guardarti da quella confuetudinc o ufanza di mol- 
ti , che da loro fleffi con lo ingegno loro vanno dietro ad acquiflar- 
(ì lode nella Pittura, fenza volere ne con gli occhi, ne con la men- 
te ritrarre cofa alcuna dal naturale. Imperoche coltoro non impara- 
no a dipignere bene , ma fi afluefanno a gli errori . Conciolìa che 
quella idea de la bellezza non fi lafcia conofcere da gli ignoranti , 
la quale a pena fi lafcia difcernere da quei che fanno . Zeuli Pitto- 
re eccellentiffimo & più di tutti gli altri dotti ifimo , & valentiffimo , 
quando hebbe a fare la tavola che fi haveva pubblicamente a mette- 
re nel tempio di Diana in Crotone , non fi fidando de lo ingegno 
fuo, come fanno quafi in quefti tempi tutti i Pittori, non fi melfe 
pazzamente a dipignerla, ma perche ei pensò che per ritrovare tutto 
quel che ei cercava per farla quanto più fi poteva bella, non poter- 
lo ritrovar con lo ingegno proprio, ma ritraendole ancora dal natu- 
rale non poter ciò trovare in un corpo lolo: Perciò fcelfe cinque fan- 
ciulle di tutta la gioventù di quella citta , le più belle di tutte le 
altre, accioche egli poteiTe metter poi in Pittura quel, che più di 
bellezza muliebre egli haveffe cavato da loro . Et fece veramente da 
favio . Imperoche a' Pittori quando non (ì mettono innanzi le cofe che 
ei vogliono ritrarre , o imitare , ma cercano fbl con lo ingegno loro 
trovando il bello acquiftarfi lode , accade fpeffo che non folo non 
s' acquifiano con quella fatica quella lode che ei cercano , ma fi af- 
fuefanno ad una cattiva maniera di dipingere, la qual poi non pof- 
fon laiciare fé non con gran fatica, ben che lo defidenno. Ma chi u- 
fcrà a ntrar ogni cofa dal naturale , coflui farà la mano tanto efer- 
citata al bene, che tutto quel hee egli fi sforzerà di fare, parrà na- 

Z 2 tu- 



i8o DELLA PITTURA 

turale. La qual cofa veggiamo quanto neMa Pittura fia da cffer dc- 
fiderata. Impcroche fé in una hiftoria vi farà ritratta la tefta di al- 
cuno homo , che noi conofciamo , ancor che vi fieno alcune altre 
cofè di più eccellentia di maeftro , nondimeno il riconofciuto afpet- 
to di qualch' uno , tira a fé gli occhi di tutti i ngu irdanti . Tanta 
è & la gratia & la forza che ha in fé per efTer ntrcicto dal natura- 
le. Tutte quelle cofe adunque che noi haremo a dip^gnere, rkra- 
ghiamole dal naturale, & di quefte fciegliamo quelle che fon le più 
belle , & le più degne , ma bifogna guardare da quel che fan- 
no alcuni, cioè che noi non dipinghiamo in tavo'e troppo piccole. 
Io vorrei che tu ti afìuefaceffi alle imagini grandi , le quali però fi 
accollino per grandezza il più che ii può a quel che tu vuoi fare . 
Imperoche nelle figure piccole i ditetti maggiori maggiormente fi 
ralcondono, ma nelle figure grandi, gli errori ancor che piccoli, 
fi veggono grandemente. Senile Galeno haver vifto fcolpito in uno 
anello Fetone tirato da quattro cavalli , i freni & tutti i piedi , &c 
tutti i petti de quali fi vedevano diftintamente . Concedino i Pitto- 
ri quefla lode a gli intagliatori de le gioie, & eTercitinfi elfi in mag- 
gior campi di lode. Imperoche coloro che fapranno dipignere, o far 
di fcultura le figure grandi, porranno facilmente & con un folo trat- 
to far ottimamente le piccole . Ma coloro che haranno afiueEìtro la 
mano & lo ingegno a quefte cofe piccole, facilmente erreranno nel- 
le miggiori. Sono alcuni che copiano & ritraggon le cofe de gli al- 
tri Pittori, & cercano acquiftarfi in quella cofa lode. 11 che dicono 
che fece Camalide Scultore, il quale fece due tazze di fcultura, 
imitando talmente Zenodoro, che non i\ difcerneva in elle opere dii- 
ferentia akuna. Ma i Pittori fono in grandifhmo errore, fé ei non 
ccnofc* no , che coloro che fon flati veri Pittori, d fono sforzati 
rapprefentare quella figura tale , quale noi la veggiamo dipinta da la 
ratura in e(Ta rete , o velo . Et fé ei ci gioverà ritrarre le opere de 
gli altri , come quelle che moftrino di fé fteife più ferma patientia 
che le vive , io vorrei che noi ci mettefTimo inanzi una cofa medio- 
cremente fcolpita , più prefto che una eccellentemente dipinta . Impero- 
che a ritrarre alcuna cofa da le Pitture noi ailuefaaamo la mano a 
rapprefentare una qualche fcmiglianza. Ma dalle cofe di Scultura noi 
impariamo & la fimilitudine, ik i veri lumii nel metter inlicme i 
quai lumi, giova molto, nftrignerc con i peli de le palpebre l'acutez- 
za della vifta, accioche allora paiono i lumi alquanto più fcuri , & 
quafi velati . Et forfè ci gioverà ^più efercitarci nel far di Scultura che nel 
adoperare il pennello. Conciolia che la Scultura è più cerca, & più 
facile che la Pittura. Ne mai averrà che alcuno pofla dipigner bene 
alcuna cofa che non (àppia di efla bene tutti i rilievi, Si i rilievi 
più facilmente fi truovano nella Scultura che nella Pittura. Imperoche 

fac- 



LIBRO TERZO. i8i 

facci quefto non poco a noftro proposto , che ei fi può vedere , 
come quafì in qualunque età fi fono trovati alcuni mediocri Sculto- 
ri , & Pittori quafi neniino che non fieno da riderfene , & ignoranti. 
Finalmente attcndafi o alla Pittura, o alla Scultura, Tempre ci do- 
viamo metter inanzi alcuno eccellente & fingolare efempio da ri- 
guardarlo & da imitarlo : & nel ritrarlo credo che talmente bisogni 
congiugnere la diligentia con la preftezza , che il Pittore non levi 
mai o il pennello , o il difegnatoio dal lavoro fino a tanto che egli 
non fi fia prima rifoluto , & non habbi ottimamente determinato 
con la mente , quel che egli fia per fare , dc in che modo egli lo 
polTa condurre a buon fine . Conciofia che è cofa più ficura emen- 
dare con la mente, che fcancellar poi dal lavoro fatto, gli errori. 
Oltra di quefto quando noi ci faremo alTuefatti a ritrarre ogni cofa 
dal naturale, ci averrà , che noi diventeremo molto migliori mae- 
ftri di Afclepiodf ro , che dicono, che fu il più velocilfimo di tutti 
1 macfìri nel dipignere. Impcroche in quella co(a in che noi ci fa- 
remo efercitati più volte, lo ingegno fi fa più pronto, più atto, 
& più veloce, & quella mano farà velociflTima, la quale farà gui- 
data da la certa regola de lo ingegno . Et fé alcuni maeftri fi^no pi- 
gri , non aviene loro da altro, fc non che ei fono tardi, & lenti 
in tentare quella cofa de la quale elfi non hanno prima chiaramen- 
te impadronitafi mediante lo ftudio entro la mente. Et mentre che 
fi efcrcitano in quelle tenebre de gli errori , vanno tentando , & ri- 
cercando come timorofi , & meri ciechi la ftrada con il pennello, 
come fanno i ciechi le vie , o le ufcite che effi non fanno con i lo- 
ro baftoncelli. Non metta alcuno dunque mai mano al lavoro fc 
non con la fcorta de lo ingegno, & faccia che ei fia molto efcrcita- 
to & amaefìrato. Ma effendo la principale opera del Pittore la hi- 
ftoria , nella quale fi deve ritrovare qual fi voglia abbondantia , & 
cccellentia de le cofe , bifogna avertire che noi fapiamo dipignere 
eccellentemente per quanto può fare lo ingegno, non folamente lo 
huomo , ma il cavallo ancora, et il cane, oc gli altri animali, &C 
tutte le altre cofe digniffime da cffer vedute i accio che nella no- 
ftra hiftoria non fi habbia a defiderare la varietà, &C la abbondantia 
de le cofe, fenza le quali nelTun lavoro è Itimato. E' cofa veramen- 
te grande, & a pena conceffa ad alcuno de gli Antichi, lo cffere 
flato non vo dire eccellente in tutte le cofe , ma ne anco mediocre 
macftro i nondimeno io giudico che fia bene sforzandofi porre ogni 
fludio che per noflra ncgligentia non ci habbi a mancare , quel che 
ci può arrecare grandiffima lode , & grandilTimo biafimo ancora fc 
noi ce ne faceffimo beffe . Nicia Pittore Atheniefe dipinfè le donne 
diligentiffimamente . Ma Zeufi nel dipignere il corpo de le donne 
dicono che avanzò tutti gli altri. Eraclide fu eccellente nel dipignere 

le 



i82 DELLA PITTURA 

le navi. Serapione non fapeva dipignere gli huomini , &: nondimeno 
dipjgneva tutte le altre cofe molto bene. Dionilio non fapeva di- 
pignere altro che gli huomini. AlelTandro quel che dipinfe la loggia 
di Pompeo , faceva eccellentemente tutte le beftie di quattro gam- 
be & maflime i cani. Aurelio come quello che era fempre inna- 
morato, godeva follmente di dipignere le Dee, ed efprim.ere ne 
fuoi ritratti gli amati volti. Fidia lì affaticava più in dimollrar la 
majeftà de gli Dii , che la bellezza degli huomini . Eufranore bave- 
ra talmente fantafia di raprcfentar la degnità degli Eroi, che in quel- 
la cofa fu più eccellente de gli altri . Et cofi non feppon tutti far 
bene tutte le cofe , conciofìa che la natura fcompartì a ciafcuno in- 
gegno la proprietà de le fue doti : alle quali cofe noi non do- 
viamo acquietarci tanto , che noi habbiamo a pretermetter di lafciar 
cofa alcuna non tentata in dietro. Ma le doti dateci dalla natura 
doviamo noi reverire & acrefcerle con la indurrla, con lo ftudio , 
& con lo efercizio . Oltra di quefto non doviamo parere di preter- 
mettere per negligentia, cofa alcuna che appartenga alla lode. Ulti- 
mamente quando noi habbiamo a dipignere una hilloria , andremo la 
prima cofa lungamente penfando , con che ordine , o con quai mo- 
di noi polliamo fare il componimento che fia belliflimo, & facendo- 
ne fchizzi & modelli fu per le carte , andremo efaminando & tutta 
la hiftoria, & ciafcuna parte di effa, & in ciò chiederemo confìlio a 
tutti i noftri amici i finalmente noi ci affaticheremo che tutte le co- 
fe fieno da noi penfate & efaminate di maniera, che nel noftro la- 
voro non habbia ad effer cofa alcuna , che noi non fappiamo 
molto bene in qual parte de la opera ella fi babbi a collocare . Et 
accioche noi fappiamo quello più certo , ci gioverà fopra i modelli 
tirare una rete , accioche poi nel metter in opera le cole venghin 
pofle , come cavate da gli efempi privati , tutte a luoghi loro pro- 
prii . Et nel condurre a fine il lavoro , vi porremo quella diligentia 
congiunta con quella celerità del fare , che non sbigottifca per il 
tedio altrui dal finirla , ne il defiderio di finirla troppo preffo 
non ci precipiti . Bifogna talvolta intralafciare la fatica de la ope- 
ra , & recreare lo animo , ne fi deve far quel che fanno molti , 
che fi metton a fare più opere & incomincian quella , & la prin- 
cipiata lafciano imperfetta . Ma quelle opere che tu barai incomin- 
ciate , le debbi finire interamente del tutto . Rifpofe Apelle ad uno 
che gli moflrava una fua pittura *3i diceva , io la dipinfi preilo 
bora bora : fenza che tu lo dicefl'i , fi vedeva chiaro , anzi mi ma- 
raviglio che tu non babbi dipinte infinite a queflo modo . Io ho 
veduti alcuni Pittori & Scultori & Oratori, & Poeti ancora, fé al- 
cuni però fi trovano in quella noftra età che fi poffino chiamar 
Oratori o Poeti , cllerfi melfi con ardentiffim'j lludio a far qualche 

ope- 



LIBRO TERZO. 183 

opera , i quali mancato poi quello ardore de lo ingegno , lafciano 
/tare la incominciata &c rozza opera imperfetta , & fpinti da nuo- 
vo defiderio , fi mettono a voler di nuovo fare qualche altra cofa più 
nuova , i quali huomini io certamente biafìmo . Imperoche tutti 
coloro che defìderano che le opere loro fieno grate & care a 
pofleri , bifogna che pcnfìno prima molto bene a detta opera , 
& la conduchino con grandiiìima diligentia a perfettione . Con- 
ciofìa che in molte cofe non è manco grata la diligentia che 
qual fi voglia ingegno . Ma bifogna fuggire quella lupertìua fu- 
perftitione di coloro, per chiamarla coli, 1 quali mentre che vo- 
gliono che i lavori non habbino pur alcun minimo difetto , &: 
cercano che ei fieno pur troppo puliti , fanno talmente che le 
opere loro paino confumatc da la vecchiezza avanti che finite . 
I Pittori antichi folevano biafìmare Protogene che non fapeva mai 
cavar le mani di fopra una tavola . Et ragionevolmente certo . 
Imperoche egli è di necelTità sforzarfì di por tanta diligentia nelle 
cofe , quanta fia a baldanza , fecondo il valore de lo ingegno . 
Ma il volere in ogni cofa più di quel che tu pofìa , o che fi 
convenga , è eofa da uno ingegno più tofto oflinato che dili- 
gente . Bifogna adunque por nelle cofe una diligentia moderata , 
chiederne parere a gli amici , anzi nel metter in atto detto lavoro , 
è bene ftare ad afcoltare , & chiamare a vederlo di tempo in tem- 
po quafì ciafcuno . Et in quello modo il lavoro del Pittore è per 
dovere elTcre grato alla moltitudine . Il giudicio adunque &C la 
cenfura de la moltitudine non farà allhora fprezata , quando an- 
cora tu potrai fatisfare alle diverfe opinioni . Dicono che Apelle 
fi foleva nafcondere dietro alla tavola , accioche coloro che la ri- 
guardavano poteffero più liberamente parlare , & egli fìare ad afcol- 
tare più honeltamente i difetti de Tuoi lavori, che elfi racconta- 
vano, lo vorrei adunque chei noflri Pittori fteflmo fcoperti ad 
udire fpefTo , &C a ricercare ogniuno che li diceffe liberamente 
quel che le ne pare > conciofia che quello giova ad intender la 
varietà de le cofe, & ad acquiflarfi molto una certa gratia. Con- 
ciofia che non è nefluno che non fi attribuifca a cofi honorata , lo 
bavere a drre il parer fiio circa le fatiche d' altri . Oltra di quefto 
non fi ha punto da dubitare , che il giudizio di coloro che biafì- 
mano OC che fono invidiofi , poffa detrarre punto de le lodi del 
Pittore . Stia adunque il Pittore ad afcoltare ogniuno , & prima 
efamini feco ftelTo la cofa 6c la emendi . Di poi quando harà 
udito ogniuno , facci a modo di quei che più fanno . Queffe 
fon le cofe che a me è parfo haver da dire de la Pittura in 
quefli miei commentarii . Et fé quefte cofe fon tali che elle ar- 
rechino a Pittori comodità , o utilità alcuna , io afpetto per prin- 

cipal 



15^4 



DELLA PITTURA. 



cipal premio de le mie faticlie , che efTì mi ritraghino nelle hi- 
ftorie loro; accioche ei dimoftrino per quefta via a quei che 
verranno , di effer llati ricordevoli , & grati del beneficio , & di- 
moftrino che io fìa ftato fludiofo di efla arte. Et Ce io non ho 
fatisfatto a quanto elTi afpettavano da me , almanco non mi biafi- 
mino che io habbia iiavuto ardire di mettermi a tanta imprefa . 
Imperoche Te lo ingegno mio non ha potuto condurre a fine , quel 
che è lodevole di tentare, ricordinfi , che nelle cofe grandi (Time , 
fuole attribuirfi a lode , lo haver voluto metterfi a quel che è dif- 
ficilifTimo . Seguiteranno forfè alcuni che foppliranno a quel eh' io ha- 
vciri mancato, & che potranno in quefta eccellentifl'ima, & degnif- 
{ima arte , giovare molto pai a Pittori : i quali fé per aventura 
luccederanno , io li prego , quanto più fo & pofTo , che piglino 
quefta litica con lieto , & pronto animo , nella quale clTi & efer- 
citino gì' ingegni loro , &C conduchino quefta nobilifi'ima arte al 
colmo de la eccellentia . Io nondimeno harò piacere di efiere i\a.to 
il primo ad havermi acquiftata la palma in effermi affaticato di 
fcrivere fopra quefra ingegnofilTima arte. La quale veramente difficile 
imprefa , fé io non ho faputo condurre a quella perfettione de la 
cfpettatione che ne havevano coloro che leggono , fi debbe darne la 
colpa alla natura più tofto che a me , la qual par che habbi impo- 
rta quella legge alle cofe, che ei non è arte nelTuna che non habbi 
prefi 1 fuoi principii da cofe difettofe . Imperoche fi dice, che nef- 
funa cofa è nata perfetta . Et coloro che verranno dopo a me. Te 
alcuni ne verranno, che fieno di ftudio , & d'ingegno più valenti di 
me, doveranno forfè condur quefta arte de la Pittura alla fomma 
perfettione . 




DELLA 



Piitiuuia. 




y p- 



i>M- /^V 



rixzu.rz ^.^^ ■ 




/ 



DELLA 



STATUA 

D I 

LEONBATISTA ALBERTI. 



A * 



DELLA S T AT U A 

■D I 

LEONBATISTA ALBERTI. 

IO penfo che le arti di coloro , che fi meffono a volere efpri- 
mere , & ritrarre con le opere loro le effigie , àc le fomiglian- 
ze de corpi procreati da la natura , haveflino origine da que- 
fìo : Che efli per aventura fcorgenfino alcuna volta o ne tronconi , 
o nella terra , o in molti altri corpi cofi fiitti , alcuni lineamenti , 
mediante i quali tranfmutando in loro qualche lìmilitudine , cfli gli 
potefìmo rendere limili a volti fatti da la natura , Cominciarono 
adunque a conlìderare con la mente , & ad efaminare ponendovi 
ogni diligentia , &C a tentare & a sforzarli di vedere quel che egli- 
no vi poteiTmo o aggiugnere , o levare, o quel che vi fi arpettalTe, 
per far fi , & in tal modo che ei non pareffe che vi mancafle cofa 
alcuna da far apparir quafi véra , & propria quella tale effigie , & 
finirla perfettamente . Adunque per quanto la lleda cofa gli avver- 
tiva , emendando in fimili apparenze liora le linee , & hoia le fu- 
perficie , & nettandole , & ripulendole , ottennero il defìderio loro , 
& quello veramente non fenza loro diletto . Ne è maraviglia , che 
in fare quefte fi fatte cofe fieno creiciuti l' un dì più che 1' altro 
gli ftudii de gli huomini fino a tanto , che fenza veder pia nelle 
primiere materie alcuni aiuti d' incominciate fimilitudini , efprimino 
in elle qual fi voglia effigie , ma altri in un modo , & altri m uno 
altro : conciofia che non impararono tutti a far quello per una me- 
defima via o regola . Imperoche alcuni incominciarono a dar per- 
fettione a loro principiati lavori , & con il porre , &: con il levare , 
come fanno coloro che lavorando di cera , fìucco , o terra , fono 
da noftri chiamati maftri di ftucco . Alcuni altri incominciarono a 
far quefto folo con il levar via , come che togliendo via quel che 
in detta materia è di fuperfluo , fcolpifcono , 6c fanno apparir nel 
marmo una forma , o figura di huomo , la quale vi era prima na- 
fcofà , & in potentia . Qucfti chiamiamo noi Scultori i fratelli de 
quali fono forfè coloro , che vanno fcolpendo ne figlili i lineamenti 
de volti che vi erano afcofi . La terza fpecie è quella di coloro che 
fanno alcuni lavori folo con lo aggiugnervi , come fono gli argen- 
tieri , i quali battendo con i martelli lo argento , & difendendolo 
o allargandolo a quella grandezza di forma che elfi vogliono , vi 
aggiungono fempre qualche cofa , fino a tanto che ei faccino quella 

A a 2 effì- 



i88 DELLA STATUA. 

effigie che e' vogliono . Saranno forfè alcuni che pcnfcranno , che 
nel numero di cofloro fi habbino a mettere ancora i Pittori , come 
quegli che nelle opere loro fi fervono ancora effi de lo aggiungervi i 
colori : Ma fé tu ne gli dimandarai , ti rifponderanno , che non 
tanto fi sforzano di imitare quelle linee , & quei lumi de corpi che 
efli veggono con lo occhio , mediante lo aggiugnere ò il levare al- 
cuna cufa a loro lavori , quanto che mediante uno altro loro arti- 
ficio proprio & peculiare. Ma del Pittore ne tratteremo altra volta. 
Coftoro veramente che io ho racconti , vanno , ancor che per di- 
verfe vie , nondimeno tutti dietro a quefto : di fare che tutti i lor 
lavori , a far i quali fi fon meffi , apparifchino , per quanto ci pof- 
fono , a chi gli riguarda molto naturali & fimili a veri corpi fatti 
da la natura . Nel fare la qual cofa certamente , fé edi andranno 
ricercando & pigliando quella diritta & conofciuta ragione & rego- 
la , che noi defcrivercmo , erreranno in vero , erreranno ( dico ) mol- 
to manco : & i loro lavori riu/ciranno per ogni conto migliori . 
Che penfi tu ? fc i legnaiuoli non haveflino havuto la fquadra , 
il piombo, la linea, T archipenzolo , le fefte da fare il cerchio, me- 
diante i quali inftrumenti , effi poffono ordinare gli angoli, fpiana- 
re , dirizzare , & terminare i loro lavori , credi tu , che finalmente 
fuffe riufcito loro il poterli fare comodifTimamentc & fenzà errori ? 
Et che lo Statuario potelTe fare tante eccellenti & maravavigliofc 
opere , a caio più toflo , che mediante una ferma regola , & guida 
certa , cavata , & tratta da la ragione ? Io mi rifolvo a quef^o , 
che di qual fi voglia arte , o difciplina , fi cavino da la natura certi 
principii , & perfettioni , & regole ■> le quali fé noi , ponendovi cu- 
ra , & diligentia , vorremo efaminare , & fervircene , ci verrà indu- 
bitatamente fatto benifTimo tutto quello , a che noi ci metteremo . 
Imperoche fi come noi havemmo da effa natura, che di un tron- 
cone , o di un pezzo di terra , o di altra materia , come fi è det- 
to , noi conofceffimo , mediante alcuni liniamenti che fi trovano in 
erte materie , che potevamo fare alcune cofe fimili alle fue i Cofi 
ancora la medefima natura ci ha dimoif ri certi aiuti , & certi mez- 
zi , mediante i quali noi potremo con via certa , & ficura regola , 
operare quel che vorremo . A quali quando noi avvertiremo , & ci 
vorremo di effi fervire , potremo facilifiimamente & con grandiffima 
comodità arrivare al fupremo grado di queifa arte . Hora quali fie- 
no quegli aiuti che fon dati da la natura a gli Statuarii, dobbiamo 
noi dichiarare . Poi che gli Statuarii vanno dietro ad immitare le fò- 
miglianze , o vero le fimilitudini i fi debbe incominciare da efla fo- 
miglianza . Io potrei qui difco/rere fopra la ragione de le fomiglian- 
ze , cioè perche avvenga quel che noi veggiamo avvenire mediante 
la natura, che ella in qualunque fi^rte di animali è folita perpetua- 

men- 



; 



DELLA STATUA. 189 

mente offervare i che ciafcuno cioè nel Tuo genere fìa In qual fi vo- 
glia cofa molto fimile all' altro . Et da altra parte non fi truova , 
iì come fi dice , alcuno infra tutto il numero de gli huomini , che 
habbia la voce totalmente fimile alla voce dell' altro , o il nafo al 
nafo , o altre parti, o coCc fimili . Aggiungafi a quefto che i volti 
di quelli che noi habbiam veduti bambmi , & che noi poi habbiam 
conofciuti putti , & dipoi veduti giovani , & hora veggiamo già 
vecchi , noi non li riconofi:iamo più , elTendofi ne volti loro mutata 
di di in dì tanta & (ì fatta diverfità di linee , mediante le età , di 
che noi polliamo rifolverci , che in effe forme de corpi fi ritruovino 
alcune cofe , le quali con fpatio & momento de tempi fi vadino 
variando : 6c che in dette forme vi fi truovi ancora in eflfo un cer- 
to che di naturale & proprio che continovamente fi mantiene ftabile 
&C fermo, quanto a prefeverare la fbmiglianza del Tuo genere. Noi 
adunque lafciando da parte le a^tre cofe , tratteremo brevilfima- 
mente di quelle , che faranno a propofito noilro , per dichiarare 
quel che habbiamo incominciato a trattare . Il modo & la ragione , 
o regola di pigliare le fi)miglianze appreffo a gli Statuarii , fi fa, 
fc io la intendo bene , mediante due rilolutioni i la una de le qua- 
li è , che quella fomiglianza , o immagine , la qual noi finalmente 
haremo fatta de lo animale , come per modo di dire faria quella 
del huomo , ella fia per quanto più fi può fimilc al detto huomo . 
Ne ci importi che ella rapprefenti più la effigie di Socrate , che 
quella di Platone , o d' altro huomo da noi conofciuto . Conciofia 
che aliai ci parrà haver fatto , fé haremo confeguito che uri tale 
lavoro fi aflomigli ad uno huomo , ancor che da noi non cono- 
fciuto . La altra rifolutione è quella di coloro che vogliono rappre- 
lentare non tanto la fi:)miglianza di uno huomo in generale , quanto 
quella di uno particolare, come farebbe a dire quella di Cefàre, 
o di Catone , ftando egli in quefto modo con quefto habito , fe- 
dendo nel tribunale , o concionando al popolo ; affaticandofi quefli 
tali di imitare 6c dì efprimere tutta quella habitudine , o attitudine 
di quel corpo , o la cofi fatta di alcuno altro perfonaggio da loro 
conofciuto . A quefte due rifolutioni o deliberationi , per trattar la 
cofa fviù brevemente che fia poffibile , corrifpondono due cofe , la 
mifura cioè , & il por de termini . Di quefle cofe adunque habbia- 
mo a trattare , quali elle fieno & a che ci poffino fervire , per con- 
dur r opera a perfettione : fé prima però io dirò che utilità fi cavi- 
no da loro . Percioche elle veramente hanno una certa forza ma- 
rav'gliofa , & quafi incredibile . Perche colui che farà inflrutto di 
queffe cofe , potrà talmente fcgnare & avvertire , & notare con 
alcuni fermiffimi contrafegni , i liniamenti , i fiti , & le pofiture 
de le parti di qual fi voglia corpo i che non dico poftdomani , 

ma 



icjo DELLA STATUA. 

ma di qui a mille anni , pur che quel corpo fi ritruovì in quel 
luogo , lo potrà ftabilire & collocare precifam.ente , & apunto a vo- 
glia fua in quella mcdelìma pofìtura & fito , nella quale fi trovava 
la prima volta : In maniera che non farà alcuna ben minima parte 
di detto corpo , che non fia rimerfa & ricollocata al fiao primiero 
fito & punto dell' aria , nel quale ella fi ritrovava primieramente . 
Come fé per avventura diftefo il dito tu volefTì accennando dimo- 
flrare la ftella di Mercurio , o la nuova Luna che fiirgefle fuora , 
a qual punto dell' aria fi ritrovafìe quivi lo angolo del tuo ginoc- 
chio , o dito , o gomito , o qualch' altra fimile cofa : Potrai cer- 
tamente con quefti noftri aiuti o mezzi farlo in maniera , che non 
ne feguirà errore alcuno , benché minimo i & farai certo che non 
barai dubbio alcuno , che la cofa non ftia in quel modo . Oltre 
a quefto, fé per avventura avvenilTe che io haveiTi ricoperta di cera, 
o di terra meflavi fiDpra , una ftatua di Fidia i fino a tanto eh' cC- 
fo lavoro fulle diventato una grofia colonna : Tu potrai con quefti 
aiuti , e con quefte regole , affermar querto certo , di fapere , dove 
forandola con un fuchiello , tu fia per trovare in quello luogo la 
pupilla de lo occhio , & toccarla fenza farli alcuno nocumento , 
& dove in quello altro fia il bellico, &C dove in altro fia final- 
mente il dito groflo, & tutte le altre cofe fimili a quefle. La 
onde da quefto ti avverrà che barai fatto una certilTima notitia di 
tutti gli angoli , & di tutte le linee , quanto elle fieno infra di loro 
lontane , & dove elle concorrino infieme , & potrai per ciafcun ver- 
fo cavando dal vivo o da lo efemplare , non tanto ritrarre , o dipi- 
gnere , ma mettere ancora in fcritto , i tiramenti de le linee , le 
circunferentie de cerchi , le pofiture de le parti , in maniera , che 
tu non dubiterai, che mediante quelli tuoi mezzi, & favori, non 
fé ne polla fare un altra fomigliantillima a quella , o una mino- 
re , o una finalmente di tanta grandezza , o una di cento braccia 
ancora , o tale finalmente che io ardirò di dire , che non dubiterai , 
che con quelli tuoi aiuti non fé ne pofTa fare una grande quanto 
il monte Caucafo j purché a quefte grandi (Lme imprefe non ti 
manchino i mezzi : Et quel che forfè tu più ti maraviglicrai , farà , 
che fi potrà fare la metà di quefta tua ftatua nella Itola di Paro , 
tornandoti bene , & 1' altra metà potrai cavare , <5<: finire ne mon- 
ti di Carrara : Talmente che i congiugnimcnti , 6: le commet- 
titure di tutte le parti , con tutto il corpo , & faccia de la imma- 
gine , fi uniranno , & corrifponderanno al vivo , o al-^Qodello , fe- 
condo il quale ella farà ftata fatta . Et la regola , & il modo, del 
fare cofi gran cofa , barai tu tanto facile , 6c tanto chiara & efpe- 
dita , che in quanto a me , credo che a gran pena potranno erra- 
re , fé non coloro che a pofta fatta , o in prova non haranno volu- 



DELLA STATUA. ipi 

to obbidirc a quanto (ì è detto . Non dico già per quefto che io ti 
infegni lo artificio , mediante il quale tu pofTì totalmente fare tutte le 
vinivcrfali fimilitudini de corpi , o che per quefto fi impari a faper fa- 
re , 6c a ritrarre qualunque fi fiano div^rfità , o fimilitudini . Con- 
ciofia che io confeOfo di non fare profefTione di infegnarti per quefta 
via , il modo come tu habbi a fare il volto , & la faccia di Erco- 
le , mentre che combatte con Anteo , fi che egli rapprefenti quanto 
più fia pofTibile la bravura & la fierezza Tua a ciò conveniente , o 
vero come tu lo habbi a fare di afpetto benigno & giocondo & ri- 
dente quando egli fa carezze alla fua Deianira , molto in vero d\C- 
fimile dell' altro afpetto , fé ben rapprefenta il medefimo volto di 
Ercole . Ma occorrendo in tutti quanti i corpi diverfe &C varie figu- 
re , & attitudini , mediante gli fvolgimenti o piegamenti de le mem- 
bra , & le pofiture loro , percioche in altro modo fi veggono termi- 
nati i lineamenti & i d' intorni di uno che ftà in piede , in altro 
modo quelli di chi fiede i & in altro quegli di chi fìa adiacere , 
6c in altro quelli di coloro che fi (voltano , o fi abbaffano , in 
verfo r una o 1' altra parte i & fimilmente ancor quelli de le al- 
tre attitudini . De le quali cofe è noftra intentione di trattare , cioè 
m che modo, con qual regola ferma, certa, & vera, fi pofl^ino 
immitare & ritrarre dette attitudini . Le quah regole , come io 
dilfi , fon due , la mifiira cioè , & il porre de Termini . Trattere- 
mo adunque primieramente de la mifura , la quale certamente non 
è altro che uno ftabile & fermo & certo avvertimento & nocamen- 
to , per il quale fi conofce & mette in numeri & mifure , la habi- 
tudine , proportione & corrifpondentia , che hanno infra di loro 
tutte le parti del corpo I* una con 1* altra , cofi per altezza come 
per grolTezza , & quella che efle hanno ancora con tutta la lon- 
ghezza di effo corpo . Et quefto avvertimento , o conolcimento (i 
fa mediante due cofe , cioè con uno regolo grande , & con due 
fquadre mobili : con il detto regolo mifu riamo noi , & pigliamo 
le lunghezze de le membra , & con le fquadre tutti gli altri dia- 
metri de le dette membra . Per lo lungo di quefto regolo fi tira 
una linea diritta , lunga quanto farà la lunghezza del corpo che 
noi vorremo mifurare , cioè da la fommità del capo fino alla 
pianta del piede. Laonde bifogna avvertire, che per mifurare uno 
huomo di piccola ftatura fi debbe pigliare un regolo minore , & 
per uno huomo di grande ftatura fé ne debbe pigliare uno mag- 
giore , cioè più lungo . Ma fia nondimeno qual fi voglia la lunghez- 
za di tal regolo , noi la divideremo in fei parti uguali , & dette 
parti chiameremo piedi , & dal nome de piedi chiameremo quefto 
regolo il modine del piede . Ridivideremo poi di nuovo ciafcuno 
di queftì piedi in dieci parti uguali , le quali parti piccole noi le 

chia- 



i5>2 DELLA STATUA. 

chiameremo once. Sarà adunque tutta la lunghezza di qucfto medine 
felTanta di quefte once . Di nuovo ridivideremo ciafcuna di quefìe once 
in altre dieci parti uguali, le quali parti minori, io chiamo minuti. 
Da quefte divifioni ci averrà che tutto il modine farà di fei piedi , 
& quefti piedi faranno 600. minuti, & ciafcun piede folo farà 100. 
minuti . Di quefto modine ci ferviremo noi in quefto modo . Se per 
sventura noi vorremo mifurare un corpo umano, noi gli accofteremo 
appreflo quefto modine , & avvertiremo , & noteremo con eflo ciafcuno 
termine de membri , cioè quanto egli fia alto da la pianta in fu del 
Tuo piede , & quanto 1' uno membro fia lontano da lo altro membro , 
come per efempio, quanto fia dal ginocchio al bellico, o alla fonta- 
nella de la gola, o fimili, cioè quante once & quanti minuti. De la 
qual cofa non fi debbono far beffe ne gli Scultori, ne i Pittori, concio- 
fia che ella è utililTima , & al tutto neceffaria . Percioche faputo il 
numero de le once, & de minuti di tutte le membra, haremo pronta, 
& efpeditiffima la determinatione di effe membra , talché non fi 
potrà fare errore alcuno. Ne ti curerai tu di ftare a udire quello arro- 
gante, che per avventura diceffe: quefto membro è troppo lungo, o que- 
fto altro è tmppo corto. Conciofia che il tuo modine farà quello, con 
il quale tu harai termmato, & dato regola al tutto, che ti dirà più 
il vero, che qual fi voglia altra cofa. Et non dubito punto che efami- 
nate bene quefte cofe , tu non ti fia da per te fteffo per accorgere , 
che quefto modine ti fia per arrecare infinite altre comoditati . Concio- 
fia che tu verrai per eflo in cognitione del modo che potrai tenere 
per ftabiliie & terminare le tue lunghezze in una Statua minore, & 
fimilmente ancora in una maggiore . Imperoche fé tu havefti a fare 
per avventura una ftatua di io. braccia, farai di havere il tuo regolo 
o modine di io. braccia, & divifolo in fei parti uguali, che fra loro 
fi corrifpondino infieme , come fi corrifpondono fra loro quelle del 
modine minore, & fatto il fimile delle once, & de minuti, vedrai 
che lo ufo, modo, & regola de lo adoperarlo farà il medefimo che 
quello dello altro modine . Conciofia che la metà de numeri del 
maggiore, ha la medefima proportione a tutto il fuo intero, che ha 
la metà de numeri del minore, a tutto lo intero del minore. Et 
però tale ti bifognerà aver fatto il tuo modine . Hora vegniamo a- 
trattare de le fquadre: Noi ne facciamo due, 1' una delle quali farà fat- 
ta in quefto modo , cioè di duoi regoli ABC, chiamiamo A B il 
regolo ritto , & B C chiamiamo 1' altro regolo , che ferve per bafa . 
La grandezza di quefti regoh , bifogna che fia tale , che ciafcuna de 
le fue bafe fia almanco non meno che 15. enee del fuo genere. Del 
fuo genere intendo io di quella medelima forte di once che tu hai fat- 
te nel tuo modine , fecondo quel corpo che tu vuci mifurare , le 
quali come ti dilfi di fopra, in un modine grande faranno grandi, & 

pie- 



DELLA STATUA. 193 

piccole in un piccolo . Quefte once adunque , venghino efle come fi 
voglino , fegnate dal modine con 1 loro punti & minuti , incomincie- 
rai tu ad annoverare nella hafa dal punto de lo angolo B andan- 
do verfo il C uguali come fi dille alle once & a minuti del mo- 
dine . Quella fquadra legnata in quefto modo , come per efcmpio 
è la A B C Fig. I. noi la fopraponghiamo ad un altra fquadra 
limile, detta D F G in maniera che tutta la G F ferva per linea 
diritta & per bafa ad amendue . Et dicafi che io vogli mifuraré 
il Diametro de la groffezza de la tefla A K D. Movendo adun- 
que difcofterò, o accollerò a detta tefta i regoli diritti A B & 
1) F , di amendue k fquadre , fino a tanto che elfi tocchino la 
grodezza de la tefta , applicando fcambievolmente ad una deter- 
minata & medefima dirittura le linee de le bafe di dette (quadre. 
In quefto modo , mediante i punti A D de li toccamenti che fa- 
ranno dette fquadre , o per dir meglio i regoli ritti de le fquadre , 
vedrò io quanto farà il diametro di detta tefta . Et con quello 
mcdefmo ordine o regola potrò efattiUimamente pigliare tutte le 
groflezze & larghezze di qualunque fi voglia membro . Io potrei rac- 
contare molte comodità & molti fervitii che H potranno cavare da 
quefto modine, & da quefte fquadre, fé io non penfafTì che ei 
fufle pili comodo lo ftarmene cheto: Et malTime eifendo fimili co- 
fe tali, che qual fi voglia mediocre ingegno, potrà da fé fteffo 
confiderare & avvertire in che modo egli potrà mifuraré quanto fia 
il diametro d'alcuno membro > come farebbe per modo d' efempio , 
fé egli volefle fapere quanto è il diametro, eh' è fra l'uno orecchio, 
& r altro , cioè dal deftro al finiftro 3 & in che luogo egli mterfe- 
ghi r altro diametro , che andrà da la tefta alla nuca , o fimih . Ulti- 
mamente quefto artefice s egli mi crederà , fi fervirà di quefto mo- 
dine, &C di quefte fquadre, come di fedelilTime , & fermiOime, & ve- 
re guide , 6c configlieri , non tanto quando ii metterà a lare il la- 
voro , o facendolo , ma fi preparerà molto prima con gli aiuti di 
qucfti inftrumenti , a metterli al lavoro , talmente che non fi ritruo- 
vi parte alcuna de la ftatua , ancor che minima , eh* egli harà da 
fare , eh' elfo non 1' habbia confiderata , efaminata , <?«: fattafela fami- 
liarillima. Come per efempio gli fia quefto: Chi faria quello, eh' 
ardiffe di far profclfione di effer maeftro di far navi , fé egli non 
fapeife & quali fono le parti di una nave , & in quel che una na- 
ve fia differente dall' altra : Se quali fieno quelle parti , che a qua- 
lunque forte di navilj fi afpettino ? Et chi farà quello de noftri 
Scultori, & fia pur quanto vuole confiderato & accorto, che le ei 
farà dimandato : per qual ragione hai tu fatto quefto membro in 
quefto modo , o che proportione ha egli con quefto o con quello 
altro membro , o quale è la proportione di quefte membra a tutta 

B b la 



ip4 DELLA STATUA. 

la habitudine del corpo ? chi farà dico quello che fìa flato tanto di- 
ligente &c accurato, che habbia confiderato & avvertito il tutto tan- 
to che bafti, o quanto è ragionevole, & come fi afpetta a chi vuol 
faper far bene la Tua arte , de la quale egli fa profelTione ? Impa- 
ranfi indubitatamente le arti , principalmente mediante la ragione , 
regola , & ftrada che fi ha del farle . Ne farà giamai alcuno che 
faccia bene alcuna arte, & fia quale ella fi voglia, fé egli non harà 
prima imparate le parti di efia arte. Noi habbiamo trattato de la 
rnifura, in che modo altri la pigli bene, & con il modine & con 
le fquadre : Hora ci refta à trattare del porre i termini . Il porre 
de termini è quel determinamento o ftabilimento che (ì ta del tirare 
tutte le lince, OC de lo fvolgerle , del fermare gli angoli, gli sfondi, 
i rilievi, collocandogli tutti con vera, & certa regola a luoghi lo- 
ro. Et il determinare cofi fitto, farà allhora ecceilente ^ quando da 
un piombo di un certo centro pofto nel mezzo , fi noteranno &C 
regneranno tutte le lontananze , & tutte le eftremità di tutte le li- 
nee , fino ahi ultimi termini del detto corpo. Infra la mifura adun- 
que detta di fopra , & quello porre de termini , ci è quella diffe- 
rentia : che la mifura va dietro : & ci dà & pigha, certe cofe più 
comuni & univerfali , le quali fono più fermamente 6c con più 
{labilità infite da la natura ne corpi i come fono le lunghezze, le 
groflezze , & le larghezze de le membra ; & il por de termini ci 
dà le momentanee varietà de le membra caulate da le nuove attitu- 
dini, & movimenti de le parti, & ce le infegna porre & colloca- 
re. Per fapere adunque far quefla cola bene, habbiamo bifogno di 
uno inftrumento, il quale inflrumento è di tre parti, o membra i 
cioè che egli è fatto di uno Orizonte, di una linda, & di un piom- 
bo . Ftg. 2. Lo Orizonte è un piano difegnatovi fopra un cerchio 
divifo in parti uguali , & contrafegnatele con i loro numeri : La lin- 
da è un regolo diritto , che con una delle fue tefte Ila fermo nel 
centro del detto cerchio, & l'altra fi gira intorno a voglia tua, tal- 
mente che ella fi può transferire a ciafcuna de le divifioni fatte nel 
cerchio . Il piombo è un filo , o una linea diritta che cade a fqua- 
dra da la cima de la linda fino in terra , o fu il pavimento , fo- 
pra il quale pofa la ftatua , o vero figura , nella quale ii hanno 
a determinare, & a porre i termini de le membra, & de le linee 
già dette . Et quello inllrumento fi fa in quello modo : Pigliafi u- 
na tavola piana ben piallata & pulita, & in quella fi tira un cer- 
chio , il diametro del quale fia tre piedi , &c la circunferentia di 
detto cerchio, nella fua eflremità, fi divida in parti uguali, fimili 
a quelle, che gli Aflrologi difegnano ne gli Afìrolabj ; le quali par- 
ti io chiamo gradi ; E ciafcuno di queftì gradi ridivido di nuovo 
in quante altre parti io voglio, come per efempio fia che ciafcu- 
no 



DELLA STATUA. 195 

no fi ridivida in 6. parti minori , le quali 10 chiamo minuti i & a 
tutti i gradi aggiungo 1 loro numeri, cioè i. 2. :. &: 4. , & gii al- 
tri per ordine , fino a tanto clV io harò- porti i loro numeri a tutti 
1 gradi. Quefto cerchio cofi fatto, 6c ordinato, fi chiama Orizonte. 
Et a querto cerchio accomodo, la linda mobile, la quale lì ta in que- 
{\o modo: lo piglio un regoletto fottile & diritto, lungo tre piedi 
del fuo genere , & con una de le fue tcfte lo fermo con un perno 
al centro del fuo Orizonte o cerchio , talmente che egli vi iìh fal- 
doi in modo pure che egli lì p.ofla girare, &C con l'altra tefta arri- 
verà fuori del cerchio , talmente che liberamente fi polTa transferire 
&. trafportare allo intorno. In quella linda difegno io con i punti 
quelle once che vi cappiono, limili a quelle del modine, che di fo- 
pra fi diffono. Et quelle once ancora ridivido di nuovo in parti mi- 
nori pur uguali, come lì fece nel modine „ OC, incominciandomi dal 
centro aggiungo alle once i loro numeri, i. 2. 3. &: 4. A quefta 
linda attacco io un filo fottile con un piombinetto : Et tutto quefto 
inllrumento fatto de lo Orizonte, de la linda, & del piombo, io 
lo chiamo il ditìhnitore j & è tale quale io 1' ho defcritto . Di que- 
fto diffinitore mi fervo io in queflo modo . Dicafi che il vivo ^ o il 
modello, dal quale io vorrò pigliare le determinationi, fia una fta- 
tua di Fidia, la quale a canto di una carretta raffreni con la man 
finiftra un cavallo. Io pongo il diffinitore in cima, fopra il capo de 
la detta llatua, in maniera che egli ftia per ogni verlb a piano del 
Tuo centro, pollo in cima de la ftatua dove io lo fermo con un 
perno: & noto, & avvertifco il punto, fopra del quale Ik in tella 
di detta ftatua, fermo il centro del cerchio, & lo legno mettendo- 
vi uno ago, o un perno. Dipoi dal determinato luogo nell' Orizon- 
te, ftatuifco 6c pongo, con il voltare de lo inftrumento, il già pri- 
mo difegnato grado, tal che io fo verfo dove egli fia volto. Il che 
li fa in quefto modo . Io conduco quefto regolo mobile , cioè la 
linda, alla quale è appiccato il filo, o piombo, là dove egli arrivi 
al primo giado de lo Orizonte, & quivi fermatolo, lo volto, o giro 
con tutto il cerchio dell' Orizonte, attorno, fino a che il filo del piom- 
bo arrivi, o tocchi qualche principale parte di qucfta 'ftatua, come 
farebbe a dire un membro più noto di tutti gli altri , cioè il dito 
de la mano delira : di qui potrò io , 5c come , & verfo dove mi 
piacerà , movere ogni volta di nuovo quefto diffinitore i & riducer- 
lo , ancora che egli torni giufto , come egli ftava prima fopra detta 
ftatua, cioè, che il perno da la cima de la tefta de la ftatua, pe- 
netrando per il centro del diffinitore & il piombo che dal primo 
grado cadeva de lo Orizonte , torni pendendo a toccare quello ftef- 
lò dito grolTo de la man deftra . Pofte & ordinate quefte cofe , di- 
cafi che 10 vogli fegnare, o notare lo angolo del gomito finiftro, & 

B b 2 ina- 



1^6 DELLA STATUA. 

impararlo a mente, & feri ve rio ancora: io fo in quefto modo: Io 
fermo quefto diflìnitore, & inftrumento con il fuo centro, pofto in 
cima de la tefta de la ftatua, in quefto ftato , & luogo detto, tal- 
mente che la tavola nella quale è difegnato lo Orizontc , fìia del 
tutto falda & immobile i & giro a torno la linda, fino a tanto che il 
filo del piombo tocchi quel gomito finiftro di detta ftatua che noi vo- 
levamo notare. Dal fare quefto in quefto modo, ci occorreranno tre 
cofe, che faranno a nollro proposto . La prima cofa avvertiremo quan- 
to la linda nello Orizonte iia lontana da quel luogo donde la hare- 
mo prima mofta , avvertendo a qual grado de lo Orizonte batte 
detta linda, o al ventefimo , o al trentèlimo, o ad alcuno altro cofi 
fatto. Secondariamente avvertirai nelle oncie, & minuti fegnati nella 
linda, quanto effo gomito fi difcofti dal centro di mezo del cerchio: 
Dltimamente per terzo, avvertirai pofto il modine fu '1 piano del 
pavimento di detta ftatua, quante once, & quanti minuti, il detto 
gomito i] rilevi di fu il detto pavimento . Et fcriverai quefte mifure 
in fu '1 tuo foglio, o libretto in quefto modo, cioè. Lo angolo 
del gomito finiftro nell' Orizonte viene a gradi io. , & minuti 5. nel- 
la linda a gradi 7., & minuti 3., & dal pavimento nel modi- 
ne a gradi 40. , & minuti 4. Et cofi con quefta medelima rego- 
la potrai notare tutte le altre parti più notabih de la detta fta- 
tua , o modello , come & dove elle fi truovino , come per modo 
di efempio fono gli angoli de le ginocchia, & de le fpalle , &C 
gli altri rilievi, cofe fimili . Ma fé tu vorrai notare, o avvertire 
le concavità, o gli sfondi, quando ei faranno tanto afcofi , o n- 
pofti, che non vi fi polfa accoftare il filo del piombo, come inter- 
viene nilla concavità , che è infra le fpalle nelle reni , noterale 
comodamente in quefto modo, aggiugnerai alla linda uno altro fi- 
lo a piombo , che cafchi a detta concavità , & venga lontano quan- 
to fi voglia dal primo filo, che non importa: percioche mediante 
quefte due fila de piombi , ti avverrà che per le loro diritture , co- 
me che elle fieno appiccate ad uno ftile de la fuperficie piana di 
fopra , che tagli , o interfeghi amendue quefte linee de le fila , & 
vadia penetrando fin dentro al centro de la ftatua , potrai dico , 
ritrovare mediante il loro operare , quanto la feconda linea , o 
filo del fecondo piombo fia più vicino del primo, al centro del 
dilfinitore , il qual fi chiama il piombo del mezzo . Se quefte cofe fi 
fipranno a baftanza , tu potrai facilmente bavere imparato , quello 
di che ti avvertimmo di fopra: cioè che fé per aventura la detta 
ftatua fulfe ftata ricoperta fino a certa groflezza , di cera , o di ter- 
ra , potrai dico forandola con via efpedita, certa & comodifiìma, 
andare a trovare fubito qual f] voglia punto , o termine notato nel- 
la ftatua. Conciofia che egli è manifefto , che con il girare di que- 
fta 



DELLA STATUA. 197 

fta linda, li fa un piombo tale, che fi difegna una linea curva a 
guifa de la fuperficie di un cilindro , dal qual cilindro quefta fktua 
viene compresa , & accerchiata . Se qucfto è cofi in quel modo che 
tu potefH con quella fìelTa redola penetrando la aria notare & aver- 
tire il punto . T. K. mentre che la tua llatua non era preoccupata 
da alcuna cera o terra, che per via di dire diciamo che kdìe il ri- 
. lievo del mento, tu potrai con la medefima regola far il medefimo , 
penetrando la cera, o la terra, come quando penetrarti la aria, fa- 
cendo conto che la aria fi fia convertita in cera, o m terra. Me- 
diante queife cofe che fi fono racconte , ci avverrà che ei li porrà 
comodilTimamente fare quel che poco di fopra fi dille , cioè fare 
mezza la tua flatua a Carrara, & l'altra mezza finire nella Ifola di 
Paro. Imperoche feghifi per il mezzo la detta lìatua , o modello di 
Fidia in due parti, & fia quefto fegamento, o tag'io di una fi.iper- 
ficie piana , la per modo di dire dove noi ci cinghiamo . Senza 
dubbio confidatomi io ne gli ajuti di quefio noftro difhnitore, o 
inrtrumento , & da efl"i ajutato , potrò notare quanti fi vogliono 
punti , che io mi farò profi.ippofl:o di notare nel cerchio del dif- 
finitore attenenti alla fi;gata fuperficie. Se tu mi concedi che que- 
fìe cofe fi pofimo fare, tu potrai indubitatifilmamente notare, & 
legnare ancora in tutto il modello , qual fi vogha parte che tu 
harai prefa a voglia tua . Conciofia che tu tirerai nel modello una 
linea roffa piccola, che in quel luogo ti fervirà in cambio dell' 
interfegamento dell' Orizonte dove terminerebbe quel fi;gamento , fc 
la ftatua fuffe fegatas &C ì punti notati in qucfto luogo, ti darieno 
occafionc di poter finire il lavoro. Le altre cofe ti verran fatte co- 
me ti fi difie. Finalmente mediante tutte quelle cofe che infino a 
qui fi fon dette, fi vede afiai manifefto) che fi poflono pigliare le 
mifure , & i determinamenti da un modello , o dal vivo como- 
diffimamente , per fare un lavoro o una opera , che fia mediante 
la ragione &C la arte , perfetta . Io defidero che quefto modo di la- 
vorare fia famigliare a miei Pittori & Scultori ; i quali fé mi crederan- 
no , fé ne rallegreranno . Et perche la cofa fia mediante gli efem- 
pj pili manifella, & che le fatiche mie habbino maggiormente a 
giovare , ho prefa quefta fatica , di dcfcrivere cioè le mifure prin- 
cipali che fono nel huomo . Et non le particulari folo di quefto 
o di quel altro huomo ; ma per quanto mi è itato poflibile , vo- 
glio porre quella efatta bellezza , concefTa in dono dalla natura , 
Ec quafi con certe determinate portioni donata a molti corpi , & 
voglio metterla ancora in fcritto j Immitando colui che havendo a 
fare aprelTo a Crotoniati la ftatua de la Dea i andò fccgliendo da 
diverfe Vergini , & più di tutte 1' altre belle , le più eccellenti , 
& più rare , &c più honorate parti di bellezze che egli in quel- 
le 



ip8 



DELLA STATUA. 



le giovane vedelTe , & le menfe poi nella fuà {latua . In quefto me- 
defimo modo ho io fcelti molti corpi , tenuti da coloro che più 
ianno , belhfTimi , & da tutti ho cavate le loro mifurc & propor- 
tioni i de le quali havendo poi infìeme fatto comparatione , & 
lafciati da parte gli eccefTì de gli edremi , fé alcuni ve ne fufli- 
no che (uperafTino , o fufTmo fiiperati da gli altri i ho prefe da 
diverfi corpi & modelli , quelle mediocrità , che mi fon parfe le 
più lodate . Mifuratc adunque le lunghezze , & le larghezze , & le 
groflezze principali &C più notabili , le ho trovate che fono cefi fat- 
te . Conciofìa che le lunghezze de le membra fono quelle . 



Altezze dal pavimento 

La maggior altezza fino al 
collo del piede , è 

La altezza di fuori del tal- 
lone 

La altezza di dentro del tal- 
lone 

La altezza fino al ritiramen- 
to fotto la polpa' 

La altezza fino al ritiramen- 
to fotto il rilievo dell' of^ 
fo , che è fotto il ginoc- 
chio dal lato di dentro 

La altezza fino al mufcolo 
eh' è nel ginocchio dal la- 
to di fuori 

La altezza fino a granelli & 
alle natiche 

La altezza fino all' offo fot- 
to il quale fta appiccata 
la natura 

La altezza fino alla appicca- 
tura de la cofcia 

La altezza fino al bellico 

La altezza fino alla cintura 

La altezza fino alle pope , 
& forcella de lo ftomaco 

La altezza fino alla fontanel- 
la de la gola 

La altezza fino al nodo del 
collo 

La altezza fino al mento 



PIEDI GRADI MINUTI 



i 

2 



3 

2 

3 
8 



7 
6 



1 
I 

5 



3 
3 

3 


I 
6 

7 


I 
O 

9 


4 


3 


5 


5 > 


o 


o 


5 

5 


I 

2 


o 
o 



La 



DELLA STATUA. 199 

PIEDI GRADI MINUTI. 



La altezza fino all' orecchio 

La altezza lino al principio 
de capegli in fronte 

La altezza fino al dito di 
mezzo de la mano fpen- 
zoloni 

La altezza fino alla congiun- 
tura di detta mano pen- 
dente 

La altezza fino alla congiun- 
tura del gomito pendente 

La altezza fino allo angolo 
più alto de la {palla 



5 



5 



8 



Le larghezze che fi mifurano da la deftra alla finift 



La maggior larghezza del pie- 
de 

La maggior larghezza nel cal- 
cagno 

La maggior larghezza in fra 
gli fporti de talloni 

Il ntiramento, o riftrignimen- 
to fopra i talloni 

Il ritiramento del mezzo de 
la gamba fotto il mufcolo 

La maggior grofTezza al muf- 
colo de la gamba 

Il ritiramento fotto la grof- 
fezza dell* offo al ginoc- 
chio 

La maggior larghezza deli' 
odo del ginocchio 

Il ritiramento de la co(cia 
fopra il ginocchio 

La maggior larghezza al mez- 
zo de la colcia 

La maggior larghezza fra i 
mufcoli dell' appiccatura 
de la cofcia 

La maggior larghezza fra a- 
mendui 1 fianchi fopra l'ap- 



4 

2 

2 
I 
2 
3 

3 
4 
3 
5 



5 

S 

ra. 

2 

3 

4 



pie- 



200 DELLA STATUA. 

PIEDI GRADI MINUTI. 
piccatura de la cofcia 
La maggior larghezza nel 

DO p 

petto fra V appiccatura de 

le braccia i i 5 

La maggior larghezza fra le 

fpalle 150 

La larghezza del collo 

La larghezza fra le guance 04 8 

La larghezza de la palma de 

la mano 

Le larghezze del braccio , & le groiTezze fono mediante 1 loro m.oti , 
diverfe i pur comunemente fon quefte . 

La larghezza del braccio nell* 

appiccatura de la mano 02 3 

La larghezza del braccio dal 

mulcolo , &C gomito 03 2 

La larghezza del braccio dal 

mufcolo di fopra fotco la 

fpalla 040 

Le groffezze che fono da le parti dinanzi a quelle di dietro. 

La lunghezza che è dal dito 

groRo al calcagno l o o 

La groiTezza che è dal collo 
del piede allo angolo del 
calcagno o 

Il ritiramento fotto il collo 

del piede o 

Il ritiramento fotto il muf- 
colo a, mezzo de la gam- 
ba o 

Dove il mufcolo della gam- 
ba efce più in fuori o 

Dove efce più in fuori la 

padella del ginocchio o 

La maggior groflezza nella 

cofcia p 

Da la natura allo fporto del- 
le mele o 



4 


3 


3 





3 


6 


4 





4 





6 





7 


5 
Dal 



DELLA STATUA. 2<^» 

PIEDI GRADI MINUTI . 



o 



4 

6 4 



Dal bellico alle rem ^ 6 ^ 

Dove noi ci cinghiamo o 

Da le poppe a gU fporti de 

le rem 
Dal gorgozule al nodo del 

collo 
Da la fronte al di dietro 

del capo , ^ , ». 

Da la fronte al buco dell 
orecchio n 

La grofìezza del braccio alla 
appiccatura de la mano 

La grofìezza del braccio al 
mufcolo fotro il gomito 

La grofìezza al mufcolo fot- 
to r appiccatura del brac- 
cio 

La maggior grofìezza de la ^ ^ 

mano * * ^ 

La grofìezza de le fpallc o 3 

Mediante quefte cofe (i potò facilmente -f .f^jt iJ ^em- 
prop rtioni che habbmo l" una per 1 ^'"^^J" ' ? if*. le con- 
IZ a tutta la lunghe.xa del corpo i *Me propor ^ 

venientie che elle habbmo mfra '7 "ff V"^^/,<, giudico che 
,n che e fa elle var,no o fieno d'ff^^^"" • j' ''^^^l 1,^.. Et fi 

r j kk- Alacre nerciò che tale fcientia lata moitu ui 

fi debba lapere, perc.o <-i ^^^^ jj ^^^^^o 

potriano raccontare molte cofe le quali m ■ j^j^fi ^er- 

^utan.lo , & varando o ftando egli ^ f^d^J^; ;^^ P'^-,^, ^^f, ,,. 
fo quefta , o vetfo quella altra parte^ Ma o la^ o q 
la d.ligentia, & alla accuratezza d, ^h' opera O.ove 

,, lapere .1 n-ero de if^^^^^Ji:^^,^, Je n/lpe, 
; cr;uaf re X n^reparlemo le -^f^rent.e ac le d,.fion. 

de corp> med,ante le «^"'^ '/^^ '^J"" ^ mezzo un cfmdro 
come fé per avventura a cunftgalTeg.u Pc^ 'J -^^^^ ^„^ ^^^,.^ ^ 

ritto, talmente eh: quella Pa«e <^"= ■=' 1' , ^i^ „„(l,„ 

fulfe d,v,fa, & fp,ccata da qu^ a pane che ^da^^^^_^_^ ^^^_ ^^ ^ _ 

r;ua,r?r"afa"d'elto';' fr^h°e -n tutto .per «tto fim.le alla 
^!n. de lo altro & harebbe una forma medefima , ellendo 11 tut 
': cotprefo da' le medefime Imee . & cerch, . che fono q^tro. 



202 



DELLA STATUA 



Simile a quefto adunque ha da e(Tere il notamento o avvertimento, 
o feparamento de corpi , che fi fono detti j conciofia che il difegno 
di quella linea da la qual viene terminata la figura , & con la 
quale fi ha a feparare quella fuperficie che ti fi apprefenta allo oc- 
chio , da quella altra che allo occhio è nafcofa , fi debba fare nel 
fopradetto modo . Il quale difegno invero di linee , fé fi difegne- 
rà in un muro , in quel modo che fi ricerca al muro , rapprefen- 
terà in quel luogo una figura molto fimile ad una ombra che fuf- 
fe sbattuta in eHo da un lume , che per avventura vi fufie inter- 
pofto , & che la illuminale da quel medefimo punto della aria, 
nel quale fi ritrovava prima lo occhio del riguardante. Ma quefta 
forte di divifione , o feparamento , & quella regola de lo avvertire 
in quefto modo le cofe da difegnarfi, fi afpetta più tofto al Pic- 
tore, che allo Scultore: <& di effe tratterò altra volta. Oltra di 
quefto fi appartiene a chi vuol fare profertlone di quefta arte , 
fapere principalmente , quanto ciafcun rilievo , o sfondo di qual 
fi voglia membro, fia lontano da una certa determinata poficura 
di linee . 




J?,o ^rfii^ BS.' f. 



Vidh 



Vai-^or7 



Statua. \ 




Vtdu V. Tlnltppus Mana Tofelli Clertcus T{e.ulans S Tauli t^ ' F 1 
r< ■ ^fmea Lardinalt Joametto Ovtltmt <r To^.^f7- 



T>'te 15. Mali 1785. 

IMT\IMATU\. 
Fr. Aloyfiu. Maria Ceruti Vuar^u. General. S. Officli XomnU , 




'::--«Gair~ cr 









iì-< ^ <s e 



-^-Ci;^«JCt^c:<?'; 






( e 



ce 









^ 




:c^«c- 



- e «zc ■■<" 






<^;-<tSsC>iC^^<r era 






JZ&. c<smj^ 






"^mr. 






<L<3C 






%*S^:^<i®; 









^''^•R5s:«' 















cosse? <■ 

^^^&cc3E^^^^^* '-i^ cr: eco 



gg^^' e; 

ce <r ^K~C '^^tTT ~ '.^^ ,- ~ 



^^ySfCcri' -_ - . ■ -^! 


































J;- •■ C ifi^SSS 



2> <<f « CCS? 


















«a^ 









«oc: ecc. < ^ 



c-OCI'<ll-'^. 












'•c.j.ac: • eoe 









•^c:^ -C 









«■ 


't V- <. 


-^ 


e 


;^'' '^g^CI 


-r- - 




< 


tTcr ^ 


„;-^ 


e 




^ 


'<. 


_c:_<.< •« 


K_ 


>'<? 


<:■«_. « 


f.« 


«-< «''■'•'■ <1 


o< 


>r 


et' e*? 


<^ 





,X\Ci.> 






r 



<3 <r e. 









<:^ 



'«^ 






-«E 







<?? 









<c <rÀ 



_S^, 



C^' 












V — a;<il< 



<■< i 







'O'i-jS 















/-«^ 






-<S^v« 






%<& <^_ _ 






e 






«TX 



-^es 



i>««^.' 






r < 



=?<-'? 






<.< 



'«(SSsr 



<^«s^ 






-.. . te ; «:*;: < 









:XL"C,<. 






•< 



<-_ o«C«: 




'«■■r: 



5^^ 



<|C3:-.^i 






"* ''V — <l 






~.fi.'t «<,< <^tr< 



<^« ce 






ce 






'4C*> 



<t^ 






f— ■*2i- 



f <■<!